Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Con Vincenzo Mercurio alla Taverna do’ Re

Pubblicato da aisnapoli il 11 - marzo - 2011 Versione PDF

Di Massimo Florio

Proprio una bella serata quella di giovedi scorso, organizzata da Gianni Lamberti dagli amici de A’ Taverna do’ Re.

L’idea, solo apparentemente semplice degli organizzatori, è quella di presentare gustose preparazioni partenopee, accostandole a vini di qualità del territorio, prevedendo anche un momento di riflessione, affidato alle cure di maestri vignaioli, sommeliers degustatori della delegazione di Napoli ed enologi, a far da giusto supporto.

L’ospite della serata Vincenzo Mercurio, giovane ma già affermato enologo campano, propone tre vini bianchi di altrettante aziende con cui collabora.

Vincenzo si presenta subito con lo stile e la semplicità tipica di chi non ama apparire in pubblico, ma che è però profondamente innamorato del suo lavoro e vuole comunicarlo con termini e profondità adeguati alla platea di appassionati presenti in sala.

La falanghina metodo charmat Malazè di Cantine Babbo apre la serata, accompagnata prima dallo spiedino di capesante e gamberi in pastella su salsa di guacamole  su cui lo spumante flegrea ci fa un vero figurone e poi successivamente sulla millefoglie di pesce bandiera con provola di bufala su zuppetta di pomodorini tostati e pinoli dove appare però un po’ in affanno.

A primo naso il netto sentore dei lieviti fa pensare erroneamente ad un metodo classico, ma poi  lo spumante dal colore giallo paglierino, con grana e  numero di bollicine ben dosate, si apre verso note di frutta estiva e fiori bianchi, riconducendo l’orientamento visivo-olfattivo verso la reale metodologia di produzione.

Piace subito il Malazè e soprende tanto per la capacità che questo vino dimostra nel farsi apprezzare, senza stancare affatto il palato.

Si passa allora al Greco di Tufo Montefusco 2009 delle Cantine San Paolo accostato alla cupola di salmone con risotto al profumo di mare su salsa di zucchine eseguito dal bravo Francesco, Chef della serata.

Il vino rivela da subito una sorprendente quanto spiazzante nota minerale fumè, incastonata su di un bouquet tipico di vini prodotti in zone certamente più nordiche; qualcuno fra i presenti grida:” al Riesling!” ed effettivamente in quel momento lo ricorda un bel po’.

Svaniti però questi primi riconoscimenti, il prodotto evolve in frutta esotica, fiori gialli e note di tostature amare che ci riportano decisamente in Irpinia e riesce a tenere bene la sfida lanciata dal piatto che, anche se ben eseguito, presenta una netta abbondanza di salmone affumicato, da rendere veramente difficile l’accostamento.

Al Fiano di Avellino Pietramara 2009 delle Cantine I Favati, viene infine accostato il calamaro ripieno di scarola e provola.

I sentori forti del piatto sono ben tenuti dalle note di frutta dolce di cui il vino è dotato, risultando subito ammaliante, pronto ed in ottima forma. Al colore paglierino carico si affiancano una buona luminosità ed una stimolante vivacità di movimento. Assaggiando poi cibo e vino sembrano unirsi armonicamente in un abbinamento ben calibrato.

Un momento prima del dolce, chiacchiere e sanguinaccio, che chiude la serata c’è la sorpresa dello chef, preparata dal Lucio Carbone , Chef per passione, una sorta di ragù di mare nero carico di note speziate dolci e di grassezza poderosa, che forse risultano un po’ troppo difficili da accostare ai sia pur intensi vini della serata.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags