Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 03 mar 2015 al 03 mar 2015 alle ore:20:00

      In partenza il 3 Marzo Corso Sommelier a Villa Posillipo nei Campi Flegrei

      Mancano: 22:32 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 01 apr 2015 al 01 apr 2015 alle ore:

      1 Aprile, Parte Corso di Sommelier n.68 da Sebezia con l’AIS Napoli

      Mancano: 29 giorni e 02:32 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    Didier V. Houvenaghel

    Il 12 ottobre 1523, un saggio indiano di nome Nicarao incontrò Gil González Dávila, conquistador spagnolo. L’offerta di Nicarao per il “nuovo dio” includeva oro, argento ed strana foglia marrone e secca… sconosciuta agli europei. Era il tabacco nero nicaraguese, prezioso per gli indigeni del nuovo continente che lo fumavano a scopo rituale e medicinale. Dopo la conquista del Nuovo Mondo e la scoperta della pianta del tabacco, l’incontro tra Nicarao e Gonzalez sarà ricordato come “Il dialogo dei secoli” un confronto di stati e civiltà. Nicarao dimostrò agli europei la filosofia dei nativi, la loro scienza e le loro arti. Il suo nome passò alla storia e diede il nome alla futura nazione.
    Oggi, nel 21° secolo, nasce una nuova marca di sigari – Nicarao – sigaro che mantiene la storia e la qualità della sua regione e del suo stato, il Nicaragua.
    I sigari Nicarao sono fatti a mano con le migliori foglie di tabacco, selezionate e coltivate nelle due migliori zone di produzione in Nicaragua: Estelì e Jalapa.
    La varietà di tabacco usato è il Crollo 98. Wrapper, binder e filler Nicaragua con l’aggiunta di una foglia di Crollo 99 durante la fase della rollatura, conferiscono al sigaro Nicarao pienezza d’aroma.
    Proposti in 4 formati per la linea Classica, Minuto, Robustos, Piramide e Gordito, in due formati per la linea Especial, Gordo e Hermoso, e in 2 formati per la linea Exclusivo, Don Rafa e Robusto.

    PiedirossoPer la IX edizione di Malazè si inizia con “Aspettando Malazè
    mercoledì 3 settembre (ore 18) a Villa di Livia, via Campi Flegrei 19 a Pozzuoli.
    In programma il convegno “L’impronta geologica del Piedirosso nei Campi Flegrei: per un’enologia consapevole” a cura dell’Associazione Italiana Sommelier delegazione di Napoli. Dalla collaborazione di tre università campane (Sannio, Federico II e Seconda Università) e la Boku University di Vienna sarà presentato uno studio per individuare l’impronta geologica e pedologica del Piedirosso campano sviluppato nel territorio vulcanico dei Campi Flegrei. Intervengono: Mariano Mercurio (Università degli Studi del Sannio), Tommaso Luongo (delegato di Napoli dell’A.i.s.), Rosario Mattera (organizzatore Malazè), Vincenzo Mercurio (enologo), Mauro Erro (Campania Stories e redattore Enogea).

    Info: 335.6790897 – info@aisnapoli.it

    Guida ai Vini d’Italia, l’AIS in trincea

    Pubblicato da aisnapoli il 16 - agosto - 2014 Commenta

    Anche durante il mese di agosto in tutte le redazioni regionali e in sede centrale continua la preparazione della nuova Guida ai Vini d’Italia.
    La prima edizione di Vitae, il volume che raccoglierà circa 2.000 cantine tra le migliori della nostra penisola, sta prendendo forma grazie al lavoro di chi in questi giorni è lontano da spiagge e ombrelloni…

    Servizio di Simone Savoia

    Champagne Louis XVLOUIS XV DE VENOGE BRUT 1995

    Di Tommaso Mascolo
    Come spesso capita a chi fa il nostro lavoro, l’occasione di una degustazione viene dal lavoro stesso.
    Scorrendo la selezione degli champagne della carta vini colpisce questo millesimo 95.
    Come si presenterà? si sarà mantenuto e in che forma?
    La bella bottiglia simile ad una caraffa dal collo stretto, svasata in basso e studiata per concentrare gli aromi, è corredata da uno splendido tappo a fungere da stopper.
    Se ne apprezza anche subito la comodità per la mescita.
    Il tappo in sughero posto a preservare nel tempo questa cuveè di pinot nero e chardonnay si presenta senza sorprese se non con una elasticità giunta al limite.
    L’apertura mi rincuora subito: effervescenza presente.
    Versandolo in un ampio calice scelto per la degustazione si percepisce subito la sua misurata eleganza e la quasi cremosità.
    Il cordone che lega le fini bollicine è composto, sottile, continuo ed elegantemente presente.
    Una sincera brillantezza illumina il suo accativante giallo oro, non particolarmente profondo ma vivido, con qualche leggerissima screziatura ramata.
    Naso fine e doverosamente complesso in cui si susseguono fini note evolute di lieviti nobili, di vaniglia e leggera tostatura di nocciola.
    La cremosità percepita alla vista è confermata al primo sorso così come le note odorose.
    L’elegante perlage non sovrasta i delicati sapori ma li supporta sinergicamente: fresco e lievemente minerale, con un’iniziale nota di foglia di limone; chiude un po’ velocemente con biscotto alla vaniglia e nocciola, passando attraverso sottili note di pesca, albicocca secca e miele d’arancio.
    Per dirla in gergo sartoriale: consunta la trama, viene fuori la stoffa.

    VOTO 92/100

    CURIOSITA’: questa cuvée di pregio è dedicata a Luigi XV che per primo decretò l’imbottigliamento dello champagne nella regione per preservare il perlage. La famiglia, proveniente dalla Svizzera e più precisamente dalla regione attraversata dal fiume de La Venoge, si trasferì in Francia dove Henry Marc De Venoge fonda l’azienda nel 1837 con sede a Mareuil sur Ay. Inoltre egli inventò una etichetta ovale innovativa ed iniziò ad apporre, oltre che il tipo di vino ed il nome del produttore, anche un disegno di due bottiglie sull’etichetta, dando il via, primo al mondo, alla moda delle etichette illustrate.
    Nel 1998 il GRUPPO BOIZEL- CHANOINE CHAMPAGNE (B.C.C.), quotato alla borsa di Parigi, acquista la Maison De Venoge che ancor oggi ne fa parte.

    Data degustazione 27/7/2014
    Location: Ristorante Indaco del Regina Isabella – Isola d’Ischia

    Wine Fredane 2014: al via la Terza Edizione

    Pubblicato da aisnapoli il 10 - agosto - 2014 Commenta

    Wine FredaneWine Fredane 2014 : al via la Terza Edizione.
    Vino, eccellenze campane, musica ed arte nel cuore dell’Irpinia.
    Montefredane – Dal 10 al 12 agosto 2014, presso i giardini della Tenuta Ippocrate di Montefredane (AV), si svolgerà il Wine Fredane, evento enogastronomico d’eccezione giunto alla sua terza edizione.
    Il Wine Fredane nasce nel 2012 dalla passione e dall’entusiasmo di un team di giovani enoappassionati a Montefredane, cuore pulsante dell’Irpinia e terra di eccellenza del Fiano di Avellino. L’obiettivo strategico è quello di avvicinare il mondo del vino, troppo spesso considerato elitario ed esclusivo, ad un pubblico sempre più vasto e, in particolare, ai giovani.
    L’evento offre a tutti gli enonauti la possibilità di degustare vini di altissima qualità, con particolare preminenza di quelli irpini e campani, consentendo il contatto diretto con i produttori e una ricca programmazione di degustazioni guidate, laboratori del gusto e seminari. Il percorso viene completato da un’ampia scelta di piatti tipici della tradizione campana sapientemente preparati secondo le ricette tradizionali. Il tutto verrà accompagnato da musica dal vivo ed una mostra fotografica dedicata al mondo del vino.
    Quest’anno, la terza edizione vede avviate importanti collaborazioni che riguardano lo spazio riservato ai laboratori che si svolgeranno nel corso delle tre giornate : Slow Food, Onav, Go Wine e Città del Vino, per citarne alcune.
    Ognuna delle tre giornate verrà dedicata ad un tema diverso (rispettivamente, il Fiano di Montefredane, Areali Vitivinicoli a confronto,Gli abbinamenti perfetti), ciascuno approfondito con degustazioni ad hoc curate da esperti del panorama enogastronomico campano ed irpino. Le serate si concluderanno con i banchi di degustazione food and wine e un programma di musica dal vivo.
    Ulteriore novità della terza edizione è la location. Quest’anno, infatti, la kermesse si sposterà tra gli splendidi vigneti e i giardini della Tenuta Ippocrate di Montefredane, che parteciperà all’evento anche con i suoi prodotti e i suoi chef.
    La tenuta ospiterà per l’occasione una mostra fotografica dedicata al mondo del vino dal titolo “Snapshot of a Territory – il Fiano di Montefredane”, curata e realizzata dalla fotografa e blogger Karen Phillips.
    Appuntamento dal 10 al 12 agosto, presso Tenuta Ippocrate, via Via bosco magliano 62/d , Montefredane (AV). Inizio laboratori ore 17.00 ; degustazioni e live music dalle ore 21.00.

    Per Informazioni:
    Ufficio Stampa Wine Fredane
    e-mail : winefredane@winefredane.it ; winefredane@gmail.com ! tel : 3898773158!
    fax : 0825191287

    Malazè celebra i venti anni delle Doc Falanghina e Piedirosso

    Pubblicato da aisnapoli il 3 - agosto - 2014 Commenta

    malazè e il vinoMalazè celebra i venti anni delle Doc Falanghina e Piedirosso
    Per ricordare l’evento: iniziative dedicati al vino a Pozzuoli, Napoli, Bacoli
    Cene in Vigna, Vigna Jazz, Wine Design, convegni e… una partita di calcio

    Malazè, l’evento archeoenogastronomico dei Campi Flegrei che si terrà a settembre dal 6 al 16 settembre, celebra i venti anni di doc di Falanghina e Piedirosso, i vini locali che stanno riscuotendo sempre più successo nei mercati nazionali e internazionali.

    Per la IX edizione di Malazè ecco alcune iniziative in cantiere.

    Si inizia con “Aspettando Malazèmercoledì 3 settembre (ore 18) a Villa di Livia, via Campi Flegrei 19 a Pozzuoli. In programma il convegno “L’impronta geologica del Piedirosso nei Campi Flegrei: per un’enologia consapevole” a cura dell’Associazione Italiana Sommelier delegazione di Napoli. Dalla collaborazione di tre università campane (Sannio, Federico II e Seconda Università) e la Boku University di Vienna sarà presentato uno studio per individuare l’impronta geologica e pedologica del Piedirosso campano sviluppato nel territorio vulcanico dei Campi Flegrei. Intervengono: Mariano Mercurio (Università degli Studi del Sannio), Tommaso Luongo (delegato di Napoli dell’A.i.s.), Rosario Mattera (organizzatore Malazè), Vincenzo Mercurio (enologo), Mauro Erro (Campania Stories e redattore Enogea). Info: 335.6790897 – info@aisnapoli.it

    Sabato 6 settembre (ore 9,00) “Archevinum” allo Stadio Antonino Pio, via Campi Flegrei a Pozzuoli, aperto gratuitamente per l’occasione. Organizzano: Art Garage, Flegreando, Quo Vadis e Gruppo La Sibilla. Un percorso all’insegna del mito, dell’arte e del gusto: visite guidate e danza. Il sito archeologico viene ricordato per i giochi di Eusebeia che prevedeva due sezioni: una dedicata all’agone ginnico, l’altra destinata all’agone musicale con gare di strumentali e di poesia. Al termine delle visite degustazione di Falanghina e Piedirosso doc. Info: 349.6537921-339.7220812 – info@flegreando.org

    Sabato 6 settembre (ore 9,00) VII edizione del Ciclo Wine Tour con l’associazione Le Ali di Dedalo e Le Strade del Vino dei Campi Flegrei. Si parte dal Vulcano Solfatara per un percorso con soste nei luoghi di interesse storico archeologico, naturalistico e paesaggistico e soste di degustazione nelle cantine. La passeggiata è rivolta esclusivamente ad adulti. Info 334.9072795 – 320.8792054 – 347.6900607

    Martedì 9 settembre (ore 18) al Complesso Turistico Averno (via Monte Nuovo Licola Patria, 85 Pozzuoli) Real Piedirosso sfida Atletico Fiano. A.i.s. delegazione di Napoli. Una squadra flegrea e una squadra irpina composte da sommelier e produttori si sfidano a calcetto per un “derby ad alto rischio alcolico”. A seguire il “terzo tempo” con i prodotti flegrei e irpini a celebrare il gemellaggio. Info: 335.6790897 – tommasoluongo@yahoo.it

    Mercoledì 10 settembre (ore 17,30) a Pozzuoli nella cripta dell’antica chiesa di San Giuseppe di viale Capomazza c’è “Piedirosso: Piccoli Grandi Tre per Due” a cura di A.i.s. di Napoli, Slow Wine, Nemea, Abraxas Osteria. Tre piedirosso dei Campi Flegrei: Contrada Salandra, La Sibilla e Agnanum, incontrano due piedirosso campani: Vigne Sannite, Libero Rillo – Ficonera e Apicella accompagnati dai loro produttori in una degustazione guidata da Tommaso Luongo (delegato Ais Napoli) e Luciano Pignataro (giornalista del Mattino, coordinatore Slow Wine Campania). Visita alla cripta a cura dell’associazione Nemea. A seguire, dopo il laboratorio, degustazione dei vini e finger flegrei preparati da Abraxas Osteria. I ticket saranno donati per il mantenimento della cripta. Info: 335.6790897 – 081.8688778 – info@aisnapoli.it

    Sabato 13 e domenica 14 settembre si terrà il Campi Flegrei Doc Festival organizzato da Slow Tour Campi Flegrei, una festa popolare per i 20 anni di doc. Il 13 (ore 10,30) al Parco Archeologico di Cuma e alle 17,30 a Piscina Mirabile. Il 14 (ore 10,00) al Museo Archeologico di Baia. Info: 388.4841083 – slowtourcampiflegrei@hotmail.it

    Tutti i giorni nel centro storico di Pozzuoli (dalle ore 9,30) c’è Wine in Design a cura del gruppo Kymè. Un’ esposizione di design dedicata all’enogastronomia di artigiani locali. Durante l’esposizione saranno organizzate degustazioni. L’iniziativa si terrà in Via Augusto 29, Pozzuoli, dalle 9.30 alle 13.30, dalle 16.30 alle 20.30. Info: 340.3927345 – 349.1367664 – info@kymecampiflegrei.it
    Per tutta la durata di Malazè previste Cene in Vigna, Vigna Jazz, visite guidate, degustazioni dedicate al vino e alla gastronomia locale.

    Le cantine coinvolte per la IX edizione di Malazè. Napoli: Cantine Astroni, Agnanum, Colle Spadaro e Varriale. Pozzuoli: Matilde Zasso, Le Vigne di Cigliano, Villa Teresa, Cantina Iovino, Babbo, Contrada Salandra, Cantina dell’Averno. Bacoli: Farro, Piscina Mirabile, La Sibilla. Quarto: Grotta del Sole, Quarto Miglio, Quartum. Marano: Cantine Federiciane. Monte di Procida: Cantine del Mare.

    Un pensiero per Guido

    Pubblicato da aisnapoli il 1 - agosto - 2014 Commenta

    lutto

    Sospendiamo le pubblicazioni per il grave lutto che ha colpito il caro amico Guido Fusco, segretario di delegazione e nostro stretto collaboratore, che oggi ha perso l’amato papà.

    A Guido l’abbraccio affettuoso del direttivo di delegazione e di tutti i soci dell’Associazione Italiana Sommelier Delegazione di Napoli.

    10376925_10204355689918451_785762099052948568_nDi Roberta Porciello
    Sul “The End” di una serata come questa…un po’ brilla un po’ euforica …con il tuo tastevin al collo ti rendi conto che grande forza, che unione, che gente [splendida] ci sia in questa associazione…felicissima di farne parte…e come dice la mia collega “GRAZIE AIS”. Bando ai sentimentalismi …è stato “Te le do io le bollicine 6° edizione” organizzata dall’ ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di NAPOLI, un tripudio di eccellenze. Un inizio tutto partenopeo con ‘O Bellill…”Versione flegrea dell’italico Bellini” preparato da Mario Romano del Monkeybar Baia, rigorosamente con percoca “col pizzo”!. Quest’anno in riva al mare, dal tramonto a notte fonda, ci hanno accompagnato con le loro bontà: Ugo e Anna Torre di Babette con i suoi rinomati crostoni, Stefano Pagliuca 10544392_10204355821281735_3665454120682773174_ndell’EnoPanetteria i Sapori della Tradizione con pizze e taralli [ se non avete ancora provato il must: la pizza con i pomodorini, andateci!], le pizze fritte e margherite di Family Nest; i salumi e i formaggi di Sciardac, Mozzarella di Bufala Campana DOP del Consorzio di Tutela. In abbinamento una lunga serie di bollicine dall’angolo charmat al metodo classico da Borgo Molino, Monte Rossa, Feudi di San Gregorio, Ca’ del Bosco, Firriato a Ferrari, Villa Raiano, Bellavista, Contadi Castaldi, Casebianche, Bellenda, Cantina del Taburno, Casa Setaro, Berlucchi, Monsupello, I Favati, I Borboni , Grotta del Sole, Astroni, Cantine del Mare, Costadilà, Vestini Campagnano, Altemasi, Fattoria La Rivolta, Cantine Babbo, Bortomiol, Azienda Agricola Torre Rosazza e Vineyards V8+, Braida, Caudrina, Fratelli Berlucchi, La Molara. Grandi piatti, particolari combinazioni, sfiziosissime composizioni degli chef Antonio Molfetta Chef Resident Nabilah con il suo piatto “la terra nel piatto” con pane di segale, formaggio feta, sedano e ravanelli; Old Friends ‘O père e ‘o musso; Alici e Baccalà con Giovanni Costagliola, La Bifora con Michele Grande ; SUD Ristorante con Marianna Vitale con “Non c’è trippa per voi”. Allegra e festosa la cerimonia di consegna diplomi della nostra classe di studio la numero 23…un numero a caso… uno dopo l’altro siamo saliti sul palco tra abbracci, felicitazioni e complimenti …ed ora non c’è nulla da dire…carta canta…siamo sommelier!!!!!. E ora la serata “danzante” può avere inizio con musica live con Aurelio Fierro Jr. & Capri Selection Band e Dj set by Nabilah.

    Stanchi ma felici…per rifarlo dobbiamo aspettare l’anno prossimo ☹.