Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

 

Caseificio Ampa 2 di Pimonte, La Verde Fattoria del Monte Comune di Vico Equense e il Caseificio Perrusio di Meta di Sorrento si sono aggiudicati il riconoscimento per il migliore Provolone del Monaco D.O.P. (nella foto, la Giuria che ha decretato i vincitori) Ha preso dunque il via l’annuale appuntamento con il Gran Galà Tour 2010, lo speciale concorso organizzato per i produttori del formaggio tipico del comprensorio Penisola sorrentina-Monti Lattari.  Anche quest’anno il trofeo in bronzo scolpito dall’artista Antonio Gargiulo sarà assegnato al miglior produttore del  provolone stagionato tra i 12 e i 16 mesi, mentre altri riconoscimenti andranno ai migliori tra le altre due categorie: stagionato tra i 6 e gli 8 mesi, e stagionato tra gli 8 e i 12 mesi.  Il concorso, organizzato con la collaborazione dell’Onaf (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggi) è riservato esclusivamente ai 15 caseifici iscritti alla dop, il cui territorio comprende tredici comuni.  Prima della premiazione, al castello Giusso di Vico Equense, ha avuto luogo il convegno dal tema “Il provolone del monaco dop: una grande risorsa per il nostro territorio” come affermato dal professor Vincenzo Peretti, tra i relatori: “Il mercato internazionale ci acclama e ci aspetta - ha affermato il direttore del Consorzio Tutela Provolone del Monaco Dop – ma non è nostra intenzione esportare perché preferiamo sacrificare la quantità alla qualità. Con il Gran Galà si rinnova innanzitutto una nostra peculiarità, ovvero, l’auto-valutarci  per rispetto nei confronti dei consumatori“.  Al tavolo con il professor Peretti (anche docente alla Facoltà di Veterinaria di Napoli) erano seduti anche l’Assessore all’agricoltura di Vico Equense, Matteo De Simone assieme a Maria Sarnataro, vice presidente Onaf; Vincenzo Stabile, comandante CFS provincia di Napoli; Prisco Lucio Sorbo, direttore Coldiretti Campania e Giosué De Simone, presidente del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop il quale ha spiegato: ” Il Gran Galà è soprattutto un momento per tracciare un bilancio sul sempre più autorevole ruolo del nostro prodotto“.  In platea tra coltivatori, assessori ed altri rappresentanti del mondo produttivo caseario c’era anche Rosario Lopa, in rappresentanza del Ministero alle Politiche Agricole e Forestali che ha affermato: “La realtà della dop provolone del monaco rappresenta la sintesi del ragionamento che vede la valorizzazione della biodiversità perché in un territorio come quello dei monti lattari in provincia di napoli può rappresentare un valore aggiunto per l’economia sociale del territorio“.

La manifestazione prosegue il 2 dicembre al Circolo Nautico di Castellammare per continuare il giorno successivo a Pimonte, dove all’hotel Montuori si discuterà dell’incontro tra il tipico formaggio ed il locale paniere.  Altre tappe sono previste a Massa Lubrense il 6 dicembre, Sorrento il 16 e ad Agerola il 17. Qui si discuterà del futuro della zootecnia e sarà assegnato il premio dedicato ad Andrea Buonocore, mentre a Sorrento, in collaborazione con l’Associazione studi storici sorrentini, sarà assegnato il premio Antonio Caccaviello.

Foto di Emilia Milly Lombardi

Fonte: Kappaelle.net

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags