Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Sferici e sereni

Pubblicato da aisnapoli il 18 - maggio - 2014 Versione PDF

1la batteria dei bianchi evolutiDi Giuseppe Rea

Partecipare ad un seminario condotto da Armando Castagno significa partecipare ad un evento esclusivo, con tanti punti di riflessione, legati a tutto tondo alla cultura dei vini d’eccellenza ed a un nuovo modo di proporli e raccontarli.

Non è la prima volta che partecipo e ogni volta mi colpisce l’atmosfera unica che si respira, trasposta ai presenti grazie alle capacità di una squadra di professionisti del vino.
E’ opinione condivisa generata dalla “narcosi” enologica degli anni ’80, che il vino rosso sia, per sua natura più longevo del vino bianco; quando poi si tratta di vini bianchi minori o addirittura aromatici e dolci, il pensiero legato all’invecchiamento, si allontana definitivamente.
Siamo, infatti, abituati a credere, che una delle tante differenze tra vini bianchi e vini rossi, sia una questione legata alla durata nel tempo, caratteristica, questa, non distintiva dei primi.
Il problema della longevità è decisamente simile alla longevità degli esseri umani, è infatti possibile stimolarla attraverso diverse regole comportamentali, ma qualsiasi cosa si faccia, il risultato resta quasi sempre imponderabile.
L’attenzione sulla longevità dei vini bianchi, nasce senza dubbio prima in Francia che in Italia, non a caso il vino più longevo al mondo è un bianco francese, Château-Chalon (Jura), vino definito diabolico per aver stretto un patto con il diavolo, secondo tradizione dovrebbe invecchiare sei anni, sei mesi e sei giorni.
I tappi della degustazionePremesso, che in via generale, i vini bianchi hanno più necessità di protezione, le armi, necessarie per bilanciare alterazioni di natura spontanea e non, sono essenzialmente due, legate a fattori esogeni ed endogeni, lo sviluppo di anidride solforosa indotta dal dosaggio e anche dalla fermentazione alcolica, le perfette condizioni di conservazione in cantina, l’utilizzo di legni viversi, l’acidità fissa e l’estratto secco, a puro ma indispensabile complemento.
L’Italia, quella dalle uve d’oro non emula, reagisce e dalla Sicilia al Friuli, in forza di un’antica tradizione, utilizzando un protocollo di vinificazione tutt’altro che modaiolo, forte di una tecnica ragionata ma unica, genera vini bianchi differenti, gli “orange wine”, frutto di una fermentazione in rosso.
Sono questi vini evoluti, hanno più talento rispetto al passato, una marcia in più ( il glutatione) hanno conosciuto legni diversi, costretti dal tempo a confrontarsi con l’ossigeno e spogli della corazza tartarica, donano una cromaticità inattesa, naso lirico e note di seria dolcezza.
Bene, la lezione è terminata, mi allontano quindi dall’aula, preferisco evitare l’ascensore e con timido sorriso scendo i pochi gradini che mi portano al parcheggio, in verità sono un po’ confuso ma sicuramente più tranquillo e sereno, sì, sereno come i vini che ho appena conosciuto.

Un Commento a “Sferici e sereni”

  1. gennaro miele dice:

    Mi dispiace di aver perso il seminario ma mi sarebbe dispiaciuto ancor di più perdere questo splendido articolo, umano e professionale. Giuseppe Il diVINO

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags