Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

11147250_10206347093417420_9154827844456972646_n

Di Valeria Avara
Una passeggiata tra le colline poste a 600 mt sul livello del mare, le più alte in questa zona, che sembrano non finire mai, il sole e il vento che ci ha accompagnati con grande entusiasmo tra le vigne che guardano il Monte Vulture: siamo a Barile, in Contrada Solagna del Titolo, con l’appassionata Elena Fucci e il padre Salvatore, con i quali abbiamo condiviso questa esperienza unica, immersi tra i vigneti allevati a guyot corto, e in parte,  anche con il tradizionale capanno vulturino, su di un terreno vulcanico e fortemente minerale.
Un terroir storico, contraddistinto da vigneti antichi condotti dal nonno Generoso e da un terreno segnato da più fasi eruttive che hanno creato un substrato composto da strati di argilla alternati a strati di colate laviche, lapilli e ceneri, stratificazioni che abbiamo ammirato passeggiando lungo i fianchi scoperti della vigna.
Giunti in cantina, abbiamo degustato Titolo, l’Aglianico del Vulture di Elena Fucci, che prende il nome dalla contrada Solagna del Titolo: fermentazione in rosso con temperature non maggiori ai 22-24°C, cui segue la maturazione in barriques nuove per circa 12 mesi, e infine l’ affinamento in bottiglia per 12 mesi.
Un vino dal colore rosso rubino con riflessi granato, dal profumo ampio e accogliente, con nuance dal timbro fruttato e speziato, sentori di rosmarino, tabacco e cannella. Grande personalità ed eleganza, di cui subito ci si innamora.
10562555_10206347110457846_5227925483732258548_oGustosi prodotti locali accompagnano Titolo, coronando la genuina e impeccabile accoglienza di Elena e di Salvatore Fucci.
Uno sguardo infine alla cantina, in costruzione, che sarà realizzata utilizzando solo materiale di recupero e tecnologici a impatto zero, riducendo i consumi energetici.
Con la promessa di ritornare quanto prima, li salutiamo con calore per proseguire la nostra giornata verso il nord-est del paese, alle spalle delle cantine, dove c’é il sheshë, un massiccio collinare caratterizzato da una miriade di grotte scavate nel tufo ed adibite, nel passato ed oggi in misura minore, a depositi per la conservazione del vino, in quanto assicurano una temperatura costante di 16-18°C.
10924828_10206347181619625_7123157236811736511_oIn questo scenario meraviglioso arriviamo in via delle Cantine, presso l’azienda Basilisco, 25 ettari di vigneto a conduzione biologica, disposte dai 450 e i 600 metri dal livello del mare.
Ad accoglierci Viviana Malafarina, che gestisce con passione l’azienda, con la quale il nostro cammino inizia.
Tra i vigneti di questa azienda che nasce all’inizio degli anni novanta, ci lasciamo affascinare non solo dalle cura delle bellissime vigne, ma anche dalla ricchezza della natura con rigogliosi alberi da frutto e ulivi, e un territorio incontaminato che ci mostra la varietà del terreno dovuta alle eruzioni passate del Vulcano ormai spento, le grandi pendenze e il tradizionale allevamento a capanno tipico della zona lucana che Basilisco sta recuperando in grande stile.
Ci aspetta ancora la cantina in un favoloso palazzo del XVI secolo, dove gli spazi dedicati alle fasi di vinificazione e di affinamento, sono ricavati all’interno delle grotte di tufo scavate a mano dai primi profughi albanesi insediatesi a Barile verso la fine del 1500.
Visitiamo affascinati la cantina, la barricaia e il caveau storico dell’azienda!
10914958_10206347159059061_3022198705373117334_oNel cortile esterno, ampio e accogliente degustiamo i vini  Sophia, Teodosio e Basilisco.
Sophia è un fiano, che ha seguito la maturazione in serbatoi di acciaio inox con permanenza sulle fecce. Luminoso giallo paglierino. Profumo intenso di fiori freschi, con una sfumatura di rosa che arriva facilmente al naso. Gusto avvolgente e sapido.
E subito dopo i due Aglianico del Vulture, Teodosio e Basilisco.
Teodosio che prende il nome da un imperatore bizantino la cui effigie è riportata su una moneta del V secolo, che è il simbolo dell’azienda. Questo Aglianico fermenta in acciaio per 15/30 giorni, segue l’affinamento in barrique per circa un anno e infine 10/12 mesi in bottiglia. Ciò che sorprende è il colore cristallino di un rosso rubino dai riflessi violacei, con profumi di frutti di bosco e dal gusto gradevole e persistente.
Il vino di punta, Basilisco, dal greco “piccolo Re”, svolge una fermentazione in acciaio per 15/30 giorni ed un affinamento di 13/15 mesi in barrique di rovere francese e un anno in bottiglia.
Dal colore rosso rubino intenso con eleganti sfumature di viola. Potente all’olfatto, incipit balsamico, prevalgono poi i frutti di bosco assieme a prugna e ciliegia. Lunghezza infinita.
Ringraziamo Viviana per averci guidato e accolto nella sua “casa”,ma ci lasciamo ancora coccolare un po’ dalla tranquillità del luogo, dalla bellezza del panorama, prima di fare ritorno da queste bellissime terre del vino ricche di tanta storia.


Foto di Anna Ciotola

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 27 mar 2017 al 27 mar 2017 alle ore:15:00

      Campania – Salento Andata & Ritorno

      Mancano: 3 giorni e 03:39 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 31 mar 2017 al 31 mar 2017 alle ore:20:00

      31 Marzo, ASTORIA si presenta: 30 anni, 40 ettari e 9 vini

      Mancano: 7 giorni e 08:39 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 06 apr 2017 al 06 apr 2017 alle ore:20:00

      6 Aprile, Trappist-10, 10 birre per 10 birrifici trappisti all’Hotel Renaissance

      Mancano: 13 giorni e 08:39 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags