Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Oggi è un giorno triste…

Pubblicato da aisnapoli il 23 - ottobre - 2007 Versione PDF

he10_4155.jpgAbbiamo saputo in mattinata della scomparsa per una tragica fatalità di

Fabio Lombardi, giovanissimo casaro de “La Campestre”, sommelier Ais ed assaggiatore Onaf. Con il suo dinamismo e la sua innata simpatia aveva contribuito in maniera determinante a sottrarre dall’oblio il Conciato Romano, tanto da farlo diventare per noi tutti , sic et  simpliciter, il “Formaggio di Fabio”. Siamo sconvolti ed attoniti; Lo vogliamo ricordare attraverso il commovente scritto di Manuela Piancastelli tratto dal wineblog di Luciano Pignataro…

Addio, Caro Amico…Ti sia lieve la terra!

Tommaso Luongo

 

 

 

 

 

 

 

Si è spezzato un fiore

di Manuela Piancastelli

E’ uscito un attimo di casa per andare a fare dei lavori in campagna e non è tornato mai più. Fabio Lombardi, il più giovane casaro d’Italia, l’erede della tradizione del conciato romano, se ne è andato in un attimo, rovesciandosi con il suo trattore nella sua campagna, fra le sue pecore, a poco più di vent’anni. Si è portato via sotto le ruote del trattore il sogno de “La Campestre”, strappando il cuore dal petto di mamma Liliana e papà Franco, del fratello Manuel che ha scelto di vivere lì con la moglie, sotto un tetto che accoglie anche i vecchi nonni, i loro cani, i loro gatti, le loro pecore e i loro ciuchini, nel paradiso violato di Castel di Sasso, frazione Buonomini. Lo avevamo incontrato sabato scorso, Peppe ed io eravamo andati a fare una passeggiata a Castel di Sasso dove stiamo impiantando una nuova vignarella. Si era fermato con la macchina e con il solito coinvolgente entusiasmo ci aveva raccontato che aveva fatto la sera prima il servizio da sommelier – si era appena diplomato all’Ais – alla manifestazione “Delle vigne e della seta ” e che era capitato alla postazione dei bianchi e aveva servito con orgoglio i nostri vini: “Io dovevo offrire tutti i vini ma a chi mi chiedeva un consiglio io dicevo che i vostri erano i più buoni!”. Ci aveva invitato a casa sua per mangiare insieme: “Venite che ci siamo tutti, oggi c’è pure Manuel”, aveva aggiunto dando un valore in più all’invito perché sapeva dell’affetto che abbiamo per tutta la sua famiglia.

Fabio aveva un entusiasmo antico, era il solo ragazzo che mi sia capitato di incontrare che voleva fortemente lavorare la terra, che credeva nella forza culturale del suo lavoro di ricerca, di produzione di alta qualità. E voleva percorrere la strada tracciata dai genitori – la riscoperta di uno dei più antichi formaggi d’Italia – con competenza e con coscienza: perciò aveva voluto diventare sommelier Ais e assaggiatore di formaggi Onaf Si era lamentato prima dell’estate del fatto che gli stessero costruendo una strada proprio sotto l’agriturismo: “Non hanno capito che non ci servono i bus coi turisti ma per noi sono importanti quelli che si arrampicano fin quassù per cercarci” – diceva. Era orgoglioso della sua terra, delle sue viti di casavecchia, delle sue pecore, dell’orticello curato dalla mamma, del fatto che gli ospiti de La Campestre impazzissero per quelle verdure croccanti e spettacolari. E quando ti porgeva una piccola anfora con il suo formaggio gli luccicavano gli occhi per la soddisfazione, per la gioia di regalare qualcosa di prezioso e raro.

A vent’anni era diventato uno dei simboli dell’eccellenza di Terra di Lavoro, perciò “Il Mangiastorie” gli aveva dato nel suo video su Caserta un ruolo di protagonista nella rinascita del territorio. Lo meritava tutto.

Ciao Fabio, mi sembra impossibile che non ci sia più e non ci voglio credere

3 Commenti a “Oggi è un giorno triste…”

  1. Gianni Aiuolo dice:

    Ho saputo del fatto e alla notizia una parte del mio animo è andata persa.Ho conosciuto Fabio alcuni anni fà quando il suo formaggio iniziava ad essere preda ambita di ogni amante del buono,del vero,del singolare;tale perchè originale.
    L’orgoglio dell’origine traspariva dal viso ad ogni assaggio di Conciato ad ogni riferimento al territorio ad ogni domanda..ad ogni risposta.
    L’educazione sobria di ragazzo per bene educato alla pacatezza e consapevole della sua millenaria identità,lontano dalle boriose faccie di chi sfiora anche solo per un attimo la luce del riflettore e ne vorrebbe cavare gloria eterna.
    Fabio resterai eterno e se penso al tuo sorriso cortese allungando la
    mano per ricevere ancora dalla tuo coltellino una scaglia dell’antica sapienza non posso evitare di soffocare un singhiozzo!

    Giannantonio Aiuolo

  2. semplicemente io dice:

    Avrei riconosciuto ancora il tuo modo di scrivere.. :) belle parole…..tipico esempio di come dal dolore nasca la poesia talvolta.. solo conservando il ricordo resteremo vivi @>–’–,–

  3. [...] (ristoratore newyorkese). Luciano Pignataro ha dedicato il Premio alla memoria del giovane casaro Fabio Lombardi, scomparso tragicamente lo scorso anno, a cui Manuela Piancastelli aveva dedicato Marzo 2006, un [...]

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags