Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 27 mar 2017 al 27 mar 2017 alle ore:15:00

      Campania – Salento Andata & Ritorno

      Mancano: 1 giorno e 10:41 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 31 mar 2017 al 31 mar 2017 alle ore:20:00

      31 Marzo, ASTORIA si presenta: 30 anni, 40 ettari e 9 vini

      Mancano: 5 giorni e 15:41 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 06 apr 2017 al 06 apr 2017 alle ore:20:00

      6 Aprile, Trappist-10, 10 birre per 10 birrifici trappisti all’Hotel Renaissance

      Mancano: 11 giorni e 15:41 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    19 Marzo, Papà… buono come il vino a La Grotta Vineria

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - marzo - 2017 Commenta

    PAPà SEI BUONO come il vino pub.

    I piatti

    Timballetto di vitello con cuore di mozzarella e friarielli in manto di peperoni e ragù napoletano
    Cuore di carciofo ripieno con crema di patate, ricotta di bufala e bacon
    Lasagnetta obliqua con ragù di maialino, julienne di crudo e Provolone del Monaco
    Roulades di vitello farcite con melanzane, Taleggio e rosmarino, gocce di aceto balsamico i.g.p. e nido di verza, uvetta e pinoli
    Eclairs al cioccolato e zeppoline dello Chef

    I vini
    Montesole ” Grie” V.S.Q. Brut Greco

    Janare “Cantone”, Sannio D.O.P. 2010 Piedirosso
    Viviani Amarone della Valpolicella D.O.C.G. Classico 2011
    Zaccagnini ” Plaisir” passito rosso Colline Pescaresi I.G.T 2016 Cannonau 100%

    Domenica 19 Marzo ore 13.30
    In abbinamento ai vini i piatti dello Chef Antonio Esposito

    Ticket di partecipazione: € 30.00 a p.
    Per info e prenotazioni: La Grotta Vineria C.so Umberto I° 174-Casalnuovo di Napoli
    Tel. 0815224718– cell.3890039354

    15 Marzo, il compleanno di Mostobuono

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - marzo - 2017 Commenta

    Compleanno MostobuonoIl 15 Marzo, Mostobuono – Vini & Cucina compie un anno di attività. Il locale di Davide Schiano Lo Moriello e Paolo Del Franco, situato in via E. Alvino 50, è riuscito in 365 gg a guadagnarsi l’affetto dei vomeresi e non solo, grazie alle sue proposte gastronomiche (e non) a 360°. Dal pranzo alla cena con la cucina classica napoletana dello chef Domenico Guarracino, agli “Aperitivi Musicali”, al dopo cena, senza tralasciare la fantastica selezione di vini curati dall’azienda Villa Matilde. Un ambiente in pieno stile shabby chic, che ha saputo portare una ventata di freschezza e buon gusto nel cuore del Vomero.
    In occasione del primo anno di attività, Mostobuono organizza per la sera del 15 marzo una cena spettacolo con tre figure che sono state in qualche modo protagoniste nei 12 mesi e hanno supportato in varie iniziative il locale: lo Chef Carlo Verde, il “Re della Griglia” Venerando Valastro e la talentuosa Martina Cantone (concorrente napoletana dell’ultima stagione del talent show televisivo Bake-off Italia).
    La serata prevederà un live cooking show, in cui ognuno dei protagonisti, per il proprio settore, proporrà la sua idea di cucina andando a formare un menù imperdibile. Sarà una “cena al buio”: gli ospiti scopriranno durante la serata non solo il piatto, ma capiranno anche le tecniche di cucina grazie alla dimostrazione pratica dei protagonisti del cooking show. L’antipasto sarà affidato al giovanissimo chef Carlo Verde. Il primo piatto sarà affidato allo chef residente Domenico Guarracino, il secondo di carne “insolito” sarà eseguito dallo chef griller Venerando Valastro. Il dolce, sarà ovviamente affidato alla giovane Martina Cantone. Sarà una zeppola napoletana di San Giuseppe (made by “Casa Infante”) farcita al momento con una speciale crema pasticcera e glassata al cioccolato fondente davanti al pubblico.
    Una serata di divertimento e di buona cucina da non perdere.

    Mostobuono – Vini & Cucina
    Via E. Alvino 50 – Napoli
    Per prenotazioni: 081 016 8733

    11 Marzo, Mani e Vulcani con la Pizzeria Trianon

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - marzo - 2017 Commenta

    UntitledL’11 MARZO NASCE PASSIONE E COMPASSIONE:
    LA DEVOZIONE NAPOLETANA PER SAN GENNARO E LA PIZZA

    LA PIZZERIA TRIANON E MANI E VULCANI DANNO VITA INSIEME A UN NUOVO
    PERCORSO GASTRONOMICO-CULTURALE PER LA GIOIA DEI TURISTI E NON SOLO.

    PERCORSO SABATO 11 MARZO

    Passione e compassione: la devozione napoletana per San Gennaro e la Pizza. Questo il nome del percorso gastronomico-culturale ideato dalla Pizzeria Trianon da Ciro e Mani E Vulcani – Visite Guidate ed Eventi, che si inaugura l’11 marzo a Napoli. Lo storico locale di Via Pietro Colletta, noto in tutto il mondo da quasi cento anni per la celebre pizza a ruota di carretto e Mani e Vulcani, che da sempre accompagna turisti e napoletani alla scoperta della nostra città, inaugurano il mese della primavera con un percorso che partirà dalla casa di San Gennaro, la Cattedrale dell’Assunta, per poi snodarsi lungo Forcella e l’antica Neapolis, e concludersi negli storici locali del Trianon.

    Qui i Narratori di Mani e Vulcani concluderanno il loro racconto sulla devozione dei partenopei verso San Gennaro, e sulla loro passione verso la pizza. Scopriremo infatti anche alcune curiosità e aneddoti sul celebre disco di pasta con pomodoro, basilico e mozzarella che ha reso celebre Napoli in tutto il mondo: “La storia di Napoli con le sue tradizioni è un tutt’uno -affermano gli amministratori del Trianon Angelo Greco e Giuseppe Furfaro – Quando si parla di cultura napoletana si intende l’arte, la filosofia, la musica, la gastronomia, e noi siamo molto felici di dare il via a questa collaborazione con Mani e Vulcani” . “Con questo percorso racconteremo piu’ a fondo le due grandi passioni dei napoletani: San Gennaro e la pizza”, incalza Antonello di Martino, presidente di Mani e Vulcani – perché tanti sono gli aneddoti che non si conoscono su questi due pilastri della napoletanità. E il Trianon è un ottimo scenario per approfondire soprattutto la parte gastronomica del nostro percorso”.

    Il tour si ripeterà una volta al mese, la quota di partecipazione sarà in via promozionale di 10,00 euro (visita guidata + pizza margherita e bibita). Il calendario degli appuntamenti sarà on line su: www.pizzeriatrianon.it e www.visiteguidatenapoli.it. L’appuntamento è all’esterno del Duomo diNapoli ore 10.30; info prenotazioni ai numeri +39 081.5643978 – 340.4230980

    Ufficio Stampa

    Simonetta de Chiara Ruffo

    Comunicazione – Eventi – Marketing

    Cell. 3343195127 – simonettadechiara@gmail.com

    20170220_201702Di Fosca Tortorelli

    Lo scorso 20 febbraio, in occasione dell’apertura di una nuova sala all’interno della sua pizzeria, Ciro Savarese, pizzaiolo e patron di Anema & Pizza di Arzano (Na), ha ospitato per una sera il suo amico e collega Salvatore Kosta, il “tecnologo degli impasti”, abitualmente ai comandi de La Grotta del Buono di Aversa.

    Con la collaborazione della giornalista Laura Gambacorta, la serata – intitolata “Giochi d’impasto” – si è trasformata in un piacevole momento di confronto, di ricerca e di crescita.

    Una sinergia, nata dalla voglia di conoscere al meglio le differenze derivanti dalla scelta di farine diverse e di conseguenza dell’impasto e dalle sue fasi di lievitazione/maturazione.

    20170220_223250Ciro ha colto l’occasione, anche per presentare anche alcuni nuovi prodotti inseriti in carta, il gorgonzola cucchiaio Carozzi e il prosciutto crudo Saint Marcel etichetta nera, che sono diventati protagonisti dell’antipasto iniziale e della nuovissima pizza Saint Marcel.

    Ciro, dopo aver conosciuto Salvatore a un corso sul lievito madre al Gambero Rosso e dopo i diversi incontri che si sono succeduti in cui si discuteva di impasti, ha iniziato a fare esperimenti con altre farine tipo 1, tipo 2 e tipo 0, il tutto per cercare di dare un prodotto sempre più digeribile, saporito e migliore dal punto di vista qualitativo.

    Durante la serata degustativa, entrambi hanno ribadito l’attenzione da dare, non solo alle materie prime di eccellenza che caratterizzano la farcitura, ma soprattutto l’importanza di partire da un’ottima base, imparando a conoscere le specifiche proprietà di ciascuna farina e di conseguenza l’impasto che ne deriva.

    Nel corso della serata gli ospiti hanno potuto apprezzare le differenze, infatti sono stati portati contemporaneamente e in modo anonimo, prima due spicchi della classica Margherita con pomodoro San Marzano e mozzarella di bufala, rispettivamente preparate una con farine di tipo 0 e la seconda con farine di tipo 1. Questa scelta ha consentito agli ospiti di confrontarle, di cogliere le differenze ed esprimere le proprie 20170220_225955preferenze. La stessa operazione è stata fatta per la nuova Saint Marcel, farcita con fiordilatte di Agerola, gorgonzola al cucchiaio Carozzi e prosciutto crudo Saint Marcel etichetta nera, dove la differenza dell’impasto con farina di tipo 1, ha esaltato in modo ottimale le caratteristiche organolettiche dei prodotti usati per la farcitura. Le birre artigianali umbre San Biagio sono state scelte per un abbinamento efficace, selezionando tre delle referenze del birrificio umbro, iniziando dalla Verbum in stile Weiss, poi la  Birra Gaudens e infine la Birra Monasta che vuole richiamare la tradizione monastica legata alla natura originaria del Monastero di San Biagio.

    Non poteva mancare la dolce conclusione e così la maestra gelatiera Pina Molitierno di Vanilla Ice Lab - i cui prodotti sono già presenti nel menù di Anema & pizza – ha preparato, con il suo tocco creativo, uno squisito gelato a base di ricotta di pecora siciliana e variegato con cannella di Ceylon, pistacchio di Bronte e granella di pistacchio.

    Per tutte le foto dell’evento clicca qui.

    12 marzo torna Food Track, Quentin Tarantino Edition

    Pubblicato da aisnapoli il 6 - marzo - 2017 Commenta

    Locandina-Food-Track-12-marzoDegustazione e Cinema allo Slash art/msic

    Domenica 12 marzo torna Food Track – Quentin Tarantino Edition

    l’apericena ispirata alle colonne sonore targata inFOODation, notizie di gusto

    Dopo il successo di dicembre con Christmas’ Edition, domenica 12 marzo 2017 alle ore 19.30 ritorna allo Slash art/msic , Food Track, l’aperitivo interattivo che fonde il cinema, la musica e l’arte culinaria in un mix di generi, ritmi e sapori che esplodono in bocca come un piatto fusion.

    Ideato da Antonia Fiorenzano e dall’allegra brigata del web magazine inFOODation, notizie di gusto, Food Track si rivolge a un pubblico di appassionati cinefili, cultori musicali, spettatori occasionali e chiunque desideri unire il piacere del palato con le emozioni date dalla settima arte. Le suggestioni di canzoni e score originali tratte dai film selezionati ispireranno Luigi Orlando, il nostro chef e sommelier, nella creazione di tapàs, preparate con prodotti di stagione, che verranno degustate in abbinamento al vino giusto per la serata.

    La convivialità e l’interazione tra il pubblico sono gli ingredienti vincenti di Food Track grazie al divertentissimo game al quale i partecipanti, suddivisi in squadre, si scateneranno per tastare la loro conoscenza cinematografica. Conduttori del quiz, dove Facebook ha un ruolo fondamentale nello svolgimento della competizione a premio, sono i giornalisti Monica Iacobucci e Mimmo Caiazza che per il secondo appuntamento di Food Track guideranno i giocatori – degustatori nell’universo di Quentin Tarantino, svelandone curiosità e aneddoti.

    Le colonne sonore e le scene dei film di Tarantino stimoleranno lo chef nella realizzazione del menu che sarà proposto per omaggiare un regista che con la sua irriverenza e corrosività ha dato vita a un nuovo modo di fare cinema mescolando pulp, azione e humour nero, proprio come fanno i grandi chef nello sperimentare nuovi piatti.

    Il costo del biglietto è di 10 euro. Per coloro che prenoteranno è previsto uno sconto di 2 euro.

    Il menu ispirato dalle note di Food Track – Quentin Tarantino Special

    Tortilla Chips con guacamole e salsa messicana

    Pasta Mac&Cheese

    Fagioli in Agrodolce

    Food Track

    Domenica 12 marzo, ore 19

    Slash art/msic, via Vincenzo Bellini 45, Napoli

    Info e Prenotazioni

    Telefono: 081 5648902 ; Mobile: 339 1234727 – 327 7483874

    Mail: slash.naples@gmail.com ; info@infoodation.com

    Il biglietto è anche acquistabile online nella sezione Shop della rivista web inFOODation

    www.infoodation.com

    www.taralluccievin.it

    www.slashnaples.com

    #BSF 2017, Birrificio Sorrento & Friends

    Pubblicato da aisnapoli il 6 - marzo - 2017 Commenta

    306-2-grande-1-locandinapercento20bsf2017Anche quest’anno il Birrificio Sorrento, in occasione della Settimana della Birra Artigianale, si fa promotore dell’evento “Birrificio Sorrento & Friends”. Una kermesse del Gusto che intende celebrare le Birre Artigianali mettendo in rete le realtà protagoniste del Food & Beverage in Penisola Sorrentina (e non solo).
    Numerosi locali e aziende partner, durante tutta la settimana che va dal 6 al 12 marzo, proporranno ai propri clienti iniziative legate al mondo delle Birre Artigianali (eventi, degustazioni, menu speciali, ricette d’autore, offerte e promozioni, visite guidate all’impianto di produzione…)

    Scarica qui il Programma

    Il Moscato di Scanzo conquista il Veritas

    Pubblicato da aisnapoli il 5 - marzo - 2017 Commenta

    16865131_1558681674143806_9126546311260748177_nDi Stefano Berzi

    Un bergamasco a Napoli, potrebbe essere il titolo di un cortometraggio, ma in questo caso si tratta di una serata a tema, anche se si può dire che comunque lo spettacolo c’è stato.

    Parliamo dell’evento “A Tavola con…” organizzato lo scorso 21 febbraio al ristorante stellato Veritas, che ha visto protagonista Manuele Biava con i suoi vini, il tutto coadiuvato dalla degustatrice ufficiale Ais Napoli Fosca Tortorelli.

    Fulcro della serata è stato il Moscato di Scanzo, un passito rosso che è la più piccola DOCG italiana e che può essere considerato a tutti gli effetti una delle peculiarità del panorama viticolo nazionale, di cui l’azienda Biava rappresenta da anni l’eccellenza. La serata è stata all’insegna della convivialità, merito anche del tavolo imperiale e della degustatrice che ha saputo coinvolgere il pubblico con simpatia e abilità.

    16864771_1558681724143801_8740019594741916406_nDopo una presentazione dell’azienda, si sono aperte le danze con lo stuzzico di benvenuto composto da  uno spicchio di carciofo con baccalà mantecato; a seguire il Sautè di frutti di mare con “pizza e menesta” crostacei e funghi pioppini, entrambe le portare sono state abbinate al Ghibellino 2009, il rosso base dell’azienda, prodotto con il 60% di uve Merlot e il 40% Cabernet franc.

    Il vino, che possiamo definire delicato e sottile, ha dimostrato di avere una bella beva, l’acidità si è ben bilanciata con la tendenza dolce del pesce, i sentori di sottobosco hanno richiamato i funghi pioppini e la persistenza similare ne hanno decretato un abbinamento più che riuscito.

    In seguito sono state servite le Linguine con seppia, indivia belga, pomodorini del piennolo e pinoli, a cui è stato abbinato il Guelfo 2011, il rosso di punta, frutto di un blend tra Cabernet Franc in prevalenza e Merlot.

    In questo caso, ci siamo trovati di fronte ad un prodotto con complessità e struttura, ma sempre dotato di una bella freschezza che gli ha donato una buona e scorrevole beva; in questo caso il piatto proposto ha saputo esaltare il vino, fondendosi in un’armonia di sapori.

    É poi arrivato il turno dell’atteso Moscato di Scanzo annata 2012, di cui sono state prodotte solo 1.200 bottiglie nelle ultime tre vendemmie, abbinato coraggiosamente a una Scaloppa di foie gras con misticanza e frutta secca.

    16864122_1558681734143800_1894291680374511752_n-2Manuele aveva accennato come il Moscato di Scanzo fosse un prodotto di difficile abbinamento, tendenzialmente accostato a cioccolato fondente e pasticceria secca, è stata quindi una piacevolissima sorpresa costatare come l’abbinamento fosse tanto azzardato quanto riuscito, suscitando consensi da parte di tutti gli ospiti.

    Peculiarità del Moscato di Biava è il richiamo olfattivo a sentori di incenso e legni aromatici, quasi un rimando “ecclesiastico”, che ritorna anche al palato, con una setosità che potremmo definire austera.

    La portata, raffinata ma allo stesso tempo di carattere, ben si è accostata al nostro Scanzo, con la frutta secca che ha fatto da trait d’union con il vino e l’alternarsi di sapori e sensazioni hanno reso unica l’esperienza. Questa è stata forse la portata maggiormente apprezzata della serata.

    Gli ospiti hanno avuto modo di degustare anche un altro prodotto di eccellenza bergamasco, lo Strachitunt, “stracchino tondo” traslitterato dal dialetto, formaggio tipico della Valtaleggio, del casaro Guglielmo Locatelli, che potremmo definire il padre di esso, e la sua recente scomparsa, hanno reso l’assaggio un momento emozionante e irripetibile.

    Un formaggio quindi caratterizzato dalla grande componente aromatica, con richiami di sottobosco, e un palato intenso e leggermente tartufato. Prodotto con solo latte vaccino crudo intero con l’antica tecnica delle due paste, che consiste nell’unione della cagliata della sera con la cagliata della mattina, con una stagionatura di dieci mesi.

    In abbinamento sempre il Moscato di Scanzo, questa volta dell’annata 2000; in questo caso i sentori di 16865012_1558681720810468_5204742997505912208_nsacrestia si sono resi ancora più evidenti, con un sorso più etereo e gentile e una lunga persistenza al palato. Come conclusione della serata si è infine degustato il Giallo, un passito a base di moscato bianco e giallo, nato dall’esigenza di dare alla curia di Bergamo un vino con cui potessero officiare alla Santa Messa, ma che non andasse a macchiare gli ornamenti come invece faceva il Moscato di Scanzo. Dotato di maggior dolcezza e morbidezza, con un registro più classico alla parte olfattiva, che spaziava dalla frutta secca a quella sciroppata, con richiami di albicocca disidratata e uvetta sultanina. A questo passito è stata abbinata la Pera ripiena di ricotta al pepe rosa, molto piacevole per la presenza del pepe rosa richiamava la parte speziata del passito, ma con un eccesso di dolcezza.

    Tutta la degustazione è stata raccontata attraverso interventi del produttore e di Fosca Tortorelli, che l’hanno resa goliardica ma allo stesso tempo istruttiva, facendo divertire i commensali con gli abbinamenti presentati. I partecipanti non hanno esitato a porre domande, sia durante l’evento che alla fine dello stesso, dimostrando curiosità e fasci noda quanto proposto. Una serata dunque delicata, elegante e divertente allo stesso tempo, come la cucina proposta, con abbinamenti azzardati, ma perfettamente riusciti. Citando Kierkegaard potremmo dire che “non osare è perdere momentaneamente l’equilibrio. Non osare è perdersi”. Ebbene, in questo caso non si è mai perso l’equilibrio, ma non è mai stato cosi bello perdersi nel piacere.

    16998145_1491600704208212_8242444723594300097_n

    Giovedì 23 marzo 2017 un appuntamento imperdibile
    per tutti gli appassionati della pasticceria

    Città del gusto Napoli
    presenta
    “PASTICCERI & PASTICCERIE 2017”
    Per la prima volta a Napoli l’evento più importante dedicato ai migliori dolci d’Italia

    Giovedì 23 marzo 2017 alle ore 20:00 Città del gusto Napoli delizierà Napoli con il primo evento dedicato agli amanti della pasticceria, suggellando ancora una volta la sinergia con la città e celebrando la Guida Pasticceri & Pasticcerie d’Italia con i protagonisti premiati con due e tre torte all’interno della prestigiosa guida firmata Gambero Rosso.
    L’evento avrà luogo nello splendido Castello de Vita, in via Manzoni 254, un’incantevole dimora storica dove l’arte dolciaria italiana selezionata da Città del gusto Napoli, si fonderà con i lussureggianti vigneti in cui è immerso il castello, affacciato al Golfo di Napoli.
    I migliori dolci d’Italia, portavoce della tradizione dolciaria delle diverse regioni dello Stivale, saranno abbinati ad un’attenta selezione di vini da dessert e da meditazione, per offrire una serata esclusiva in ogni suo dettaglio e con una connotazione tecnica grazie alla presenza delle migliori pasticcerie, premiate con Due torte all’interno della Guida Pasticceri&Pasticcerie 2017 tra cui: Pasticceria De Vivo – Pompei, Sabatino Sirica, Pasticceria Pansa Amalfi, Gran Caffè Ratto, Pasticceria Ciccio’ Del Duomo, Pasticceria Svizzera, Pasticceria Mignone, Dolciarte di Carmen Vecchione e Al Capriccio; Tre torte: Maison Manilia, Pasticceria Agricola Cilentana Pietro Macellaro e Pasticceria Pasquale Marigliano.

    Alle ore 20.00 l’evento si apre al pubblico con un viaggio tra le eccellenze dell’Italia dolciaria, abbracciando le proposte rappresentative dei diversi maestri pasticceri e vini da dessert e da meditazione, presentati nei banchi d’assaggio curati dai sommelier dell’ AIS Campania.
    L’evento Pasticceri & Pasticcerie è a posti limitati e sarà possibile partecipare tramite prenotazione o tramite acquisto preventivo del biglietto di ingresso sul sito:

    Biglietto unico: 20 euro

    Informazioni e prenotazioni:
    Tel: 0813119800-05-13-15
    email: eventi.na@cittadelgusto.it