Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    Anni_Venti_Greco_di_TufoLE CANTINE DI MARZO PRESENTANO “ANNI VENTI”,
    IL PRIMO GRECO DI TUFO SPUMANTE DOCG METODO CLASSICO BRUT

    Le Cantine di Marzo annunciano l’uscita della nuova versione del loro spumante di Greco “Anni Venti”. “Anni Venti”, è passato da Vino spumante di qualità con un invecchiamento di 24 mesi sui lieviti, a Greco di Tufo Spumante DOCG Metodo Classico Brut. Tenuto oramai per 36 mesi sui lieviti e sboccato in loco, questo vino spumante è l’unico esistente della molto restrittiva denominazione Greco di Tufo Spumante DOCG continuando così la lunga tradizione dei di Marzo che spumantizzarono il Greco per la prima volta nel 1926.
    Prezzo al dettaglio Iva inclusa €18/20.
    Distribuito a livello nazionale da Vino e Design.

    15 Dicembre, Vittorio Capovilla al Treqquarti

    Pubblicato da aisnapoli il 11 - dicembre - 2014 Commenta

    10857961_562951013848230_547911269314582013_nLunedì 15 dicembre  Vittorio Capovilla al Treqquarti, per un percorso sensoriale unico.

    Degustazione di distillati in abbinamento a formaggio, dolce, cioccolato e sigaro. Posti Limitati.

    Per info e prenotazioni:
    081 8993019 | 393 2031868
    info@treqquarti.it

    Treqquarti, via Gramsci n.15 Somma Vesuviana

    Locandina serata libro FedericaIl 15 dicembre alla pizzeria La Dea bendata “A cena con l’autore”,

    degustazione di pizze e fritti in compagnia di Federica Bernardo

    Lunedì 15 dicembre alle ore 20,00 alla pizzeria La Dea Bendata di Pozzuoli appuntamento con “A cena con l’autore”, serata di degustazione di fritti e pizze in compagnia di Federica Bernardo, autrice del libro “Momenti di insopprimibile fastidio” edito da Feltrinelli. Nel corso della serata le chiacchiere con la Bernardo e la giornalista Laura Gambacorta sugli esilaranti “fastidi quotidiani” contenuti nel testo e letti dall’attrice Assia Iasevoli si alterneranno alle degustazioni di pizze e fritti preparati dallo staff del maestro Ciro Coccia. In abbinamento ci saranno i vini dell’azienda Nugnes di Carinola.

     

    Ticket cena: 18 euro (vini inclusi) 

     

    Ingresso solo su prenotazione – Si raccomanda la massima puntualità

     

    Info, prenotazioni e contatti stampa:

    Laura Gambacorta

    cell. 349/2886327

    email: laugam@libero.it

     

    Pizzeria La Dea bendata

    Corso Umberto I, 93

    Pozzuoli (Na)

    Uno chef MAXI in Galleria

    Pubblicato da aisnapoli il 10 - dicembre - 2014 Commenta

    1501042_680163555430984_5270272498473265265_oDi Valeria Vanacore

    Da  sempre Gragnano gode di fama mondiale per la pasta che produce, fatta proprio come una volta, con ingredienti poveri e genuini. Ed è proprio qui, nella nuova location de La Galleria, che si sono riuniti due grandi chef, Giulio Coppola, allievo di Antonino Cannavacciuolo nonché chef di casa, e Domenico Iavarone,  chef stellato del Maxi di Capo La Gala di Vico Equense, preparando a quattro mani piatti semplici ma estremamente interessanti.

    Si è partiti con entrèe di frittatina di pasta del Pastificio dei Campi e calzoncino fritto di cicoli e ricotta, leggeri e fragranti, per poi passare al sapore avvolgente del gambero rosso crudo su polenta e cialdina di ceci e infine al gusto deciso e persistente della crema di scarola con aringa affumicata e mandorle. Il tutto è stato perfettamente innaffiato da un Salicerchi Costa d’Amalfi Doc 2012 di Raffaele Palma, un rosato dalla spiccata freschezza raccontato magistralmente dall’enologo Vincenzo Mercurio.

    10847998_680163945430945_1451974503276985347_nSempre di Raffaele Palma era il Puntacroce Costa d’Amalfi bianco Doc 2012, un blend di falanghina, biancolella, ginestra ed altre varietà locali, agrumato al naso, con note minerali e una buona acidità che ben si sposavano al baccalà spolverato di olive nere su letto di baccalà mantecato, con insalata di rinforzo, scagliette di dattero tostato e crema di cavolfiore alla vaniglia. Abbinamento equilibrato e armonico.

    La stessa armonia la si è riscontrata nel Mischiato Potente Pastificio dei Campi, già di per sé una garanzia, in zuppa di pesce, fagioli e crudo di triglia, il tutto rifinito da un giro di extra vergine d’oliva a crudo a coronare un piatto straordinario, sia dal punto di vista organolettico che visivo.

    Ci ha convinto meno, a differenza delle altre creazioni dei due chef, la minestrina maritata di pesce con calamaro, gambero crudo e polpettine di merluzzo, dalle note un po’ troppo agrodolci. Sicuramente un piatto molto innovativo, ma troppo distante dalla tradizionale minestra maritata, a base di carne, che noi siamo abituati ad assaporare. In abbinamento, Montecorvo Costa d’Amalfi rosso Doc 2012, uvaggio di piedirosso, aglianico e tintore, di buona struttura e dalla notevole persistenza gusto-olfattiva.

    10830502_680164565430883_2785445481062519431_oPrima delle coccole finali, ci è stato servito un graditissimo pre-dessert: millerighe Pastificio dei Campi con soffritto e crostini di pane croccante, il colpo di grazia!

    Hanno chiuso l’ottima cena una  delicatissima bruschetta di pasta sfoglia con crema, polvere di pistacchio e fragoline di bosco, cornettini e capresine, e piccole coccole natalizie. E dopo tutte queste bontà, non può non essere un Buon Natale!

    Premiazione

    DA SANT’AGATA DE’ GOTI L’ANNUNCIO DEL PRESIDENTE CAMPESE

    “L’ANNO PROSSIMO LA RASSEGNA REGIONALE VOLA A NEW YORK”

    Foto_finale

    Il ‘Premio Falanghina Felix‘ assegnato al Sannio Consorzio Tutela Vini. Il verdetto della giuria ha inteso  premiare l’impegno e l’esempio condotto sul campo in questi anni dai circa quattrocento soci dell’ente di tutela, che in momento non semplice hanno mostrato una grande capacità di fare sistema contribuendo alla diffusione della cultura territoriale vitivinicola.

    Commissione

    Non semplice il compito della commissione – presieduta dal presidente della Camera di Commercio di Benevento, Antonio Campese e composta da Alberto Cecere (in rappresentanza di Assoenologi), Antonella Monaco (Associazione regionale giornalisti di agricoltura e ambiente ‘Francesco Landolfo’), Tommaso Luongo (Associazione Italiana Sommelier), Ugo Baldassare (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) e Giancarlo De Luca (Slow Food) – chiamata a vagliare le prestigiose candidature avanzate in questa edizione: oltre al Consorzio, il giovane enologo partenopeo Gerardo Vernazzaro e l’azienda Cantine Astroni di Agnano, da sempre impegnati per la difesa della viticoltura e per la valorizzazione del vitigno falanghina nell’area flegrea.

    Candidati_Campese

    La cerimonia di premiazione si è svolta nella suggestiva cornice del Salone degli Stemmi del Palazzo vescovile di Sant’Agata de’ Goti. A premiare il presidente del Consorzio Sannio, Libero Rillo, è stato il presidente della Camera di Commercio di Benevento, Antonio Campese, insieme al sindaco di Sant’Agata de’ Goti Carmine Valentino.

    Sala

    Nel corso della cerimonia – condotta dalla giornalista Antonella Monaco – il presidente Campese, parlando delle novità che caratterizzano la tredicesima edizione della rassegna regionale dedicata ai vini prodotti da uve falanghina, ha annunciato la volontà di portare la rassegna a valicare i confini nazionali.

    “‘Falanghina Felix’ – ha dichiarato – nata a Sant’Agata de’ Goti e ideata per far conoscere ai consumatori la poliedricità dei vini ottenuti dal vitigno bianco più rappresentativo della Campania, quest’anno propone una formula innovativa che, oltre a coinvolgere anche il capoluogo sannita, ha visto già consumarsi la tappa a Sorrento in attesa di quella programmata a Milano. Due mete scelte non a caso: la prima voluta nella più prestigiosa località del mare campano; la seconda nella città che nella primavera prossima ospiterà l’importante evento dell’Expo. Questo in preparazione dell’ulteriore salto che si vuole compiere l’anno prossimo, con la rassegna che valicherà l’Oceano per raggiungere New York. Un salto di qualità che non perderà di vista il legame con la cittadina che ha visto nascere la rassegna, considerato il collante di Sant’Agata de ’ Goti con la metropoli statunitense, guidata da Bill de Blasio, figlio illustre di questa terra”.

    Da parte sua il sindaco santagatese Valentino ha fortemente sottolineato il rapporto che lega la rassegna con Sant’Agata de’ Goti. “Questo prestigioso evento – ha dichiarato – è nato e per dodici edizioni si è svolto nel centro storico santagatese. Un legame che continuerà a mantenersi forte anche nell’ambito delle future edizioni, innovative per andare ad aggredire nuove fette di mercato. Con ‘Falanghina Felix’ – ha concluso – un pezzo di Sant’Agata de’ Goti farà il giro del mondo”.

    ‘Falanghina Felix’ è organizzata dalla Camera di Commercio di Benevento, tramite la propria Azienda Speciale Valisannio, con la compartecipazione di Unioncamere Campania e dei Comuni di Benevento e Sant’Agata dei Goti.

    Programma e contenuti sul sito www.falanghinafelix.it

    Pasquale Carlo
    Ufficio Stampa Falanghina Felix 2014
    +39 329.7333423
    www.falanghinafelix.it  - ufficiostampa@falanghinafelix.it

    Ambasciatori e birre belghe a Napoli

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - dicembre - 2014 Commenta

    3 tongerloDi Gabriele Pollio

    Non capita tutti i giorni, almeno per chi scrive, di conoscere un ambasciatore, soprattutto se si tratta di Cesare Assolari: Ambasciatore delle Birre Belghe in Italia. Il titolo gli è stato conferito dalla Confrèrie du Fouquet des Brasseurs Belges (l’Associazione belga dei mastri birrai, probabilmente la più importante al mondo nel suo genere).
    Abbiamo incontrato Cesare al Loco for Drink di Giugliano, dove si è tenuto, per la prima volta in Campania, il corso di Beer Gourmet organizzato dalla Drink up in collaborazione con l’Associazione Belgian Beer Gourmet & Zytholoog, l’Associazione Belgian Beer Gourmet Italia e con l’Ambasciata Belga in Italia come partner istituzionale. E’ stato proprio lui a guidarci, con il suo carisma e la sua simpatia, attraverso un viaggio nella “zytho-gastronomia”: l’arte di abbinare la birra a piatti della gastronomia, in questo caso, italiana.

    Ma andiamo con ordine.

    costoletta di agnelloIniziamo con la Tongerlo Blond. Birra belga d’Abbazia stile Ale con schiuma mediamente persistente e colore giallo dorato con decisi riflessi ambrati. Al gusto non è invadente e lascia la bocca molto pulita grazie a una giusta luppolatura e, soprattutto, a una acidità quasi sorprendente per il suo stile ovviamente accompagnata da una spiccata dolcezza conferita dal malto. Abbinata ad un cubetto di stocco grigliato con gazpacho di peperoni e cetrioli ed emulsione di friarielli riesce a bilanciare, con il suo gusto tendenzialmente dolce, l’amaro apportato dal metodo di cottura.
    Seconda birra in degustazione è la Tongerlo Bruin. Anche lei viene dall’Abbazia di Norbertine Tongerlo e il colore scuro lascerebbe presagire una birra impegnativa. Invece, con i suoi 6.5° in alcool, gli aromi di caffè e miele di castagno che virano verso sentori dolci di confettura di ribes, si presenta come una birra gentile ma pronta agli abbinamenti più disparati. Il migliore abbinamento della giornata arriva proprio con questa scura atipica: costolette di agnello prima grigliate e poi affumicate con composta di mele annurche cotta con la birra. Accostamento prevalentemente giocato sulle concordanze dall’equilibrio perfetto.
    Ultima delle tre sorelle Tongerlo è la Prior, una Triple, come le altre ad alta fermentazione, con sentori spiccati di albicocca e frutta tropicale entra in bocca e, dopo qualche attimo di esitazione, si dirige decisa verso una nota amara. Abbinata ad un roast beef cotto a a 46° con glassa di zucca e salsa di soia sembra leggermente troppo intensa per un piatto, fondamentalmente, delicato.

    Dopo una breve pausa il nostro viaggio continua con le birre del birrificio Charles Quint. Birrificio il cui nome richiama quello del re che pretese un boccale a 4 manici per avere la possibilità di impugnarlo in qualsiasi verso!
    foto con cesareLa Gold: impressionante per la quantità di schiuma e la persistenza della stessa, è una birra da alta fermentazione aromatizzata alla camomilla e all’anice, al naso è giustamente intensa  ma mai scomposta o irruente. Al gusto più decisa anche grazie alla gradazione alcolica che la rende una belga a pieno titolo (8,5°).  Servita senza abbinamento proprio per questa sua particolare spinta alcolica che la rende quasi una birra da meditazione.
    Il gran finale è riservato alla Charles Quint Ruby. Rossa dal carattere, per usare un eufemismo, forte! Schiuma abbondante. Colore vivace. Intensità e complessità olfattive fuori dal comune con sentori di spezie (anice e chiedi di garofano ), tostati, di frutta rossa matura e l’elenco potrebbe essere ancora lungo. Gusto amaro ma anche acidulo e a tratti vinoso che richiama i vini liquorosi della penisola iberica. Servita in abbinamento con un panettone artigianale con fonduta di cioccolato fondente regge alla grande il confronto.

    Il Natale si avvicina ed il vero appassionato di birra, in questo periodo pieno di appuntamenti gastronomici, potrebbe sentirsi abbandonato tra le tante bottiglie di spumante. Perché non pensare ad un pranzo di Natale in abbinamento con le birre?

    Siamo sicuri che il capitone fritto andrebbe d’accordo con una splendida blanche!  Vero Cesare?

    13 dicembre Guappa tour fa tappa da Sogni di Latte

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - dicembre - 2014 Commenta

    StampaIl 13 dicembre da Sogni di Latte nuova tappa napoletana

    del “Guappa tour” della Distilleria Petrone

     

    Sabato 13 dicembre nuova tappa napoletana per il “Guappa tour”, il giro tra i luoghi di eccellenza della Campania dell’originale liquore a base di latte di bufala realizzato dall’Antica Distilleria Petrone. Ad ospitare l’appuntamento intitolato “Finger Guappa!” saranno le due “formaggioteche” vomeresi Sogni di Latte (via Kerbaker, 15 e via Cilea, 277), locali che selezionano tutte le principali chicche del settore lattiero-caseario non solo a livello nazionale.

    La degustazione del liquore avrà inizio dalle ore 15,00 e sarà accompagnata  dall’assaggio di un finger food a base di Guappa, mousse di ricotta di bufala Barlotti e schegge di panino al latte Nobile.

    Ingresso libero

    Sogni di Latte

    Via Kerbaker, 15 oppure via Cilea, 277

    Napoli

    www.sognidilatte.com

     

    Responsabile comunicazione Distilleria Petrone

    Laura Gambacorta

    349 2886327

    laugam@libero.it

    amorini-2L’Assessorato all’Agricoltura della Regione Campania in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier (AIS) sezione Campania, ha pianificato la terza edizione ( 2015) della “Guida – Catalogo delle aziende vitivinicole e vinicole della Campania “.
    La Guida sarà presentata ufficialmente al Vinitaly di Verona ed. 2015 e sarà in distribuzione gratuita agli operatori della filiera enologica e, in generale, agli appassionati di vino.

    La Guida verrà redatta sulla base delle informazioni fornite dalle aziende partecipanti, che inoltre presenteranno alle Commissioni Degustatori AIS appositamente formate, due tipologie di vini che saranno opportunamente resi anonimi prima delle operazioni di degustazione e valutazione.

    I vini presentati dovranno essere DOP e IGP campani.

    Il livello qualitativo dei vini sarà espresso dalle Commissioni competenti come di seguito:
    1 CORNETTO (punti da 65 a 73centesimi)
    2 CORNETTI (punti da 74 a 83 centesimi)
    3 CORNETTI (punti da 84 a 93 centesimi)
    3 CORNETTI GOLDEN (punti > 94 centesimi)

    I vini con una valutazione al di sotto di 65 centesimi non saranno inseriti in Guida.
    La partecipazione all’ iniziativa è riservata alle aziende vinicole e vitivinicole che hanno sede operativa in Campania, regolarmente iscritte alla CCIAA di competenza.

    Le imprese enoiche campane interessate a partecipare dovranno far pervenire, entro le ore 12,00 del 19 dicembre p.v., all’indirizzo e-mail: guidavinicampania@gmail.com e contestualmente via fax: 081 7967274, la domanda di partecipazione debitamente firmata e datata, unitamente all’allegata scheda correttamente compilata in ogni sua parte.

    I campioni, in numero di 3 bottiglie per tipologia, dovranno essere inviati alla sede dell’AIS Campania, c/o Enoteca La Botte, Via Nazionale Appia, 166-180 Casagiove (CE) – Tel. 0823/494040 – 0823/468130, entro il 19 dicembre 2014, avendo cura di indicare sul cartone la seguente dicitura “campioni per guida vini Campania”.

    La partecipazione alla Guida non comporta alcun onere finanziario a carico delle aziende.

    Le imprese, inoltre, all’atto della presentazione dell’istanza, dovranno inviare a mezzo mail all’indirizzo guidavinicampania@gmail.com i seguenti documenti:

    le immagini delle etichette relative ai vini presentati;
    il logo aziendale;
    una foto (es. cantina, vigneto)
    Info e Documentazione

    Per ulteriori informazioni:
    Regione Campania – Assessorato Agricoltura DIP 52 – DG 06 – UOD 09/18
    Vivien Buonocore 0817967350 – Iannotta Pasquale 081 7967269
    AIS Campania 0823/34.51.88