Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...eventi aisnapoli
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 03 mag 2014 al 03 mag 2014 alle ore:09:30

      Dal 3 Maggio, “20 ANNI di DOC”, Auguri Campi Flegrei! Ciclo di appuntamenti in vigna con Ais Napoli e Malazè

      Mancano: 14 giorni e 06:42 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 10 mag 2014 al 31 mag 2014 alle ore:09:00

      “Il Corpo del Vino”, corso di aggiornamento Ais Campania per sommelier a cura di Armando Castagno

      Mancano: 21 giorni e 06:12 ore.
  • Video

    Tags


    Ciro Corona: Resistenza Anticamorra e Fondo Rustico “A. Lamberti”
    Nonostante il furto da 50.000 euro subito, si farà la vendemmia a mano il 16 e 17 ottobre, e avremo un nuovo trattore con l’aiuto delle persone, associazioni, e del Comune.

    20 Ottobre, Andar per Taurasi con l’azienda La Molara

    Pubblicato da aisnapoli il 15 - ottobre - 2013 Commenta

    Programma visita a La Molara

    La vendemmia in Borgogna

    Pubblicato da aisnapoli il 12 - ottobre - 2013 2 Commenti

    vendemmi manuale in BorgognaDi Gabriele Pollio
    Eccezionale. Un’esperienza trascendentale. Mitica.
    Queste sono solo alcune delle espressioni che si sentono spesso associate alla Borgogna del vino.
    Sono stato per la prima volta in Borgogna a fine settembre e non posso fare altro che definire il mio viaggio: eccezionale, un’esperienza trascendentale, mitico!
    Ovviamente, non sta a me dilungarmi sulle varie classificazioni dei vini, sulle tecniche di impianto e su tecnicismi di cui, con buona probabilità, non sarei in grado di parlare. Quello che vorrei trasferire sono le emozioni con cui, inevitabilmente, si deve fare i conti quando ci si trova di fronte ad un mostro sacro come la Borgogna.
    In qualsiasi vigna, in qualsiasi posto del mondo, il periodo della vendemmia è speciale per chi ama il vino. Lì lo è ancora di più. Vedere uomini e donne all’opera in climat mitici come Montrachet e La Romanée-Conti, pensare al valore storico (per non parlare di quello economico!) di quelle vigne, sapere che ognuno di quei grappoli darà vini di cui fino a oggi avevo solo letto su qualche rivista, assaggiare i grappoli direttamente dalle piante (con l’autorizzazione del proprietario!) e valutarne la maggiore o minore dolcezza in base alla grandezza degli acini, è stato fantastico.
    Sfatiamo un luogo comune: i produttori della Borgogna non sono chiusi. Sono solamente rispettosi del loro lavoro e, soprattutto, della loro terra; dunque, Domaine de la Romanée-Contipretendono altrettanto rispetto da parte degli altri. Sono stato accolto ovunque con cordialità e ho conosciuto persone che, nonostante il periodo delicato, mi hanno dedicato tempo pur sapendo che non avevo la benché minima percezione dell’importanza del posto in cui mi trovavo.
    Ho iniziato il mio giro da Puligny-Montrachet , ho conosciuto la cordialità di Jean Chartron e la potenza e mineralità dei suoi Chardonnay. Degustare il 1er Cru Clos de la Pucelle 2011 (ovviamente tutte le scorte di 2010 erano già esaurite da tempo) a conclusione di una serie di 8 assaggi è stato…come dire…inebriante! Sarà per questo che inerpicandomi in auto verso i climat di Chevalier-Montrachet e Montrachet ho avuto più di una volta la voglia di chiedere ai vignerons di aiutarli nella vendemmia.
    Passando per Beaune, il giorno successivo, sono arrivato in un paese carino ma, apparentemente, simile a tutti gli altri. Quando accanto a un citofono ho scorto la targhetta Domaine de la Romanée-Conti , ho capito di non essere in posto qualsiasi, ero a Vosne-Romanée: La Mecca! Qui sono stato accolto romanee 2da Anne Gros e ho avuto l’onore di visitare con lei non solo climat come Les Richebourgs e La Tâche (in cui possiede alcuni ettari di terreno), ma anche le cantine in cui riposano i suoi Grands Crus: vini che, se non fosse stato per la gentilezza di Anne, non avrei mai potuto provare! Le vigne, in questa zona a esclusivo appannaggio del pinot nero, erano ancora deserte, la vendemmia non ancora iniziata, i colori e le sfumature ancora più tendenti al verde estivo che al marrone autunnale. Eppure, è stato strabiliante vedere la sorpresa e il dubbio che si sono insinuati sul viso di Anne quando si è resa conto che i suoi vicini di vigna avevano già vendemmiato mentre lei (che ovviamente non si serve di un enologo) aveva deciso di vendemmiare dopo almeno una settimana. Questa è la vendemmia in Borgogna (come in ogni parte del mondo): una scommessa che si ripete ogni anno!

    Logo sommelier NapoliASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli
    Parte il Secondo Livello del Corso Ais n.34 per sommelier.
    Ogni MARTEDI a partire dal 29 Ottobre 2013 alle ore 20.00 presso l’Hotel Mediterraneo Reinassance in via Nuova Ponte di Tappia, 25 Napoli
    Quindici lezioni per approfondire al meglio gli argomenti di Enografia Italiana ed Internazionale: un viaggio nelle grandi terre del vino d’Italia e del Mondo. La comunicazione sul vino, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante e l’Associazione Italiana Sommelier, a pieno titolo, ha contribuito e contribuisce a far crescere il movimento intorno al vino con la sua fondamentale opera di divulgazione. In oltre quaranta anni di storia e di attività nel mondo enogastronomico l’Ais ha qualificato il vino nella ristorazione italiana, puntando decisamente all’innalzamento del livello generale di competenza degli addetti ai lavori, ed ha diffuso, con costante impegno ed entusiasmo, la cultura del vino e del cibo per tutti gli appassionati. La quota di iscrizione al corso è pari a 480,00 euro, da versare alla sede regionale dell’Ais Campania con bonifico bancario indicando nella causale il nominativo ed il corso di riferimento.
    ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA – B.C.C. DI CASAGIOVE
    IBAN: IT91 J089 8774 8400 0001 0330 616
    Euro 480,00
    Causale: Nominativo + Secondo livello corso n.34
    Informazioni: info@aisnapoli.it oppure Elena Erman 3334556524
    ATTENZIONE: Si prega di avere attenzione ad indicare esattamente la causale così come descritto.
    Scarica qui il calendario del II_med_ott_2013 Hotel mediterraneo
    Tommaso Luongo
    Delegato Ais Napoli

    Ciao Gianni…che la terra ti sia lieve

    Pubblicato da aisnapoli il 11 - ottobre - 2013 Commenta

    Gianni_AiuoloGianni Aiuolo (delegato Penisola sorrentina, componente del consiglio direttivo e della commissione didattica regionale) dal 6 Ottobre non c’è più…… abbiamo perso un caro e fraterno amico.

    Vogliamo ricordarlo con il suo sorriso di sempre, di uomo mite e gentile, sempre disponibile a dedicare il suo tempo, il suo entusiasmo e la sua profonda competenza in favore della crescita culturale della nostra associazione.

    Ci sentiamo vicini alla sua famiglia, alla moglie Angela e alla figlia Valeria, a cui va tutto il nostro affetto e cordoglio.

    Ciao Gianni.

    sando_sangiorgiPorthos racconta…
    presso “I Sapori della Tradizione”

    I vini naturali
    a cura di Sandro Sangiorgi

    venerdì 25 ottobre 2013, ore 20.00

    Il primo grande pregio di un vino è l’onestà del produttore
    Alla ricerca del vino naturale,incontro e degustazione dedicati ai temi più caldi del momento:
    è possibile coniugare onestà e rispetto delle regolecon reddito e sopravvivenza dell’azienda?
    Come definire un vino naturale?
    Biologico e biodinamico, quale la differenza?

    Degustazione-dibattito di sette vini di grande qualità,
    scelti tra i migliori italiani con una specialità straniera.
    Il prezzo è 45 euro

    Sono previsti sia l’assaggio di pizza per preparare lo stomaco, prima della lezione,
    sia l’accostamento con un cibo per la vocazione all’accostamento dei vini degustati.

    Il seminario si svolgerà presso “I sapori della Tradizione”
    a Melito di Napoli, corso europa 125.
    In virtù del non elevato numero di posti a disposizione, si prega di confermare prima possibile la propria adesione.

    Informazioni e prenotazioni presso:
    Stefano Pagliuca 081/7117410 – 339/4777095

    ritorno_allargilla_Pagina_1RITORNO ALL’ARGILLA Il vino dall’anfora al Barricoccio® Martedì 15 ottobre 2013, ore 15 Tenuta Rubbia al Colle Località Poggetto alle Pulledre, Suvereto (LI) 

    L’argilla è un materiale antico e allo stesso tempo nuovo per il mondo del vino. Chi vede nell’argilla il desiderio di naturalità, chi della tradizione, chi desidera sperimentare nuovi affinamenti, chi desidera comunicare in forma nuova. Il tutto condito dalle caratteristiche fisiche dell’argilla che non sono standardizzabili e che comunque devono essere gestite per poter entrare in contatto con il vino. E ultimo, ma non meno importante, la forma dei contenitori in argilla e la loro fragilità, che nel passato sono stati forse i motivi del loro abbandono. Quello dell’argilla è un tema molto attuale che desideriamo affrontare in maniera magari inusuale, ma propositiva. Lo faremo martedì 15 ottobre presso Rubbia al Colle (Suvereto, Livorno), la tenuta toscana dell’Arcipelago Muratori, destinata alla produzione di vini rossi. Dalle 15,00 alle 17,00 si alterneranno gli interventi del Prof. Attilio Scienza (Università Cattolica di Milano) e dei giornalisti Pier Bergonzi della Gazzetta dello Sport, Luciano Ferraro de Il Corriere della Sera e di Alessandro Torcoli di Civiltà del Bere. Ciascun intervento sarà intervallato dalla degustazione di un vino che attraverso varie forme e modi “passa per l’argilla” durante la sua fase produttiva. Le degustazioni dei vini saranno guidate da Luca Gardini (Miglior Sommelier al Mondo) insieme alla voce del produttore che racconterà la sua storia e il suo prodotto. Il Capasonato Primitivo di Manduria della Vinicola Savese (Sava, Taranto) sarà raccontato dalla famiglia Picchierri e farà riferimento alla tradizione italiana, e non solo georgiana quindi, dell’utilizzo di argilla. Seguirà la degustazione di Pinthos Rosso Cerasuolo di Vittoria dell’Azienda Agricola Cos (Vittoria, Ragusa) presentato da Giusto Occhipinti. Elisabetta Foradori (Trento) introdurrà il suo Teroldego Morei e per ultimo Francesco Iacono (vitienologo delle Tenute dell’Arcipelago Muratori) descriverà il suo Barricoccio® Val di Cornia Suvereto Sangiovese della Tenuta Rubbia al Colle che ospita l’evento. Un modo dunque per parlare di storia e di futuro assaggiando ciò che antiche e nuove tecniche di uso dell’argilla in enologia possono conferire al vino.

    Necessaria la prenotazione

    rubbia.alcolle@arcipelagomuratori.it oppure 0565-827026

    1370262_236407116515732_84336004_n
    SABATO 5 OTTOBRE 2013
    ORE 18.30
    LOCALITA’ – CIGLIANO ( POZZUOLI)
    FESTA DI SANTA TERESA DEL BAMBINO GESU’ ( e sagra dell’uva )

    Pozzuoli, 15 settembre 2013

    E’ l’evento che per i suoi vari aspetti organizzativi coinvolge l’intera Comunità di Cigliano. Uomini, donne, giovani e bambini con esperienze diverse, si incontrano e si fondono in un unico afflato dominato dalla Santa
    a cui e’ intitolata la nostra piccola Chiesa : Santa Teresa del Bambino Gesù.

    E’ un felice annuale appuntamento che scandisce la storia di Cigliano: il passato, il presente e, nella speranza, il futuro si contraggono e si mettono a servizio di questa gioiosa festa .

    E’ anche un momento che costituisce per l’intera comunità una proficua occasione per riscoprire il senso civico di appartenenza.

    Vi aspettiamo quindi i il 05 ottobre 2013 a partire dalle ore 18.30 a Cigliano ( Pozzuoli ) per condividere anche con Voi la nostra gioia di stare assieme!

    Per info: segreteria@comitatocivicopercigliano.org

    E se non sai come raggiungerci ti aiutiamo noi: copia il seguente link ed incollalo sulla barra di internet ed il gioco e’ fatto:

    http://goo.gl/maps/Sw64C

    a presto!

    Segreteria
    Comitato Civico per Cigliano®
    Via Cigliano, snc – Pozzuoli – ( Napoli )
    Sito Internet.: www.comitatocivicopercigliano.org