Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    ragu-a-napoli-e1517579974895A Palazzo Petrucci la presentazione degustazione il 22 febbraio alle 11

    Si avvicina la settimana in cui 40 locali, dagli stellati alle trattorie storiche, celebrano il piatto più raccontato della tradizione partenopea, ‘O rraù.
    L’appuntamento per i protagonisti e per la stampa è giovedì 22 febbraio alle ore 11.00 a Palazzo Petrucci, via Posillipo 16, dove l’iniziativa promossa dal LucianoPignataro WineBlog e da MySocialRecipe, patrocinata dalla Camera di Commercio di Napoli, sarà presentata da Luciano Pignataro e dalla nutrizionista Francesca Marino, CEO di MySocialRecipe e moderata dalla giornalista Santa Di Salvo.
    Interverranno gli artigiani del gusto che sostengono l’iniziativa: Giuseppe Napolitano di Solania, Sabatino Cillo, lo stilista delle Carni, Giuseppe Pagano di Santa Costa e Giuseppe Perrella per la Birra Valsugana.
    Gran finale con il ragù preparato dallo chef stellato Lino Scarallo in assaggio a tutti gli intervenuti in abbinamento al Don Andrea 36.05 di Santacosta e alla Birra Valsugana.

    La presentazione-degustazione è riservata ai partecipanti di Ragù 7su7 e alla stampa.

    Di seguito l’elenco dei ristoranti partecipanti a “Ragù 7su7”.
    1. A taverna d’ò re, tel. 081 5522424, Piazza Municipio Fondo Supportico di Separazione, 2/3, 80133
    2. Alba tel. 081 5787800 Piazza dell’Immacolata 14, 80129
    3. Antonio la trippa tel. 081 0482228 Traversa Michele Pietravalle 62/70, 80131
    4. Cantina di Triunfo tel. 081682354 Via Riviera di Chiaia 64, 80122
    5. Carmnella tel. 081 5537425 Via Marino Cristoforo 22-23, 80142
    6. Ciro a Santa Brigida tel. 081 5524072 Via Santa Brigida 71/73, 80132
    7. Da Donato tel. 081287828, Via Silvio Spaventa 41, 80142
    8. Da Ettore tel. 081 7640498 Via Santa Lucia 56, 80132
    9. Dalle sorelle tel. 081 454757 Via Benedetto Cairoli 1, 80100
    10. Gorizia 1916 tel. 081 5782248 Via Gianlorenzo Bernini 29,31, 80129
    11. Gourmeet tel. 081 7944131 Via Alabardieri 8, 80121
    12. Hostaria la campanella tel. 081 0480578 Via Lanzieri, 39, 80132
    13. Hostaria la campanella tel. 081 3412524 Via Marchese Campodisola 18/20, 80133
    14. Ieri, oggi, domani tel. 081 206717 Via Nazionale 6, 80143
    15. Il Comandante tel. 081 604 1580 Via Cristoforo Colombo 45, 80133
    16. Il Macello tel. 08119101542, Via Vittoria Colonna 10, 80121
    17. Il Ristorantino dell’avvocato tel 081 032 0047 Via Santa Lucia 115, 80132
    18. La cantina de’ mille tel. 081 283448 Piazza Giuseppe Garibaldi 126, 80142
    19. La cantina di via Sapienza tel. 081 459078 Via Sapienza 40, 80138
    20. La cucina di Elvira tel. 338 933 8810 Via Gian Lorenzo Bernini 42, 80129
    21. La stanza del gusto tel. 081 401578 Via Costantinopoli 100, 80135
    22. La taverna del buongustaio tel. 081 551 2626 Via Basilio Puoti 8, 80134
    23. L’altro loco tel. 081 764 1722 Vicolo Santa Maria Cappella Vecchia 5, 80121
    24. Le figlie di Iorio tel. 081 552 0490 Via Conte Olivares 73, 80133
    25. Leon d’oro tel. 081 549 9404 Piazza Dante, 48, 80134 Napoli
    26. Locanda del Cerriglio tel. 081 552 6406 Via del Cerriglio 3, 80134
    27. Locanda ‘ntretella tel. 081 427783 Salita S. Anna di Palazzo 25, 80132
    28. Mimì alla ferrovia tel. 081 553 8525 Via Alfonso D’Aragona 19/21, 80139
    29. Osteria da Carmela tel. 081 549 9738 Via Conte di Ruvo 12, 80135
    30. Osteria da Tonino tel. 081 421533 Via Santa Teresa a Chiaia 47, 80121
    31. Osteria della mattonella tel. 081 416541 Via Giovanni Nicotera 13, 80132
    32. Osteria la chitarra tel. 081 552 9103 Rampe S. Giovanni Maggiore 1 B, 80134
    33. Osteria Partenope tel. 081 558 4006 Via Cimarosa 56, 80129
    34. Palazzo Petrucci tel. 081 575 7538 Via Posillipo 16, 80123
    35. Ristorante Europeo Mattozzi tel. 081 552 1323 Via Marchese Campodisola 4, 80133
    36. Rossopomodoro tel. 081 764 6012 Via Partenope 11, 80121
    37. Taverna dell’arte tel. 081 552 7558 Rampe S. Giovanni Maggiore 1a, 80134
    38. Umberto tel. 081 418555 Via Alabardieri 30, 80121
    39. Veritas tel. 081 660585 Corso Vittorio Emanuele 141, 80121
    40. Zì Teresa tel. 081 764 2565 Borgo Marinaro 1, 80123

    locandina2

    comunicato

    Enopanetteria i Sapori della Tradizione
    Corso Europa n.125 Melito (Na)
    Info e prenotazioni: 081.7117410 Venerdi 23 Febbraio euro 35

     

    21 febbraio, I Taurasi dei Diversi Vignaioli irpini a Cap’alice

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - febbraio - 2018 Commenta

    locandina-taurasi-capaliceMercoledì 21 febbraio a tutto Taurasi a Storie di Vini e Vigne, le enoserate di Cap’alice ideate e condotte dalla giornalista Marina Alaimo. In degustazione ci saranno i Taurasi del Consorzio Diversi Vignaioli Irpini, una unione felice tra produttori che sentono profondamente il legame con l’antica anima vignaiola della loro terra. I vignaioli saranno presenti personalmente a raccontare i propri vini ed il territorio che li rende così speciali e coinvolgenti. Taurasi si conferma sempre più una delle migliori espressioni enologiche d’Italia, posizionandosi tra i grandi rossi capaci di cavalcare i tempi lunghi e di esprimere con coerenza l’identità territoriale, unica per i diversi fattori legati al suolo, alla posizione geografica, ai saperi tramandati di generazione in generazione da secoli. A Storie di Vini e vigne saranno in degustazione : Taurasi 2007 Perillo, Taurasi Coste 2009 Contrade di Taurasi, Taurasi Primum 2011 Guastaferro, Taurasi 2012 Antico Castello, Taurasi Fren 2013 Stefania Barbot. Un percorso ricco che evidenzia i diversi cru della DOCG irpina, condotto da aziende presenti nell’areale di produzione da molto tempo e da aziende giovani, pensate da giovani menti appassionate del mondo del vino.
    Come di consueto, alla degustazione segue la cena con i piatti di Cap’alice, l’enosteria di Mario Lombardi, in via Bausan 28 Napoli.
    Il costo dell’evento è 35€ – prenotazione ai numeri 081 19168992 – 335 5339305

    19 Febbraio, L’Allievo e il Maestro alla Pizzeria Est Ovest

    Pubblicato da aisnapoli il 12 - febbraio - 2018 Commenta

    locandina-serra

    santapietanza-webIl 19 febbraio al ristorante-orto Il Moera di Avella “A tavola con i Santi”,
    cena con i piatti tratti dal volume “Santa Pietanza”

    Lunedì 19 febbraio (ore 20,30) al ristorante-orto Il Moera di Avella (Av) si cena con i piatti tratti dal volume “Santa Pietanza”, di cui sono autrici Lydia Capasso e Giovanna Esposito. Quattro le pietanze che lo chef-patron Francesco Fusco ha scelto dalla ricca selezione di piatti legati al culto dei santi individuati dalle autrici. In compagnia di Lydia Capasso e Giovanna Esposito, che nel corso della serata racconteranno diversi aneddoti ai presenti, partiremo dall’Andalusia con il Remojón de San Antón, un’insalata di baccalà con le arance, per poi ritornare in Irpinia con gli Spaghetti alici e noci con cui a Sirignano si celebra il “Natale piccirillo”. Da lì lasceremo la terraferma per trasferirci prima sull’isola Verde con il Coniglio all’ischitana, legato al culto di Sant’Anna, e poi in Sicilia, e precisamente a Catania, con le Minne di Sant’Agata realizzate dal maestro pasticciere Pasquale Pesce dell’omonima pasticceria di Avella.
    Ad accompagnare i piatti della serata, organizzata in collaborazione con Laura Gambacorta, saranno i vini dell’azienda vesuviana Poggio Ridente seguiti dall’AmaRè dell’Antica Distilleria Petrone.

    Menu
    Remojón de San Antón (insalata di baccalà)
    Spaghetti alici e noci
    Coniglio all’ischitana
    Minne di Sant’Agata by Pasquale Pesce

    In abbinamento:
    Catalanesca del Monte Somma Igt 2016 Poggio Ridente
    Lapillo del Vesuvio Lacryma Christi del Vesuvio bianco Dop 2016 Poggio Ridente
    Magma del Vesuvio Lacryma Christi del Vesuvio rosso Dop 2012 Poggio Ridente
    AmaRè Antica Distilleria Petrone

    Ticket di partecipazione: 35 euro (vini inclusi)

    Ingresso solo su prenotazione

    Info e prenotazioni
    Il Moera Ristorante – Orto
    Via delle Centurie
    Avella (Av)
    Tel. 081 8252924

    Contatti stampa:
    Laura Gambacorta
    Mob. 349 2886327
    Email: laugam@libero.it

    Complimenti ai 18 neo sommelier dell’AIS Napoli Corso n.83

    Pubblicato da aisnapoli il 10 - febbraio - 2018 Commenta

    scudetto ais napoliComplimenti ai 18 neo sommelier della delegazione di Napoli dell’Associazione Italiana Sommelier Corso n.83:
    ANTONINA BUYEVYCH, MARIA IMMACOLATA CAPEZZA, VINCENZO CHIAVERINI, MIRELLA DE VITO, SALVATORE DI VAIA, GIUSEPPE ESPOSITO, GIANLUCA FEDERICO, LUCA FIORENTINO, MARIELLA FRATELLINI, STEFANO GAGLIARDI, GIUSEPPE LUMACONE, PASQUALE MUGIONE, GIANCARLO NOCERA, MADDALENA PACE, ALBERTO PETTI, SABRINA RUBEO, ROBERTA RUOTOLO, VALENTINA VERLEZZA.

    Adesso viene il bello…

    Congratulazioni a tutti e mi raccomando non fate troppi “danni” ;-) T.L.

    Grano Nostrum: chi semina bene raccoglie meglio…

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - febbraio - 2018 Commenta

    grano-nostrum-8-febbraio-2018Il contratto di filiera del grano tenero, il primo al Sud Italia, ha trovato tutti entusiasti, nel corso del convegno “Grano Nostrum: chi semina bene raccoglie meglio”, tenutosi ieri al Real Sito di Carditello.
    Un luogo ricco di storia, che fu centro di ricerca agroalimentare (è qui che è nata la produzione della mozzarella, è qui che è stato allevato il cavallo napoletano, il Persano, ed è qui che si praticavano coltivazioni sperimentali di grano) e che diventerà luogo di incontri e di studi su questi temi, promossi da Mulino Caputo, dalla Green Farm e dalla Fondazione UniVerde. Contribuendo, così, alla rinascita del sito.
    Nel corso dell’incontro si sono manifestati l’auspicio e i presupposti che la collaborazione, nata due anni fa tra Mulino Caputo e la Green Farm di Michele Meninno, con un intenso e duro lavoro, e che vede connessi agricoltori e molitori, si possa diffondere in tutta l’area meridionale, seguendo il loro percorso virtuoso. Soddisfatti i coltivatori, che vedono il loro sforzo adeguatamente remunerato. Contenti tutti gli altri, per la qualità del prodotto ottenuto.
    Perché, con il progetto Campo Caputo, connesso a “Grano Nostrum”, si è raggiunta una produzione ecosostenibile in termini ambientali e di qualità di grano. Un auspicio, quello della diffusione di questo modello, caldeggiato anche da Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, che addirittura ha chiuso il suo intervento esprimendo la speranza che in futuro possa essere prodotto un seme “napolitano”, con la “i”, proprio come venivano chiamati gli abitanti dell’intero Regno delle Due Sicilie. Di fatto, la varietà autoctona “Partenope”, selezionata dai tecnici di Mulino Caputo, è già utilizzata nella produzione di Grano Nostrum, in tre regioni: Campania, Basilicata e Molise.
    Antimo Caputo ha sottolineato come, grazie a un fitto lavoro di squadra, supportato dallo studio sulle diverse specie varietali, sulla scelta dei mezzi tecnici e sulla gestione dello stoccaggio e ben ancorato alle caratteristiche del territorio, a due anni dal primo contratto di filiera in Campania, siano già stati ampiamenti raggiunti gli obiettivi quantitativi di produzione e ha anticipato che le coltivazioni dedicate alle colture di grano tenero GRANO NOSTRUM, potranno agevolmente raggiungere i 3000 ha per l’annata 2018/2019.
    Anche se” ha aggiunto l’AD del Mulino Caputo “per quanto riteniamo che il raggiungimento di una produzione che possa fregiarsi di essere costituita interamente da “Grano Nostrum”, sia un obiettivo fondamentale, ancora più importante per noi è che la produzione garantisca un grano di altissima qualità, che consenta a tutti gli operatori e trasformatori di portare in tavola il miglior prodotto possibile.”
    L’attenzione che l’azienda molitoria napoletana riserva, da sempre, al settore della pizza, è stata riconosciuta dal Maestro Pizzaiolo Gino Sorbillo, che ha parlato di un prodotto “sartoriale” proposto da un’azienda di respiro internazionale eppure profondamente radicata sul territorio.
    All’incontro, moderato dal giornalista de Il Sole 24 ore, Giorgio dell’Orefice, è intervenuto anche Francesco D’Amore, dell’Azienda Agricola D’Amore.

    27858905_10213593565706340_3808259323098034619_n
    Dal 10 al 25 maggio torna Wine&Thecity con tante novità e progetti importanti in calendario.

    Con la rassegna torna anche la Wine&Thecity Card, la fidelity card riservata a chi vuole sostenere la manifestazione e assicurarsi agevolazioni e piccoli privilegi. Per l’XI edizione la CARD sarà un prezioso passe–partout per accedere agli eventi gratuitamente e con tariffe privilegiate a cominciare dalla serata inaugurale del 10 maggio.

    Come gli anni passati, inoltre, con la W&TC Card si ricevono sconti negli esercizi convenzionati per tutto il 2018.

    Una novità è la partnership con il Movimento Turismo del Vino della Campania che proporrà a tutti i possessori della Card una serie di iniziative in cantina.

    Tutti gli sconti e le agevolazioni saranno pubblicate sul sito di Wine&Thecity in costante aggiornamento.

    La Card è numerata e nominale, ha la durata di 1 anno e soprattutto ha l’obiettivo di sostenere Wine&Thecity.

    Con soli 10 euro vi consentirà di vivere la città di Wine&Thecity!

    È possibile sottoscrivere la Wine&Thecity Card presso gli uffici di Wine&Thecity in via Crispi 116, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:00.
    Per informazioni 081 681505