Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Report Riesling: Dioniso, Apollo e Bacco…

Pubblicato da aisnapoli il 28 - giugno - 2008 Versione PDF

 Stavolta il Report sulla prima sessione del Riesling si è sdoppiato negli interessanti contributi di Mauro e Luca, i nostri “articolisti” più prolifici…(T.L.)

 Di Luca Massimo Bolondi

Gli Dei tanto lontani e avversi, eppure complementari, … dall’unione di caratteri mutuamente contrastanti spesso nasce grande armonia, talvolta nasce il sublime (e giù citazioni dotte da Nietsche a Wagner a Wittgenstein…). Ma stasera siamo inebriati da un’esperienza assai tangibile. È lì, anzi sono lì, in nove calici otto variazioni sul tema dell’armonia da contrasto.
Otto perché – ahimè – il primo calice contiene un Trocken Kabinett 2002 (Johannishof) ferito a morte dalla sentenza dell’assaggiatore: “tappo!”. Ciononostante, la curiosità è grande e una piccola quantità viene provata al palato per chiarirci il concetto di acidità tagliente di questo vino che tra i Riesling dovrebbe essere il più secco. E nonostante gli aromi alterati, si affaccia al naso una raffica di sentori minerali. Un inizio di grande stimolo al desiderio.
Il secondo calice non tradisce. Trocken Spatlese 2001 (Koehler Ruprecht ), per servirvi di una mineralità spinta: il primo naso annuncia oli minerali e gomma bruciata. Strano? Gradevole. Dopo un tale intenso impatto vien la frutta di soppiatto… ecco che alla porta accanto l’officina meccanica apre il fruttivendolo. All’ananas oleodinamico si affianca il sentore di pesca gialla matura, e un lieve zafferano ci suggerisce un nobile attacco di botrytis alle uve mature. E in bocca il senso tattile del limo gioca con una spalla acida poderosa. Retroaromi lunghi danno il degno coronamento.
Appena versato, il terzo esemplare splende nel calice. Trocken Auslese 2005 (Karthäuserhof), in crescendo, a dispetto della relativa gioventù. Aroma esotico ed elegante, frutta a polpa gialla a maturazione perfetta. Vivacissimo al palato, mima addirittura un lieve perlage. Armonia sinfonica!
A seguire un fuori programma: Trocken Auslese Niersteiner 1996 (Heinrich Braun). Un cristallo color dell’oro sgorga dal lungo collo della renana e si adagia nel calice. Attacco olfattivo di idrocarburi e pesche mature. In bocca esplode una supernova di gusto ed aromi. Dilaga con una acidità da vino eterno: con queste premesse vorrei provare annate antichissime, attendendomi piacevoli sorprese. Questo è vino da seduzione, peccato sia introvabile…
A chiusura della prima parte della serata ecco il piccolo di casa, un giovinetto di pronta beva (e dal nome impronunciabile – Von Schubert -) che con soli otto gradi alcolici suggerisce di uscire dal cestello e farsi tracannar d’un fiato appena risaliti in barca dal bagno in un assolato meriggiare d’estate. Il Riesling è anche questo.
Ha ragione Fabio Cimmino nel sostenere che questo è un vitigno aromatico anche se non è classificato ufficialmente per tale.
Ripresi? Si riparte, e stavolta con il degnissimo accompagnamento di tre ottime pietanze concepite per l’abbinamento. Una sfida mica da ridere, visto che la seconda parte della degustazione prevede vini non-trocken ovvero di maggiore potenziale zuccherino. Ma Divinoinvigna si avvale di una cuciniera di talento. Capace di dosare attentamente il sapido, il succulento e il citrino. Ecco quindi parte un gioco di contralto tra il vino (Kabinett 2002 Johannishof da terroir di quarzite, Spatlese 2005 Emrich-Schönleber da terroir di ardesia blu, Auslese 2005 Weins-Prüm dolce ed equilibrato) e lo sformato di patate in crema, i dadi di mortadella fine, le polpettine delizia-un-sol-boccone.
Il secondo fuori programma è la corsa all’oro nel calice: Kallstadter Saumagen 1992 Koehler Ruprecht (!) botritizzato, vino soprano che se avesse voce supererebbe la Montserrat Caballè, ananas alla liquirizia con al palato una nota acida ancora talmente acuta da far pensare all’immortalità dell’anima. Gran finale.
Questa degustazione è stata un lungo susseguirsi di sorprese, per chiunque non abbia già grande esperienza di codesto nettare. Vien da dire “corri a provare, non limitarti a leggere!”
Nei vini di stasera abbiamo sperimentato il connubio tra i colori, dall’oro giallo all’oro antico, la vetustà del vino, la forza e maturità degli aromi, il palato dolce da una parte e dall’altra parte la freschezza imperiosa, il sapor pietro della mineralità, la dichiarazione di un futuro raro a un bianco. Un grande danese, Niels Bohr (astrofisico, matematico e fisico premio Nobel) aveva per logo lo yin-yang e per motto “contraria sunt complementa”. Sospetto che fosse buon conoscitore del Riesling.

2 Commenti a “Report Riesling: Dioniso, Apollo e Bacco…”

  1. viola dice:

    Ciao Luca, complimenti per il post e grazie mille per “la cuciniera di talento”, troppo buono!
    E’ stato un piacere conoscerti, alla prossima

  2. [...] conoscenze sul Riesling da quando a giugno dello scorso anno ho partecipato ad un Enolaboratorio® (qui e qui)organizzato dal delegato Ais Napoli Tommaso Luongo e da Mauro Erro presso l’enoteca [...]

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 25 set 2017 al 25 set 2017 alle ore:11:00

      25 Settembre, Bere e Passione Day all’EnoPanetteria

      Mancano: 1 giorno e 12:17 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 02 ott 2017 al 03 ott 2017 alle ore:20:30

      2 e 3 Ottobre, I Finages di Borgogna all’Enoteca Scagliola

      Mancano: 8 giorni e 21:47 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags