Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Dieci Gocce di Terra

Pubblicato da aisnapoli il 1 - aprile - 2013 Versione PDF

Di Luca Massimo Bolondi, Mindelo Marzo 2013 vulcano-con-vigna

Amici, conoscenti, gente aperta, grazie per l’attenzione al mio narrare, voglio invitarvi a fare una scoperta portandovi con me sull’alto mare. Dell’Africa ora andremo sulle terre che dall’oceano sono circondate, che non conoscon traffico né guerre, e son di creola gente popolate. Sono isole di roccia e rena rossa che gli alisei carezzan tutto l’anno, cui il tropico del Cancro scalda l’ossa, e pioggia è rara, ché se dà fa danno; ricche di gente povera ma vera, che il giogo lusitano un dì ha provato, ma che, d’africo orgoglio resa fiera, sola l’indipendenza ha conquistato. Gente che un cinque luglio d’anni orsono ha preso per la mano il suo destino; da allora non fu tutto bello e buono e ancora lungo assai pare il cammino, ma ognun creolo, bedju o figlio d’altrove lavora e del buon dio attende le prove. weitweitwegOgn’isola di questo bel paese ha forma e vocazion particolare, le unisce una nazion senza pretese e le separa solo il grande mare. Una si chiama Sale, un’altra Fuoco e ben puoi immaginarne la ragione, l’una fu una salina ed oggi è un loco ove il turista passa da padrone; l’altra è un vulcano attivo, coltivato da bravi vignaioli che l’altura, per fare un vino forte e profumato, sfidano, e con essa la natura. Isole inoltre son Boavista e Maggio, dove la sabbia regna sugli umani, oggetto di saccheggio e d’arrembaggio di imprenditori dalle lunghe mani. Infine ecco le belle, e non per niente, quelle cui dato fu nome di Santo: Nicola, Tiago, Antón, la mia Vicente, quelle che abbandonar causò gran pianto poiché per tempo e per generazioni sempre vi fu chi andò a cercar fortuna migrando sulle navi o alle nazioni lasciando mogli e figli in terra bruna. Mindelo, in São Vicente, capitale di una cultura tutta da scoprire, di un grande tumultuoso carnevale e d’arti liberali a non finire; Mindelo, che ti accoglie col sorriso al suono di un concerto per la strada, a notte, quando mostra il suo bel viso di isola gaudente e indaffarata… Mindelo é capital di barlavento, tra Antón e Nicolau, poco lontano, pont d'aguache a vista fanno da coronamento e paiono toccarsi con la mano. Nicola e Antòn, dai monti aguzzi e duri, proteggono riberas verdi e vive di corsi d’acqua, lungo le cui rive crescon le canne e corrono i tratturi. Si fa in codeste terre produzione di un distillato che nel mondo è noto, di cui si fa ben poca diffusione ma un gran parlar, quando il bicchiere è vuoto; la storia narra che le baleniere andando per l’Atlantico a pescare facessero del Grogue il proprio bere, che nel barile stava ad invecchiare. Da canna ben premuta il succo pregno viene con cura prima fermentato, poi viene in alambicco distillato, e infine posto a riposar nel legno. Il vecchio Grogue, dal bel colore ambrato, quasi ti può stordire di profumo, riempie di nostalgia chi l’ha provato e affascina chi l’ode da qualcuno. Eppoi, da grogue bianco, aum pais faz-se com livros! Sao Vicente, mescendolo con miele e aromi vari si fa quel Pontche che, di pari esente, caldo ti scalda e pare il cuor dei cari. Bevande antiche eppure sempre attuali, che parlano di isole lontane dall’astio e dalla fretta occidentali, più prossime al buon dio che ai capitali, repubblicane come le banane, piene di suoni e musiche ancestrali, con qualche rissa nell’ore serali, notti in cui canta un gallo e qualche cane. Scogli, vento, silenzio e vino forte per dar ricetto e allontanar la morte. Amici, conoscenti, miei lettori che ho avuto qui il piacere di invitare, venite dunque e aprite i vostri cuori al capo verde che vi sta a chiamare: Atlantide vi aspetta, sorridendo, la pelle giá piú scura, per il sole che tutto l’anno quí brilla splendendo! E l’occhio dia conferma alle parole! lucamassimo.bolondi@gmail.com Mindelo, 18 marzo 2013

4 Commenti a “Dieci Gocce di Terra”

  1. “Sicuri dunque e a testa alta, in qualsiasi luogo ci toccherà di andare, avviamoci con passo intrepido, misuriamo ogni angolo di terra, quale esso sia: entro i confini del mondo non vi può essere esilio di sorta; nulla infatti che si trovi in questo mondo è estraneo all’uomo. Da ogni terra lo sguardo si solleva al cielo sempre ad ugual distanza, tutto ciò che è divino dista sempre del medesimo intervallo da tutto ciò che è umano”. Lucio Anneo Seneca, “De Consolatione”
    Con vero piacere rileggo le tue parole Luca. Che il buon vento ti accarezzi, sempre

  2. Franco dice:

    luca bolon, luca bolondi bell
    prepara per il Duca ‘a stanzulell
    che prima che di me ne resti poco
    mi vengo a fa’ ‘na cammenata in loco

    (da quando ti ho letto, parl’ accussì)
    sei un grande.
    Franco

  3. giuseppe ricciulli dice:

    Bravo Luca,
    in genere quando Tu descrivi un vino fai venire voglia di berlo. Adesso hai fatto venire voglia di visitare le dieci isole dell’Arcipelago di Capo Verde e magari di assaggiare il grogue.
    Scrivi ancora qualche altro pezzo, per favore, perchè non capita tutti i giorni di avere un grande sommelier in un piccolo Paese così lontano.
    Auguri affettuosi
    Geppy Ricciulli e tutto lo staff di Napoli

  4. luca dice:

    …signori! ecco, balbetto e non declamo, sono confuso da tanto commento, sono felice nel leggere gli amici, sono scoppiato in una risata di gioia e ho avuto i brividi. franco, mauro, non dico grazie dico evviva! vivi mi è testimone di quanto accaduto. e rileggere seneca, mauro dio ti benedica per la felicità della scelta…

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 31 mar 2017 al 31 mar 2017 alle ore:20:00

      31 Marzo, ASTORIA si presenta: 30 anni, 40 ettari e 9 vini

      Mancano: 3 giorni e 10:44 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 06 apr 2017 al 06 apr 2017 alle ore:20:00

      6 Aprile, Trappist-10, 10 birre per 10 birrifici trappisti all’Hotel Renaissance

      Mancano: 9 giorni e 10:44 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags