Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Datè speciale, appuntamento in chiesa

Pubblicato da aisnapoli il 25 - febbraio - 2014 Versione PDF

datè 3Di Donatella Bernabò Silorata, The Wine Insider
Circa un anno fa abbiamo raccontato su questo sito la prima cena nomade di Datè, gli esperimenti di cucina temporanea in case di architetti e designer. Poteva sembrare un qualcosa di effimero, l’ennesima moda stravagante, un divertissement del momento. Invece, un anno dopo, il format ideato da Fabiana Longo con la collaborazione di una squadra affiatata che vede insieme cuochi, grafici, architetti, designer e fotografi, continua. Siamo allora tornati a provare. L’appuntamento del 15 febbraio era presentato in calendario come un “Datè speciale”. E lo è stato. L’indirizzo comunicato non anticipava molto. Arrivati al numero civico Datèindicato, ci siamo trovati davanti non una casa, ma una chiesa: la chiesa di Santa Caterina da Siena, capolavoro del barocco napoletano, sede della Fondazione di Musica Antica Pietà dei Turchini. Entriamo in punta di piedi. Inizia il viaggio Datè per trenta commensali ignari di tutto. La navata ci accoglie col suo sfarzo di ori e stucchi. Sugli altari delle cappelle laterali lo chef Datè, Carlo Olivari, prepara un’acqua santa che è un brodetto di cozze. Sull’altare maggiore è pronto il vino: nei calici c’è il Terre Cerase di Villa Matilde. Silenzio, inizia la performance di Maria Luisa Firpo, da datè 4sempre voce narrante di Datè, accompagnata questa volta da Diego Nuzzo. Ma siamo in un luogo di musica e a ricordarcelo arriva il duo Ausonia, Gennaro Cardaropoli e Piercarmine Garzillo, violino e piano. La cena viene finalmente servita nella sacrestia al lume fioco delle candele. Un’unica lunga tavola per 30 persone, è stata apparecchiata da una decina di designer. Il mio posto è una cornice barocca riempita di acini d’uva, bella installazione di Carla Giusti. Il menu gioca col sacro e il profano: millefoglie di ostie per iniziare, mezzi paccheri alla puttanesca redenta (in bianco con filetto di seppia piastrata), il vitello d’oro. Nei bicchieri il Fiano d’Avellino Docg delle Tenute d’Altavilla di Villa Matilde e il Falerno del Massico Rosso, vino emblema dell’azienda casertana. Per il dessert ci alziamo, percorriamo gli ambienti del convento, saliamo al piano superiore fino a raggiungere il coro ligneo del 1700 date 2che si affaccia sulla navata. Emozione pura. Mangiamo seduti dove un tempo si sedevano le monache a cantare: ile flottante con crema calda alla vaniglia bourbon del Madagascar e nel bicchiere l’Eleusi, passito da uve falanghina, di Villa Matilde. Abbiamo cenato, ascoltato, scoperto, osservato. E dopo un anno possiamo ribadirlo: le cene Datè non sono cene clandestine (anche se ne mutuano alcune modalità di comunicazione); non sono supper club o pop up restaurant. Sono molto di più, un mix di gastronomia nomade, teatro, arte, design, viaggio. Sono contenitori mobili e nomadi che si aprono e accolgono, di viaggio in viaggio, nuove esperienze.

Foto di Francesco Semmola

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags