Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Anarchica 2011…si riparte

Pubblicato da aisnapoli il 23 - gennaio - 2011 Versione PDF

Di Claudio Tenuta

Dopo la pausa Natalizia e la mia personale voglia di tenere solo per me (noi) qualche serata anarchica, si parte più carichi di prima in questo 2011 ricco di promesse e speranze chissà quanto reali e quanto solo chimere. Undici componenti e qualche piccolo accorgimento organizzativo su quantità di vino e cibo da degustare sono le prime novità in un ottica di costante voglia di condivisione e crescita reciproca senza strafare. Subito per iniziare bollicine, quelle portate per l’apertura da Rino, colore bianco carta, perlage molto fine ma poco numeroso, naso incentrato da note di pan brioche e mandorle pelate, poi sensazioni di pasta frolla cotta e qualche aroma di frutta gialla fresca, in bocca la bollicina è carezzevole e la freschezza ben presente, non è tagliente, le sensazioni gustative virano un pochino dalla classica crosta di pane a ribes e mirtilli rossi appena colti, mentre la componente alcolica garantisce una adeguata rotondità al tutto. Ci orientiamo sull’Italia escludendo la Champagne e su metodo classico più che charmat, per esclusione eliminiamo la Franciacorta e ci indirizziamo su un Trento si tratta si di un Trento Talento Doc, ma prodotto in Alta Langa da Enrico Serafino con blend di chardonnay e pinot noir millesimato 2005 e permanenza sui lieviti 36 mesi. Bottiglia molto gradevole, elegante e beverina che punta sulla serbevolezza e non sulla complessità, perfetto abbinamento con la burrata sapidamente cremosa portata da Gianluca. Apriamo la mia bottiglia: un bianco paglierino scarico, di media consistenza nel bicchiere, con un naso verticale e spudoratamente aromatico: margherite, timo, freisa, pompelmo rosa, pesca gialla, con l’abbassarsi della temperatura aumentano le sensazioni e ci si orienta su un vino del Trentino da gewurtztraminer, la bocca ci allontana da questo vitigno aromatico, la sapidità inonda la bocca e la freschezza ripulente rende godibile una aromaticità spiccata, l’alcol è molto ben dosato e il corpo rende la persistenza più che discreta. Qualcuno parla di zibbibo siciliano e non si allontana di molto, è un Vina Esmeralda Catalunya 2009 di Torres con prevalenza di moscato di Alessandria e un 15% di gewurtraminer, ancora “fortunosamente” in perfetta armonia con Fiore sardo, salmastro e granuloso e Pecorino di media stagionatura di Nuoro tostato, erbaceo e lattoso, ma anche con le alici leggermente marinate in succo di arancia fatte da Fosca. Beviamo con cura un blend di falanghina portato da Elena per una assaggio richiesto da un produttore amico, non ci perdiamo molto tempo perchè le sensazioni sono olfattivamente incentrate solo su frutta esotica e floreale marcatamente dolce, in bocca conferma quanto il naso ci ha detto, partendo addirittura dolce e chiudendo troppo velocemente, assomiglia senza presunzione di giudizio all’ottima vendemmia tardiva di Telaro ma non ha una sua identità…non sapremo da Elena altre informazioni, il tutto resta nel massimo riserbo. E’ la volta del rosato di Gianluca, colore rosa chiaretto, discreta consistenza, primo naso chiuso su sensazioni di mogano e mallo di noce, dopo un pò si presenta agli astanti con belle sensazioni: cerasa, macchia mediterranea, mirto, miele di tiglio, in bocca non ha il corpo di un pugliese o di un abruzzese ma una buona bevibilità, perde in complessità rispetto alle numerose sensazioni date gradualmente al naso, parte in bocca ruvido e ammandorlato, di media freschezza e sapidità e come spesso capita in alcuni rosati con la nota alcolica che lo rende poco digeribile, si tratta di Primula rosa 2009 di Cantine Barone seguita dal conosciuto enologo Mercurio, il prosciutto S. Daniele portato da Marisa non disdegna il matrimonio, la salivazione indotta dall’insaccato viene asciugata dall’alcolicità del rosato mentre quest’ultimo non regge in termini di PAI col cibo. Primo piatto caldo, la mia zuppa di fave, cicerchie, grano saraceno, farro e lenticchie beluga con pancetta affumicata e profumo di timo e rosmarino, in abbinamento al vino di Generoso, il colore è rubino opaco e con particelle in sospensione, sensazioni olfattive evolute con apertura su note ossidative e poi frutta fresca rossa schiacciata insieme a rose appassite e terra bagnata, la bocca è magra ma in perfetta sintonia col naso, il tannino è in fusione con le note alcoliche e polialcoliche, mentre la spiccata freschezza del naso è meno aggressiva nel cavo orale, assaggiamo e riassaggiamo ma non riusciamo ad avvicinarci nè alla Regione di origine, nè ai vitigni, comprendiamo solo che si tratta di un vino prodotto in vigna e cantina con metodologie naturali: è un Isola dei Nuraghi igt TankaDeddu 2008 un blend di Monica di Sardegna, Carignano e Cannonau molto originale e delicato, forse per la tipologia poco complesso e che tende a svanire troppo presto in bocca. Ecco in campo il vino di Luca in abbinamento ai delicati involtini di pollo pancetta e salvia della moglie Lia, colore granato molto concentrato, consistenza decisa, primo naso evoluto su sensazioni terziarie di peperoncino, radice di liquirizia, peperone rosso in confettura e tabacco, poi ossigenazione e viraggio verso la frutta matura, la bocca è polverosa, complessa, ammaricante, note sapide si alternano con un tannino ben levigato ma presente, l’alcol spinge il cavo orale e si ripropone in gola in maniera netta evidenziando sensazioni gustative di cacao amaro in polvere e caffè appena macinato, il vino è troppo ricco per il leggero manicaretto di Lia, ci orientiamo verso la Puglia ma non indoviniamo che si tratta di Le Cruste 2004 di Alberto Longo un Nero di Troia in purezza molto centrato ma con avanti pochi anni di evoluzione ancora. Rino per la serata non si è voluto far mancare niente e dopo qualche beffa nel 2010 propone all’assaggio anche un rosso, colore rubino con tendenza al granato, impenetrabile, consistenza molto ricca di estratto, approccio nasale etereo e marmellatoso, amarena, viole essiccata, vegetale misto a paglia secca, la bocca è pulita, ruvida, fresca, l’alcol è in perfetta fusione col resto, il riassaggio conferma la presenza di note di torrefazione e frutti ancora turgidi con acceni minerali, dopo aver passeggiato per Umbria e Veneto riusciamo ad orientarci, non senza i giusti aiuti, verso la Toscana, a questo punto non possiamo sbagliarci è un blend a base di sangiovese ma con cabernet o merlot? Marchesi de Frescobaldi Luce 2000 un Supertuscan (sangiovese+merlot) ben fatto e di ottima complessità anche se ritengo che il tannino sia ancora troppo scalpitante e appena scollegato dal resto, un piacevole regalo in un ottica di confronto nell’evoluzione del gusto e delle mode enoiche. In veloce sequenza due sfide messe in campo dalle sorelle Fosca e Gaia. Terminate le pietanze salate iniziamo ad addentare dei cannoli cilentani fatti di piccoli fichi e granella di nocciole portate da Gianluca, il primo vino si presenta nel bicchiere aranciato, primo segno di un signorotto in là con l’età, naso ossidato e poco altro, vaghi ricordi di tabacco e balsamico, la bocca è magra per caduta tartarica e dei tannini, resta qualche sensazione di frutta secca e note eteree di ceralacca, nel complesso c’è poco altro, abbiamo provato un Barolo Riserva Borgogno del 1980 un anziano aristocratico che ci parla di un passato glorioso. Altra sfida dai colori aranciati e dalle numerose particelle in sospensione, naso caramellato, di cenere di leccio e faggio, marmellata di corniole, pepe nero, ecco la bocca che non ti aspetti, in evidenza freschezza di ribes neri e una sapidità rocciosa più un tannino ancora asciugante, il gusto alterna piacevoli sensazioni di gelatina di vino rosso e vaniglia, geranio e more di gelso, spicca la persistenza, il vino deglutito non lascia solo la sensazione alcolica ma una gradevole di frutta fusa a note boisè, stiamo bevendo un’ Aglianico del Vulture di D’Angelo 1985 che ci indica come questo vitigno in Lucania abbia delle potenzialità grandissime tutte ancora da esplorare. Terminiamo la serata con un Cohiba Robustos e lo zuccotto al limoncello ripieno di ricotta e scaglie di cioccolato fondente preparato con delicata maestria dalla dolce Elena e penso agli ultimi due vini provati al buio, come per tutti gli altri, che rappresentano il senso delle serate: la volontà di non portare il vino più costoso o più buono rispetto agli altri ma la bottiglia che si può aprire, bere e giudicare liberamente solo con una banda di svitati anarchici! 

3 Commenti a “Anarchica 2011…si riparte”

  1. luca miraglia dice:

    L’elemento caratterizzante le degustazioni anarchiche è la sottolineatura della componente anarchica rispetto al momento degustativo, che molti di noi vivono, in altri contesti, come un rito cui occorre dedicare un’ascetica attenzione.
    Perciò ci divertiamo tanto, spesso con commenti enoici assolutamente improbabili e tecnicamente riprovevoli.
    La prima serata del 2011 è stata emblematica in questo senso: quanti fra i presenti hanno compreso la grandezza del mondo contadino (nel senso più puro del termine) sottesa al Tankadeddu, preferendo, invece, la ruffiana eleganza del Luce di Frescobaldi?
    Ma è questo che rende le serate gradevoli e, in definitiva, un’occasione conviviale per lasciare fuori dalla porta un quotidiano spesso assai carente di profumi e sapori.

  2. claudioT dice:

    Come contraddirti Luca, il Luce di Frescobaldi mi è sembrato centrato e concentrato ma superato per la mia piccola evoluzione gustativa, del Tankadeddu ho apprezzato la schiettezza contadina meno il suo corpo e la sua complessità (per essere un vin-nature) ma è un vino che penso non punti ha grosse evoluzione temporali oltre ad una naturale semplicità gustativa.

  3. Rino dice:

    Ragazzi e’ sempre un piacere condividere con voi buon cibo e ottimo vino come sempre anarchico…. nella massima liberta’ di giudizio espressione e sempre con la massima convivialita’ ….
    che dire …
    W le serate anarchiche e sopratutto w la voglia di stare insieme!!!!!!
    Cin cin.. a tutti voi…
    Rino

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags