Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

I Maestri del Vino incantano Pozzuoli all’Abraxas

Pubblicato da aisnapoli il 3 - febbraio - 2012 Versione PDF

Di Mauro Illiano

Ricordo che un po’ di tempo fa, sul mio blog, affrontai uno dei temi a me più cari per ciò che attiene il vino in un articolo che intitolai “La sindrome di Salgari”.

Il tema di tale disquisizione era il male che assale una parte dei bevitori di vino, ovvero la pretesa di giudicare senza prima aver veramente saggiato, ed il titolo della narrazione non era casuale. Com’è ben noto, infatti, Emilio Salgari passò alla storia per la sua capacità di raccontare di viaggi e posti in cui lui non era mai stato, e che spesso erano solo il frutto della sua immaginazione.

Ebbene, lo spettacolo a cui ho avuto l’onore di partecipare ieri sera è la testimonianza che nel mondo del vino questo fingersi novelli Erodoto non vale a gran che, poiché le narrazioni sono nulla se disancorate dal dato antropologico, prima ancora che tecnico, in grado di vivificare elementi altrimenti privi di senso.

In uno dei teatri del vino dei Campi Flegrei, l’Abraxas, creazione giunta al suo decimo anno di vita firmata Nando Salemme, ieri, due pionieri dei paralleli mondi dell’enologia e della sommellerie, rispondenti ai nomi di Luigi Moio ed Angelo Di Costanzo, hanno dato vita ad un’indimenticabile pagina di storia del vino in Campania.

Questi due uomini hanno saputo offrire ai vini di un’azienda interessantissima per sperimentazione ed innovazione – l’azienda agricola Quintodecimo sita a Mirabella Eclano (Av) – quello spessore che solo l’uomo può dare alle cose. Così, inaugurando la rassegna intitolata “I Maestri del Vino”, che impreziosirà il già ricchissimo percorso eno-culturale intrapreso da Nando Salemme anni addietro, i due Mentori hanno assunto entrambi il rango di Maghi, riuscendo ad oltrepassare la dimensione della narrazione, per approdare a quella della condivisione, sempre più rara di questi tempi.

Con la sua consueta puntualità Angelo Di Costanzo ha analizzato in lungo e in largo le vigne, le pigne e le creature dell’azienda Quintodecimo, mentre il Professor Luigi Moio, vero Frank O. Gehry dell’enologia contemporanea, ha contribuito con la sua esperienza estrapolata da “dentro la bottiglia”, nella quale il suo sapere si è insinuato silenziosamente, a svelare i retroscena dei suoi piccoli capolavori.

Così, nell’atto di acquisire la conoscenza di ciò che viveva nel calice posto di fronte a sé, gli astanti hanno potuto partecipare ad uno dei più bei momenti della cultura enologica flegrea, essendo inconsapevolmente saliti a bordo di un vagone che, seppur immobile, li ha condotti sulle agognate vie del sapere.

Luigi Moio sostiene che:

“Il vino è un prodotto innaturale”

“Il vino è assimilabile ad un’opera d’arte”

“Il grande vino deve invecchiare rimanendo giovane”

“La barrique è una grande invenzione dell’uomo per fare un certo tipo di vino.. uno strumento tecnologico importantissimo”

“Il mio Taurasi costa perché equivale ad un filetto. Se andate in una macelleria e chiedete cento chili di filetto sarete costretti a pagare per cento mucche intere!”

 

Appunti di Degustazione

Azienda Quintodecimo

Vino: Falanghina – Via del campo

Annata: 2009

Abbinamento Gastronomico: Bruschetta con pomodori del pendolo ed alici – mozzarella – polenta aromatizzata

Un aggettivo al vino: Unico

 

Azienda Quinto Decimo

Vino: Fiano – Exultet

Annata: 2009

Abbinamento Gastronomico: Gateau di patate – Tortano – Pan Broccoli

Un aggettivo al vino: Elegante

 

Azienda Quintodecimo

Vino: Greco di Tufo – Giallo D’Arles

Annata: 2009

Abbinamento Gastronomico: Gnocchetto di patate con scarola, pomodorini ed alici

Un aggettivo al vino: Perfetto

 

Azienda Quinto Decimo

Vino: Aglianico – Terre D’Eclano

Annata: 2007

Abbinamento Gastronomico: Paccheri al ragout di cinghiale

Un aggettivo al vino: Impressionante

 

Azienda Quintodecimo

Vino: Taurasi riserva QuintoDecimo

Annata: 2007

Abbinamento Gastronomico:  Locena di maiale cotta a bassa temperatura

Un aggettivo per il vino: Impenetrabile

4 Commenti a “I Maestri del Vino incantano Pozzuoli all’Abraxas”

  1. Mai giudicare senza aver prima assaggiato!

  2. D’accordissimo con lei. E, se me lo consente, quanto più alto è il peso specifico della responsabilità e della rappresentatività di chi giudica, tanto più “sicuro” deve essere il giudizio. Dunque, finanche assaggiare, talvolta, non basta. Dopo tutto, ritengo che il profssionismo in ambito enologico si deva proprio a questo. Ben vengano, dunque, i bevitori più rilassati, e ben vangano anche i sommelier, gli enologi e i veterani del gusto; purchè ognuno riesca sempre a riconoscere le coordinate ed i confini del proprio giudizio.

  3. Bravo Mauro, concordo con te. Il taurasi l’avrei aggettivato “sferico”.
    NOn ho proferito parola per tutta la serata trovandomi in cOmpagnia di Maurizio de Simone e Gerardo Vernazzaro e quando il prof si e’ seduto con noi tra me e Gerry per degustare l’aglianico e il taurasi, sono riuscito a dirgli solo che l’aglianico terra d’eclano era il suo vino. Lui ha sorriso con una bella luce negli occhi.

    • Grazie Mimmo. Direi che eri in ottima compagnia. E’ stato un vero momento di crescita, difficilmente sarà eguagliabile a breve. Quanto ai vini del Professore, io, invece, credo che il lavoro più straordinario (per innovazione sensoriale) sia stato fatto sui bianchi.. Ma, ovviamente, questo è solo un parere. In ogni modo sono d’accordo con l’mmedesimarsi (umanamente) del Professore con l’aglianico..
      Alla prossima!

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags