Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Tra…Monti e Mare

Pubblicato da aisnapoli il 28 - gennaio - 2015 Versione PDF

Foto di Gruppo Terra dei vini

Alla mia terza visita con “Terra dei … Vini”, l’EnoGiro del nostro territorio, non cessano le occasioni per stupirmi e mostrarmi realtà coraggiose ed appassionate. Sorpassato il valico di Chiunzi, lo scorso 17 gennaio abbiamo scoperto le vigne di Tramonti, visitando le cantine Apicella e Monte di Grazia che dalle pendici dei Monti Lattari guardano dall’alto scorci di mare della costiera amalfitana, su terreni realmente rubati alla montagna! Prisco Apicella proprietario ed enologo dell’azienda, ci conduce per primo tra le sue viti, impianti storici a raggiera patrimonio dell’Unesco, per la maggior parte viti autoctone e a piede franco, come ad esempio la Pepella – così chiamata perché ha acini grandi come un grano di pepe – e il Tintore, che insieme al Piedirosso, alla Ginestra, al Biancazita e al Biancatenera (Falanghina e Biancolella ripsettivamente) costituiscono la base dei vini Costa d’Amalfi DOC. E’ emozionante vedere viti di circa 200 anni, che hanno resistito al tempo e, fortunatamente, alla maledetta fillossera! Dopo aver visitato anche la vigna detta “’A scippata”, impianto risalente agli anni 1930, da cui si ricava l’omonimo vino riserva, pendente sulla montagna quasi quanto la costiera sul mare, e mostrataci la potatura degli impianti storici, Prisco ci conduce in cantina, dove ci ha spiegato il processo di vinificazione e ci mostrato le botti e le storiche vasce di cemento. Montanare, ricottine al miele di castagno, verdure dell’orto, pizza rustica e un’ottima zuppa di farro e fagioli accompagnano la degustazione del bianco “Colle di Santa Marina”, il Rosato e il Rosso “Tramonti”, ed infine ‘A Scippata in magnum riserva 2008. Vini sinceri e pietanze contadine … il perfetto abbinamento, raccontato da Ernesto. Giuseppe Apicella Terra dei vinici svela come ha ottenuto la IGT Tramonti: grazie al fatto di aver lavorato in Piemonte… da piccolo. Se il vino di Gattinara era riuscito a ottenere l’omonima denominazione IGT, perché non quello di Tramonti? E così, un giorno si trovò a passare nella sua cantina l’amico piemontese Ezio Greggio, vignettista oltre che show man, che gli disegna la prima etichetta del suo Tramonti Rosso, la cui commercializzazione provocò non poche difficoltà amministrative, ma la caparbietà e la grande determinazione di Giuseppe, fecero il resto ed il gioco-giustizia fu fatto! Appagati e sazi di informazioni, ci dirigiamo alla cantina Monte di Grazia, una azienda agricola biologica che ancora coltiva il terreno alla maniera dei vecchi contadini, non conoscendone altri metodi, col sistema del sovescio e il letame come concime. Le vigne sono allevate a raggiera, utilizzando pali di castagno come tralicci. Qui si produce solo con uve autoctone: Biancatenera, Pepella e Ginestra per il bianco e Piedirosso, Tintore e Moscio per il rosso, rendendo i vini di Monte di Grazia espressione quasi integralista del territorio. La giornata è fredda, ma l’accoglienza di Alfonso Arpino fa sì che al nostro arrivo troviamo anche un bel fuoco acceso e una lunga tavolata di legno imbandita con salumi e formaggi locali, per apprezzare al meglio la degustazione. Purtroppo non possiamo portare a casa nessuna bottiglia, perché per la maggior parte già tutte vendute o prenotate per i prossimi anni! Porteremo con noi i sentori profumati, i sapori della terra, il calore umano e quell’abbraccio alla vite ultracentenaria che Ernesto Lamatta ci ha fatto provare, e immortalare in foto, che difficilmente potremo dimenticare.

Cos’altro dire? Alla prossima visita! AIS-ta la vista!

Foto di Anna Ciotola

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 25 set 2017 al 25 set 2017 alle ore:11:00

      25 Settembre, Bere e Passione Day all’EnoPanetteria

      Mancano: 4 giorni e 17:36 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags