Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli

I Vini della Storia d’Italia – Solaria Jonica 1959

Pubblicato da aisnapoli il 27 - febbraio - 2012 Versione PDF

Di Mauro Illiano

Quando anni addietro mi dicevano che il vino è, prima di ogni altra cosa, emozione, non ci credevo. Troppo facile dicevo, troppo banale riassumere l’universo che vive in un bicchiere, così eterogeneamente determinato dall’unione di arte e scienza, in una semplice vibrazione dell’anima. Mi sbagliavo. Ed oggi ne ho la certezza. In un luogo in cui non immaginavo neanche di poter finire.. quel piccolo, magico e prezioso “(il) Luogo di Aimo e Nadia”, nascosto in una piega della Milano di fuori le porte, qualche sera fa ho avuto l’onore di partecipare alla Storia d’Italia. Accolto come un figlio da un uomo la cui nobiltà d’animo supera di gran lunga la stima lui conferita per le creazioni culinarie (Aimo Moroni), ho vissuto momenti di vera beatitudine. Una tavola ebbra di sentori, un amico e fratello con cui condividere, un luogo ospitale, ed un sommelier (Stefano Campaniello) di lucente abilità, hanno esaltato un momento di per sé già memorabile. Cosi, oltre quei piatti inneggianti alle più straordinarie espressioni della natura italica, ho avuto l’onore di saggiare vini dal sapore di leggenda. Un Riesling austriaco di Alzinger, un Etna Rosso de I Vigneri, una Vernaccia di Oristano di Contini del 1988, un Barolo Chinato di Cappellano e.. il Re di ogni altro. Sto parlando del Solaria Jonica ’59, vera Itaca degli appassionati di vino.

Come le grandi opere, nata per caso, questa bottiglia è passata subito alla storia. Figlia di un’usanza piemontese, ovvero quella di andare in Puglia a prendere le uve per dare forza ai propri vini, e della brillante e caparbia mente di Antonio Ferrari, che in un tempo remoto riuscì a capire i margini di espressività dell’uva Primitivo in un’altra forma; questa creazione fa della sua storia un unicum nel panorama enologico nazionale. Corre l’anno 1959 quando Antonio percorre i chilometri che lo separano da Novara alla Puglia, si carica di uve e fa ritorno in Piemonte. Giunto a casa, un solo pensiero rimbomba nella sua mente: dimostrare la grandezza del Primitivo, stavolta solo. Allora bramosamente custodisce quel vino destinato ad un invecchiamento originariamente ipotizzato di dieci anni.. ma il tempo fortifica in Antonio l’idea di stare scrivendo una pagina di enologia d’Italia. Così, quegli anni diventano venti, poi trenta, e poi più di quaranta.. E’ il 2000, ed Antonio Ferrari decide che è giunta l’ora di risvegliare il suo vino, il risultato è un capolavoro. Come la nascita di un grande Imperatore, la notizia corre più veloce della sua eco. Novara, Milano, Parigi, Bordeaux, Londra, fino ad arrivare negli Stati Uniti ed in Giappone, luoghi e persone ad assaporare qualcosa di irripetibile, divisi dalla sottile linea del giudizio, eppure uniti nella convinzione, alla quale entusiasticamente mi associo, che vi sono viaggi che possono riassumersi in un solo sorso, ed il Solaria Jonica ’59 è decisamente un sorso che val bene il giro del mondo.

Riassumerlo in una scheda risulterebbe riduttivo, poiché esistono creazioni alle quali l’uomo non è riuscito ancora a dare definizioni, e la storia di questo vino è parte di quelle entità degne di neologismi. A voi l’ultima parola, dunque. A voi l’eterno dilemma del giudizio di questo pezzo di storia d’Italia.

4 Commenti a “I Vini della Storia d’Italia – Solaria Jonica 1959”

  1. luca massimo dice:

    gentile signor mauro, le scrivo tutto il mio gusto per un articolo che mi riconcilia con i report sullo stappo. al solo vedere titoli che annunciano cronoenopanegirici usualmente mi si sloga la mandibola a colpi di sbadiglio. ohibò, ma qui mi sbaglio: con aulico cipiglio e stile che ha del meglio lei mette i concorrenti allo sbaraglio! ed io mi meraviglio. la prego, torni spesso ad onorare le elettropagine del blog. ha guadagnato un fan, non so se sia gran cosa, ma leggerla sarà un piacere.

  2. Il caso ha voluto che ci incontrassimo senza che io avessi prima letto il suo (tuo) commento. E, proprio come quelle cose che accadono per volonta Divina, le nostre persone si son trovate da sole.. Il tempo e la parola ci hanno poi confermato la pregressa stima reciproca.. ma tutto ciò è meraviglioso. Ti ringrazio per le parole che hai inteso spendere per i miei scritti. Già sei al corrente di ciò che penso dei tuoi. Spero di poter condividere con la tua mente – che definii geniale – altri momenti di vero gusto e sagace riflessione. A presto Luca ! Mauro

  3. Giorgio dice:

    Ho avuto il piacere di assaggiare il capolavoro di Antonio Ferrari circa 15 anni fa, e quei profumi sono rimasti ben fissati per molto tempo nella mia mente. Dopo tale periodo, tra le bottiglie stipate in cantina di un piccolo albergo in Valle d’Aosta, individuo l’etichetta del Solaria Ionica… e chiedo subito al gestore dell’hotel di poterla servire ai miei commensali. E beh..a distanza di 15 anni, quei profumi sono rimasti invariati… Capolavoro unico ed irripetibile, come descritto da Mauro Illiano.

    Un assaggio ed il ricordo sarà per sempre!!

  4. Giuseppe dice:

    Ne possiedo 12 bottiglie

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 07 nov 2014 al 07 nov 2014 alle ore:20:00

      7 Novembre Chenin Blanc, il camaleonte della Loira all’Enopanetteria con Ais Napoli

      Mancano: 12 giorni e 13:52 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 26 nov 2014 al 26 nov 2014 alle ore:20:00

      26 Novembre, Corso Sommelier di primo livello N.62 in partenza

      Mancano: 31 giorni e 13:52 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags