Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Oktoberfest alla napoletana nel cuore della Sanità

Pubblicato da aisnapoli il 6 - novembre - 2014 Versione PDF

Rosaria Castaldo, Ciro Oliva, Monica PiscitelliDi Fosca Tortorelli

Siamo alla Sanità, un quartiere popolare fonte d’ispirazione per cinema e teatro, che ha dato i natali a Totò e ispirato Eduardo De Filippo. Proprio in questo rione, denso di storia, cultura e criticità, si trova la pizzeria “Da Concettina ai Tre Santi” della famiglia Oliva, aperta dal 1951 (la scelta del nome “I Tre Santi” è un omaggio all’edicola votiva che si scorge all’esterno del locale), che già da un anno prosegue nella sua nuova veste, investendo con studio e dedizione, nella continua ricerca di materie prime scelte tra le eccellenze della Campania.

La serata nasce con la scusa di vivere una sorta di Oktoberfest alla napoletana, dedicando l’evento, oltre alla birra (che Paulaner lancia in questo periodo dell’anno per la gran festa di Monaco di Baviera), anche alla presentazione della nuova “Pizzologia Oliva” Autunno – Inverno.

Pizza Luna RossaUna serata piacevole e informale che è stata abilmente organizzata da Rosaria Castaldo, Monica Piscitelli, con la preziosa collaborazione di Fabio Ditto. Una breve introduzione e presentazione da parte del giovanissimo Ciro Oliva sulla serata e sui piatti che seguiranno, evidenzia la sua chiarezza comunicativa, la sua determinazione e la voglia di crescere, puntando sempre di più alla ricerca di un impasto leggero e digeribile e alla scelta di ingredienti di alta qualità, tali da rendere le sue pizze complete e uniche.

Una trilogia di fritti precede le pizze, si parte da un migliaccetto fritto – ricetta di antica tradizione, difficile da trovare nelle tante pizzerie cittadine – caratterizzato da un’incisiva nota pepata che esalta la fragranza e rafforza la gentilezza della polentina; segue un’impeccabile frittatina di maccheroni, di estremo equilibrio; la croccantezza esterna si sposa perfettamente con il cuore morbido, dove una besciamella leggera crea l’indissolubile legame del ripieno senza impastare la bocca. Si conclude con un tocchetto di baccalà pregevole, un trancio alto di mussillo islandese Jolanda de Colò, perfettamente dissalato e ricoperto da una sottile e fragrante tempura fatta con farina di riso, tale da avvolgere in modo delicato ma presente  la carnosità del pesce.

In abbinamento a questi primi tre assaggi è stata scelta la 111 Zwick’l del birrificio tedesco Auerbräu Rosenheim, un perfetto esempio di birra non filtrata, molto gustosa ma allo stesso tempo leggera e gradevole, che si rivela al palato con un ottimo bilanciamento tra malto e luppolo.

IMG_9309Poi in successione vengono presentate e servite le nuove pizze stagionali, la “Margheritissima” con doppio pomodoro (pomodoro Miracolo di San Gennaro e pomodorino del piennolo Casa Barone), mozzarella di bufala del Minicaseifico Costanzo, tocchetti di parmigiano reggiano stagionato 48 mesi dell’azienda Malandrone, olio evo Le Tore. Dove l’unico suggerimento che mi permetto di dare a Ciro, è quello di optare per una presentazione diversa del parmigiano, ossia a scaglie piuttosto che a cubetti, per renderlo più integrato nella semplicità degli ingredienti che compongono la farcia. Come secondo assaggio viene servita la “Terragna” con lardo, patate del Matese schiacciate aromatizzate, provola affumicata e porcini, senza dubbio autunnale e saporita. Infine la “Luna Rossa”, composta da zucca lunga di Napoli (dell’Orto va in Città), provola affumicata, noci di Vico Equense, salsiccia rossa di Castelpoto piccante e cacioricotta del Cilento. Una pizza completa, di grande struttura ed equilibrio, innovativa anche per la consistenza della zucca, che solitamente viene utilizzata sotto forma di crema. Stavolta ad accompagnare le pizze è stata scelta la Paulaner Oktoberfest alla spina, birra dal gusto corposo con una gradazione alcolica pari a 6% vol.

Per chiudere in dolcezza si è scelta un’altra eccellenza, Il fiocco di neve della pasticceria di Ciro Poppella (situata nello stesso rione) , delle piccole brioches ripiene di una crema a base ricotta, impreziosite dal cioccolato artigianale di Piluc fondente, gianduia e bianco, abbinate ad una curiosa e piacevolissima birra piemontese alle castagne del microbirrificio Strada San Felice, dal colore ambrato carico e con un aroma molto delicato e ben bilanciata al gusto.

Un plauso a Ciro e alla sua famiglia, ai quali auguro di proseguire il loro percorso di crescita con la determinazione, l’autenticità e la professionalità che li caratterizza.

“Si realizzano sempre le cose in cui credi realmente; e il credere in una cosa la rende possibile.”

(FRANK LLOYD WRIGHT)

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags