Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

e08bd2db-273f-4aaf-a4f2-84fbcbb914bdDi Maria Grazia Narciso

E’ il quarto degli appuntamenti con il territorio organizzati da Dario Schiano e Paolo Del Franco, i patron di Mostobuono o, come meglio piace a loro, “Mo’ sto buono”, il ristorante vineria, da tre anni in via Enrico Alvino al Vomero.

Questa sera ospite dei padroni di casa, in rappresentanza dell’ Alto Casertano è Villa Matilde, storica azienda vinicola, che dall’“Ager Falernus”, fulcro delle attività della cantina, ha di recente allargato il suo patrimonio di terreni vitati fino alla provincia di Benevento e Avellino.

Per la prima volta in Campania l’azienda presenta qui la sua nuova etichetta: “Villa Matilde Avallone”.

La narrazione è affidata a Francesco, giovanissimo esponente della famiglia Avallone, nel pieno del suo iter formativo universitario come Export Manager ma è già operativo in azienda.

Parla a bassa voce Francesco, con una eleganza d’altri tempi mentre racconta la sua prima esperienza con il vino, il Cecubo per la precisione, una delle etichette in degustazione stasera. Dice sorridendo della sua iniziale riluttanza a sposare il mondo del vino pur essendoci nato, dell’incontro illuminante con le note prepotenti del blend di piedirosso, primitivo e aglianico e dei primi tentativi di “ancoraggio” alla propria memoria gusto olfattiva: la liquirizia, attenzione però, esattamente quella di un noto maître chocolatier delle nostre parti.

Il primo amore non si scorda mai, recita l’adagio, e Francesco è capace di riportare la sua audience dal ricordo vivido della sua prima volta ad un entusiastico indicativo presente.

La nuova etichetta- spiega- nasce dall’esigenza di far percepire al consumatore non solo la dimensione fisica e spaziale dell’azienda, la cantina Villa 37ecacba-d819-4cc5-b9f0-f2fcc44df42aMatilde, ma anche e soprattutto le persone dentro questa bellissima storia, id est la famiglia Avallone.

Quale migliore sintesi allora di luoghi, tempi e persone se non il pivot attorno al quale tutto ruota: il vino.

Stasera in pairing con le ricette di chef Antonio Siesto una selezione rappresentativa del brand, dall’incipit con le bollicine Metodo Classico di Aglianico in purezza al finale con la Falanghina in versione passito.

Mata Spumante Brut Rosè
Falerno del Massico Bianco DOP 2017
Cecubo IGP 2014
Eleusi Falanghina Roccamonfina Passito IGP 2009.

E’ armonico l’accordo tra i protagonisti della serata: gli ospiti in sala, i patron di Mostobuono, Francesco Avallone di Villa Matilde (giovane risorsa che ci ha riconciliato con il futuro) e la giornalista Laura Gambacorta, capace di attivare sinergie e scatenare energie.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags