Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Aspettando Caracol con Paolo Barrale a Cala Moresca

Pubblicato da aisnapoli il 29 - febbraio - 2016 Versione PDF

12769557_10153430544519142_1074582258_nDi Federica Bernardo

In epoca romana, nella villa rinomata di Lucullo a Capo Miseno, banchettavano uomini ben noti come quel tale Cicerone che amava consumare pasticci d’ostrica e fritti di mare insieme a Pompeo Magno. Ai giorni nostri, sull’altura mitica, si consumano ancora pasti eccellenti: nei ristoranti chic del complesso Cala Moresca, dall’animo mediterraneo.
Proprio in questa sede, martedì 23 febbraio è andata in scena una cena speciale che ha dato il via ad una serie di appuntamenti dal titolo che ammicca al teatro: Aspettando Caracol, il ciclo di cene organizzato dalla rinomata struttura flegrea in collaborazione con la giornalista Laura Gambacorta.
Caracol” non è il nuovo Godot, è il nome del ristorante gourmet che in primavera aprirà i battenti all’interno del Cala Moresca andando così a completare la già ricca proposta gastronomica dell’elegante complesso turistico-alberghiero.
Il tema scelto per questa prima cena è stato i “Tesori del Regno delle due Sicilie”. A interpretarlo in modo impeccabile: il siciliano Paolo Barrale, chef stellato del Marennà di Sorbo Serpico, e i due resident chef Angelo Carannante ed Enzo Di Giovanni. Non è stata una scelta casuale: sarà proprio Carannante (già secondo al Marennà) a guidare il futuro Caracol con Barrale nelle vesti di consulente.
Nessun’altra indiscrezione, per scaramanzia.
Barrale, Carannante e Di Giovanni hanno ideato un menu apposito per l’occasione, cercando di unire nei piatti i profumi e le tradizioni di Campania e Sicilia, così come il tema della serata esigeva. Il matrimonio è riuscito.
Aperitivo in terrazza con il cuoppo di fritti partenopei e panelle siciliane abbinati al Mata rosé V.S.Q. 2012 Villa Matilde, spumante metodo classico 100% Aglianico.
Entrèe pittorica e fresca: gambero rosso, ricotta di mandorle, mandarino e caviale di basilico, ricavato dai semi di basilico reidratati e poi conditi con colatura di alici. In abbinamento, un’anteprima: Falanghina Roccamonfina IGP 2015 Villa Matilde.
Antipasto, Palamita alla Pizzaiola: il pesce è servito al centro di una cornice di pane croccante, pomodorini e una spuma di mozzarella a finitura. L’immagine che richiama è quella di una pizza, il risultato però è un piatto incredibile, equilibrato e di carattere. Nei calici, Terre Cerase rosé IGP Campania 2014 Rocca dei Leoni 100% Aglianico che ha accompagnato il resto delle portate.
Nota dolce persistente per il cremoso Risotto con finocchietto selvatico, pinoli, acciughe salate, uvetta e crumble di pane.
A seguire, gli Gnocchi di patate in brodo di mare e limone, serviti su crema di cime di rapa. Per soddisfare vista e palato, il piatto era impreziosito da molluschi.
Il secondo piatto, ha unito la spigola alla tradizione siciliana del cous cous. Il cous cous è presentato in modo da ricordare i mini crocché di stampo partenopeo.
Il gioco dell’intreccio Siculo-campano è particolarmente riuscito nel dessert: una crema delicata al sapore di pastiera napoletana va a farcire un cannolo croccante. In un morso, la tradizione pasticciera di due grandi regioni gastronomiche. In abbinamento, Eleusi Roccamonfina IGP 2008 Villa Matilde, passito di Falanghina.
Nota di merito ai pani fragranti serviti, prodotti da un forno di fiducia – misterioso – che fornisce da sempre la struttura bacolese.
Ospiti della serata sono stati i giornalisti Antonio Gnassi che ha raccontato nel suo intervento miti e leggende dell’area flegrea soprattutto di Miseno, e Tommaso Esposito che ha spiegato quali sono gli elementi che legano le tradizioni gastronomiche campane e sicule.
Prossimo appuntamento con il ciclo Aspettando Caracol sarà con lo chef Peppe Daddio e il professor Giorgio Calabrese, e le ricette tratte dal loro libro “Dieta Mediterranea – Salute e bontà”.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 28 gen 2017 al 29 gen 2017 alle ore:09:00

      #INVIAGGIODATEO, Ais Napoli in tour: week end da Baladin

      Mancano: 11 giorni e 05:02 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags