Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

“Tutti dentro” con la Cena Galeotta

Pubblicato da aisnapoli il 21 - settembre - 2011 Versione PDF

Di Franco De Luca

Il 20 settembre presso la casa circondariale femminile di Pozzuoli, per la prima volta, al portone d’ingresso c’era la coda per entrare e non per uscire. La polizia penitenziaria si è trovata con grande disagio a gestire una pressione che proveniva dal senso opposto rispetto all’ordinario ed invece di operare nell’impedimento di un’eventuale evasione si è dovuta impegnare per fronteggiare un’invasione.

L’invasione era di tutto il seguito di Malazè. Malazè si è conclusa, con buona pace dei server di posta elettronica (la targa di ringraziamento più grossa Rosario Mattera la doveva riservare ad Aruba). E come l’anno scorso questa importantissima e riuscitissima manifestazione si è conclusa con quello che per me resta l’evento più bello e significativo: la “Cena Galeotta”.

Dopo il successo della scorsa edizione la cena era così attesa che gli organizzatori hanno dovuto raddoppiare i coperti e comunque molte persone non hanno potuto portare il loro contributo. Qualche giorno fa Tommaso mi diceva di una nostra socia che voleva ad ogni costo esserci, “Tommà”, gli ho risposto, “l’avimma solo denuncià”.

Si tratta di una cena per beneficenza dal costo di 50 euro ben spesi e devoluti per intero all’associazione “Il carcere possibile onlus” che continuerà in questo modo l’istallazione nella struttura di una videoteca e l’allestimento di un centro multimediale per le attività ricreative delle detenute.

50 euro sono nulla in confronto alla proposta gastronomica. Tanti chef di altrettanti prestigiosi ristoranti dei Campi Flegrei, si sono cimentati nella preparazione di un menù di eccezione la cui realizzazione ha visto molte ragazze del penitenziario impegnate in prima persona, coordinate dal generosissimo Antonio Del Sole del ristorante La Tortuga.

Sarebbero tante le persone da ringraziare ma non vogliamo annoiare oltremodo chi ci legge, I discorsi rituali li hanno già fatti gli organizzatori ed i politici intervenuti, gli on. Schifone e Barbato.

Ci piace invece sottolineare la “normalità” che si respirava nell’atmosfera. Come ha detto l’intrepida direttrice dott.ssa Stella Scialpi lo sforzo è quello di rendere il penitenziario un “luogo” della società, con eventi che vedano una sempre maggiore integrazione tra quelli che stanno dentro e quelli che stanno fuori. Naturalmente il divario è ancora troppo forte, cenare all’ombra dei finestre cancellate mette un po’ tristezza ma il sogno è che di anno in anno siano sempre di più le donne coinvolte in prima persona. Il piccolo contributo dell’AIS è consistito in un minicorso tenuto nel pomeriggio da me ed Alessandro Palmieri a due ragazze della struttura: Anna e Alma, che poi hanno dato una mano nel servizio del vino insieme ai sommelier Vincenzo Bianco, Stefania Comes e Luca Bolondi (anche loro volontari per la causa, naturalmente). Anna e Alma sono state prima di tutto incredibilmente attente e motivate, ma oltre a questo spiritose ed amabili. Tommaso Luongo ha fregiato loro del nostro simbolo, il tastevin dell’Associazione Italiana Sommeliers ed adesso sono due nostre colleghe a cui auguriamo di cuore un futuro sostenibile.

La più bella conseguenza di questa entusiasmante iniziativa però, secondo il nostro parere, non è tanto raccogliere un po’ di soldi per comprare qualche altro televisore al plasma o videoproiettore, che pure servono per carità, quanto mostrare a chi forse non lo sa che il mondo contiene tante cose che se analizzate meglio contengono a loro volta altri mondi da scoprire che ancora hanno altri aspetti da analizzare e da sviscerare e così via, in una continua scoperta di universi uno nell’altro che costituiscono un frattale in cui noi tutti siamo immersi. Spiegare, per esempio, a chi lo ignora il perché il vino si serve in un certo modo, ad una precisa temperatura e così dicendo può far scoprire un’attitudine o una passione e diventare quindi uno stimolo su cui investire nel proprio futuro. Quante persone si innamorano di qualcosa che incontrano solo accidentalmente nella vita? Noi speriamo nel nostro piccolo di essere quell’”incidente” che innesca nuovi meccanismi di edificazione di una passione, e così gli chef, il catering e tutti coloro che hanno voglia di dare una mano. Basta solo essere curiosi e ricettivi, tutto il resto viene da se. La curiosità è il vero motore della vita e l’unico modo per non sentirsi mai soli.

Grazie Rosario, siamo orgogliosi della tua opera e della possibilità che ci dai di esserti vicino.

Foto di Michela Guadagno

 

4 Commenti a ““Tutti dentro” con la Cena Galeotta”

  1. francesca dice:

    Ero ieri sera alla cena.
    E’ stato tutto molto suggestivo!
    Le ospiti della Casa hanno dato il meglio di loro per poterci assicurare una bella serata.
    All’uscita mi è capitata una cosa molto toccante. Ho ringraziato due signore presenti all’uscita e loro: “…Ma grazie a lei!”
    :)

  2. Franco dice:

    sono d’accordo con te, Francesca

  3. Le tue ultime parole caro Franco mi sono piaciute. Non avrei saputo descrivere meglio la sensazione che ho provato dalla prima lezione ais ad oggi e che pervade, ormai, gran parte della mia vita e influenza il mio approccio con cio’ che mi circonda. Bravo.
    Bellissima e degna conclusione di un evento, malaze’, che cresce e crescera’ ancora. Tutti noi ci stiamo adoperando per promuovere un territorio dalle inestimabili ricchezze e che puo’ essere una soluzione a tanti problemi, anche di quelle donne che martedi sera ci hanno accolto con un sorriso e con la soddisfazione di mostrarci il proprio lavoro come fossero a casa loro e non li “dentro”.
    Mi sono emozionato nel vederle sorridere, nel vederle schernirsi ai complimenti dei loro ospiti.
    Grande lezione di vita resa possibile grazie a tutti noi. Continuiamo cosi’

  4. aisnapoli dice:

    Art 27 comma terzo..le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.

    E’ stato proprio bello contribuire, nel nostro piccolo, a realizzare i principi della Carta Costituzionale!

    Un grazie a tutti i sommelier che hanno partecipato alla buona riuscita della Cena Galeotta.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags