Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

il Friariello gentile e la zuppa

Pubblicato da aisnapoli il 14 - novembre - 2012 Versione PDF

Di Pietro Parisi*

I friarielli di tutte le province della Campania, in particolare della zona nord-est di Napoli, del basso casertano, dell’agro nocerino sarnese e, in maniera marginale, della Piana del Sele e delle aree interne della Campania sono noti nella cucina napoletana soprattutto per la possibilità di essere abbinati ad altri ingredienti. La salsiccia, ad esempio, ha nobilitato nel tempo questo piatto, ma nella tradizione i friarielli erano consumati con scagliuozzi di polenta bianca, perché purtroppo la pasta per i contadini – in epoche lontane – era un vero lusso e se c’era si trovava solo sotto forma di “ramasuglia”, qualcosa di simile alla pasta mista di oggi, ma composta da tutte le parti rotte della pasta. I friarielli erano molto noti ai contadini ed erano importanti perché potevano essere utilizzati per ridare vitalità al terreno; non avendo fertilizzanti, infatti, i contadini facevano il “pascone”, che era costituito da broccoli di rape ed erbe selvatiche. Esistono tre tipi di friarielli, i quarantini, i sessantini e i novantini. I cafoni facevano la semina mista a settembre così con i primi freddi avevano già qualcosa di caldo con cui affrontare l’inverno e a marzo il tutto veniva zappato per concimare la terra. Una volta i friarielli non erano molto noti nel resto della nostra regione perché, producendo un grande quantitativo di gas, si infiammavano facilmente e ciò ne determinava un veloce ingiallimento. Per questo, di solito, i cafoni li trasportavano sempre bagnati all’interno di sacchi di iuta umidi. Oggi, invece, si riescono a trovare un po’ ovunque e, grazie ai più recenti metodi di confezionamento, la durata della loro vita si è notevolmente allungata. Nei periodi di grande abbondanza venivano anche conservati sott’olio per essere poi consumati in estate nelle cosiddette “Marenne” degli operai che venivano impiegati nella lavorazione dei terreni. La ricetta della zuppa di friarielli con tozzetti di scagliuozzi di granone bianco è veramente semplice. È sufficiente pulire i friarielli dalla parte delle coste e farli soffriggere per circa due minuti in olio, aglio e un pizzico di peperoncino e poi aggiungere due bicchieri di acqua piovana (spiegherò a breve perché i cafoni utilizzavano proprio l’acqua piovana). Intanto confezionate gli scagliuozzi, che vanno prodotti con 500 grammi di acqua e 200 di farina. Fate bollire il tutto e immergete a pioggia la farina girando sempre per una quindicina di minuti. Ricordate di salare e pepare l’acqua prima di immergere la farina. Dopo aver ottenuto un bel composto omogeneo e di una bella consistenza mettetelo in teglia e fatelo raffreddare, tagliatelo a forma di triangolo e friggetelo. Durante l’inverno è possibile anche arrostirlo sulla brace. A questo punto i friarielli belli umidi vanno messi in una fondina accompagnati dalla polenta e da una bella grattugiata di formaggio. È un piatto povero, ma di grande ricchezza.

*Chef Era Ora, 

Via Trieste, 147  Palma Campania (NA)

3 Commenti a “il Friariello gentile e la zuppa”

  1. massimo dice:

    E il perchè dell’acqua piovana che avrebbe dovuto spiegare a breve? :-)

  2. Pietro dice:

    Scusate se ancora non faccio un post sul le acque di recupero ma sono in Bulgaria sono di rientro giovedì e dirò del perché dell utilizzo dell’acqua di piscina

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 27 mar 2017 al 27 mar 2017 alle ore:15:00

      Campania – Salento Andata & Ritorno

      Mancano: 1 giorno e 01:03 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 31 mar 2017 al 31 mar 2017 alle ore:20:00

      31 Marzo, ASTORIA si presenta: 30 anni, 40 ettari e 9 vini

      Mancano: 5 giorni e 06:03 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 06 apr 2017 al 06 apr 2017 alle ore:20:00

      6 Aprile, Trappist-10, 10 birre per 10 birrifici trappisti all’Hotel Renaissance

      Mancano: 11 giorni e 06:03 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags