Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    13 Ottobre, Festival Franciacorta a Castel Dell’Ovo

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - ottobre - 2014 Commenta

    Festival-Franciacorta-a-Napoli-13-ottobre-2014-_-depliant-elettronicoASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER CAMPANIA

    Festival Franciacorta a Napoli – 13 ottobre 2014 – Castel Dell’Ovo via Eldorado 3 Napoli

    Dalle 16.00 alle 18.00 – Ingresso riservato a stampa e operatori. Accredito stampa a: stampa@franciacorta.net

    Dalle 18.00 alle 21.00 – apertura a stampa, operatori e pubblico. Ingresso € 15 (soci Ais, Osnav, Slow Food e Fisar € 10)

    L’incantevole cornice di Castel dell’Ovo farà da sfondo all’appuntamento campano del Festival Franciacorta, che torna dopo 10 anni nel capoluogo, l’ultima volta era il 2004. Ventisei cantine e oltre 50 etichette saranno presenti ai banchi d’assaggio curati dai sommelier dell’Ais Campania, delizieranno sia gli esperti del settore che il pubblico di appassionati che è sempre più curioso e desidera approfondire il gusto del celebre vino italiano.

    I produttori delle 26 cantine presenti guideranno i visitatori alla scoperta dei loro Franciacorta e del suo territorio, inoltre saranno organizzati due eventi nell’evento dedicati ad approfondimenti più tecnici:

    Saluti di Nicoletta Gargiulo, Presidente Ais Campania
    Alle 17.00 Franciacorta: il valore del tempo. Le grandi riserve – il seminario è tenuto da Silvano Brescianini, Vice Presidente del Consorzio Franciacorta; Maria Sarnataro, Vice Presidente AIS Campania e Tommaso Luongo, Delegato AIS Napoli.
    Alle 19.00 Franciacorta per tutti i gusti, alla scoperta delle tipologie, tenuto da Franco De Luca, Responsabile della Didattica AIS Campania e Tommaso Luongo, Delegato Ais Napoli
    Ingresso libero, posti limitati, prenotazione obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni: eventi@franciacorta.net

    Napoli sarà anche la prossima location di una delle “Cene dell’Alleanza” di Slow Food, di cui Franciacorta è partner d’eccellenza. Il progetto, che ad oggi riunisce più di 200 Presìdi Slow Food italiani e oltre 400 ristoranti e osterie, culmina ogni anno con le Cene dell’Alleanza organizzate in ognuno dei ristoranti aderenti alla rete. La collaborazione tra Franciacorta e Slow Food si ripropone per il secondo anno consecutivo, testimoniando la solidità e la valenza di questo binomio. L’appuntamento è per Lunedì 13 ottobre al ristorante 50 Kalò di Ciro Salvo alle 23 (posti limitati e su prenotazione), Franciacorta sarà il protagonista insieme al piatto più rappresentativo della Regione Campania: la pizza, un unione che promuove al meglio il nostro Made in Italy.

    Saranno 26 le cantine presenti: Antica Fratta, Azienda Agricola Fratelli Berlucchi, Barone Pizzini, Bellavista, Berlucchi Guido, Bersi Serlini, Borgo La Gallinaccia, Ca’ del Bosco, Cantina Chiara Ziliani, Castel Faglia, Castello di Gussago La Santissima, Contadi Castaldi, Corte Aura, Cortebianca, Faccoli Lorenzo Ferghettina, La Montina, Lantieri de Paratico, Mirabella, Monte Rossa, Montenisa, Ricci Curbastro, Uberti, Vezzoli Giuseppe, Villa Crespia Muratori, Villa Franciacorta.

    aisASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli
    Corso di Terzo Livello Livello N.34 con Ais Napoli

    Ogni MARTEDI a partire dal 4 Novembre 2014 alle ore 20.00 presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo in Via Nuova Ponte di Tappia n.25, Napoli. Il corso di Terzo livello affronta la tematica dell’abbinamento Cibo-Vino, attraverso prove pratiche di assaggio di cibi con vini di diverse tipologie e la compilazione di una scheda grafica: quattordici incontri con relatori abilitati A.I.S. o esperti del settore, nei quali vengono approfondite le caratteristiche organolettiche dei cibi in relazione alle diverse categorie merceologiche. Alla fine del corso l’aspirante sommelier dovrà sostenere un esame teorico-pratico diviso in due momenti: il primo sarà costituito da una prova scritta (un questionario più prove di degustazione e di abbinamento cibo-vino); Il secondo da un colloquio con prova pratica di servizio e di degustazione. La quota di iscrizione al corso è pari a 590 euro, da versare alla sede regionale dell’Ais Campania con bonifico bancario indicando nella causale il nominativo ed il corso di riferimento.

    ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA – B.C.C. DI CASAGIOVE
    IBAN: IT91 J089 8774 8400 0001 0330 616 Euro 590,00
    Causale: nominativo + Terzo livello corso n.34
    INFO: info@aisnapoli.it 0823.345188 (ore ufficio)
    Scarica qui il calendario del III_mediterraneo_novembre

     
    10/03/2015 h. 20,00 Prova Scritta
    28/03/2015 h. 10,00 Prova Orale

    ATTENZIONE: Si prega di avere attenzione ad indicare esattamente la causale così come descritto. 
Inoltre vi ricordiamo che per frequentare il corso di Terzo Livello occorre essere in regola con il pagamento della quota associativa all’Ais Nazionale entro il 28 Febbraio 2015.

    topolino1ott1972_bigASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli
    Parte il Secondo Livello del Corso Ais n.48 per sommelier

    Ogni LUNEDI a partire dal 27 Ottobre 2014 alle ore 20.00 presso l’Hotel Mediterraneo Reinassance in via Nuova Ponte di Tappia, 25 Napoli
    Quindici lezioni per approfondire al meglio gli argomenti di Enografia Italiana ed Internazionale: un viaggio nelle grandi terre del vino d’Italia e del Mondo. La comunicazione sul vino, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante e l’Associazione Italiana Sommelier, a pieno titolo, ha contribuito e contribuisce a far crescere il movimento intorno al vino con la sua fondamentale opera di divulgazione. In oltre quaranta anni di storia e di attività nel mondo enogastronomico l’Ais ha qualificato il vino nella ristorazione italiana, puntando decisamente all’innalzamento del livello generale di competenza degli addetti ai lavori, ed ha diffuso, con costante impegno ed entusiasmo, la cultura del vino e del cibo per tutti gli appassionati. La quota di iscrizione al corso è pari a 480,00 euro, da versare alla sede regionale dell’Ais Campania con bonifico bancario indicando nella causale il nominativo ed il corso di riferimento.

    ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA – B.C.C. DI CASAGIOVE
    IBAN: IT91 J089 8774 8400 0001 0330 616
    Euro 480,00
    Causale: Nominativo + Secondo livello corso n.48
    Informazioni: info@aisnapoli.it oppure Guido Fusco 338.8574338

    ATTENZIONE: Si prega di avere attenzione ad indicare esattamente la causale così come descritto.

    Scarica qui il II_mediterraneo_ottobre_turno lunedì

    Tommaso Luongo
    Delegato Ais Napoli
    www.aisnapoli.it

    ricomincia_scuolaASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    Parte il Secondo Livello del Corso Ais n.56 per sommelier

    Ogni MARTEDI a partire dal 28 Ottobre 2014 alle ore 20.00 presso l’Hotel Mediterraneo Reinassance in via Nuova Ponte di Tappia, 25 Napoli

    Quindici lezioni per approfondire al meglio gli argomenti di Enografia Italiana ed Internazionale: un viaggio nelle grandi terre del vino d’Italia e del Mondo. La comunicazione sul vino, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante e l’Associazione Italiana Sommelier, a pieno titolo, ha contribuito e contribuisce a far crescere il movimento intorno al vino con la sua fondamentale opera di divulgazione. In oltre quaranta anni di storia e di attività nel mondo enogastronomico l’Ais ha qualificato il vino nella ristorazione italiana, puntando decisamente all’innalzamento del livello generale di competenza degli addetti ai lavori, ed ha diffuso, con costante impegno ed entusiasmo, la cultura del vino e del cibo per tutti gli appassionati. La quota di iscrizione al corso è pari a 480,00 euro, da versare alla sede regionale dell’Ais Campania con bonifico bancario indicando nella causale il nominativo ed il corso di riferimento.

    ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA

    B.C.C. DI CASAGIOVE IBAN: IT91 J089 8774 8400 0001 0330 616

    Euro 480,00 Causale: Nominativo + Secondo livello corso n.56

    Informazioni: info@aisnapoli.it oppure Franco De Luca 3492876717

    ATTENZIONE: Si prega di avere attenzione ad indicare esattamente la causale così come descritto.

    Scarica qui il II_mediterraneo_ottobre_turno martedì

    Tommaso Luongo

    Delegato Ais Napoli

    www.aisnapoli.it

    low_web_invito_genovese

    Villa Matilde inaugura il nuovo wine shop aziendale

    Pubblicato da aisnapoli il 9 - ottobre - 2014 Commenta

    villa matildeMateriali naturali e colori che evocano il vino, luci d’effetto e linee moderne: Villa Matilde inaugura nel centro aziendale di Cellole il nuovo Punto vendita e Sala degustazione. Uno spazio moderno e raffinato che accoglie e accompagna i visitatori in un viaggio sensoriale alla scoperta delle terre del Falerno: i colori sono quelli caldi del vino, le luci focalizzano l’attenzione sulle bottiglie come opere d’arte, i materiali sono essenziali e rimandano alla terra, nei calici i profumi dei vini presentati e commentati dall’enologo dell’azienda.

    Progettato dallo studio Officina di Architettura & Design, lo spazio è stato pensato come punto vendita e come sala di degustazione. Al centro dello spazio c’è un grande banco per la degustazione, al di sopra del quale gravitano mensole porta-bicchieri sospese al soffitto. Le due pareti laterali della stanza sono occupate da grandi mobili espositori in rovere: nella parte centrale teche aperte di color rosso porpora ospitano le diverse varietà di vino prodotte dall’azienda, ciascuna dotata di un’accurata descrizione del prodotto e di un contenitore più grande dove le bottiglie sono poste orizzontalmente a disposizione del visitatore. Grande cura è riservata all’illuminazione, in gran parte garantita dalla luce naturale proveniente dall’arco presente sul fondo della sala e da una finestra che dà sull’esterno. Colori, materiali e forme concorrono a creare un ambiente accogliente in cui ogni singolo elemento rimanda all’idea della terra coltivata a vite, ai filari, alle tonalità e alle forme degli acini d’uva.

    Il nuovo wine shop aziendale inaugura il restyling dell’azienda di Cellole che nel 2015 festeggia i 50 anni di storia guardando al futuro. Contemporaneamente al punto vendita sono stati ristrutturati gli spazi destinati alla foresteria Le Stanze del Falerno e nella primavera 2015 sarà inaugurata la Suite del Falerno con piccola Spa.

    Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 – 81030 Cellole (CE) Tel.: 0823. 932 088 www.villamatilde.it

    Ufficio stampa: Dipunto studio www.dipuntostudio.it

    10516841_10203565262669688_632935653124593862_nDal 09 ottobre 2014 per un intero anno prende il via il progetto GNAM – cucine aperte.

    Un evento promosso da CONSORTIUM PARIS e capitanato da Mauro Bochicchio. Più di 40 chef italiani e francesi aprono le proprie cucine ad un altro chef realizzando 20 imperdibili cene realizzate all’insegna della salvaguardia della cultura alimentare e della valorizzazione dei prodotti d’eccellenza locali. Il fil rouge dell’evento è l’indiscusso legame che lega le produzioni d’eccellenze alla tecnica di preparazione, passando per il rispetto del territorio e della stagionalità. Oltre 40 sono gli chef provenientiprincipalmente dall’Italia e dalla Francia che hanno aperto le porte al progetto “GNAM” ideato da Mauro Bochicchio e promosso da CONSORTIUM PARIS , un quattro mani inedito ed originale per affermare tutta l’importanza della cultura alimentare. Ad inaugurare l’evento, giovedi 09 ottobre 2014 alle ore 20,00 presso il ristorante partenopeo Napoli Mia, gli chef Juan Arbelaez e Antonella Rossi. Juan formatosi alla corte di tre grandi brigate francesi, quella di Pierre Gagnaire, del Bristol di Eric Fréchon e quella del George V di Eric Briffard, a soli 24 anni apre il suo primo ristorante la ‘Plantxa’, un locale di tendenza dove i suoi piatti raccontano il suo percorso in una cucina colorata e creativa. Juan Arbelaez è considerato uno dei migliori esempi di una nuova generazione di leader che presto prenderà gli avamposti della cucina francese. Antonella Rossi è chef e patron del ristorante Napoli Mia che ha sede in uno dei quartieri più belli di Napoli. Antonella con grande dedizione e tecnica sa esaltare la cultura gastronomica partenopea e rinnovarsi incuriosendo golosamente i palati dei suoi ospiti. Riflettori puntati dunque su Napoli, i cuochi realizzeranno piatti unici per un evento unico.

    Mentre una selezione di vini delle Cantine Di Criscio e di liquori dell’Antica Distilleria Petrone accompagnerà gli ospiti in un percorso stimolante.

    Menu

    Amuse bouche

    Antipasti

    La seppia incontra la Mozzarella di Bufala Campana DOP

    Lo sgombro con agrumi e pikles

    Uova perfetto, polenta cremosa al parmigiano reggiano 24 mesi con emulsione di carote

    Primo Piatto

    Paccheri pastificio Gentile con pescato del giorno e bottarga di muggine

    Secondi Piatti

    La triglia e l’autunno

    Ossobuco teriyaki, mousse di patate e tartufo, balsamico e senape

    Dessert

    Caffè, capperi, pepe e meringa all’anice

    Vacherin 2020 mango ananas coriandolo e yuzu

    Vini in abbinamento: Asprinio Brut V.S.Q. Quartum – Cantine Di Criscio Falanghina Campi Flegrei DOC 2013 Quartum – Cantine Di Criscio Liquori Antica Distilleria Petrone

    Quota di partecipazione: euro 50,00 (Bevande incluse)

    Partner dell’evento: Consorzio Mozzarella di Bufala Campana DOP Cantine Di Criscio Antica Distilleria Petrone Pastificio Gentile

    Ufficio stampa evento Laura Gambacorta Mob: (+39) 349 2886327 Email: laugam@libero.it

    Info e prenotazioni Ristorante Napoli Mia via Riviera di Chiaia, 269 Napoli Tel. (+39) 081 552 22 66

    Organizzazione: CONSORTIUM PARIS 5, rue du Général Lambert 75007 Parigi-Francia info@consortium-paris.com www.consortium-paris.com Mauro Bochicchio Tel + 33 6 30 44 09 98

    Tre grandi attori descritti con sottili giochi di consistenze

    Pubblicato da aisnapoli il 6 - ottobre - 2014 Commenta

    Di Fosca Tortorelli
    Napoli non finisce mai di sorprendere, viste le sue numerose potenzialità e la sua fantasiosa creatività. Infatti, quest’anno, tra gli eventi speciali abbinati ai giorni del Napoli Film Festival, spicca la serata dedicata alla “cinegustologia”, disciplina in cui piatti e vini sono abbinati ad attori e film, completandone l’esperienza sensoriale.
    La serata organizzata dallo chef Mimmo Alba e da Marco Lombardi si è svolta il 30 settembre alla Cantina San Teodoro di vico Satriano a Napoli, con piatti ispirati alle opere dei nostri tre grandi attori omaggiati quest’anno dal Napoli Film Festival, Eduardo De Filippo, Vittorio De Sica e Massimo Troisi.
    Marco Lombardi, critico enogastronomico e cinematografico – non nuovo ad organizzare eventi all’insegna di quella che egli stesso ha denominato “Cinegustologia” – ha introdotto la serata spiegando ai partecipanti la caratterizzazione dei personaggi scelti e dei loro film, descrivendo il perché e il come delle possibili assonanze con i piatti proposti.
    Nell’attesa del vero e proprio inizio della cena, un delicato e personale benvenuto dello chef ha accolto i partecipanti; una piccola caponatina di tradizione siciliana caratterizzata da un aglio tanto gentile, sia in gusto che aspetto, da ricordare una bianca mandorla d’Avola.
    Ma veniamo ai piatti, che insieme agli attori e ai vini sono stati i veri protagonisti della serata; a De Filippo lo chef ha associato dei ravioli di cioccolata amara con marmellata di arance, anch’esse amare, su reticolato di aceto balsamico, il tutto accompagnato da una grattugiata di ricotta salata. Un piatto incisivo ma delicato, teso a voler sottolineare un illogico gioco matematico che, però, porta ad un risultato coerente e concreto; quel morbido, dolce, amaro che ben interpreta il carattere espressivo dell’autore, il tutto ben sostenuto dal Greco di Tufo 2012 della giovane azienda Tenuta Scuotto, che ha perfettamente accompagnato il piatto armonizzandosi con esso ed esaltandone il carattere.
    A seguire una reinterpretazione della genovese; il piatto si presentava con un delicato sentore di chiodi di garofano e una cipolla ben lavorata, presente ma non invadente, completata da una rana pescatrice, delicata e carnosa, e un mezzo pacchero del pastificio De Martino. Stavolta il riferimento era rivolto a De Sica, descritto attraverso il piatto come un personaggio tenace e pungente. In questo caso il vino scelto, il Fiano di Avellino 2012 sempre della Tenuta Scuotto, ha ben rappresentato piatto e personaggio.
    L’ultimo attore, Troisi, è stato sapientemente interpretato da Mimmo Alba attraverso un merluzzo in tempura con yogurt acido, marmellata di peperoncino piccante, polvere di liquirizia e friggitelli; un perfetto connubio di dolcezze (dato dalla polvere di liquerizia) e amarezze (data dai friggitelli) e la particolare nota croccante della tempura, assimilabile al carattere ironico dell’attore. Perfetto bilanciamento di sapori, nessuna nota prevale sulle altre e, in questo caso, il Fiano “Oi nì” 2011 (prodotto con uve raccolte nella prima decade di Novembre) ha contribuito positivamente, creando una piacevole pulizia di bocca .
    Al momento del dessert il pubblico è stato coinvolto nel gioco dei sapori, lo chef ha proposto il suo cannolo scomposto, a base di ricotta di pecora di Noto e cialda fritta nello strutto. Il gioco è consistito nel trovare la giusta associazione cinegustologica del dessert proposto.
    Diverse sono state le interpretazioni del pubblico, spaziando da Sofia Loren ad Anthony Hopkins, creando un dialogo rilassato e partecipato.
    Al termine della cena, il mastro cioccolatiere Gennaro Bottone ha offerto il suo tartufo gelato al croccantino al rhum.
    Curiosità, gusto e ironia hanno reso la serata perfettamente riuscita, non ci resta che aspettare la prossima cena cinegustologica!

    E per citare Eduardo
    tutto ha inizio, sempre da uno stimolo emotivo: reazione a una ingiustizia, sdegno per l’ipocrisia mia ed altrui, solidarietà e simpatia umana per una persona o un gruppo di persone, ribellione contro leggi superate e anacronistiche con il mondo di oggi.