Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

‘A Taverna do’ Re e la Sicilia

Pubblicato da aisnapoli il 26 - novembre - 2011 Versione PDF

Di Franco De Luca

Si riparte con le serate della Taverna do’ Re, questa volta però con una forma leggermente diversa, il tema di base è territoriale e la serata è dedicata alla Sicilia.

I vini in degustazione sono quelli di Cusumano, due bianchi dal nome tutto siculo, Angimbè e Jalè.

Il primo è per il 70% Insolia, il vitigno autoctono caratterizzato da un buon nerbo, fresco e deciso, che in questo caso viene ammorbidito dallo chardonnay per il restante 30%. Riguardo al nome sappiamo che esso deriva da una sugheraia, che non è una donna che vende il sughero bensì il bosco che costeggia i filari. Ma la domanda è: Come si può mettere ad un vino il nome di una sugheraia e poi proporre la bottiglia col tappo a vetro? Per fortuna l’incoerenza è solo in questa curiosa scelta. Il vino è assai più coerente e convincente. Sia alla vista che al naso si percepise subito la freschezza che ritroviamo al gusto. La sua luminosità e la frutta a polpa bianca infatti suggeriscono un vino di struttura media e dotato di una durezza gradevole atta a compensare la tendenza dolce dei primi piatti in abbinamento. Decidiamo infatti con Giovanni e Francesco di abbinarlo all’entrée che è il tortino di panelle su una crema di ceci, sulle sarde a beccafico e sul cous cous. I piatti di Francesco sono sempre molto in equilibrio, in questo caso tuttavia volutamente rivolti alla tendenza dolce proprio per consentire la valorizzazione del vino e dell’abbinamento.

Il secondo vino è un pezzo da novanta, il potente jalè. Si tratta di uno chardonnay in purezza che abbiamo abbinato alla salsiccia di tonno. Quando Massimo lo ha versato nel bicchiere sembrava olio dalla consistenza, la salsiccia ha cominciato a tremare nel piatto dalla paura di non reggere a tanta potenza. Ma per fortuna Francesco non si è risparmiato nell’utilizzo delle spezie e delle erbe aromatiche e così che la struttura e la complessità del vino si sono poi ben sposate col piatto. Io generalmente non amo i colossi nel bicchiere, l’alcolicità estremizzata ed il bere masticabile. Devo tuttavia riconoscere che per i bianchi il discorso è un po’ diverso, i bianchi pesanti si vanno a collocare bene nella zona grigia dell’abbinamento cibo-vino, riuscendo cioè lì dove i bianchi generici non riescono a giungere ed i rossi ci giungono troppo. Personalmente preferisco i rosati ma lo jalè ha accompagnato molto bene la saporita e gustosa pietanza dello chef Parrella che si è attenuto fedelmente alla tradizione siciliana.

Sul finale Francesco si è poi superato, lì proprio non si può non cedere all’adulazione. La “cassata scomposta” di scomposto c’aveva solo il nome. Si tratta di tutti gli ingredienti del famoso dolce siculo ripresentati in una disposizione assolutamente nuova. Un disco di pan di spagna con sopra una spuma di delicatissima crema alla ricotta costellata di gocce di cioccolata e frutta candita. Il Ben Ryè non lo produce Cusumano ma ha accompagnato alla grande il delicatissimo e piacevolissimo dessert. Cosa aggiungere, all’uscita parlavamo un po’ tutti con accento palermitano per l’immersione totale nella regione che vanta probabilmente la più complessa tradizione gastronomica. I ricchi sapori, l’essenza del mare, la potenza e l’eleganza del vino , la simpatia e la generosità di “cip e ciop“, al secolo Giovanni Lamberti e Francesco Parrella, han reso come sempre possibile la realizzazione di un evento dove il matrimonio più riuscito non è tanto nel piatto e nel bicchiere ma nell’aria, dove cioè si uniscono in maniera quasi spontanea gusto e cultura. Credo che sia un buon risultato, soprattutto di questi tempi. Baciamo le mani.

Make your own slideshow with music at Animoto.

3 Commenti a “‘A Taverna do’ Re e la Sicilia”

  1. Dopo la lettura di questa recensione non si puo’ che rinnovare i complimenti a Franco per la sua bravura non solo di sommelier, ma anche di giornalista. Lo ringrazio comunque perché la riuscita del nostro incontro a Taverna do’ Re e’ sicuramente dovuta anche alla sua simpatica partecipazione.

  2. Franco dice:

    grazie Giovanni, soprattutto per il giornalista :-)

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 16 lug 2018 al 16 lug 2018 alle ore:19:30

      16 Luglio, Te le do io le bollicine Decima Edizione al Nabilah

      Mancano: 07:37 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags