Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Corsi e ricorsi storici: vino e argilla

Pubblicato da aisnapoli il 17 - ottobre - 2013 Versione PDF

ritorno all'argillaDi Marina Ciancaglini

Un materiale naturale quello dell’argilla, che sin dall’antichità, ha avuto tra i vari usi anche quello di contenitore per il vino ma che nella storia enologica contemporanea si sta riaffermando sia come contenitore di affinamento, in sostituzione alle botti di legno, ma anche per la fermentazione. Della sperimentazione in cantina e delle caratteristiche dei vini prodotti in argilla si è parlato durante il convegno-degustazione “Ritorno all’argilla”, ospitato nella Tenuta Rubbia al Colle, a Suvereto, della famiglia Muratori, lo scorso 15 ottobre. In questa occasione si è voluto fare il punto sull’uso di questo materiale, usato sia come anfora sia con altre forme, le cui caratteristiche sono il controllo delle temperature, soprattutto se i contenitori vengono interrati, e dell’ossigenazione e soprattutto una minore caratterizzazione olfattiva rispetto al legno.
I vini in degustazione, raccontati da Luca Gardini e introdotti dai produttori, con stili e provenienza geografica di diversa, hanno evidenziato uno stile di ricerca della qualità che non prescinde da una ricerca di naturalità, sia in vigna che in cantina.
Note di degustazione:
Caposonato – Vinicola Savese (Sava, Ta). Un Primitivo di Manduria prodotto dall’assemblaggio di due differentiPithos e Morei annate (’84 e 85), lasciato riposare sotto la terra per circa 30 anni nei “capasoni”, tradizionali contenitori in terracotta da 230 e 270 litri e imbottigliato nel 2012. Il vino è complesso, da meditazione, in continua evoluzione nel bicchiere, ha note di pepe, zenzero, confettura di prugne, man mano rivela sentori di tabacco da pipa e liquirizia. Il finale riporta una discreta acidità a bilanciamento di un attacco dolce.
Pithos Rosso 2012 – Azienda Agricola Cos (Vittoria, Ra). Una delle aziende che fanno parte della rinascita dei vini siciliani produce questo blend di Nero d’Avola e Frappato, vinificato in anfora con lieviti indigeni. Una sperimentazione, quella dell’anfora, che ha raggiunto la sua 14° vendemmia, unita alle pratiche della viticoltura biodinamica. Pithos, vinificato in giare da 400 litri, si presenta al naso con una bella balsamiticità, richiamata in bocca da note salate e di cappero.
Teroldego Morei 2010 – Foradori (Mezzolombardo, TN). Una grande donna del vino Elisabetta Foradori, che da anni lavora con le anfore, all’interno di un più ampio progetto di viticoltura biodinamica e di ricerca dell’espressività del terroir. Anche questo vino fermenta e si affina in giare. Un Teroldego elegante, com’è lo stile Foradori, che si esprime olfattivamente con piccoli frutti rossi e grafite, per svilupparsi sul palato con una vibrante acidità e freschezza.
Barricoccio® 2010 – Tenuta Rubbia al Colle (Suvereto, Li). La tenuta toscana della famiglia Muratori ha messo in campo un Sangiovese in purezza affinato in barrique fatte completamente con l’argilla, ottenute dopo varie sperimentazioni, al fine di eliminare lo scambio tra vino e ossigeno (la “barrique” è rivestita di cera d’api, quindi impermeabile) e la cessione dei tannini del legno. Un vino mediterraneo, con note di timo e alloro ma anche floreali, in bocca è semplice e fresco.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags