Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli

Luigi Tecce…Il Taurasi che non t’aspetti!

Pubblicato da aisnapoli il 25 - settembre - 2010 Versione PDF

Di Rosario Tiso

Quando ha chiamato “POLIPHEMO” il principe dei suoi aglianici,sicuramente Luigi Tecce ha pensato all’analogia fra la mole mastodontica del Ciclope omerico e la monumentalità del suo Taurasi.

O forse ha voluto evocare la circostanza che vede Ulisse indurre il “gigante” a bere fino ad ubriacarsi.

Non saprei.Propendo per la prima ipotesi…ancora soggetto alla malìa di un “campione”,dell’annata 2006,di 15 gradi alcolici.

Proveniente da vitigni che suppongo antichi per l’eleganza e la finezza che il vino sa esprimere già alla prima timida olfazione, ho potuto degustarlo per la generosità dell’amico Sandro Maselli nella cornice consueta del wine-bar Cairoli di Foggia.

Il racconto è un traboccamento dell’anima….

Un colore rubino saturo e compatto fa presagire notevole fittezza di estratti che puntualmente si ritrovano e conferiscono al “bouquet” un respiro multidimensionale.

Il frutto in confettura è in costante controcanto con un’oscura mineralità derivata da terreni grassi e freddi.

La speziatura è un’aroma appena sussurrato.

Al gusto drappeggi glicerinosi,che rigano copiosamente la coppa,ammantano lingua e palato in un caldo e virile abbraccio e si coglie un tannino piacevolmente ruvido e già perfettamente integrato.

Che dire:un grande vino!

Fino a quando non ho letto la controetichetta…

Una perentoria didascalia avverte che non ci sono lieviti selezionati,né enzimi,né batteri malolattici,né tannini aggiunti,né disacida,né chiarifica,filtrazione,gomma arabica…

Possibile?Non ho mai bevuto un vino che scaturisse da simili estremi giungere in sì felice approdo sensoriale.Mai un vino sostanzialmente biodinamico si era presentato così pulito,turgido,profumato,esente da difetti appezzabili ai miei recettori sensoriali.

La perplessità dura poco.

Sorso dopo sorso,la verità del gusto mi avvince.

L’armonia mi conquista.

La mia esperienza è risibile goccia nel mare delle infinite possibilità enoiche.

Più che idolatrare le proprie convinzioni,bisogna credere a quello che contiene il bicchiere.

Credo in quei produttori che hanno saputo coltivare una propria identità e compiono un percorso che non è solo professionale…ma che,per certi versi,muove dallo spirituale e pretende di fornire al mondo una personale declinazione della verità.

Quel che non amo sono gli steccati ideologici.

Come quello che contrappone,anche aspramente,coloro che fanno il vino dicendo di assecondare la natura a quelli che la natura pretenderebbero orientarla con tutti i mezzi.

Ho bevuto vini buonissimi “costruiti” perfetti.Altri,meno riusciti,hanno un che di caricaturale.Come certi vini “naturali” imbevibili.

Se si lasciassero briglie sciolte ai sensi nessuno si sognerebbe di assegnare un’aprioristica connotazione negativa a qualcosa che si registra gradevole.

Ma prevale l’ideologia.

L’ideologia è quanto di più distante dal bicchiere.

E’ l’attitudine a parlare della realtà senza osservarla.

E’ l’arido rito della celebrazione della compiutezza della propria cosmogonia.

Non esiste un sapere univoco,una magica ricetta,una sapienza esoterica,un percorso preferenziale che conducono all’immigliorabile vinicolo.

Esistono solo uomini che immaginano e poi realizzano dei sogni e con i loro vini sanno regalare autentiche emozioni.

Con saperi diversi,intuizioni diverse,modalità differenti,illuminazioni e lampi creativi scaturenti da

versanti contrapposti dello spirito.

Altrettanto validi quando sanno produrre l’eccellenza.

L’eccellenza in un vino va scovata.

Il vino si accoglie,giammai si cataloga.

E’ sempre diverso come l’attimo che fugge.

Solo amandolo esprimerà l’inesprimibile.

Luigi Tecce è sicuramente nel novero di quella risma di produttori vinicoli non convenzionali.

Me lo ha detto il suo Poliphemo….

 

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 07 nov 2014 al 07 nov 2014 alle ore:20:00

      7 Novembre Chenin Blanc, il camaleonte della Loira all’Enopanetteria con Ais Napoli

      Mancano: 12 giorni e 11:19 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 26 nov 2014 al 26 nov 2014 alle ore:20:00

      26 Novembre, Corso Sommelier di primo livello N.62 in partenza

      Mancano: 31 giorni e 11:19 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags