Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Report: Verticale Ripe del Falco Ippolito 1845

Pubblicato da aisnapoli il 9 - febbraio - 2008 Versione PDF

 Di Mauro Erro

Il primo passo per ogni grande sapere è sapere di non sapere”. Ho voluto iniziare con il pensiero di una mente illuminata qual’era quella di Tiziano Terzani sperando che questo scritto non sia solo un resoconto di una serata, ma spunto di riflessione che possa spingervi, attraverso i commenti, a contestare, approfondire, argomentare ciò che andrò a scrivere. Quando pensai insieme a Fabio Cimmino e Tommaso Luongo a questo Enolaboratorio, proposi l’idea di un percorso didattico (ed edonistico) che vedesse da un lato la proposta di sentieri enoici poco battuti (per vitigno, filosofia di produzione, zona, ecc.), dall’altro, il tentativo di approntare un linguaggio che evitasse ogni tecnicismo esasperato e si proponesse una nuova via: una tavola rotonda che mediante la condivisione mirasse al raggiungimento di una oggettività di giudizio del gusto attraverso il confronto delle differenze e delle posizioni soggettive. Chi mi conosce sa che sono allergico a qualsiasi forma pseudo-scientifica che tenti di legiferare sulle relazioni fruitive con il mondo della bellezza e del vino: ciò che si dimentica è che si beve (e si degusta) attraverso i sensi, e che la ragione, la razionalità ed i parametri che fissiamo, sono solo il tentativo di tradurre il piacere per comunicarlo, e lo sforzo di interrogarci sugli elementi che lo hanno provocato: la ragione consiste “nella capacità di distinguerle e separarle tutte(le sensazioni, n.d.a), per riferire a ciascuna il piacere che le è proprio e per non attribuirlo a una causa che non l’ha prodotto”*. Una nuova idea estetica ed etica del vino. La serata che ha visto protagonista il Cirò Riserva Ripe del Falco è stata, tra le altre, la più stimolante. Sul vino dirò poco, lasciando che leggiate le note concise ma significative che troverete alla fine, scritte da Luigi Metropoli, critico di poesia e wine-writer del sito Enodelirio. Mi limiterò dicendovi che, come spesso accade, il vino è stato capace di rimettere in discussione la mia (come quella di altri) opinione, nel momento in cui il 1991, fino a qualche giorno fa il mio preferito, è stato “surclassato” dal “nebbioleggiante” 1987, vino d’altri tempi, 21 anni e non li dimostrava, tempi in cui la fermentazione a temperatura controllata non veniva effettuata (il titolo della serata, “il vino vecchio è buono”, mai fu più azzeccato). Mi concentrerò, invece, sugli spunti casualmente venuti fuori, sull’approccio del degustatore.
Nella mia esperienza di bevute con degustatori più o meno esperti ho rilevato sempre con maggiore frequenza quello che io chiamo “il morbo dell’angelo della morte”. La voglia compulsiva e maniacale di vivisezionare in parti infinitesimali il vino, senza riuscire a coglierlo come un tutt’uno, discernendo fino ai dettagli più irrilevanti. Morbo che solitamente si accompagna alla caratteristica di molti degustatori di cercare prima i difetti che non i pregi di un vino capovolgendo il momento della degustazione come ben detto da Fabio Rizzari – curatore con Ernesto Gentili della guida de L’Espresso – intervistato da Luciano Pignataro (leggi qui) “da Gino Veronelli tutti noi abbiamo imparato che il buon critico, e il buon bevitore, prima cerca i pregi in un vino, e poi gli eventuali difetti”. Non vado oltre, anche se gli spunti di questa serata sono stati tanti e tali che occorrerebbero altri due articoli: dalla messa in discussione da parte di Vincenzo Ippolito – enologo dell’azienda, gradita sorpresa dell’ultima ora – dell’esame visivo definito inutile, ad alcune riflessioni scaturite dal testo che Michela Guadagno ha portato con sè di Daniele Cernilli, Memorie di un assaggiatore di vini. Spero che ci sarà modo di parlarne prossimamente.
Vi lascio, però, con alcune parole estremamente intelligenti scritte da Guelfo Magrini, giornalista enogastronomico toscano, estratte da un suo articolo, “Gli incazzati del vino”:Vogliamo rilevare che, purtroppo, con sempre maggiore frequenza, più l’individuo ne sa di vino e più i suoi comportamenti risultano segnati da un complesso di alterazioni che non riescono ad essere descritte efficacemente utilizzando le parole inserite nei dizionari di medicina. Insomma sta accadendo che più è grande la conoscenza del vino e più il detentore di questa conoscenza diventa “stronzo”. […]
Tornando al vino, l’alterazione che più spesso caratterizza chi comincia a conoscerne i rudimenti è quella di non sopportare quanto di sbagliato può accompagnare il vino stesso. Ora, se conoscere di più il vino vuole dire non goderne più perché la temperatura è più alta o più bassa di qualche grado, perché il bicchiere non è quello dalla forma perfetta, perché l’abbinamento con il cibo non è quello giusto, allora l’aver acquisito maggiore conoscenza ha portato inevitabilmente ad un abbassamento del livello di felicità che il vino stesso può potenzialmente dare a chi lo beve. Conoscere il vino serve solo a ricavare un piacere maggiore, dai grandi vini come da quelli di consumo quotidiano. E magari ad evitare i dispiaceri che molti vini-trappola ci servono spesso in calici scintillanti.
Un vecchio proverbio siciliano recita “cummannari è megghiu di futtiri”. Sarà vero, ma è certo che quello che l’ha scritto non ha mai saputo quanto è bello “futtiri” e quanta felicità può dare a se’ e a gli altri”.

1987: è, sulle prime, il più brillante tra i 4 campioni in degustazione: evoluto, in una parabola che lo condurrà ad una lunga, splendida vecchiaia. Colore dal fascino decadente, granato non molto compatto, evidenzia un corpo sottile e solo apparentemente esile. Al naso vive su note terziarie, appena accarezzate da un frutto ancora vivo: visciola, amarena, che lasciano spazio ad una predominante liquirizia. In bocca è inaspettatamente il più fresco e vibrante, complesso, non presenta alcol sopra le righe, sorprendendo per reattività, con un tannino ancora indomito. Lungo e asciutto. Cala dopo qualche tempo nel bicchiere.

1988:è il più taciturno e il più restio ad esprimersi. In tutte le caratteristiche rispecchia l’87, ma è decisamente meno brillante e reattivo, più spento ai profumi e con un tannino troppo sopra le righe. Si spegne troppo presto. Verosimilmente non avrà molto altro da dire: il tempo lo ha cristallizzato in una scorbutica mutezza che resterà tale.

1989: è il primo campione realizzato con un processo di fermentazione a temperatura controllata. Colore evoluto che lo apparenta all’88 e all’87. Estratti bassi, come i campioni precedenti. Al naso si esprime con intensità e finezza: idrocarburi e liquirizia, con tocchi di cuoio e un frutto ancora accennato (nonostante i 18 anni compiuti). In bocca è il più rilassato e compiuto. È, tra i 4, il preferito del dott. Vincenzo Ippolito. Resiste bene nel bicchiere.

1991: una delle due bottiglie denuncia vistosi problemi di riduzione. Anche l’altra tuttavia divide la sala. Il colore è più fitto e gli estratti sono maggiori. È diverso da tutti gli altri. Vincenzo Ippolito non parla di cambio di stile, ma affidandosi alla memoria ipotizza, nel taglio, una percentuale maggiore di legno. Il vino impiega molto più tempo ad aprirsi: all’olfatto è scomposto sulle prime, per poi trovare una sua definizione in un frutto maturo ed eleganti toni terziari. La bocca però riesce solo in parte a comunicare un’avvenuta fusione tra le parti. Potrebbe evolvere ancora…

Hanno amabilmente colloquiato tra loro: Adele Chiagano, Fabio Cimmino, Salvatore Di Carluccio, Massimiliano Discepola, Mauro Erro, Roberto Erro, Lina Esposito, Bruno Gaeta, Michela Guadagno, Vincenzo Ippolito, Tommaso Luongo, Massimiliano Mari, Luigi Metropoli, Livio Siciliani, Claudio Tenuta.

*Cfr. D’Alembert alla voce “Gusto” dell’Encyclopédie.

6 Commenti a “Report: Verticale Ripe del Falco Ippolito 1845”

  1. claudioT dice:

    Non posso non condividere la frase di Terzani e farla mia in ogni fase della mia vita.

    Condivido l’obiettivo di Mauro che vuole, in questi eno-laboratori, partire da una base tecnica per veleggiare e valorizzare tutti i nostri sensi in maniera aperta e priva di pregiudizi dando sfogo alla nostra soggettività che dovrà rimanere tale anche alla fine di ogni incontro ma, che dovrà essere arricchita dalle esperienze sensoriali altrui.
    Il Cirò Rosso Riserva Ripe del Falco è stata una bella scoperta:
    come ho detto quella sera, le annate 1987, 1988 e 1989 presentavano un comun denominatore nettamente distintivo dall’annata 1991.
    Le prime tre annate degustate avevano un colore granato con un unghia appena aranciata e una consistenza media, sinonimo di non un grande corpo, inoltre un primo naso incentrato su note appena ossidative e di ceralacca.
    L’annata 1991 invece aveva un colore rubino di buona concentrazione con un unghia appena granata e un corpo “più doppio” dei suoi predecessori.
    Queste sono state le prime sensazioni che poi sono state scisse in dettagli più accattivanti.
    L’annata 1987 ha riscosso il maggior successo considerando che era la più vecchia e quella non lavorata con tecnologie moderne, e anche per me è stata la migliore.
    Poco corpo ma bella struttura, quasi un controsenso, in evoluzione continua grazie all’ossigenazione con un naso ancora incentrato sul frutto (visciola, amarena) per niente maturo anzi, poi note di liquirizia e mentolate, in bocca i tannini sono presenti ma ben fusi con le altre componenti e anche la freschezza è ancora viva.
    L’annata 1988 è stata quella maggiormente monocorde, nonostante l’ossigenazione si è evoluta poco nel bicchiere e in bocca è stata poco persistente.
    L’annata 1989 ha confermato i pregi del 1987 e si è differenziata da questa perchè le sensazioni olfattive sono state maggioremente incentrate su note appena tostate (sigaro toscano originale, mandorla tostata) il tutto sempre con un costante sottofondo di frutta non in confettura ma sotto spirito.
    L’annata 1991 è stata la più difficile da giudicare il colore parlava di giovionezza: rubino concentrato, c’era maggiore persistenza e gli odori, al contrario delle precedenti annate, erano molto confusi, all’inizio direi sporchi, orientati su fiori (ibiscus essiccato, viola appassita) solo con l’ossigenazione sono emerse note animali e di concia, infine vaniglia, i tannini molto rotondi, un vino che secondo me sarebbe curioso provarlo tra 4/5 anni per vedere come si è evoluto.
    Posso concludere dicendo di aver passato una bellissima serata insieme ad amanti della buona vita.

  2. Mauro Erro dice:

    Caro Claudio, innanzitutto grazie per avermi/ci reso partecipe delle tue impressioni sulla serata e delle tue note degustative. Non posso che esser molto contento che tu, come tutti coloro che hanno avuto modo di partecipare, abbia colto lo spirito di convivialità, condivisione e partecipazione di questi incontri. Purtroppo la mia struttura non permette di allargare queste serate ad un numero maggiore di partecipanti, possiamo solo raddoppiare gli sforzi e gli incontri per permettere ad un numero crescente di persone di prendervi parte. Allo stesso scopo proveremo a tirarne fuori del materiale di discussione da pubblicare sul sito. Non voglio anticipare niente, stiamo lavorando al calendario delle serate, ma i nostri viaggi andranno anche oltre confine, dalla Spagna alla Borgogna dei Pinot Nero, e per tornare nelle italiche vigne, tra le altre, un cammino in 40 e passa anni di Barolo. Ciao e ancora grazie.

  3. aisnapoli dice:

    Caro Mauro,per la tua arcinota “allergia” a qualsiasi forma di approccio scientifico alla degustazione ti consiglio una cura intensiva a base di un interessante studio di Stefano De Marchi, professore di informatica presso l’Università di Verona, e pubblicato sulla rivista Applied mathematics and computation. Ti risparmio le undici pagine piene zeppe di formule e diagrammi e vado subito alla conclusione: il vino altro non è che un sistema dinamico caotico. Si sostiene, in pratica, che il nobile nettare divino si comporterebbe al pari del prosaico fumo di una sigaretta capace di assumere le forme più imprevedibili essendo variabile al variare di innumerevoli fattori (dalla pressione atmosferica all’umidità e alla temperatura)…Con buona pace di tante elucubrazioni enoiche che animano e vivacizzano il nostro Enolaboratorio. Morale: qualche volta non prendiamoci troppo sul serio!

  4. Mauro Erro dice:

    …ma perché scusa, l’obiettivo non era questo? Raggiungere un “relativismo ragionato”…o parafrasandoti “Non prendersi troppo sul serio”…ma più di “qualche volta”….

    P.S. “sistema dinamico caotico” fa molto colto….

  5. aisnapoli dice:

    Assolutamente si…ma repetita iuvant. Anzi sottoscrivo il “più” di qualche volta.
    P.s. “relativismo ragionato” non scherza!

  6. Mauro Erro dice:

    Mi permetto di segnalare il resoconto della serata, scritta da Fabio Cimmino, sul sito Lavinium, rivista diretta da Roberto Giuliani:
    http://www.lavinium.com/italiano_2008/cimmino_ripe_del_falco.shtml

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 24 lug 2017 al 24 lug 2017 alle ore:19:00

      24 Luglio, #teledoiolebollicine 2017 Nona edizione al Nabilah

      Mancano: 3 giorni e 17:15 ore.
  • Video

    Tags