Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Report Kurni: Percorsi enoici diversi…

Pubblicato da aisnapoli il 4 - gennaio - 2008 Versione PDF

INCONTRO n.2: Kurni, Oasi degli Angeli.

Di Mauro Erro

Pare che la moda imperante del momento sia la richiesta da parte dei consumatori di vini naturali, biologici o biodinamici. (leggi il post) La stortura, ovviamente, che fa la differenza fra termini quali “moda” e “cultura”, è che oramai molti vini, e il numero cresce vertiginosamente, si fregino della dicitura: “uve provenienti da agricoltura biologica”. Attestati conferiti da enti o aziende di dubbia affidabilità (questo è un cortese eufemismo). Pare che tale moda sia accompagnata da un’altra altrettanto imperante: “No barrique”!!! E chi opera nel settore del vino si sarà sicuramente accorto che buona parte dei produttori, gli stessi che un giorno ci tenevano con ardore a farci sapere che i loro vini erano affinati in barrique di rovere francese e/o americano di varia natura e tostatura, oggi nelle schede tecniche che accompagnano i loro prodotti si limitino sotto la voce affinamento ad un generico: “affinato in legno di rovere”.
Non ci poteva essere, quindi, degustazione più divertente in questo momento come quella del Montepulciano marchigiano Kurni di Oasi degli Angeli.Ci troviamo innanzi a vigne molto vecchie, alcune superano i quaranta anni d’età, allevate a gobelet con sesti d’impianto superiori ai diecimila (dico diecimila!!!) ceppi per ettaro ed una resa per pianta inferiore ai duecentocinquanta grammi (dico duecentocinquanta grammi!!!). Filosofia biodinamica, macerazione e fermentazione in acciaio per quaranta giorni (dico quaranta giorni!!!) per questo vino che affina in barrique nuove di rovere francese per nove mesi e per ben due volte. Si non avete capito male, due set di barrique nuove (l’affinamento in legno varia a seconda dell’annata; non meno solitamente di 14/16 mesi).

Kurni 1998: Ciò che colpisce di questo vino è sicuramente il residuo di carbonica che via via scomparirà con il tempo una volta versato nel calice. Al primo sorso pungente, sarà proprio la carbonica a rendere la bevuta piacevole ed il vino godibilissimo nonostante il tenore alcolico viaggi sui 14 gradi. Frutti rossi, effluvi balsamici, ma soprattutto sentori animali e spezie dolci si propongono al naso (dinamico) e li ritroviamo al palato accompagnati da una buona spinta acida e discreta sapidità. Il suo punto di forza, sembrerà strano, ma è proprio la bevibilità.

Kurni 1999: Al naso fatica ad esprimersi, rimane rintanato e non si concederà se non a fine serata aprendosi sui toni di frutta rossa (marasca) ben evidenti. Al palato è femmineo, irretisce per la sua estrema eleganza setosa dai tannini vellutati che rapiscono. Ecco il tutto integrarsi in una finezza composta e squisita: frutti rossi ed effluvi balsamici che rinfrescano e invogliano ad un nuovo sorso. Se ne avete una bottiglia, quando deciderete di aprirla, fatelo con largo anticipo: ne godrà anche il vostro naso.

Kurni 2000: Paga l’annata e forse il fatto di essere il più giovane tra i tre. Al naso è quello che maggiormente colpisce appena versati i vini; rimarrà purtroppo immobile, forse schiacciato dal suo stesso spessore. Al palato è denso, il tannino non ancora fuso con la massa imponente che manca di slanci. Alcool che viaggia sui 15 gradi: non rimane che attendere e sperare in un maggior equilibrio che forse il tempo gli regalerà.

La chiosa: Vino didattico. È in grado di smentire tutti i filosofi che pieni di pregiudizi giudicano il vino prima ancora di berlo. Non è vino che rientra tra i miei gusti, ma gli riconosco la stoffa e la classe da grande vino. Il legno si integra alla perfezione, non s’avverte se non per gli effluvi balsamici che arricchiscono il quadro delle sensazioni. Da considerarsi vino da meditazione, non è un azzardo l’abbinamento con formaggi stagionati e salumi piccanti. Come ha detto giustamente uno dei presenti: “immensa potenza in guanto di velluto”. Applausi.

Hanno amabilmente colloquiato tra loro: Antonella Bevilacqua, Pasquale Brillante, Adele Chiagano, Fabio Cimmino, Aldo Della Corte, Mauro Erro, Roberto Erro, Michela Guadagno, Roberto Iodice, Guglielmo Landolfi, Tommaso Luongo, Giovanna Sangiuolo, Antonio Valentino.

 

2 Commenti a “Report Kurni: Percorsi enoici diversi…”

  1. pasquale dice:

    <p>E’ stato una dei vini piu’ interessanti ed intriganti che ho assaggiato fino ad oggi.<br />
    E’ sicuramente uno dei vini cosidetti da “Meditazione” anche perche’ di difficile abbinamento…neanche il salame calabrese c’e’ l’ha fatta!.</p>
    <p>Delle verticale io ho preferito il 98 perchè a parte l’inizio dove si avvertiva la sensazione carbonica ancora presente nel tempo ha mostrato l’eleganza che in un vino di questa potenza è raro trovare.<br />
    Mi ha anche colpito la variegata e piacevole dinamicità al naso<br />
    che si avvertiva non appena il vino si muoveva nel bicchiere.<br />
    Vino da meditazione.. ma anche da piacevole conversazione come ho avuto il piacere di scoprire con gli amici della serata.</p>
    <p>P.B.</p>

  2. Roberto dice:

    Attualmente, il mio vino preferito. Concordo sulla difficoltà di abbinamento, la miglior bottiglia bevuta è stato un 2004 in compagnia di un amico, davanti ad un salame marchigiano e a seguire cantucci e cioccolata fondente. Non sono un esperto, ma avverto soprattutto il profumo di albicocca persistente. Il 2005 è ancora giovane, promette bene ma se lo trovate bevete un 2004 o un 2003.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 02 mag 2017 al 30 mag 2017 alle ore:20:30

      Sommelier del Rum, dal 2 Maggio

      Mancano: 00:00 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 11 giu 2017 al 11 giu 2017 alle ore:18:00

      11 Giugno, [Aglianico]3 Sorsi, parole e numeri al Cubo d'Oro

      Mancano: 13 giorni e 07:20 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags