Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

60276357_2877369065608387_3212216730851999744_nDi Maria Grazia Narciso

Il territorio di Teano, nota ai più per lo storico incontro, è un inaspettato scrigno di tesori inserito nel Parco Regionale di Roccamonfina e Foce del Garigliano, dove arte, storia e gusto costituiscono un mix perfetto per una giornata da dedicare alla bellezza.

Noi partiamo dal Teatro Romano (II-I sec a.C.) accompagnati da Pasquale Fascitiello, la nostra preziosa guida, appassionato di arte e storia e profondo conoscitore di ogni vicenda del popolo italico dei Sidicini. La visita al teatro richiede un ora e mezza circa, dipende da quante domande fai, perché lui le sa tutte.

Dopo un pieno di arte, storia e aria buona, la sosta attesa è da chef Pietro Balletta nella sua “Locanda de Foris, immediatamente dentro la “portella”, l’antico accesso al borgo. Un progetto professionale e di vita che lo ha portato finalmente a casa dopo anni di esperienza in Italia, Francia e Principato di Monaco.

L’aperitivo è nella sacrestia del vecchio convento, dove è allocata la cantina e al centro della quale trionfa un meraviglioso bouquet di asparagi appena60359108_2877366135608680_2320873650992971776_n colti. Una festa per gli occhi che preannuncia le “buone” intenzioni dello chef. Il menù è totalmente modulato sul territorio, senza discriminazione tra carne e pesce e assolutamente nessuna incertezza sul dessert.

Chef Barletta ha una interpretazione schietta ma elegante dei prodotti del territorio, (che si estende per 90 kmq dai monti al mare), pensata per esaltarne le peculiarità: i fagioli “a pizzella”, il “cece piccolo riccio” di Teano (antica varietà a rischio di estinzione, ora Presidio Slow Food), la mela annurca, le nocciole mortarelle, il baccalà, il “pelatello teanese”, suino nero di razza casertana sono i protagonisti del pranzo.

L’ammazza caffè è straordinario ma non è a tavola. Il museo archeologico di Teanum Sidicinum lascia sbalorditi per quanto custodisce e decisamente interdetti circa la poca attenzione dedicata nel nostro paese al patrimonio artistico “periferico”.

Per nostra fortuna ci sono persone capaci di creare connessioni virtuose e contagiose e unire i puntini come il gioco della settimana enigmistica che riempivi per primo bruciando il nonno sullo scatto.

Il risultato, quando questo capita, è sempre oltre le aspettative.

Foto di Gabriella Imparato

Per tutte le foto clicca qui

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags