Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 01 apr 2015 al 01 apr 2015 alle ore:

      1 Aprile, Parte Corso di Sommelier n.68 da Sebezia con l’AIS Napoli

      Mancano: 2 giorni e 06:57 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    Alvaro PecorariASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    LIS NERIS Wine Experience
    Gioventù, maturità e varianti di due vitigni che hanno fatto la storia del Friuli moderno
    6 Febbraio ore 20.30

    Centro Congressi Hotel Ramada 

    Via Galileo Ferraris, 40, 80142 Napoli

    Ticket 15 euro
    Prenotazione impegnativa e obbligatoria
    Info e prenotazioni: info@aisnapoli.it 333.6215990

    Dal 1879, quattro generazioni hanno contribuito con il lavoro e la passione alla costruzione e alla crescita di una delle realtà produttive più rappresentative della regione. Lis Neris si trova nel cuore della più rinomata zona viticola friulana, nel comune di San Lorenzo Isontino (Go), fra il confine sloveno a nord e la riva destra del fiume Isonzo a sud. Settanta ettari di vigneto nella parte più bella di un piccolo altopiano di ghiaie profonde trascinate a valle dalle acque di scioglimento dei ghiacciai delle Alpi orientali, con uno strato superficiale argilloso, ricco di ossidi di ferro e di ciottoli, localmente chiamati claps, che incamerano il calore durante il giorno e lo rilasciano durante a notte. Il resto lo fanno la vicinanza al mare e la bora che arriva da nord est regalando alle uve le ideali escursioni termiche per la concentrazione aromatica e il bilanciamento degli acidi.
    Un viaggio attraverso due vitigni, il Pinot Grigio e il Sauvignon, degustando otto vini con affinamento in acciaio ed in legno. Con la presenza di Alvaro Pecorari, proprietario ed enologo ell’azienda
    Degustazione tecnica a cura di Tommaso Luongo, Delegato Ais Napoli.

    A causa del numero elevato di prenotazioni abbiamo preferito spostare la degustazione presso il Centro Congressi dell’hotel Ramada. Ci scusiamo per il disagio. 

    Parcheggio nel garage adiacente all’hotel  alla tariffa forfettaria di 6 euro.

    Tutti coloro che hanno effettuato la prenotazione via sms o mail nei giorni scorsi riceveranno richiesta di confermare la loro adesione a causa del cambio della location.

    Questi gli otto vini in degustazione:

    Pinot Grigio 2013, Pinot Grigio, fermentato e maturato in inox
    Gris 2012, Pinot Grigio, fermentato e maturato in tonneau
    Gris 2010, Pinot Grigio, fermentato e maturato in tonneau
    Confini 2010, Pinot Grigio, Gewürztraminer e Riesling, fermentato e maturato in tonneau
    Sauvignon 2013, Sauvignon, fermentato e maturato in inox
    Picol 2012, Sauvignon, maturazione combinata inox/legno
    Picol 2010, Sauvignon, maturazione combinata inox/legno
    Lis 2006, Pinot Grigio, Chardonnay e Sauvignon, fermentato e maturato in tonneau

    A seguire buffet che celebra il goloso “matrimonio d’amore” tra il Friuli e la Campania: prosciutto di Mangalica tagliato a coltello e latticini campani.

    10933946_10204884225258272_7816989456273166969_nPizza Gourmet è la nuova pizzeria di Giuseppe Vesi che, dal 30 gennaio, apre in Viale Michelangelo nella zona residenziale del Vomero, crocevia tra la movida vomerese e il cuore del quartiere. Un buon impasto e ingredienti selezionati provenienti dalle migliori produzioni italiane è alla base del progetto di Giuseppe Vesi.
    Gourmet è uno dei termini francesi più usati negli ultimi anni per indicare un fine conoscitore dell’universo del cibo, ma l’accezione con cui è stato scelto nel nome della pizzeria è quella che privilegia il saper mangiare bene, con gusto e attitudine per i sapori autentici e più semplici.
    Prodotti a Km 0, o comunque provenienti da una filiera corta, Presìdi Slow Food, di aziende che adottano il No Ogm ed il biologico e biodinamico che foraggiano il proprio bestiame con mangimi sani: sono questi gli ingredienti proposti da Giuseppe Vesi nella sua nuova pizzeria Pizza Gourmet.
    Figlio d’arte, Giuseppe è cresciuto tra le pizzerie di famiglia del centro storico di Napoli. L’esperienza, la passione per il suo lavoro unita al ricordo dei sapori dell’infanzia, hanno nutrito in lui il desiderio di applicare alla sua attività, quella di pizzaiolo secondo l’antica tradizione napoletana, la ricerca e l’amore per il cibo buono e genuino. – spiega Vesi. .
    I prodotti e i condimenti utilizzati da Pizza Gourmet sono tutti prodotti di eccellenza come la particolarissima Farina Petra del Molino Quaglia macinata a pietra proveniente da grani italiani, il Sale marino integrale di Trapani, i Capperi e l’Origano di Salina, le Alici di Menaica, i pomodori e i latticini campani, le carni e i salumi di Nero Casertano , le selezioni di carne Maremmana , in gran parte esposti nel bel banco gastronomia all’ingresso della pizzeria.
    Particolarmente curato e accogliente è anche il locale, in linea con un progetto che fa del bello e del gusto le proprie linee guida: luminoso, mediterraneo nei colori, attento ai dettagli. Maioliche dipinte che rievocano la tradizione della riggiola napoletana, tavoli di legno e seggiole impagliate, lambrì bianchi alle pareti e grandi lampadari di rame. A vista c’è la dispensa del fresco con prosciutti e formaggi, ortaggi di stagione ed altri prodotti. Grande, totemico e disegnato su misura è il forno, cuore pulsante del locale. Non mancano pochi e studiati dettagli di gusto rétro che conferiscono al locale la rassicurante atmosfera di casa.

    La pizzeria è aperta a cena, tutti i giorni della settimana
    Pizza Gourmet | viale Michelangelo, 77-79-81-83 | Napoli |Tel. 081 2292227 | www.pizza-gourmet.it

    ufficio stampa Dipunto studio Tel. 081 681505 – www.dipuntostudio.it

    Tra…Monti e Mare

    Pubblicato da aisnapoli il 28 - gennaio - 2015 Commenta

    Foto di Gruppo Terra dei vini

    Alla mia terza visita con “Terra dei … Vini”, l’EnoGiro del nostro territorio, non cessano le occasioni per stupirmi e mostrarmi realtà coraggiose ed appassionate. Sorpassato il valico di Chiunzi, lo scorso 17 gennaio abbiamo scoperto le vigne di Tramonti, visitando le cantine Apicella e Monte di Grazia che dalle pendici dei Monti Lattari guardano dall’alto scorci di mare della costiera amalfitana, su terreni realmente rubati alla montagna! Prisco Apicella proprietario ed enologo dell’azienda, ci conduce per primo tra le sue viti, impianti storici a raggiera patrimonio dell’Unesco, per la maggior parte viti autoctone e a piede franco, come ad esempio la Pepella – così chiamata perché ha acini grandi come un grano di pepe – e il Tintore, che insieme al Piedirosso, alla Ginestra, al Biancazita e al Biancatenera (Falanghina e Biancolella ripsettivamente) costituiscono la base dei vini Costa d’Amalfi DOC. E’ emozionante vedere viti di circa 200 anni, che hanno resistito al tempo e, fortunatamente, alla maledetta fillossera! Dopo aver visitato anche la vigna detta “’A scippata”, impianto risalente agli anni 1930, da cui si ricava l’omonimo vino riserva, pendente sulla montagna quasi quanto la costiera sul mare, e mostrataci la potatura degli impianti storici, Prisco ci conduce in cantina, dove ci ha spiegato il processo di vinificazione e ci mostrato le botti e le storiche vasce di cemento. Montanare, ricottine al miele di castagno, verdure dell’orto, pizza rustica e un’ottima zuppa di farro e fagioli accompagnano la degustazione del bianco “Colle di Santa Marina”, il Rosato e il Rosso “Tramonti”, ed infine ‘A Scippata in magnum riserva 2008. Vini sinceri e pietanze contadine … il perfetto abbinamento, raccontato da Ernesto. Giuseppe Apicella Terra dei vinici svela come ha ottenuto la IGT Tramonti: grazie al fatto di aver lavorato in Piemonte… da piccolo. Se il vino di Gattinara era riuscito a ottenere l’omonima denominazione IGT, perché non quello di Tramonti? E così, un giorno si trovò a passare nella sua cantina l’amico piemontese Ezio Greggio, vignettista oltre che show man, che gli disegna la prima etichetta del suo Tramonti Rosso, la cui commercializzazione provocò non poche difficoltà amministrative, ma la caparbietà e la grande determinazione di Giuseppe, fecero il resto ed il gioco-giustizia fu fatto! Appagati e sazi di informazioni, ci dirigiamo alla cantina Monte di Grazia, una azienda agricola biologica che ancora coltiva il terreno alla maniera dei vecchi contadini, non conoscendone altri metodi, col sistema del sovescio e il letame come concime. Le vigne sono allevate a raggiera, utilizzando pali di castagno come tralicci. Qui si produce solo con uve autoctone: Biancatenera, Pepella e Ginestra per il bianco e Piedirosso, Tintore e Moscio per il rosso, rendendo i vini di Monte di Grazia espressione quasi integralista del territorio. La giornata è fredda, ma l’accoglienza di Alfonso Arpino fa sì che al nostro arrivo troviamo anche un bel fuoco acceso e una lunga tavolata di legno imbandita con salumi e formaggi locali, per apprezzare al meglio la degustazione. Purtroppo non possiamo portare a casa nessuna bottiglia, perché per la maggior parte già tutte vendute o prenotate per i prossimi anni! Porteremo con noi i sentori profumati, i sapori della terra, il calore umano e quell’abbraccio alla vite ultracentenaria che Ernesto Lamatta ci ha fatto provare, e immortalare in foto, che difficilmente potremo dimenticare.

    Cos’altro dire? Alla prossima visita! AIS-ta la vista!

    Foto di Anna Ciotola

    i-grandi-barolo-di-g-d-vajra-a-cap-alice-per-storie-di-vini-e-vigneImperdibile questo appuntamento di Storie di Vini e Vigne per chi ama il grande rosso delle Langhe: il Barolo. Protagonisti i vini dell’azienda G.D. Vajra, una delle più rappresentative, chiocciola Slow Food proprio per la grande dedizione impiegata nel raggiungimento di vini particolarmente espressivi, che sappiano ben interpretare i vari crus di Barolo, lavorando nel pieno rispetto per l’ambiente.

    La cantina della famiglia Vajra è in continua evoluzione, qui non ci si ferma mai nell’inseguire una qualità altissima dei vini per raccontare nel migliore dei modi la grande vocazione vitivinicola di questo territorio. La degustazione traccerà un confronto divertente tra il Barolo di Serralunga, del periodo elveziano, profondo ed elegante, con quello di vigna delle Viole nell’areale di Barolo, del periodo tortoniano, più strutturato, ma interpretato comunque con grande eleganza dai Vajra.

    I Barolo in degustazione sono:

    2010 Barolo Baudana, Luigi Baudana

    2009 Barolo Bricco delle Viole, G.D. Vajra, Magnum

    2008 Barolo Bricco delle Viole, G.D. Vajra, Magnum

    2007 Barolo Baudana, Luigi Baudana

    2006 Barolo Baudana, Luigi Baudana

    2005 Barolo Bricco delle Viole, G.D. Vajra, Magnum

    La degustazione è guidata da Giuseppe Vajra e Marina Alaimo

    Segue la cena con i piatti di Cap’alice: Lasagna napoletana, brasato al barolo e panna cotta.

    Costo euro 30. Prenotazioni ai numeri 081.19168992 335.5339305

    Cap’alice è in via Bausan 28 m Napoli

    Fotogallery, Verticale di Praesidium all’Enopanetteria

    Pubblicato da aisnapoli il 28 - gennaio - 2015 Commenta


    In degustazione verticale di Montepulciano d’Abruzzo Praesidium con
    Montepulciano Riserva 2010, Riserva 2009, Riserva 2001, Riserva 1999
    e il vino da vasca 2013 (atto a divenire Riserva)

    14 Febbraio, A un tratto…l’amore al Roof Garden Terrazza Angiò

    Pubblicato da aisnapoli il 28 - gennaio - 2015 Commenta

    securedownload-123A un tratto…l’Amore
    Cena romantica ed estrazione a sorte per farsi ritrarre dalla nota illustratrice Capecchi

    La parola d’ordine è romanticismo. Da esprimere anche e soprattutto attraverso tratti grafici e disegni personalizzati. La particolarità della cena di sabato 14 febbraio ore 20.30 al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo sta nel fatto che la nota illustratrice Simonetta Capecchi (ha lavorato anche per Moleskine e curato “In viaggio col taccuino”) nel corso della serata realizzerà per 5 coppie un disegno personalizzato da poter conservare in ricordo di San Valentino 2015. Le coppie che saranno ritratte, estratte a sorte, saranno protagoniste ciascuna del proprio disegno e per tutte le altre ci sarà comunque in omaggio una stampa ricordo del panorama mozzafiato del Roof Garden Terrazza Angiò. Menu romantico di 4 portate e tante sorprese all’undicesimo piano dell’hotel (39 euro a persona, disponibile anche il 13 e il 15 febbraio al ristorante dell’hotel O’ Break, ore 20.30).

    Info e prenotazioni obbligatorie: 081.7970001.

    3 Febbraio, Pizzeria Pizzazza e Franciacorta Contadi Castaldi

    Pubblicato da aisnapoli il 27 - gennaio - 2015 Commenta

    UNA ESPERIENZA CHIAMATA PIZZA

    Presentazione del menù del maestro pizzaiolo Luca Castellano in abbinamento ai Franciacorta di Contadi Castaldi Un percorso gustativo che è una esperienza

    3 febbraio 2015 Pizzazza: CONTADI CASTALDI SCEGLIE IL TEMA DELLA PIZZA D’AUTORE PER PROPORRE UNA SERATA DIVERSA, PROPONENDO L’ABBINAMENTO CON LE BOLLICINE DI FRANCIACORTA. UN PERCORSO GUSTATIVO SORPRENDENTE DI RICETTE UNICHE REALIZZATE CON INGREDIENTI STAGIONALI RECUPERATI DA PICCOLE AZIENDE ARTIGIANALI CAMPANE E CERTIFICATE DA SLOW FOOD COME PRESIDI. IN DEGUSTAZIONE A SCELTA TRA LE PROPOSTE PIZZA E BOLLICINE DI FRANCIACORTA CONTADI CASTALDI: AGLIARA, DONNA SOFÌ, MARGHERITA IMPECORITA, CAMPANA, FIATO, NAPULE È, SUD.

    pizzazzaContadi Castaldi sceglie il tema della Pizza d’autore per sottolineare e condividere i valori che arricchiscono di significato l’immediato piacere del gusto. Se infatti un ottimo bicchiere di Franciacorta o una gustosissima pizza napoletana possono appagare i sensi e rendere più felice un incontro, è perché dietro questi prodotti c’è un sapere codificato che è fatto di tante piccole virtù: il rispetto della biodiversità, la conoscenza profonda del territorio e della sua storia, la consapevolezza del valore del tempo nel rendere un prodotto più appagante e salutare. “Abbiamo scelto l’Associazione della Verace Pizza Napoletana” – dichiara Francesca Moretti, alla guida della cantina – “proprio perché abbiamo trovato in essa una nuova frontiera del gusto che ha saputo riappropriarsi delle nostre più antiche radici, codificando un antico sapere che rischiava di essere contaminato da cattive abitudini e al contempo rinnovando questa antichissima tradizione attraverso un duplice incontro: quello con la creatività della farcitura – fatto salvo il rigido disciplinare dell’impasto, della lavorazione e della cottura – e quello con la diffusione della cultura della pizza in tutto il mondo attraverso un network di maestri pizzaioli che con grande passione e spirito di abnegazione stanno vincendo la loro battaglia contro l’omologazione del fast food”. È questo il mondo di valori nei quali si riconosce Contadi Castaldi e il gruppo vino di Francesca Moretti, nella convinzione che il vino italiano “oggi più che mai possa svolgere l’importante ruolo di custodire e divulgare un diritto al piacere che è al contempo salvaguardia del territorio, cultura condivisa e stile di vita”. Partendo da questo impegno, la serata presso la Pizzeria pizzazza di Gianni e Luca Castellano, affiliata alla AVPN, condurrà i suoi ospiti alla ricerca del gusto accompagnandoli in un percorso crescente di sapori. Il maestro pizzaiolo Luca Castellano, considera l’impasto l’ingrediente principale con cui creare pizze delicate, uniche e per tutti i gusti; Luca studia, sperimenta e valuta costantemente, con dedizione e passione, i singoli ingredienti madre dell’impasto.

    PROGRAMMA MARTEDI’ 3 FEBBRAIO| 20.30

    Agliara

    Pomodoro San Marzano Dop, aglio dell’Ufita a crudo, olio extra vergine d’oliva, sale, origano di collina.

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Brut

    Donna Sofì

    Ripieno fritto, fior di latte affumicato, pomodoro San Marzano Dop, ricotta di bufala, sale, pepe.

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Brut

    Margherita impecorita

    Pomodoro San Marzano “Antichi Pomodori di Napoli” Danicoop, mozzarella di bufala campana DOP, formaggio caso peruto, olio extra vergine d’oliva di prima premitura a freddo, sale, basilico.

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Brut

    Campana

    Papaccella napoletana grigliata sott’olio, mozzarella di bufala campana DOP, cipolla alifana, olio extra vergine d’oliva di prima premitura a freddo, sale, basilico.

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Satèn 2009

    Faito

    Pancetta paesana di Vico Equense, pomodorini al piennolo del Vesuvio, fior di latte di Vico Equense, provolone del Monaco DOP, olio extra vergine d’oliva di prima premitura a freddo, sale, basilico

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Rosé non millesimato

    Napule è Spicchio di “margherita impecorita”, spicchio broccolo aprilatico di Paternopoli e salsiccia fresca del macellaio locale, spicchio con papaccella napoletana e cipolla alifana

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Rosé non millesimato

    PIZZA STAR Jesce Sole

    Filetto di pomodori tigrati neri, olio extra vergine d’oliva di prima premitura a freddo, fior di latte di Vico Equense, fiori di zucca, grattugia di formaggio caso peruto.

    In abbinamento Contadi Castaldi Franciacorta Satèn 2009

    Abbinamento pizza e bicchiere di Franciacorta Contadi Castaldi 10 euro

    Aperto al pubblico su prenotazione: Pizzazza Viale dei Pini, 25 Napoli Tel +390817418243

    Mail: info@pizzazza.it

    Ufficio stampa: Teresa Caniato: t.caniato@terramoretti.it tel ufficio 030 7762702

    invito-da-gigione-web

    Martedì 27 gennaio 2015, ore 19.00

    Da Gigione macelleria-hamburgheria-braceria

    presenta alla stampa e ai food blogger il nuovo locale

    in via Roma 307, Pomigliano dArco (Napoli)