Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Breve storia di un corteggiamento

Pubblicato da aisnapoli il 12 - marzo - 2012 Versione PDF

Di Mauro Illiano

E, come ogni storia, anche quella del matrimonio della Mozzarella è giunta al termine. In quel della Città del Gusto di Napoli, l’organizzatore dell’evento, il Consorzio di Tutela della mozzarella di Bufala Campana Dop, ha dato modo ai piccoli chef di 10 istituti alberghieri italiani di mettersi in mostra e mostrare agli astanti le possibili interpretazioni della regina bianca. Interpreti del carattere del “marito ideale” sono stati: Luciano Pignataro (Presidente), Nicoletta Gargiulo (presidente AIS Campania), Mariella Caputo (sommelier, “Taverna del Capitano” di Marina del Cantone), Rosanna Marziale (“Le Colonne” di Caserta), Marianna Vitale (“Sud” di Quarto), Arcangelo Dandini (“Arcangelo” di Roma) e Marina Alaimo (segretaria, sommelier e wine writer), che, al termine di una degustazione alla cieca, hanno eletto il Lupi Terrae Friuli Grave 2010 di Borgo delle Oche come migliore vino da abbinare alla Mozzarella. Questa è la storia…

Questo, invece, è il nostro sunto:

BREVE STORIA DI UN CORTEGGIAMENTO

Tanti sfidanti a bramare la bella,

venti sfidanti per la Mozzarella.

Con tanta speme Vini e Spumanti,

son giunti a Napoli in veste di Amanti.

Il matrimonio dell’anno v’è stato,

un sol bicchiere solenne ha giurato.

Dopo il fluire gioioso tra i banchi,

resta il ricordo dei rossi e dei bianchi.

La Val d’Aosta, con il suo alfiere,

che ambiva al titolo di cavaliere,

Il buon Dolcetto del Monferrato,

che dai suoi simili fu scavalcato.

Blasonatissimo araldo lombardo,

venne beffato davanti al traguardo.

A nulla valse all’Alto Atesino,

farsi più bello e mostrarsi divino.

Di terra ligure un Vermentino,

venne ingannato come un bambino.

Il Bardolino, povero prode,

si rassegnò nonostante la lode.

E lo sfidante brioso emiliano,

fece di tutto eppure fu vano.

Un Melograno rubizzo e tosco,

fu rimandato a penare nel bosco.

Quanto ad Alborea, vino laziale,

non seppe il perché del no fatale.

Ci fu un Cervaro delle umbre vigne,

al qual diniego divenne insigne.

Finanche al calice di sangue marchigiano,

la bella trafisse il cuore nel negar la mano.

Tremò la terra al rifiutar di un decano,

era crollato l’araldo campano.

Venne poi il tempo di un vino abruzzese,

anche lui giunto per farne le spese.

Forte e deciso il messer del Molise,

nel suo cassetto il suo sogno ripose.

Persino un Re della Basilicata,

perse in battaglia onore ed armata.

Un signor fiano di lingua pugliese,

al fin esausto in terra si arrese.

Dalla Calabria soggiunse un Greco,

del quale strazio si ode ancor l’eco.

Il mondo tacque e fu silenzio umano,

Quando il no giunse ad un Don siciliano.

E ad un campion sardo venuto dal mare,

null’altro resta che il diritto a sognare.

Fine dei giochi, fin delle danze,

che del castello si approntin le stanze,

tornino a casa vini ed amanti,

non è più tempo di sfide e spasimanti.

La mozzarella ha scelto testé,

E’ un signor Grave il Re dei Re.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags