Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Vineyard Hopping – Monticchio Bagni (Pz) – Tenuta I Gelsi

Pubblicato da aisnapoli il 30 - luglio - 2012 Versione PDF

Di Karen Phillips

Abbiamo guidato attraverso l’Irpinia per raggiungere la destinazione del mio primo Vineyard Hopping al di fuori della Campania. Guardavo fuori dalla finestra della macchina mentre la familiare CAMPANIA ad un tratto è diventata BASILICATA … Stavo andando a Tenuta I Gelsi per un assaggio dell’aglianico della porta accanto. Un assaggio di Aglianico del Vulture, in provincia di Potenza, solo un paio d’ore da casa.
Siamo stati accolti da due filari di gelsi, mentre abbiamo girato a sinistra sul vialetto di ghiaia. Difficile non notare il suolo. Vulcanico, sì, ma non quello a cui ero abituata in Campania. Qui Monte Vulture e’ il re, con due crateri vulcanici, ora noti come laghi di Monticchio.
Oltre 800.000 anni di storia geologica erano evidenti negli strati del terreno emerso nel corso di un progetto di ristrutturazione vicino alla cantina. Terreno calcareo-argilloso e ricco di potassio. Era proprio lì dove ci siamo fermati, e una volta parcheggiato, siamo stati accolti da Ruggiero Potito, pronto a farci fare una passeggiata attraverso i vigneti vicini di Aglianico.
Bei grappoli d’uva che stanno maturando al sole. Ed è qui, nel bel mezzo di questa vigna, che ho imparato un po’ di cose su questa giovane cantina. In precedenza la famiglia vendeva le proprie uve ad altre cantine. Ma nel 2003 hanno deciso che era giunta l’ora del grande passo: imbottigliare e vendere il proprio vino, sotto il nome di Azienda Agricola Ofanto, dal nome del fiume che scorre placido in una valle vicina. Una cantina in continua evoluzione, alla ricerca della loro nicchia di mercato, e sempre in movimento ed in procinto di apportare delle modifiche. Già nel 2010, per esempio, hanno deciso di cambiare il loro nome. Altre modifiche negli ultimi due anni hanno riguardato i cambiamenti dell’etichettatura e l’inserimento dell’enologo irpino Carmine Valentino nella squadra. Ero curiosa di saperne di più … ma nel fresco comfort della cantina.

Dopo un rapido giro attorno alle vasche di acciaio inox, le barriques francesi e le botte nuove di Valentino provenienti dalla Slovenia, era giunto il momento di sedersi e di degustare del vino.
Il primo bicchiere versato, però, non era un Aglianico. E ‘stato un bicchiere di intensa e aromatica Malvasia. Gelso Bianco Basilicata Bianco IGT 2011. Un vino bianco che ha trascorso 3 mesi sulle fecce dopo che le uve sono state raccolte nella prima parte dello scorso settembre. E’ stato in bottiglia solo un paio di mesi, ed ha espresso intensi aromi di mele e di agrumi, nonché un interessante e vibrante acidità.
Abbiamo continuato la degustazione con qualcosa di fresco e leggero … una rosato a base di Aglianico del Vulture proveniente dalla parte più alta del vigneto. Gelso Rosa Rosato IGT Basilicata 2011. In bicchiere un colore rosa intenso e un sapore fruttato leggero e gentile.
È ora di passare ad un  Aglianico del Vulture in purezza… cominciando con il base Gelso Rosso Basilicata IGT annata 2009. Questo vino, prodotto con uve provenienti dai loro vigneti più giovani dei loro esprime intensi aromi quando ha lasciato la bottiglia ed è stato versato nel bicchiere. In acciaio inox solo, non c’è sosta in legno.

L’ultimo vino sulla nostra lista di degustare … Aglianico del Vulture DOC Basilicata 2008. Questo bicchiere di rosso rubino compatto ha trascorso 12 mesi in barriques di rovere francese. Questa era la filosofia della cantina nel 2008… prima di diventare una DOCG (annata 2011). E prima di, a partire dall’ultima annata, appunto la 2011, passare nelle botte grande. Ma prima di tutto questo il vino ha sviluppato i suoi aromi intensi che hanno continuato ad evolvere nei nostri bicchieri. Pieni di sapore. Un modo perfetto per concludere la mia introduzione alla Basilicata.

Sì …era la fine di questa visita, ma sapevo già di aver bisogno di tornare. E ‘stato emozionante vedere una cantina in continua evoluzione. Avrei bisogno di tornare e vedere come il progetto di ristrutturazione della cantina andare avanti. Ruggiero mi aveva mostrato i progetti di un’area allargata di vinificazione, nuovi uffici, sale di degustazione , e anche l’aggiunta di diverse sale per eno-turisti che volevano trascorrere la notte dopo aver esplorato la Basilicata.
Mi piacerebbe tornare, magari quando Valentino era in giro, e assaggiare alcuni campioni dai serbatoi di acciaio inox, o forse dalle botti .
E vorrei tornare e provare il loro passito prodotto con uve Moscato 100%. Un bicchiere che sarebbe stato perfetto al termine di un pranzo al sacco informale presso i vicini laghi di Monticchio. Una fetta o due di gorgonzola hmmm …

E non sarebbe troppo difficile tornare. Dopo tutto, la Basilicata è una vicina della porta accanto …

Tenuta I Gelsi
Contrada Paduli, Monticchio Bagni
85020 Rionero in Vulture (Pz) Basilicata

Versione in Inglese

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 02 ott 2017 al 03 ott 2017 alle ore:20:30

      2 e 3 Ottobre, I Finages di Borgogna all’Enoteca Scagliola

      Mancano: 6 giorni e 19:21 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags