Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 26 nov 2014 al 26 nov 2014 alle ore:20:00

      26 Novembre, Corso Sommelier di primo livello N.62 in partenza

      Mancano: 4 giorni e 02:43 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    taverna-di-bacco

    21 novembre minestre maritate a confrontoIl 21 novembre al Ristorante – orto Il Moera di Avella
    “Irpinia 081 – Minestre maritate a confronto”

    La minestra maritata, uno dei classici della tradizione gastronomica campana, per una sera diventerà il filo conduttore di un’intera cena. A cimentarsi nell’impresa Francesco Fusco, chef e patron del ristorante-orto Il Moera di Avella, che, in collaborazione con la giornalista Laura Gambacorta, venerdì 21 novembre alle ore 20,30 proporrà la cena intitolata “Irpinia 081 – Minestre maritate a confronto”.
    Teatro di questa amichevole “sfida” tra la versione napoletana e quella irpina della minestra maritata sarà Avella, gradevole borgo della provincia di Avellino a metà strada tra il capoluogo irpino e quello partenopeo di cui, curiosamente, ha il prefisso telefonico 081.
    In abbinamento ci saranno i vini irpini dell’azienda Antichi Coloni presente con due versioni di aglianico: Vinicius Aglianico Campania Igt 2011 e Natu Maior Aglianico Irpinia Rosso Doc 2008.
    Chiusura dolce con l’originalissima cassata avellana e la piccola pasticceria del maestro Pasquale Pesce.

    Menu
    Due minestre maritate a confronto
    Tortellini maritati
    Baccalà, minestra ed emulsione al limone
    Predessert a sorpresa
    Cassata avellana e piccola pasticceria (Pasticceria Pesce)

    In abbinamento:
    Vinicius Aglianico Campania Igt 2011 Antichi Coloni
    Natu Maior Aglianico Irpinia Rosso Doc 2008 Antichi Coloni

    Ticket di partecipazione: 35 euro (vini inclusi)

    Ingresso solo su prenotazione

    Info e prenotazioni:
    Il Moera Ristorante – Orto
    Via delle Centurie
    Avella (Av)
    Tel. 081 8252924

    Contatti stampa:
    Laura Gambacorta
    349 2886327
    laugam@libero.it

    Dal 21 Novembre nasce Meatin’ Cuoco e Carbone

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - novembre - 2014 Commenta

    10339546_794404193972800_7736127224375659966_n

    Nasce MEATIN’, non chiamatela steakhouse
    #cuocoecarbone

    Apertura al pubblico dal 21 novembre

    Cuoco e carbone ovvero cucina e braci. È questo il concept innovativo con cui apre Meatin’,nuovo ristorante gastronomico a Napoli. Carbone, perché è esclusivamente su carbone e barbecue Weber®, che verrà arrostita la carne; Cuoco,perché il percorso in tavola sarà completato con la tradizione campana che sa rinnovarsi grazie alla consulenza di Peppe Guida, Stella Michelin con la sua Osteria Nonna Rosa a Vico Equense.
    Cuoco e carbone, dunque, per offrire ai palati più curiosi un’esperienza gastronomica diversa in un luogo diverso. Il progetto gastronomico porta la firma di Maurizio Cortese, Ceo di Corteseway e foodwriter&consultant, che ha selezionato chef – è la prima volta che Peppe Guida si fa coinvolgere in un progetto di ristorazione a Napoli come consulente – e fornitori per fare di Meatin’ non la solita steakhouse, ma un ritrovo per palati gourmand e cultori del buono. La scelta di Peppe Guida non è casuale, spiega Cortese.
    Meatin’ è un luogo dove tutto concorre ad una piacevolezza estetica e gustativa: dal design del locale al piatto in tavola. Il progetto è dell’architetto Mimmo Moccia di ADM Studio, che ha scelto il legno come materiale dominante abbinato a vetro, acciaio e design di firma: le sedute sono le JunoArper® perché star comodi in sala è un segno di accoglienza, i tavoli sono in acciaio spazzolato con piano in legno massello, fatti a mano e volutamente senza tovaglia per lasciar parlare il legno, materiale vivo. I coperti sono 50, distribuiti in tavoli ben distanziati per preservare privacy e comodità. Cucina e braci sono a vista attraverso una quinta di vetro a tutta altezza che sembra concepita come un’installazione artistica. Cura dei dettagli e qualità sono gli elementi su cui Meatin’ ha costruito il proprio profilo con un obiettivo: essere riconosciuti come ristorante d’eccellenza per la carne a Napoli.
    La carne è a Km 100, ovvero proviene dalla macelleria di Mario Carrabs, l’artista della carne di Gesualdo, in Irpinia, vero e proprio laboratorio di eccellenza culinaria. Alla carne è abbinato un solo primo piatto: il Delicato sorrentino, piatto simbolo di Peppe Guida e sintesi di mediterraneità. In cucina, guidato e formato da Peppe Guida, c’è il giovane cuoco, Paolo Cozzolino. L’incipit della carta, dopo il benvenuto dello chef, è affidato ad antipasti gastronomici di terra e di orto; non da meno l’offerta dei contorni e la proposta per i vegetariani che variano con la stagione. Singolare la carta dei dessert con proposte ai carboni: dalla frutta ai dolci, tutto rigorosamente grigliato. La carta dei vini punta all’eccellenza a cominciare dalla selezione di Beaufort e Dufour di Dan Lerner, esperto di vini e champagne. I vini sono solo di aziende campane che si distinguono per la qualità e la ricerca enologica. Le birre proposte sono state selezionate tra le migliori etichette europee con attenzione anche al prodotto analcolico. Infine una selezione accurata di Single Malt e Rhum Agricole AOC di Martinica completano l’esperienza fine pasto.
    Il progetto Meatin’ nasce dall’idea e dalla passione di tre giovani amici professionisti e imprenditori napoletani (Angelo Aruta, programmatore informatico; Luca Nappi chimico industriale; Giovanni Stanzione, imprenditore), tutti under 40 e tutti con la voglia di scommettere sulla città e su una ristorazione di alto profilo. Il concept gastronomico, dalla scelta dello chef alla carta dei vini e degli champagne, è opera di Maurizio Cortese; la comunicazione stampa è affidata alla società di Pr e media relation dipuntostudio.it specializzata in start up e uffici stampa nel settore food&travel.

    Meatin’ Via Timavo n°25-27, (traversa di Corso Europa) www.meatin.it Tel. 081 18893517

    Orari: dal lunedì alla domenica dalle 19.30 alle 24.
    Sabato e domenica anche dalle 12.00 alle 15.00.
    Chiuso il martedì.

    Ufficio stampa dipuntostudio.it 081 681505

    Merano Wine Festival, gli Awards dell’edizione 2014

    Pubblicato da aisnapoli il 12 - novembre - 2014 1 Commento

    Young_Artist_AwardDi Ivano Antonini
    Siamo arrivati anche quest’anno al termine del Merano Wine Festival.
    Anche nell’edizione 2014 non può certo mancare il consueto appuntamento con la consegna dei veri “Awards”, quelli da assegnare ai frequentatori della famosa rassegna meranese.

    Premio “siamo nell’era 2.0″ perché la famosa frase “noi ci siamo sicuramente visti a qualche degustazione” che si usava nelle vecchie edizioni del MWF, è stata sostituita con “noi siamo amici su Facebook”.

    Premio “nella vita precedente ero un barman free-style”, al cameriere che la sera prima del Wine Festival mi ha stappato il Barolo Bussia Aldo Conterno del ’96. Appena versato… avevo già il fondo nel bicchiere.

    Premio “ph” a colui che chiedeva se il vino che aveva nel bicchiere, fosse il “vino basico” dell’azienda.

    Premio “maledette aziende emergenti” a colui che al tavolo di Biondi-Santi ha chiesto “avete mica un Chianti???”

    Premio “l’alternativa ai trucioli” a colei che ci sentiva le doghe della barrique in un vino.

    Premio “ripassa e sarai più fortunato” a colui che ha chiesto “la Rosa di Corte” al tavolo di Ornellaia. “Signore, guardi che il tavolo di Frescobaldi è lì di fronte”…

    Premio “siamo tutti pusher” alla frase “mi hanno detto che avete robe tagliate con l’autoctono…”

    Premio “tutta colpa della pioggia” al sentore di sottobosco e funghi porcini che da questa edizione del MWF sostituisce, definitivamente, il sentore di tappo.

    Premio “rivediamo questi benedetti disciplinari-parte prima” perché dopo che gli è stato versato il vino, ha chiesto se quel Barbaresco “facesse solo acciaio o anche legno”. In effetti… un Barbaresco “solo acciaio” non sarebbe male come idea…

    Premio “rivediamo questi benedetti disciplinari-parte seconda”. Tavolo di Lis Neris, Alvaro Pecorari sta servendo il Tal Luc a dei ragazzi:
    “Con che uve è fatto?”
    “Principalmente con il Verduzzo”
    “Col Verduzzo????”
    “Sì, certo. Perché?”
    “Caspita! Non pensavo che si riuscisse ad ottenere dei grandi passiti con questo vitigno, eppure di Verduzzi dei Castelli di Jesi, ne ho bevuti tanti in vita mia!!!”

    1796950_736054856470295_6002872859969292511_oIl premio “cataratta” va invece consegnato direttamente al sottoscritto, perché per cinque minuti abbondanti (alle 10:30 del mattino della domenica, mica a fine giornata…) ero convinto che il Paleo lo producesse l’azienda Le Pupille.

    L’edizione 2014 verrà ricordata anche per i pizzini che giravano per i tavoli dei produttori. Come diceva un famoso “statista” marocchino, mio ex collega di lavoro… “La regola, sei regola”, e vanno rispettate!

    Alla prossima edizione!

    disciplinare-ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    I Sapori della tradizione Enopanetteria e AIS Napoli

    presentano le serate INDòvino

    9^ Incontro ” Disciplinati o indisciplinati?

    Appuntamento dedicato all’esplorazione e al confronto tra i viticoltori ossequiosi dei disciplinari di produzione dettati per legge e i produttori “indisciplinati”, che vinificano derogando ad alcune direttive :  entrambi alla ricerca secondo la propria arte e sensibilità, della vera espressione del vino.

    21 Novembre 2014 ore 20.30

    Blind tasting “INDòvino”

    I Sapori della tradizione Enopanetteria di Stefano Pagliuca.

    Corso Europa 125, Melito di Napoli.

    Prenotazione obbligatoria, max 30 posti.

    Costo della serata euro 20 a persona.

    Info e prenotazioni tel.081 7117410- cell. 3394777095

    Hai il naso sopraffino? Hai il Wine-factor? No! Allora non devi mancare alle serate “INDò vino”, dove ci si sfiderà a riconoscere in degustazione cieca 5 oppure 6 vini a seconda del tema della serata. Il primo classificato sarà dichiarato l’INDòvino” della serata e riceverà una bottiglia di vino in premio, mentre gli altri partecipanti saranno dichiarati veri “INDò vino”. Anche l’ultimo classificato riceverà in premio una bottiglia di vino. Oltre alla degustazione cieca dei vini, ci sarà la degustazione a “vista” delle pizze della tradizione e tante altre sorprese della resident chef Raffaella Verde.

    Foto di Civiltà del Bere

    885937_1549030838665190_7133320753854690469_oMenù

    Sformato di Spinaci e Filetto di Spigola Arpionata da Tronchetto Calabro
    Zucca con riccioli di “Amarelli”
    Tagliata di Seppia al “Nero” di Liquirizia su Crostone di Zucchine
    Cupoletta Gelata di Radice di Rossano con Crema di Pere e Limone Candito

    Vini in abbinamento
    Falerno del Massico Bianco 2013 Villa Matilde
    Piedirosso Sannio doc 2012 Fontanavecchia

    13 Novembre. Costo della cena a persona €.30,00

    Ristorante Mangiafoglia

    Via Carducci, 32 Napoli

    E’ necessaria la prenotazione al 081-414631

     

    dalle ore 20,00 degustazione di birra Amarelli bionda e nera artigianale alla liquirizia

    15 e 16 Novembre, Wine Sweet Wine, con Cantine aperte a San Martino

    Pubblicato da aisnapoli il 10 - novembre - 2014 Commenta

    cantine-aperte-a-san-martino-e1415191342159Domenica 16 Novembre in occasione di Cantine Aperte a San Martino anche in Campania si rinnova l’incontro tra i winelovers e le numerose cantine regionali che per l’occasione saranno pronte ad aprire le loro porte per accogliere appassionati di enologia e curiosi. “Wine Sweet Wine” è il tema scelto per questa edizione dell’appuntamento autunnale firmato dal Movimento Turismo del Vino che intende stupire con proposte all’insegna della dolcezza creando accostamenti tra le migliori etichette campane e la tradizionale pasticceria regionale: torte farcite e secche, biscotti al vino fatti in casa, mousse, gelati fruttati e pasticcini da forno saranno accompagnati da calici di vini rossi, bianchi, distillati e passiti made in Campania.

    In Campania aderiscono all’iniziativa le aziende: Cantina di Solopaca, Vini Magliulo, La Sibilla, Cavalier Pepe, Telaro, La Guardiense e Terredora. I programmi sono molto ricchi e vari con proposte interessanti per intrattenere il pubblico di tutte le età: nel beneventano a La Guardiense di Guardia Sanframondi (BN) a partire dalle ore 10.30 ci saranno degustazioni di dolci, laboratori tecnici di approccio alla degustazione del vino e al bere consapevole seguiti da un pranzo e da degustazioni mirate. Poco distante la Cantina di Solopaca ha ideato un programma che prevede naturalmente degustazioni, abbinate a visite in cantina con musica e pranzo tipicamente autunnale. Nell’avellinese La Tenuta Cavalier Pepe organizza due giorni di degustazioni con i suoi quattro vini da dessert abbinati a dolci tipici irpini. In provincia di Napoli la famiglia Di Meo de La Sibilla propone un’escursione tra i resti della Villa Romana Domus Giulii a Baia per ammirare, tre le vigne, l’incantevole veduta sui porti di Cuma e Miseno. Al rientro tutti in cucina guidati dalle nonne per preparare i dolci a base di vino, mosto e uva, tra i profumi della mostarda di piedirosso in preparazione. La giornata si conclude con un pranzo. In Irpinia Terredora propone un pomeriggio con la degustazione di grandi rossi per dare voce alle differenti anime e stili dell’areale del Taurasi, attraverso le etichette aziendali. Ospite della serata sarà Anna Chiavazzo della sweet room Il Giardino di Ginevra. Chef di pasticceria, chocolatier e specialista in lievitati naturali da forno presenterà le sue creazioni con insoliti abbinamenti tra vini e panettoni, da sempre protagonisti delle tavole imbandite delle feste.

    Ogni cantina aderente all’iniziativa darà ai visitatori l’opportunità di visitare l’azienda per conoscere la sua storia e capire come vengono prodotti i vini.

    Di seguito l’elenco delle cantine aderenti all’evento e i singoli programmi:

    PROVINCIA DI NAPOLI

    LA SIBILLA sas di Di Meo V&C SOCIETA’ AGRICOLA

    Via Ottaviano Augusto, 19

    80070 bacoli (NA)

    www.sibillavini.it

    info@sibillavini.it

    Tel. 0818688778

    Wine Sweet Wine: la famiglia Di Meo propone l’antica tradizione flegrea della mostarda di piedirosso, insieme alla preparazione di prelibatezze come la schiaccia d’uva, gli scagliuozzi di semolino ’mbriaco e i taralli al mosto.

    ore 10.30 Nel cuore dei Campi Flegrei, nella parte occidentale di Baia, tra filari di storici vitigni e orti di ecotipi di stagione, i contadini custodi dell’azienda agricola La Sibilla vi guideranno sino alla DOMUS GIULII in Baia per ammirare, tre le vigne, l’incantevole veduta sui porti di Cuma e Miseno.

    ore 11.30 Tutti in cucina all’opera, guidati dalle nonne e dalle nuove leve della famiglia per preparare gli antichi e semplici dolci a base di vino, mosto e uva, tra i profumi della mostarda di piedirosso in preparazione.

    ore 13.00 Degustazione di pietanze tipiche con i prodotti dell’orto abbinati ai vini dell’azienda, quali la falanghina campi flegrei, il piedirosso campi flegrei e il pedirosa .

    - I posti sono limitati

    - La prenotazione è obbligatoria al numero 3296007442

    - Ticket di partecipazione € 25.00 a persona, € 15.00 per i bambini

    - L’appuntamento è presso l’Azienda Agricola La Sibilla sas di Di Meo V&C

    via Ottaviano Augusto n.19 – 80070 Bacoli (NA)

    PROVINCIA DI AVELLINO

    TENUTA CAVALIER PEPE SOCIETA’ AGRICOLA, SRL

    Via Santa Vara

    83050 Sant’Angelo all’esca

    Tel: 0039/082773766

    Fax: 0039/082778163

    Cell. Milena Pepe: 02039/3493172480

    email: info@tenutacavalierpepe.it

    sito web: www.tenutacavalierpepe.it

    La Tenuta Cavalier Pepe organizza in azienda nella Sala di degustazione due giorni di abbinamenti con i suoi 4 vini da dessert e di fine pasto.

    Il 15 e 16 faremo una degustazione alle 11.00 e una alle 16.00 con dolci in abbinamento con prodotti del territorio.

    I vini in degustazione sono:

    - “Or Spumante” Spumante bianco di qualità a base di uve fiano e coda di volpe

    - “Or Rosé” Spumante Rosato di qualità a base di uve aglianico

    - “Chicco d’Or” Irpina Fiano Passito DOC

    - “Cerri Merry” Vino aromatizzato a base di aglianico e amarena

    - Costo a persona 9 euro

    Accoglienza con l’aperitivo del Cavaliere e possibilità di vista alla cantina.

    Prenotazione al 0827/73766, amministrazione@tenutacavalierpepe.it

    TERREDORA DI PAOLO S.S. Agricola

    Indirizzo via Serra, SNC Montefusco (AV)

    P.Iva: 01721710646

    Tel. +39 0825968215

    Fax. +39 0825963022

    Email info@terredora.com

    Sito www.terredora.com

    Insolito gustar di vino e di dolcezze
    Montefusco, (AV) Domenica 16 novembre 2014
    16.00 > 19.00

    Ti sembrerà di sentire ancora i profumi dei mosti a ribollir nei tini quando
    domenica 16 novembre Terredora festeggerà con Cantine Aperte a San Martino il Capodanno del vino.

    In Irpinia, infatti, le uve Aglianico per la vinificazione del Taurasi vengono raccolte ai primi di novembre e sono loro a chiudere la stagione della vendemmia, mentre a San Martino comincia l’annata agraria che verrà.

    Come in ogni festa che si rispetti non possono mancare i dolci e, pur non essendo produttrice di vini da dessert, la famiglia Mastroberardino ha deciso di accettare, in maniera del tutto originale e creativa, la sfida del tema dell’evento per quest’anno: Wine Sweet Wine.

    L’appuntamento è in cantina, a Montefusco, Via Serra, alle 16.00.

    In questo pomeriggio verrà proposta una degustazione di grandi rossi che darà voce alle differenti anime e stili dell’areale del Taurasi, attraverso le tre etichette made Terredora, cominciando con un classico Fatica Contadina, passando per un sempre più affermato Pago dei Fusi e finendo con un incommensurabile CampoRe.

    Ospite della serata sarà ospite Anna Chiavazzo della sweet room Il Giardino di Ginevra a Casapulla Caserta.

    Chef di pasticceria, chocolatier e specialista in lievitati naturali da forno presenterà le sue creazioni per Terredora che saranno l’appetitosa conclusione in dolcezza della serata con proposte di insoliti abbinamenti di vini e panettoni, da sempre protagonisti delle tavole imbandite delle feste.

    Prenotazione tassativa a eventi@terredora.com

    Informazioni
    Terredora Di Paolo
    Via Serra 83030 Montefusco (AV)
    Tel +39.0825.968215
    Fax +39.0825.963022
    www.terredora.com
    Come arrivare: A16 uscita Benevento. Proseguire in direzione per
    Dentecane-Montefusco.

    PROVINCIA DI BENEVENTO

    LA GUARDIENSE

    Località Santa Lucia, 104-105

    82034 Guardia Sanframondi (BN)

    tel. +39 0824 864034

    fax +39 0824 864935

    Mob. +39 345 7157498

    Email: puntovendita@laguardiense.it

    Sito: www.laguardiense.it

    Facebook: Vini La Guardiense, La Guardiense showroom

    Twitter: Vini La Guardiense

    Quest’anno presso La Guardiense per celebrare, come ormai da tradizione, Cantine Aperte a San Martino, appuntamento autunnale firmato dal Movimento Turismo del Vino, propone, a partire dalle ore 10.30 dolci degustazioni, gustosi laboratori e l’imperdibile pranzo degustazione!

    PROGRAMMA:

    DOMENICA

    ORE 10.30

    Laboratorio approccio al vino

    Il nostro enologo unitamente ad un sommelier AIS, forniranno ai partecipanti nozioni basilari di degustazione, oltre che svolgere un’azione di sensibilizzazione ed educazione al “bere consapevole”.

    (Il laboratorio è gratuito e a numero chiuso pertanto è necessaria la prenotazione)

    ORE 13.00

    Pranzo in azienda

    E’ necessaria la prenotazione

    Su prenotazione menu bambini

    ORE 15.00

    Degustazioni guidate:

    Le degustazioni hanno una durata di circa 30 min.

    E’ consigliata la prenotazione

    Inoltre saremo lieti di mostrarvi la nostra azienda e darvi così la possibilità di vedere direttamente come nascono i nostri vini

    Durante la giornata è prevista la vendita dei prodotti aziendali

    Per info e prenotazioni:

    345 7157498 – 0824 864034 (tasto 5)
    puntovendita@laguardiense.it

    CANTINA DI SOLOPACA

    Via Bebiana, 38

    82036 Solopaca (BN)

    Tel. 0824977921

    Fax. 0824971316

    Email: info@cantinasolopaca.it

    Website: www.cantinasolopaca.it

    Facebook: http://fb.com/cantinasolopaca

    Twitter: http://twitter.com/cantinasolopaca

    Cantine Aperte a San Martino alla Cantina di Solopaca

    PROVINCIA DI CASERTA

    CANTINA VINI MAGLIULO

    Via G. Manna, 29

    81030 Frignano, Caserta

    Tel. 818900928

    email: vini.magliulo@libero.it

    VINI TELARO

    Via Cinquepietre, Contrada Calabritto

    81045 Galluccio (CE)

    Tel./Fax 0823.925841

    email: info@vinitelaro.it

    Sito: www.vinitelaro.it

    Associazione Movimento Turismo del Vino Campania

    campania@movimentoturismovino.it

    Movimento Turismo del vino Campania è su Facebook:

    https://www.facebook.com/mtvcampaniafelix

    vino e ciboDi Giuseppe Rea

    Come sempre sono la consapevolezza, l’intenzione e il rispetto delle tecniche e dei contenuti, che trasformano un piatto semplice in un linguaggio che sentiamo vero ed autentico, senza malizia. Un piatto povero, che osserva e non giudica. In abbinamento scegliamo Soave Classico Monte Carbonare dell’azienda agricola Suavia, da uve Garganega: solo acciaio, per una freschezza esemplare in sinergia con un bocca piena e sincera come l’oro che riflette nel bicchiere. Un vino positivo, serio ed entusiasta, privo di provvisorietà e di quel “bricolage” che oggi è diventato per alcuni religione.

    Vermicelli al pepe bianco con pane all’origano ed acciughe Chef Antonio Esposito Foto di Antonio Elmo