Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli

È vero che Greci e Romani bevevano il vino solo se tagliato con acqua? O aromatizzandolo con scaglie di formaggio e miele? Il nostro Falerno è il Falerno celebrato da Orazio? In definitiva, quanto è rimasto del mondo antico nelle nostre vigne e nelle nostre bottiglie?

Archeologia dei vini in Campania” è un affascinante e documentatissimo viaggio nella storia più lontana del vino alla ricerca delle tracce archeologiche della sua nascita e diffusione tra Grecia e Italia. Un’opera prima che colma un vuoto nel quale, nel corso del tempo, si sono radicati talvolta falsi miti o – peggio – false storie. Mancava alla copiosa saggistica sul mondo del vino il libro di Flavio Castaldo, che di questo argomento se ne occupa da archeologo e al contempo da produttore di vini – o, come ama definirsi lui stesso, un vignaiolo –. Con il rigore di studioso che lo contraddistingue e con la scorrevolezza dei migliori saggi divulgativi, Flavio Castaldo ci guida attraverso i primi secoli di storia della bevanda che, letteralmente, ha conquistato il Mediterraneo (e oggi il mondo). Esplora il mondo di Ulisse alla ricerca dei termini che Omero usa per definire i vari tipi di vini allora in uso, dimostrando che un “mercato” del vino esistette già in epoche molto lontane; ci mostra il ruolo di quest’ultimo nella vita quotidiana della Grecia arcaica e classica attraverso il racconto di poeti e prosatori; sfata luoghi comuni e falsi miti – talora in voga nell’industria enologica moderna –, e infine approda sulle coste della Magna Grecia per seguire il progressivo diffondersi della vigna e della vinificazione in Italia raccontandoci il progredire delle tecniche, lo specializzarsi ed ampliarsi delle fattorie e realizzando un prezioso “atlante” ragionato delle qualità di vini e vitigni antichi che copre tutto l’arco della storia repubblicana di Roma. Le fonti antiche, così, diventano una sorta di guida enologica all’Italia antica, una preziosa voce che, se seguita con l’esperienza di chi conosce dall’interno il lavoro nella vigna e nella cantina, ci permette di ricostruire con esattezza quello stesso lavoro nel passato. Non ultimo, il pregio di questo volume è di far luce sul ruolo essenziale che gioca in questo quadro la Campania, l’area produttiva più importante e dove ancora oggi, grazie ad una serie di fortunate concause, si può cogliere l’eredità di duemilacinquecento anni di cultura della “bevanda di Dioniso”.

Un Commento a “Novità in Libreria, Archeologia dei vini in Campania di Flavio Castaldo”

  1. Grazie, grazie mille per questa segnalazione. Attendiamo i vostri commenti; abbiamo bisogno, insieme all’autore, di confrontarci con voi che il vino lo conoscete approfonditamente dal punto di vista del gusto.
    Nel frattempo, buona lettura!

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 03 set 2014 al 03 set 2014 alle ore:18:00

      3 Settembre Aspettando Malazè, L’impronta geologica del Piedirosso nei Campi Flegrei: per un’enologia consapevole

      Mancano: 11 giorni e 13:28 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags