Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 21 feb 2017 al 21 feb 2017 alle ore:20:00

      21 Febbraio, A tavola con…Manuele Biava al Veritas

      Mancano: 20:38 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 27 feb 2017 al 27 feb 2017 alle ore:20:00

      27 Febbraio, Parte il Corso Sommelier n.105 a Napoli al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo

      Mancano: 6 giorni e 20:38 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 09 mar 2017 al 09 mar 2017 alle ore:20:30

      9 Marzo, Sfide all'Enopanetteria: Quintarelli vs Dal Forno

      Mancano: 16 giorni e 21:08 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    HART_poltrona_plusIn Poltrona con lo Chef n°4

    Napoli, Hart Cinema Food Music

    Giovedì 2 Febbraio alle 20.30

    Il casertano interpretato dalla Stella Michelin Rosanna Marziale e da Manuel Lombardi e Mimmo La Vecchia
    In visione “Caserta Palace Dream” di James Mc Teigue

    Giovedì 2 Febbraio alle ore 20.30 torna l’atteso appuntamento con In Poltrona con lo Chef, la rassegna ideata da Wine&Thecity, che mescola cucina, cinema e cultura in un mix inedito di sapori e spettacolo. Il quarto appuntamento celebra Caserta sullo schermo e nel piatto con la chef Rosanna Marziale Stella Michelin di Le Colonne di Caserta, Manuel Lombardi pastore e casaro de Le Campestre a Castel di Sasso e Mimmo La Vecchia conduttore del caseificio Il Casolare di Alvignano che si esibiranno in inedite performance live e racconti di cucina e territori. Ad aprire la serata è il cortometraggio “Caserta Place Dream” del regista australiano James Mc Teigue prodotto nel 2014 da Pasta Garofalo – protagonista il premio Oscar Richard Dreyfuss, Kasia Smutniak, Valerio Mastandrea e con la partecipazione di Ennio Fantastichini e Malika Ayane – un piccolo kolossal in costume ambientato nella Reggia di Caserta.
    La serata prosegue sul palco del cinema Hart dove è allestita la cooking station di Schettino Cucine Professionali e dove si alternano in una sorta di Jam session gastronomica i tre protagonisti. Il pubblico in sala ascolta, assaggia e interviene. La serata è concepita come un viaggio multisensoriale alla scoperta della Terra di Lavoro, terra di bufale e pascoli, di vigne e prodotti tipici unici come la mela annurca. Un’audio-degustazione “Il ritorno fantastico di Carlo di Borbone” di Rosanna Marziale introduce la performance gastronomica. Naso, occhi, palato e dita vengono coinvolti nell’esperienza. Mimmo La Vecchia mostra come nasce una mozzarella di bufala campana tra gesti antichi e una manualità sorprendente. Manuel Lombardi racconta il Conciato Romano, unico presidio Slow Food della provincia di Caserta, formaggio antico e prezioso, affinato in anfore di terracotta che schiudono profumi inebrianti. Rosanna Marziale cucina uno dei suoi piatti cult.
    Nei calici un’altra eccellenza del casertano: i vini dell’azienda Terre del Principe di Castel Campagnano di Manuela e Peppe Mancini. Il vino in degustazione è Le Sèrole 2015 da uve Pallagrello bianco 100% raccontato dalla voce dell’attrice Marialuisa Firpo che scandirà i tempi della serata tra lettura e interpretazione.

    In poltrona con lo chef fa leva sulla contaminazione di generi, sull’improvvisazione colta e curiosa: cucina, spettacolo, cinema d’autore, grandi vini e design con le poltrone Aris 1967 di Valentina Pisani Architetto, compongono la ricetta sempre nuova di ogni serata.

    I PROTAGONISTI
    Rosanna Marziale è patron del ristorante Le Colonne di Caserta. La sua cucina trae ispirazione dalla tradizione locale sapientemente mixata con fantasia e innovazione. Ambasciatrice nel mondo della mozzarella di bufala campana Dop. Nel 2012 ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Stella Michelin.
    Manuel Lombardi è pastore, casaro e conduttore de Le Campestre dove con impegno e passione è riuscito a riportare in auge il Conciato Romano oggi divenuto presidio Slow Food.
    Mimmo La Vecchia proprietario del caseificio Il Casolare è specializzato nella produzione e nella vendita della vera mozzarella di bufala campana DOP.
    Manuela e Peppe Mancini fondatori ed anime dell’azienda vinicola Terre del Principe. Si deve a loro la riscoperta e valorizzazione del Pallagrello, vitigno storico del territorio. Adagiata sulle colline disseminate di vigneti della Valle del Medio Volturno, nel comune di Castel Campagnano, la cantina è un piccolo prezioso scrigno nel quale la vita privata e quotidiana di Peppe e Manuela è cadenzata dal respiro dei vini.
    Marialuisa Firpo è designer e attrice, si è formata con il Teatro dell’Anima diretto da Dario Aquilina. Da novembre cura la direzione artistica di Hart.

    LA RASSEGNA
    In Poltrona con lo Chef è un progetto ideato e prodotto da Wine&Thecity di Donatella Bernabò Silorata, in collaborazione con HART Cinema Food Music, con la partecipazione di Pasta Garofalo e di Schettino Cucine Professionali; si inserisce nella programmazione HART OFFBEAT, “I giovedì ad Hart” ed è uno degli eventi “waiting for Wine&Thecity 2017” per celebrare i 10 anni della rassegna che coltiva l’ebbrezza creativa, la contaminazione dei generi e il nomadismo (www.wineandthecity.it). Per l’occasione Valentina Pisani Architetto presenta la poltrona Aris, riedizione del 1967, in pelle rossa: un guizzo di design in linea con la rassegna e la location.

    IL CINEMA
    Hart Cinema Food& Music è l’ultima monosala di Napoli e il primo cinema multisensoriale della città che coniuga cinema, cucina, spettacolo. Nato dalla ristrutturazione dello storico cinema Ambasciatori, offre 100 posti tra poltrone, divani e letti kingsize per vivere il cinema in una chiave diversa, più intima e confortevole. Visione inconsueta del culture club, HART si ispira a format già sperimentati in alcune capitali europee.

    Info Dalle 20.30 alle 22.00
    Biglietto: 25 euro comprensivo di un piatto e degustazione di vini.
    In vendita presso: Hart Napoli
    Via Francesco Crispi, 33 80121 Napoli 0817613128 / info@hartnapoli.it
    e on line sul sito http://hartnapoli.it/ e http://www.etes.it/
    Cinema Delle Palme h. 16.00 / 21.30

    www.hartnapoli.it e www.wineandthecity.it
    Ufficio stampa Dipunto studio > 081 681505 www.dipuntostudio.it

    4 Febbraio a Casa Lerario con Stefano Caffarri

    Pubblicato da aisnapoli il 1 - febbraio - 2017 Commenta

    Foto Stefano CaffarriIl 4 febbraio a Casa Lerario la cucina de Il Cucchiaio d’Argento con Stefano Caffarri

    Sabato 4 febbraio (ore 13,30) all’agriturismo Casa Lerario di Melizzano ritornano gli appuntamenti con i pranzi del sabato organizzati da Laura Gambacorta e Giampiero Prozzo. Ad inaugurare il ciclo del 2017 sarà Stefano Caffarri, direttore delle Iniziative Speciali de Il Cucchiaio d’Argento, casa editrice dell’omonimo ricettario, vero e proprio riferimento della Grande Cucina Domestica italiana. Caffarri, autore di numerosi volumi di cucina nonché riferimento autorevole nel campo della critica enogastronomica, condurrà gli ospiti in un viaggio tra i sapori dell’Emilia, sua terra di origine. I sapori dei piatti emiliani saranno adeguatamente accompagnati dai vini dell’azienda sannita Cantina Cautiero di Frasso Telesino.
    Per i bambini è stato predisposto un menu dedicato dal costo di 20 euro.

    La struttura
    Casa Lerario, situata a Melizzano nel cuore del Sannio beneventano, è una farmhouse completamente immersa nel verde che abbina accoglienza e proposta gastronomica di qualità. La cucina è incentrata su piatti tradizionali realizzati con i prodotti dell’orto e del territorio.
    L’agriturismo della famiglia Lerario dispone, inoltre, di tre confortevoli appartamenti, arredati con gusto e con tutti i comfort, per consentire un rilassante soggiorno ai piedi del Taburno.

    Menu
    Gnocco fritto al farro con salumi
    Erbazzone reggiano con pasta di grano saraceno
    Tortelli di zucca con fave di cacao
    Cotechino con zabaione all’aceto balsamico tradizionale
    Belsone con vino dolce

    Vini in abbinamento:
    Vita Nuova Rosato IGT 2015 – Cantina Cautiero
    Erba Bianca Fiano IGT 2015 – Cantina Cautiero
    Donna Candida Aglianico DOC 2010 – Cantina Cautiero

    Ticket di partecipazione: euro 35 (vini inclusi)

    Info e prenotazioni:
    Casa Lerario
    Contrada Laura, 6
    Melizzano (Bn)
    www.casalerario.it
    tel. 0824 944018

    Come arrivare:
    http://www.casalerario.it/la-posizione/

    Contatti stampa:
    Laura Gambacorta
    Mob. 349 2886327
    Email: laugam@libero.it

    Wine Tv si presenta…canale 815 di Sky

    Pubblicato da aisnapoli il 27 - gennaio - 2017 Commenta

    aisConto alla rovescia terminato.

    Finisce l’anteprima e comincia la nostra avventura: Wine TV si presenta con un palinsesto ricco e appassionante, tutto da scoprire.

    Storie di coraggio, di impegno, di visione che meritano di essere raccontate e condivise.

    Tanti nuovi e interessanti format a cui, sappiamo, che vi affezionerete subito.

    Insieme all’Ais, l’Associazione Italiana Sommelier, seguiremo la prestigiosa presentazione della guida Vitae 2017 a Milano e ascolteremo le dichiarazioni dei protagonisti.

    Sapreste riconoscere un gran vino? Sapreste come degustarlo e servirlo? Mettevi alla prova seguendo l’avvincente sfida che ha decretato il miglior sommelier d’Italia. Una gara fra i più grandi professionisti del vino come non l’avete mai vista.

    Racconteremo la filosofia, le particolarità e i progetti futuri di Podere Sapaio, protagonista del nostro Top Winery.

    Vi porteremo A cena con… Riccardo Baracchi, uno dei primi a usare vitigni autoctoni per spumanti metodo classico.

    Vi accompagneremo agli eventi più significativi del mondo del vino: da Food and Wine in Progress alla stazione Leopolda di Firenze fino a Wine Expo Gusto.

    I più coraggiosi potranno salire in sella alla Harley di Maurizio Zanolla per scoprire, con Easy Winer, tre splendidi ristoranti della città di Arezzo.

    Ci sarà tempo anche per una pausa di relax, per un Sorso lungo insieme all’infaticabile presidente del Movimento turismo del Vino Toscana Violante Gardini e al vulcanico stilista di Bottega Veneta  Bruno Tommassini.

    E nell’attesa di conoscere il nuovo campione, il detentore del titolo di miglior sommelier d’Italia 2015 Andrea Galanti, vi farà scoprire l’eleganza e la freschezza del Peconio,  il Sangiovese di Villa La Ripa.

    Seguiteci sul canale 815 di Sky o guardate i nostri video sul sito www.wine-tv.it. Dalla nostra pagina Facebook vi terremo sempre aggiornati su orari e novità.

    Buon vino a tutti!

     

    Tre appuntamenti con 50 sfumature di Rosa a Il Macello ristorante

    Pubblicato da aisnapoli il 27 - gennaio - 2017 Commenta

    unnamed50 SFUMATURE DI ROSA
    Tre appuntamenti dedicati al Patanegra, al Maialino Nero casertano e al maiale di Mangalica
    Ristorante Il Macello

    Un mese dedicato alla carne rosa del maiale, alla scoperta di razze e tagli diversi, tra preparazioni tradizionali e innovative: è la proposta de Il Macello, il ristorante per chi ama le carni in via Vittoria Colonna a Napoli. Per tutto il mese di febbraio, in omaggio alla tradizione contadina che celebra il suino come rito di prosperità, la cucina dello chef Davide Varriale si cimenta su questa carne succulenta e magra al tempo stesso, versatile nelle preparazioni.
    Tre gli appuntamenti in programma, ciascuno dedicato a tre diverse razze di maiale: il maialino nero casertano, il maiale iberico, il pregiato maiale ungherese di razza Mangalica.

    Mercoledì 8 Febbraio, Il suino iberico – ore 20.30
    Una cena con menu dedicato al maiale iberico, una varietà d’origine selvaggia e mediterranea con più di 2000 anni di storia. Vive allo stato brado in terreni con querce e sugheri, consuma erba, funghi, bacche e soprattutto ghiande, che conferiscono alla sua carne un gusto inconfondibile. Inoltre per la sua selezione genetica ed il continuo movimento per alimentarsi, il suo grasso si infiltra nella sua carne dotandola di un’untuosità ed una qualità unica. Le carni e gli insaccati frutto del suino Iberico presentano il 56% di Acido Oleico, indicato per mantenere il sistema cardiovascolare sano e ridurre i livelli di colesterolo. In più contengono vitamine B1, B6, B12 e Acido Folico

    Giovedì 16 Febbraio un Mangalica per aperitivo – dalle ore 19 alle 21
    Un aperitivo per scoprire il pregiato prosciutto di Mangalica, il maiale autoctono diffuso in Serbia e Ungheria, famoso per il suo manto lanoso e considerato uno dei più grassi al mondo. Discendente dai cinghiali selvatici europei e cugina dei maiali iberici, la razza Mangalica incorpora caratteristiche di entrambe. Le sue carni hanno un sapore e una consistenza senza pari e contengono una quantità notevolmente superiore di colesterolo HDL (il cosiddetto ‘colesterolo buono’). La morbidezza e l’eccellente sapore sono dovuti agli strati di grasso interstiziale, assenti nella maggior parte delle razze commerciali e presenti invece in corretta quantità nella Mangalica.
    Dalle 19 alle 21, il cortador Salvatore Cautero taglierà al coltello un prosciutto di Mangalica. In abbinamento un calice di vino selezionato dalla carta del ristorante.

    Giovedi 23 Febbraio: il maialino nero casertano – ore 20.30
    Una cena con menu dedicato al nero casertano, il maiale detto anche “Pelatiello” per l’assenza di setole sulla cute, con un colore che va dal nero violaceo al grigio ardesia. Allevato allo stato semibrado nei boschi del Casertano e del Sannio Beneventano, si nutre principalmente di ghiande, castagne, noci e frutti selvatici, alimenti naturali che donano alle sue carni sapori e profumi selvatici di una volta. La caratteristica più pregiata del suino nero casertano è la “marezzatura” delle carni, la presenza cioè di abbondante tessuto connettivo intramuscolare (grasso nobile), che conferisce sapidità e morbidezza alle carni.

    Nel centro elegante di Chiaia, concepito come un salotto caldo ed accogliente, con cucina a vista, vini, formaggi e salumi in esposizione, il Macello è il ristorante a Napoli dove si mangia carne e tanto altro. In cucina c’è lo chef partenopeo Davide Varriale, 28 anni, che ogni giorno propone la pasta e il risotto del giorno. Sempre in carta la zuppa di cipolle come anche i tagliolini fatti in casa al tartufo bianco.

    I menu delle serate

    Mercoledì 8, il suino iberico – dalle ore 20.30
    Menu

    Carciofo gratinato con cuore di Jamon e fonduta provolone del monaco
    Gnocchetti di patate con ragù bianco di Jamon e tartufo nero uncinato
    Guancialetti di Jamon brasati al Marsala su crema di patate al profumo di limone
    Millefoglie scomposta con crema Chantilly e amarene
    30 euro per persona vini esclusi

    Giovedi 16 febbraio – un Mangalica per aperitivo – dalle ore 19 alle 21.
    Un calice di vino e Prosciutto di Mangalica tagliato a mano 15 euro

    Giovedi 23 Febbraio: il maialino nero casertano – ore 20.30:
    Menu

    Millefoglie di maialino con provola, crudite’ di verdure e carciofi croccanti
    Risotto al cavolo nero con mouse di parmigiano e cicoli croccanti
    Spalla di maiale confit ,rosolata al Lemongrass in guazzetto di topinambur
    Tiramisù a modo nostro
    30 euro per persona vini esclusi

    Il Macello Ristorante
    Via Vittoria Colonna, 10, 80121 Napoli

    Ufficio stampa
    Dipunto studio 08168150

    MASTERCLASS SUI RUMLunedì 30 Gennaio presso l’Enoteca I Coloniali Vino & Cioccolato ci sarà una MasterClass dedicata al Rum.

    Sarà presente Pietro Ghilardi, selezionatore ed importatore di Rum, che guiderà la degustazione.

    I Rum in degustazione:
    - La Hechicera
    - Doorly’s XO
    - Don Q Gran Añejo

    A ogni Rum sarà abbinato del cioccolato sapientemente selezionato da Lina Esposito :)

    La degustazione inizierà alle ore 19:30
    La degustazione sarà con posti a sedere ed il numero di partecipanti è limitato a 20 pertanto la prenotazione è obbligatoria!

    Il costo della serata è di 20€

    Per info e prenotazione:

    Vino & Ciccolato via Francesco Giordani , 32
    Tel: 081/7618478
    Email: info@vinoecioccolato.it

    “La Settima Profezia” di Simone Profeta

    Pubblicato da aisnapoli il 26 - gennaio - 2017 Commenta

    20170116_131709Di Fosca Tortorelli
    La Locanda del Profeta, nonostante il simpatico gioco di parole, non ha attinenza alcuna con figure religiose, più o meno istituzionalizzate, bensì riprende il cognome dello chef Simone Profeta.
    Il locale di Vico Satriano – precedentemente conosciuto sotto il nome Tartufi Che Passione – è frutto di un attento lavoro di restyling fortemente voluto dal giovane Simone e dal suo socio Giampiero Persico, entrambi desiderosi di portare nel locale un format nuovo, tale da offrire un ambiente più caldo e ampliarne la proposta gastronomica, e così da settembre 2016 prende forma La Locanda del Profeta.
    L’arredo è curato nei minimi dettagli e rivela l’internazionalità e la crescita esperienziale del giovane Simone; colpisce subito il tavolo centrale di colore blu, proveniente dall’India, le finestre marocchine che colorano la sala, così come i lampadari collegati da corde marinare, che richiamano la forte passione di Simone per il mondo sommerso, quasi un voler comunicare attraverso questi piccoli segni il suo percorso ed il suo essere.
    In occasione della presentazione del nuovo menù, Simone si racconta con semplice umiltà, con gli occhi che gli brillano nel descrivere il suo percorso e la sua voglia di migliorarsi con passione e tenacia.
    Tutto viene seguito e curato da Simone, dai grissini ai pani personalizzati con spezie e semi, ai fornitori, scelti con cura meticolosa. Neanche l’acqua è stata lasciata al caso, prima ancora di servire il primo antipasto ci viene infatti portata e raccontata l’Acqua Magma, “l’acqua che non ha mai visto la luce del sole“, un’acqua spagnola che ha fatto il viaggio dalla sorgente all’imbottigliamento al buio, protetta dalla bottiglia di alluminio e che vede la luce solo nel momento in cui viene servita, e si distingue al palato per le sottili bollicine naturali quasi impalpabili. A seguire il pasto ha inizio con un fresco benvenuto, un Gelato al salmone selvaggio dell’Alaska con caviale iraniano, servito su un cucchiaino di madreperla e accompagnato da un’ostrica che ospita all’interno un rinfrescante Sorbetto alle foglie d’ostrica con polpa di passion fruit, nato dalla collaborazione della dinamica e vulcanica Pina Molitierno, maestra gelatiera di Vanilla Ice Lab di Caserta. Un gioco goloso e ripulente allo stesso tempo, che lascia percepire in modo netto ed equilibrato le diverse sensazioni saporifere e prepara il palato alla portata successiva. Successivamente viene servita la tartare di Gamberi di Mazara del Vallo su pesto di pistacchio, un piatto dove emergono le radici siciliane paterne. Per entrambi i piatti è stato scelto in abbinamento il Franciacorta Brut 2010 Freccianera – Fratelli Berlucchi, caratterizzato da una discreta freschezza e da un profilo olfattivo con piacevoli note fruttate di agrumi.
    20170116_141305Poi è il momento della tanto attesa Settima Profezia, dove gli spaghettoni del pastificio le Gemme del Vesuvio, incontrano la spettacolare e freschissima tartare di gamberi rossi in salsa di ostriche e foglia d’ostrica ( foglie di Mertensia maritima). Un piatto composto e connotato da un perfetto equilibrio tra dolcezza e sapidità.
    Per il secondo primo Simone opta per un cavallo di battaglia tutto partenopeo, magistralmente eseguito: Candele spezzate (sempre di Gemme del Vesuvio) alla genovese di cipolla ramata di Montoro, la pasta è cotta perfettamente al dente e la genovese, con le sue 12 ore di cottura, rende la cipolla cremosa ed avvolgente, completata dal tocco finale dato dal pecorino grattugiato; in abbinamento viene proposto il Santa Digna un Cabernet Sauvignon Rosato del 2016 di Miguel Torres.
    Dal mare alla terra, anche il secondo piatto è tutto da raccontare, un piatto che nel suo semplice classicismo si rivela intrigante per la scelta della materia prima e per le tecniche utilizzate in cottura, stiamo parlando della Cotoletta di vitellina alla milanese, dove la panatura di farina panko cotta con burro chiarificato in forno, la rendono succulenta e gustosa come se fosse fritta. Risultato ottenuto grazie allo speciale sistema di cottura Rational, azienda leader nel settore di sistemi di cottura professionali (selfcookingcenter), di cui Simone entra a far parte dal 2015. Fondamentale inoltre la scelta delle giganti costolette, rigorosamente con l’osso, fornite dalla macelleria partenopea Io Sono la Chianina, che consentono un risultato ottimale di gusto e morbidezza, che vede in abbinamento il Ruit Hora 2012, il Bolgheri Doc di Tenuta Caccia al Piano.
    Come coccole finali viene servita la Spugna all’arancia su salsa di more, con cristalli di menta, impreziosita per colore e consistenza, dal fresco e saporito sorbetto al lampone di Pina Molitierno, a cui fa seguito l’ammaliante Passito di Pantelleria Ben Ryè 2014 di Donnafugata.
    Una brigata giovane e cortese, che esprime energia, ottime potenzialità e una positiva e passionale voglia di crescere senza prepotenza.
    Clicca qui per tutte le altre foto.

    30 Gennaio, WINE&FLIGHT di Villa Matilde con Carlo Olivari

    Pubblicato da aisnapoli il 26 - gennaio - 2017 Commenta

    wine & flightLUNEDI 30 GENNAIO DALLE 19,00

    Lo chef Carlo Olivari per WINE&FLIGHT di Villa Matilde 

    al Tradizione Italiana Cocktail Bar dell’Aeroporto Internazionale di Napoli 

    Lo chef Carlo Olivari è il protagonista del terzo e ultimo appuntamento di Wine&Flight di Villa Matilde al Tradizione Italiana Cocktail Bar dell’Aeroporto Internazionale di Napoli.

    Lunedì 30 gennaio, dalle ore 19, Olivari, chef itinerante per scelta e vocazione, si esibirà in una originale performance gastronomica: “Spume di vino, l’aperitivo è servito”.

    Negli spazi del Cocktail Bar di Tradizione Italiana, allestiti per l’occasione con botti e bottiglie in uno special set progettato da Valentina Pisani Architetto, Olivari condurrà una vera e propria lezione di cucina con dimostrazione live: tema della lezione è come realizzare un aperitivo in modo facile e gourmet con spume e crostini. La morbidezza delle spume incontra pani e cialde croccanti in un mix di leggerezza e gusto. In abbinamento i vini di Villa Matilde, dagli spumanti da Falanghina e Aglianico al Falerno Rosso e Bianco, emblema dell’azienda guidata dai fratelli Salvatore e Mariaida Avallone.  A seguire serata danzate a ritmo di Swing.

    L’iniziativa rientra nella programmazione di eventi promossi da Italian Food Tradition e Gesac Aeroporto di Napoli nel Tradizione Italiana Cocktail Bar, il bar inaugurato un anno fa nel ground floor dell’Aeroporto dove sono protagoniste alcune delle più importanti aziende campane riunite nel consorzio Tradizione Italiana.

    Wine&Flight è aperto a tutti – passeggeri in transito, turisti, ma anche residenti – e nasce da un’idea di Villa Matilde, per far conoscere la storia dell’azienda e del vino Falerno riscoperto proprio grazie alla dedizione agli studi e alla ricerca di Francesco Paolo Avallone, fondatore di Villa Matilde.

    LO CHEF

    Con la sua Cooking Division, Olivari cucina in luoghi sempre diversi e spesso non convenzionali: dalle boutique di lusso alle chiese sconsacrate, passando per musei e spazi privati. Cuoco e designer, è talento eclettico e nomade.

    In occasione di “Wine&Flight di Villa Matilde” tutti gli ospiti potranno usufruire del parcheggio multipiano dell’Aeroporto alla speciale tariffa unica di 2 euro.

    Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 – 81030 Cellole (CE)//tel. +39 0823.932088//www.villamatilde. it

    ufficio stampa dipunto studio  081 681505 www.dipuntostudio.it

    mini corso ais