Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Archivio per la categoria: ‘Nonsolovino’

Faby Scarica è la vincitrice di Top Chef Italia

Pubblicato da aisnapoli il 10 - novembre - 2017Versione PDF

Fabiana Scarica

Diventa assaggiatore di formaggio con l’Onaf Napoli

Pubblicato da aisnapoli il 18 - ottobre - 2017Versione PDF

ONAF napoli

5 Luglio, Beninsieme 2017 al Nabilah

Pubblicato da aisnapoli il 29 - giugno - 2017Versione PDF

tavolorelatoriBENINSIEME 2017
L’APPUNTAMENTO BENEFICO PIU’ ATTESO DELL’ESTATE TORNA MERCOLEDI 5 LUGLIO AL NABILAH

La nona edizione devolverà il ricavato alla realizzazione di una biblioteca e di una mediateca nella Casa dei Cristallini al Rione Sanità mentre in Benin supporta un progetto di sostegno agli studi di specializzazione in pediatria oncologica di un giovane Prete medico Beninese.

Mercoledì 5 luglio, al Nabilah, in Via Spiaggia Romana 16 a Bacoli, a partire dalle 19, avrà luogo l’evento BeninsIeme 2017, organizzato dall’associazione DareFuturo Onlus, in sinergia con le Associazioni PHP e Col Cuore Disponibile. La location ospiterà per l’ottava volta la serata benefica che è giunta alla sua nona edizione, grazie alla generosità della famiglia Iannuzzi. L’appuntamento è ideato da Roberto Pennisi, Fondatore e Presidente di DareFuturo Onlus e anche quest’anno intende raccogliere fondi da destinare all’Associazione che opera non solo in Benin e Togo ma anche a Napoli. Il ricavato di questa edizione sarà destinato alle Missioni Camilliane in Benin e alla realizzazione di una biblioteca e di una mediateca nella Casa dei Cristallini al Rione Sanità. Come sempre, la madrina dell’evento, condotto da Serena Albano, Serena Bernardo e Simonetta de Chiara Ruffo sarà l’attrice Cristiana dell’Anna.
L’appuntamento è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa al circolo Posillipo alla quale hanno partecipato Maria Caniglia, Presidente Commissione welfare del Comune di Napoli, Roberto Pennisi – Presidente DareFuturo Onlus, Giuseppe Gambardella – Console del Benin a Napoli, Gianluca Guida – Direttore Istituto Penale Minorile di Nisida, Aldo Cappelli – vicepresidente DareFuturo Onlus, Ciro Oliva – Concettina ai Tre Santi. Durante l’evento, patrocinato dal Comune di Bacoli e dal Consolato del Benin, sarà consegnato il Premio DareFuturo Onlus a personalità napoletane che si sono distinte nei campi della solidarietà, della cultura, dell’imprenditoria. Quest’anno il premio, realizzato dall’artista Claudia Piscitelli sarà consegnato a Gianluca Guida, Direttore dell’Istituto Penale Minorile di Nisida e Don Ciro Nazzaro, parroco del Rione Salicelle di Afragola.
Tanti gli amici che hanno voluto aderire all’iniziativa: si ballerà infatti con i Fiori Rosa – Lucio Battisti Rock Tribute di Satriano e Canessa e gli Imprenditori per Caso di Falchero e Cimmino. Il dj set sarà a cura di Aldo & Antonello, e Massimo Caserta. I momenti piu’ significativi della serata saranno immortalati dai due fotografi che da sempre accompagnano l’iniziativa, Claudio Danisi e Pippo by Capri, e dalla new entry Giancarlo de Luca. Il buffet sarà a base di pizze offerte da Concettina ai Tre Santi e di genovese preparata con la cipolla ramata di Montoro, offerta da Nicola Barbato della GB Agricola.
Questo il commento commosso di Roberto Pennisi, Presidente di DareFuturo Onlus: “Con emozione mi accingo a presentare la nona edizione di Beninsieme in quanto cadono due importanti anniversari, i venti anni di mio impegno nel cosiddetto terzo mondo tra Uganda , Benin e Togo, ed il compimento il 6 luglio dei miei primi settant’anni. Per queste ricorrenze sono stato sollecitato dal mio Padre Spirituale don Gennaro Matino a raddoppiare il premio annuale DareFuturo (già Mosi Cicala), che per questa edizione verrà assegnato a don Ciro Nazzaro parroco alle Salicelle di Afragola, ed a Gianluca Guida Direttore dell’Istituto penale di Nisida. Due grandi personaggi accomunati dal quotidiano impegno di Educatori e Correttori, il primo sotto il profilo ecclesiastico, il secondo invece laico. Come negli ultimi quattro anni, il nostro impegno di DareFuturo si estrinseca sul versante Africano con un progetto di sostegno agli studi di specializzazione in pediatria oncologica di un giovane Prete medico Beninese ; nell’ambito di Napoli invece, con un progetto ,in favore della Casa dei Cristallini onlus nel quartiere Sanità, che prevede la creazione di una biblioteca ed una mediateca
Anche il Console del Benin a Napoli, Giuseppe Gambardella, sottolinea l’importanza delle sinergie per aiutare chi ha bisogno: “L’evento Beninsieme organizzato dall’Associazione Onlus “DareFuturo”, presieduta dal Prof. Roberto Pennisi è divenuto ormai un appuntamento annuale immancabile nello scenario della solidarietà internazionale. Il Professor Pennisi , medico volontario che gode della mia profonda stima, da tantissimi anni opera in Repubblica del Bénin e organizza periodicamente missioni umanitarie a sostegno dell’Ospedale “La Croix” dei Padri Camilliani a Zinviè, per donare le giuste cure mediche ai più deboli. Gradirei aggiungere che con il Suo importante contributo siamo riusciti a realizzare numerosi progetti, tra cui la costruzione di ben due moduli scolastici, rispettivamente edificati nel villaggio di Karimama e di Abomey”. “Sono onorato di partecipare a questa iniziativa -ha dichiarato il Console del Bénin Giuseppe Gambardellae ringrazio il Prof Pennisi, in quanto eventi del genere hanno il merito di dare un aiuto concreto e tangibile a chi ne ha bisogno. Come dico spesso, e come ho sottolineato in molte occasioni, è solo grazie ad una sinergia di intenti che è possibile realizzare grandi opere
Queste manifestazioni sono importantissime – conclude Ciro Olivaperché mettono al centro dell’attenzione chi soffre, sia nei Paesi del Terzo Mondo che nella nostra città. Ringrazio di cuore il Presidente Roberto Pennisi e il vicepresidente Aldo cappelli perché hanno voluto che quest’anno io fossi presente anche in rappresentanza del quartiere da cui provengo, il Rione Sanità a cui saranno destinate la biblioteca e la mediateca. Io sono costantemente vicino a questi bambini che stanno crescendo lì dove sono nato e dove continuo a portare avanti la mia attività; mi piacerebbe che questi bambini, infatti, imparassero a guardare con ottimismo verso il futuro, impegnandosi e studiando anche grazie alla mediateca e alla biblioteca. Ringrazio Gina Buonsangue, l’educatrice che si occupa del loro doposcuola e del progetto Magnà, realizzato con la giornalista Monica Piscitelli. Per questo sono grato a tutti voi per la vicinanza alla Casa dei Cristallini, che per me rappresenta anche il futuro dei figli del quartiere sanità
I PREMIATI
Anche i premiati commentano emozionati la notizia del riconoscimento che sarà loro attribuito; queste le parole di Gianluca Guida, Direttore dell’Istituto Penale Minorile di Nisida : “Siamo particolarmente felici di questo riconoscimento che non mi è accordato per meriti personali ma perché rappresento quanti quotidianamente lavorano con me per il recupero dei ragazzi di Nisida. Una volta sentii dire da un anziano collega che per essere un uomo “al Servizio” bisogna essere “un uomo della propria nazione e del proprio tempo” e io sono certo che gli uomini e le donne che fanno parte della mia équipe abbiano fino ad ora fornito, con le loro vite e il loro talento, un alto contributo al bene pubblico vivendo i problemi del nostro tempo con un grande senso di appartenenza allo Stato. Sono molti anni che seguo personalmente le iniziative della onlus DareFuturo, e prima ancora le attività dell’Associazione Mosi Cicala. In particolare da quando nel 2012 è partito il Progetto Napoli, per i ragazzi della nostra città, ci siamo sentiti accomunati dall’attenzione condivisa verso la promozione e protezione dei diritti dei minori. Con entusiasmo abbiamo sentito Papa Francesco negli anni sottolineare sempre più spesso l’esigenza di prendersi “cura” delle persone come del creato. Il “caring”, il prendersi cura, è da anni lo spirito che anima il nostro progetto educativo con l’obiettivo di migliorare il futuro della Città di Napoli partendo dai ragazzi e cercando di stabilire con loro un dialogo attraverso il quale trasmettere il grande valore del bello e del buono quali maestri di vita. Come sostiene DareFuturo “Tutti siamo necessari!” e nessuno può sottrarsi ai propri doveri di solidarietà sociale se vogliamo costruire un futuro con meno povertà e meno diseguaglianze. Una società come dice Roberto Pennisi in grado di tenere “ sempre una porta aperta e la possibilità di dare sostegno ed amore”. Una società “più uguale” è anche una società più sicura.” Gli fa eco Don Ciro Nazzaro, parroco del Rione Salicelle di Afragola, anch’egli premiato: “La gratitudine che esprimo a coloro che hanno voluto pensare a me per questo premio non può non essere estesa a tutti coloro che hanno con me collaborato. Al mio fianco ho avuto collaboratori tenaci che hanno creduto nel progetto realizzato , ma che è “in fieri”, è solo all’inizio. Ma se costante è stato lo sguardo verso la meta è solo grazie a coloro che mi hanno dato gli strumenti per iniziare. Ringrazio don Gennaro Matino, il dott. Pennisi , e le varie associazioni fondazioni e enti che hanno creduto e sperato con me. È possibile, anche in contesti particolari come Salicelle, anch’esso terra di fuochi, rendere fertile il terreno con semi di partecipazione e solidarietà. Grazie.”
DOVE E’ POSSIBILE ACQUISTARE I BIGLIETTI
-Caramanna Gioielli, Via Cavallerizza, 2
- Concerteria, Via M. Schipa 23
- Danisi Foto, via Scarlatti 200 (ponte di via Cilea)
- Gentile Gioielli, via Nisco 4
- Igienica Meridionale, Via Crispi 130
- Partenotur, piazza dei Martiri 23B
I PARTNERS
Oltre a Eccellenze Campane, main sponsor della serata, gli altri sostenitori di DareFuturo Onlus e di BENINSIEME 2017 sono: Kiton, Ferrarelle, E26 Comunicazione Creativa, Antropoli Agricola, Cantine degli Astroni, Azienda Vinicola Raucci, Graus Editore, Fantasia Gelati, Cupiello Cultura del Gusto, Ricchi Stamperia Digitale, Tenuta Cavalier Pepe, Azienda Vitivinicola Cominium, Agricola Casearia Lupara, Sawadi Viaggi Caserta, Caffè Kamo, Bioruma Surgery, Azienda Vinicola Vestini Campagnano, Azienda Agricola Piscina Mirabile Bacoli, Il Casolare Alvignano, Circolo Nautico Posillipo.

Ufficio Stampa
Simonetta de Chiara Ruffo
Comunicazione – Eventi – Marketing
Cell : 3343195127
Email : simonettadechiara@gmail.com

NOTE SU DAREFUTURO ONLUS . DareFuturo onlus nasce IL 9 aprile 2016 come continuazione dell’Associazione Mosi Cicala fondata nel 2008 allo scopo di sostenere la promozione e protezione dei diritti dei minori, delle donne e dei malati, con particolare attenzione all’Africa. Nel 2008 l’associazione Mosi Cicala coagula l’opera di Medici e volontari che si recano già dall’anno 2002 presso l’Ospedale “La Croix” di Zinviè, nel Benin, per prestare servizio nei reparti di Chirurgia e Pediatria. Svolgono inoltre sostegno e servizio presso la Missione delle Figlie di San Camillo, sempre a Zinviè, impegnate nella lotta alla malnutrizione infantile, causa di altissima mortalità nei primi 5 anni di vita.Sono circa 250.000 le persone che fanno capo a questi due presidi sanitari, creati dai Missionari Camilliani alla fine degli anni 70. Nel 2012,dopo i primi 4 anni di attività in Benin, i progetti di solidarietà della onlus Mosi Cicala in considerazione della difficile congiuntura, si allargano con il Progetto Napoli alla città di Napoli ed alla sua provincia più in difficoltà, seguendo la strada indicata dal nostro riferimento spirituale, don Gennaro Matino. I fondi da Noi impegnati derivano da eventi e da donazioni di singoli che generosamente, anche in un momento difficile, non dimenticano di porgere una mano a chi è in difficoltà. Tutti siamo necessari! Medici, architetti, studenti, prefetti, impiegati, musicisti, ingegneri, cuochi, baristi, commessi, surfisti… la nostra è un’associazione di liberi pensatori e sognatori, chiunque ha il desiderio di dedicarsi ai deboli e bisognosi troverà sempre una porta aperta e la possibilità di dare sostegno ed amore.http://www.darefuturoonlus.it/

2 Luglio, Lost in the 70′s al Lost Paradise

Pubblicato da aisnapoli il 29 - giugno - 2017Versione PDF

19554606_1923045637712969_8892650956944975122_nOgni domenica tra le stelle e il mare prosegue il nostro viaggio musicale negli anni magici della Disco Music.
Questa volta la macchina nel tempo targata Lost Paradise ci porterà negli splendenti anni ’70.

Erano gli anni dello Studio 54 e del Paradise Garage, dove le Mirror Balls illuminavano le piste e gli abiti luccicanti di chi si scatenava tutta la notte.

- Selezione Musicale a cura di Tony Ronca
Un viaggio nel tempo attraverso le Hit Dance 70. Da “I Feel Love” di Donna Summer a “Relight My Fire” di Dan Hartman finendo con “Dr Funkenstein “ dei Parliament.

- Mixology in the 70′s style

- Corner Food: Taglieri di formaggi e salumi scelti

Start 20:00
Ogni domenica
Prima consumazione 10€

Lost Paradise, via Castello n.49 Bacoli

Info e Prenotazioni
+39 081 523 2534
+39 3468259022
+39 3383722865
+39 3294292170

5 Maggio, Raduno x Mare al Lido Rocce Verdi

Pubblicato da aisnapoli il 28 - aprile - 2017Versione PDF

18119505_1458457744196233_3744727409410855_n
Mega raduno di Kayak, Canoe e Sup nelle acque di Posillipo in difesa del Mare, promosso per tenere alta l’attenzione sui temi di sicurezza, ambiente e fruibilità della nostra amata costa. Evento gratuito, siete tutti invitati a portare il vostro contributo.

I monaci del Provolone DopGran Galà del Provolone del Monaco Dop, festa grande a Vico Equense
Lavorazione dal vivo, concorso per il migliore prodotto e documentario sulla storia del fomaggio principe dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina
Sabato a partire dalle ore 18 al Chiostro SS.Trinità di Vico Equense

Il percorso dei dieci anni della Dop del Provolone del Monaco vive uno dei suoi momenti principali con la giornata organizzata al chiostro SS.Trinità di Vico Equense nella giornata di sabato 3 dicembre 2016 a partire dalle ore 18. L’appuntamento si apre in mattinata con il concorso riservato al migliore Provolone del Monaco, destinato ai caseifici iscritti alla Dop, gudicati da una giuria curata dall’Onaf e presieduta da Maria Sarnataro.
Nel pomeriggio appuntamento con il Gran Galà e le premiazioni. Si comincia alle 18 con la lavorazione del provolone dal vivo da parte di esperti maestri casari che faranno respirare l’aria dei luoghi dove nasce il formaggio principe dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina. Un altro momento importante sarà la proiezione del documentario curato dal giornalista Roberto Esse che racconta i dieci anni trascorsi dall’ottenimento della dop ai giorni nostri. Non mancano sorprendenti incursioni “nel passato” che sveleranno tutti i segreti che hanno portato intatto il prodotto ai consumatori di oggi.
Alle ore 19 il consueto appuntamento con l’incontro dibattito alla presenza dei vertici del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop e di autorità politiche regionali e nazionali. Prevista la presenza del consulente del ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Corrado Martinangelo, del consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli, del presidente del Consorzio di tutela Giosuè De Simone e del direttore Vincenzo Peretti.
La serata terminerà con la premiazione dei vincitori del concorso riservato ai produttori e con la degustazione del Provolone del Monaco Dop e di altre specialità della penisola sorrentina e dei Monti Lattari in prelibati piatti preparati dall’Istituto Alberghiero “F.De Gennaro” di Vico Equense.

Per giornalisti – blogger ed appassionati è previsto un servizio bus-navetta da Napoli per Vico Equense e ritorno. Raduno alle ore 16.30 nei pressi del Parcheggio Brin

maradonaDi Gabriele Pollio
Visionario. Ogni volta che c’è Teo Musso in ballo ricorre questa parola.
La senti da chi lo ha conosciuto, la leggi nella sua autobiografia e negli articoli di giornale che lo riguardano.
Io non lo conoscevo, sapevo tutto o quasi sulla sua storia professionale ma non lo avevo mai incontrato. Ero curioso però, molto curioso di capire perché tutti (ma proprio tutti tutti) restano affascinati da questo personaggio.
Ci serviva solo un’occasione. Teo è uno che viaggia molto ma che a Napoli non passa spesso (quasi mai a dire la verità!). “A volte vorrei fare tutto ma ancora non sono riuscito a sdoppiarmi”, con questa frase si è presentato appena salito in auto…aveva appena concluso una telefonata con Angelo Gaja! Sdoppiarsi quindi. Obiettivo audace ma, per uno che ha inventato la birra artigianale in Italia, immagino possibile.
Dicevo che ci serviva un’occasione, e allora abbiamo pensato di coinvolgerlo come docente nel corso di Sommelier della Birra di AIS Napoli. Chi meglio del creatore di tutto il mondo Baladin (birreria, birrificio, pub vari e chi più ne ha più ne metta) avrebbe potuto spiegare come si fa una birra? Ci è servito qualche mese di corteggiamento ma alla fine Teo è arrivato.
Il tragitto dall’albergo alla sede del corso (Babette a Fuorigrotta) dura mezz’ora abbondante. Il tempo sufficiente per capire davanti a chi mi trovo. A me non sembra visionario e basta. Sa perfettamente di cosa parla e sa perfettamente come trasferirti ogni piccola sfumatura di quello che pensa. Quando si assaggiano le sue birre si ha la netta sensazione che dentro ci sia un’idea precisa delle emozioni di chi l’ha creata. Visionario si ma anche perfezionista.
DSC_0016-2La serata corre via veloce. Non si ha mai la sensazione di assistere a una lezione, piuttosto sembra una chiacchierata tra amici (parecchi amici visto il numero di presenti al corso!). Teo racconta la sua storia e fa sembrare anche i momenti più difficili una continua opportunità che ha saputo cogliere.
Vuole bene alle sue birre e si vede, gli vuole bene come lo si vuole a dei figli.
Le racconta, non le degusta.
Si parte dalla Wayan e si passa alla Nora. Rispettivamente il nome della figlia e della madre dei suoi primi due bambini. Birre che di canonico non hanno quasi nulla. La Nora, per esempio, prevede l’utilizzo di resine etiopi in luogo del luppolo.
Passiamo poi a due extraterrestri. La Metodo Classico 2015 e la Xyauyu 2013. La prima prodotta secondo il metodo classico degli spumanti con tutto quello che ne consegue: 18 mesi sui lieviti, sboccatura e così via. Utilizzo di lieviti abituati a “lavorare” con i whisky torbati della Scozia e che riporta la torbatura nella birra.
La seconda la spiego con una frase di Teo: “Questa è la birra con cui ho convinto mio padre, contadino delle Langhe, a bere birra dopo 87 anni durante i quali aveva bevuto solo vino”. Siamo su un altro pianeta rispetto ai sentori delle birre terrestri. Niente gasatura, niente schiuma. Temperatura ambiente. Un barley wine “da divano”.
Visionario e perfezionista. Imprenditore di successo e genio sregolato. Insomma, il Maradona della birra. Ma non ditelo a lui…il calcio non gli piace.

HART_poltrona_plusIn poltrona con lo chef
Un nuovo modo di vivere il cinema tra cucina, immagini e racconti
Un progetto Wine&Thecity per HART Cinema Food Music

Conferenza stampa venerdì 28 ottobre 2016 ore 12.00
presso Hart – Napoli – Via Crispi, 33

In poltrona con lo chef è un nuovo modo di vivere il cinema che mescola cucina, cultura e intrattenimento in 5 appuntamenti a partire dal 17 novembre e fino al 23 marzo 2017. Prodotto da Wine&Thecity in collaborazione con HART il nuovo cinema multisensoriale di Napoli, il progetto vede coinvolti 5 chef stellati accompagnati da artisti, scrittori e attori in un singolare dialogo a più voci.

La presentazione si terrà venerdì 28 ottobre alle 12:00 presso il cinema Hart in Via Crispi, 33

Interverranno artisti e chef coinvolti nel progetto: Lino Scarallo, Maurizio De Giovanni, Antonio Pisaniello, Franco Arminio, Marianna Vitale, Gennaro Cariulo, Rosanna Marziale, Nino Di Costanzo.

In Degustazione la nuova Pasta fresca Garofalo, partner del progetto.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 23 nov 2017 al 23 nov 2017 alle ore:20:00

      23 Novembre, Napoli si tinge di giallo con il Collio day

      Mancano: 1 giorno e 21:52 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags