Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

“Oro Rosso”, il fil rouge di Mostobuono

Pubblicato da aisnapoli il 1 - luglio - 2019 Versione PDF

d83e4e5d-4d61-4ffc-8cac-a7b1471a4108Di Maria Grazia Narciso

Dal Bloody Mary di benvenuto al semifreddo al pomodoro la serata di Mostobuono si tinge di rosso.

Rosso come la passione che anima i due seduti al tavolo accanto che chiacchierano amabilmente e pasteggiano con il Fiano di Avellino DOCG 2015 di Guido Marsella. E a noi questa scelta piace particolarmente perciò ci uniamo senza esitazione.

Davide e Paolo, i patron di Mostobuono, ristorante vineria nel cuore del Vomero stasera hanno costruito assieme agli chef Antonio Siesto (resident) e Carlo Verde, amici e colleghi da tempo, un menù ad hoc per rendere omaggio all’Oro Rosso della Campania.

Protagonista il pomodoro, ma quello di Collina Quisisana della azienda agricola DAMA.

Alcune teorie vogliono che sia stato proprio Carlo d’Angiò a pronunciare la frase “qui si sana”, dopo essere guarito da una grave malattia, riferendosi alla collina alle falde del Monte Coppola, dov’era il Real Palagio. Il luogo è poi diventato noto per le caratteristiche pedoclimatiche e la sua salubrità.

Marianna D’Auria, fondatrice e titolare della azienda, ha “raccolto” la tradizione e il know-how dei suoi avi nella coltivazione dei pomodori, dando4b4047a0-bfe4-4a80-8ffc-6b546772f7ad vita nel 2015 ad una nuova produzione biologica della varietà detta “lampadina”, tipica dell’area stabiese, in un piccolo “cru” di tre ettari e mezzo che produce cinquecento quintali. La forma oblunga e curiosa di questo pomodorino ricorda infatti una lampadina, il colore è di un rosso intenso e il gusto è tipicamente dolce ma con una decisa nota salmastra. I semi vengono riprodotti in azienda secondo pratiche antiche e conservati per la produzione dell’anno successivo, consentendo quindi il pieno controllo del ciclo.

Il fil rouge della serata, (più rouge di così!) ci conduce dalla “Spigola all’amo” marinata al finocchietto, coulis di pomodoro, fresella all’origano meridionale di Sorrento, (ci auguriamo entri presto in carta!), attraverso “Oro rosso”, lo spaghettone di Pastificio dei Campi risottato al pomodoro Lampadina (la devozione!) alla “Palamita alla mediterranea” con salsa mozzarella, pomodoro in purezza, polvere di capperi, olive nere essiccate, ristretto al basilico. Il minitour termina con una piccola opera d’arte, “Pomo d’Oro” il semifreddo al pomodoro, croccante alla frutta secca e macaron al basilico. Peccato distruggerlo ma finite le 1a63b918-e6d2-45d3-be95-e2dd02e876b4#istaphoto ad un certo punto si deve e senza pentimento.

Ad essere sincera prima di rituffarmi nella calda notte vomerese, tornerei volentieri all’esordio fresh and spicy, di Giuseppe (D’Antonio), brand ambassador di Spritzerò e maestro della Campari Academy di Milano ma si è fatta una certa.

Allora prendo nota per l’after-hours, perché il suo Bloody Mary si aggiungerà ai cocktail in carta.

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags