Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Serpico in mescitaDi Donatella Bernabò Silorata
Il minimal e il barocco. Potremmo stigmatizzare così gli ultimi due appuntamenti di Datè per Wine&Thecity 2013 che si sono svolti il 15 e il 17 maggio. Protagonisti due vini straordinari: il Serpico di Feudi di San Gregorio e l’Ambruco di Terre del Principe. I set prescelti da Fabiana Longo, ideatrice di Datè, sono agli antipodi: un attico contemporaneo di Posillipo con terrazza spalancata sul golfo, tagli rigorosi, molto bianco e design; una casa antica, densa di suggestioni, in un palazzo del Settecento di via Foria con ampie stanze, soffitti alti, frammenti di affreschi, antiche maioliche al pavimento, pochi arredi (contemporanei) e grande atmosfera. Due case di architetti, come vuole la formula Datè: la prima della coppia videoscritturePaola Jandoli e Andrea Pisapia, la seconda di Antonio Martiniello alias Keller Architettura. Per ciascuna serata 20 ospiti come da copione, una prima stanza definita di “decompressione” e tre chef ai fornelli. Nel primo caso allestimento di design con gli oggetti di SuDesign e le ceramiche Bhumi; nel secondo l’opera diffusa firmata da Carla Giusti che ha riempito di piatti (uno diverso dall’altro per dimensione, epoca, stile, decorazione) un’intera stanza lasciando a ciascuno la scelta del proprio. Ad unire le due serate è stato però le stesso rituale riservato al vino: abbassate le luci, gli ospiti sono Il Barocco a Tavolastati invitati a sedersi per terra. Silenzio. Poi suoni di acqua in sottofondo. Sembra l’incipit di una meditazione collettiva, invece no. Due persone dello staff Datè stendono a terra un runner realizzato per l’occasione da Mariaelisabetta Longone da Barcellona su cui si legge la frase “ed ora che c’è vino, e fiori ci sono e amici lieti di ebbrezza”. Sul runner, per terra, vengono disposti i calici: 20, uno per ogni ospite. Il vino viene versato lentamente, i suoni e le luci basse enfatizzano il gesto che diventa rituale. Marialuisa Firpo, voce narrante della serata, ha recitato le schede organolettiche dei vini. Due vini non comuni: il Serpico, l’aglianico che viene dai vigneti storici dell’azienda Feudi di San Gregorio e l’Ambruco, Pallagrello nero in purezza, gioiello di Terre del Principe, Tre Bicchieri del Gambero rosso 2013. Ad accompagnare il vino è stata la pasta di Pastificio dei Campi, interpretata dagli chef Carlo Olivari, Tato Calì e Paola Il barocco, interniCarratù, e raccontata da Giuseppe Di Martino in persona (nella serata del 15). A chiudere le serate è stata la performance di Marialuisa Firpo e Gabriella Grizzuti: la prima recita, la seconda scrive su una lavagna luminosa che rimbalza sulla parete frammenti di testo. Se nella prima serata la storia del “limone femminello e della grande bottarga” ha fatto sorridere tutti, nella seconda Marialuisa ha letto una lettera d’amore scritta da Manuela Piancastelli al suo Peppe per festeggiare dieci anni di amore, dieci anni di Terre del Principe. Auguri!

Ps

Mai una uguale alle altre. Sono così le cene di Datè: nomadi nella loro accezione più pura. Itineranti, diverse nei contenuti, nelle proposte, nei cibi, nei luoghi, nelle persone. Per questo sono curiose, spiazzanti, coinvolgenti. Certo bisogna avere lo spirito giusto per riuscirne a cogliere la filosofia. Chi ci riesce ritorna, ne prenota un’altra e un’altra ancora.

Un Commento a “Datè, il minimal e il barocco…gli eventi OFF di Wine and the City”

  1. letizia dice:

    Sono felice di avervi conosciuto!!!!! Un abbraccio a tutti e complimenti !

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 08 nov 2017 al 08 nov 2017 alle ore:20:30

      Dall'8 Novembre, Sommelier del Whisky in quattro lezioni all'Enoteca Scagliola

      Mancano: 18 giorni e 01:39 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 09 nov 2017 al 09 nov 2017 alle ore:20:00

      9 Novembre, Non solo Oktoberfest al Renaissance Mediterraneo

      Mancano: 19 giorni e 01:09 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags