Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    I dolci dell’amore. il 10 febbraio tutti a lezione da Sal De Riso

    Pubblicato da aisnapoli il 8 - febbraio - 2018 Commenta

    lezione-salSarà un San Valentino più dolce del solito quello che sta per arrivare. Un San Valentino nel quale si potranno preparare a casa i dolci spiegati, illustrati e raccontati in esclusiva da Sal De Riso.
    L’occasione è il secondo appuntamento del ciclo “Ricette, tecniche e segreti di 30 anni di attività del pasticcere della Costa d’Amalfi”, in programma per sabato 10 febbraio nel dehors del bistrot “Sal De Riso Costa d’Amalfi” sul lungomare di Minori. Il tema, seducente: I dolci dell’amore…combinazioni e variazioni di frutta e cioccolato.
    La lezione inizierà alle 10.00 e proseguirà fino alle 16.00. Non solo una lezione frontale, nella quale De Riso spiegherà come preparare alcune delle sue ricette più amate, ma anche un momento per confrontarsi con lui, fare domande sulle tecniche e sui prodotti.
    Nel corso dell’incontro, sarà servito un gustoso aperitivo a base di finger food e, successivamente, è prevista una pausa pranzo, in compagnia di De Riso.
    Al termine della giornata, i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione e tutte le ricette dettagliate.
    I corsisti verranno omaggiati con cadeaux offerti da: Pavoni Italia, Mulino Caputo, Agrimontana e Liquore Strega. Riceveranno, inoltre, un originale grembiule appositamente creato per gli allievi del corso.
    Per prenotazioni e informazioni: 089. 85.64.46 oppure info@deriso.it

    14 Febbraio, Valentine’s Day a La Grotta Vineria con AIS Napoli

    Pubblicato da aisnapoli il 7 - febbraio - 2018 Commenta

    ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    La Grotta Vineria in collaborazione con AIS Napoli

    Valentine’s Day

    14 Febbraio ore 21

    La Grotta Vineria Hostaria Grapperia, C.so Umberto I° 174
    Casalnuovo di Napoli Tel.0815224718 Cell. 3890039354
    Prezzo serata € 40.00 a p.
    è gradita la prenotazione27337192_10209611217511934_6332569404435333915_n

     

    Il Menù

    Nido di broccoli profumati all’arancia e seppie scottate in padella
    Tentacoli di piovra piastrata, su mousse di cavolo bianco con olio al rosmarino
    Risotto con polpa di astice, crema di zucchine e mandorle tostate
    Triglie al pepe rosa con cuore di provola e verdure croccanti al profumo di rafano
    Tortino caldo cioccolato bianco e pere con salsina allo zenzero

    In abbinamento
    Champagne Vranken Cuvèe Diamant Brut
    Chablis Cuvèe Vieilles Vignes 2016
    Alain Geoffroy Côtes de Provence A.C.P.C. 2016
    Château la Gardonne Domaine de Canton French
    Ginger Liqueur

    20 e 27 Febbraio, Ritorna lo “scomodo” a La Dea bendata

    Pubblicato da aisnapoli il 7 - febbraio - 2018 Commenta

    locandina-martedi-dello-scomodoIl 20 e 27 febbraio alla pizzeria La Dea bendata di Pozzuoli
    ritorna l’antica tradizione dello “scomodo”

    Per capire cos’è lo “scomodo” bisogna fare un salto nel passato, all’epoca in cui le famiglie con minori possibilità economiche, pur di non rinunciare al piacere di mangiare la pizza, contenevano i costi portando da casa gli ingredienti per la farcitura al pizzaiolo, al quale non restava altro che stendere, condire e infornare l’impasto. «Il cliente arrivava in pizzeria con un avanzo di fiordilatte e un culetto di salame (qualcuno si portava da casa pure la passata di pomodoro) e ci chiedeva: “Uagliò, mi fai una pizza?”» racconta Ciro Coccia, titolare a Pozzuoli della pizzeria La Dea bendata ma con una storia professionale iniziata a Napoli nella pizzeria di famiglia ubicata nel popolare quartiere della Maddalena. Alla consegna della pizza così preparata al pizzaiolo veniva pagato solo lo “scomodo”, ossia il disturbo.
    Proprio partendo da questi suoi ricordi personali Ciro Coccia, con la collaborazione di Laura Gambacorta, ha deciso di far rivivere per due serate, il 20 e il 27 febbraio, questa simpatica tradizione popolare. Due appuntamenti serali (inizio ore 20,30) in cui i clienti potranno portare la farcitura e creare la propria pizza insieme al patron de La Dea bendata. Sarà una giuria doppia, composta in parte da giornalisti e foodblogger e in parte dagli avventori della pizzeria, a giudicare le pizze mediante una scheda tecnica.

    Il regolamento completo per partecipare è disponibile al seguente link:
    http://www.pizzerialadeabendata.it/loscomodo/

    Quote di partecipazione:
    10 euro per i concorrenti
    15 euro per gli altri ospiti

    Per iscrizioni e prenotazioni:
    Pizzeria La Dea bendata
    Corso Umberto I, 93 – Pozzuoli
    Tel. 346 3003491

    Contatti stampa:
    Laura Gambacorta
    Mob. 349 2886327
    lauragambacorta@gmail.com

    whatsapp-image-2018-02-06-at-13-24-30-1Di Roberta Porciello
    Nuovo appuntamento per “Storie di Vini e Vigne” con nuovo primato… la prima verticale storica in Italia dei vini di Nicola Chiaromonte con il suo volto più internazionale, amatissimo in America: il Primitivo Gioia del Colle Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto, miglior vino dell’anno 2017 per la Guida ai vini d’Italia del Gambero Rosso. Nel bicchiere ritroviamo tutta la Murgia, con la sua antica e contraddittoria storia vitinicola, fatta di alberelli secolari da una parte; e vino sfuso dall’altra. Un ossimoro figlio di una territorio duro, difficile, dalle grandi potenzialità, bisognevole di grandi sacrifici ma capace di regalare grandi soddisfazioni.
    Siamo ad Acquaviva delle Fonti, tra la costa adriatica e quella jonica, nella Puglia centrale, ben 45 ettari di cui 10 sono quelli con i vecchi alberelli, con più di ottanta primavere sulle spalle, che danno vita al cru Contrada Barbatto. Una degustazione spassosa e divertente, che si snoda dal 2009 al 2014, condita da racconti veraci di un vero uomo di terra.

    Iniziamo il nostro percorso con il 2009: note speziate delicate che si fanno sentire senza mai essere invadenti; pienezza ed espressività con una bella spinta dell’acidità; un vino dinamico, riconoscibile e longevo anche grazie alla maturazione di 18 mesi in legno, in botti di terzo o quarto passaggio.

    La 2010 è stata un’annata particolarmente calda in Murgia, il vino è concentrato e composto, con un sorso masticabile, piacevole ed equilibrato tra le whatsapp-image-2018-02-06-at-13-24-29varie componenti.

    Compresso e reticente all’inizio il 2011, che va atteso e aspettato nel bicchiere, prima di aprirsi e regalare sentori intensi di frutta, con amarene e more in evidenza, conservando un’invidiabile bevibilità e ottima scorrevolezza.

    Punta tutto sulle morbidezze il 2012, un vino rotondo con sensazioni avvolgenti e nuance fruttate di mora e ribes e un elegante timbro floreale di rosa, meno equilibrato nella struttura gustativa ma che si fa perdonare per la femminile piacevolezza con la quale si offre nel calice.

    Interessante il 2013, con un gioco alternato tra le parti morbide e quelle più pungenti; entra in punta di piedi nel palato per poi mostrare in retrolfazione aromi di ciliegia, pepe e chiodi di garofano. Il finale è tutto orgoglio e carattere, con un sorso elegante e deciso allo stesso tempo; è questa l’annata premiata dalla guida ai vini Gambero Rosso.

    Annata difficile la 2014, un vino non così giovane e immediato come sembrerebbe, con le note più dolci stemperate e ravvivate dalla grande acidità.

    Una verticale dal respiro internazionale con un un vino giustamente definito “bello, potente ed equilibrato”.

    Grazie a Nicola Chiaromonte per i suoi racconti di vita…E ora spazio all’oste Mario Lombardi, patron di Cap’Alice, che ci ha deliziato con una tradizionale lasagna napoletana di Carnevale, piacevole e godereccia, e la chiusura in dolcezza con chiacchiere e sanguinaccio.
    Storie di vino e vigne….to be continued.

    Il nuovo Sciuè Il Panino Vesuviano a Pomigliano d’Arco

    Pubblicato da aisnapoli il 6 - febbraio - 2018 Commenta

    nfd

    Il burger store Sciuè Il Panino Vesuviano si è rifatto il look con un locale più bello e funzionale in via Boccaccio 16 a Pomigliano d’Arco. Lunedì 4 febbraio i fratelli Marco e Giuseppe De Luca (23 e 25 anni), insieme al padre Mauro, hanno presentato alla stampa il nuovo Sciuè, il menù invernale con le novità del mese e la folta squadra di lavoro, tutti giovani. Il fattore umano è la risorsa principale sulla quale investono, soprattutto per la scelta del personale con il quale si condividono molte ore lavorative giornalmente, visto che il burger store è aperto tutti i giorni sia a pranzo che a cena. Il loro è un format giovane che cavalca la tendenza del momento. Il mondo dei panini di qualità è esploso, dando la possibilità ai giovani di consumare uno dei cibi che preferiscono, mantenendo una qualità attenta dei prodotti selezionati. L’inaugurazione del primo Sciuè Il Panino Vesuviano è avvenuta nel 2015, a pochi metri dall’attuale. La crescita è stata immediata e crescente ed ha indotto i De Luca a progettare un altro locale con cucina a vista ed in posizione centrale, che favorisse il rapporto diretto con gli ospiti e garantisse la trasparenza del Lavoro. Alla serata sono stati presentati alcuni dei fornitori protagonisti dei panini dell’attuale menù. C’erano Manuel Lombardi dell’azienda agricola Le Campestre di Castel di Sasso, alto casertano, dove si produce il formaggio conciato romano, presìdio Slow Food, utilizzato per il panino novità del mese di febbraio: Genovese in Conciato, con pane ciabatta, carne di corazza marchigiana cotta a bassa temperatura alla genovese ed una spolverata di conciato. Presente anche Antonietta Melillo, produttrice della cipolla di Alife, presidio Slow Food e simbolo di rinascita dell’agricoltura nel territorio alifano – in abbinamento Lacryma Christi del Vesuvio rosso delle cantine Matrone, presentato dall’enologo Andrea Matrone, protagonista del lavoro di recupero e valorizzazione delle vecchie vigne di famiglia a Boscotrecase.
    La cipolla di Antonietta Melillo è utilizzata sia per il panino Genovese in Conciato che per Totò Le Mokò, il panino destinato alla raccolta fondi a favore della Fondazione San Gennaro in occasione del progetto 50 Anni Senza Totò, finalizzato al recupero di due piazze del rione Sanità. In questa preparazione la cipolla di Alife viene grigliata ed accompagnata all’hamburger di maiale nero casertano, caciocavallo campano di bufala, patate di Avezzano, salsa Harissa che richiama Algeri, luogo del film del Principe della risata, con papaccella napoletana (presidio Slow Food) dell’azienda agricola Bruno Sodano di Pomigliano d’Arco, rappresentare l’azienda c’era il giovane Raffaele Sodano che ha raccontato l’agricoltura di resistenza condotta dalla sua famiglia a Pomigliano d’Arco. I Sodano forniscono anche gli Antichi Pomodori di Napoli (presidio Slow Food) con i quali vengono preparate le mitiche polpette al sugo. – in abbinamento birra artigianale Reale Extra di Birra del Borgo.
    Tra le novità in menù, Egg Love, il panino di San Valentino con panino al sesamo, funghi pioppini, uovo a cuore, hamburger di scottona podolica, Lingotto formaggio del caseificio La Teresina dell’Alto Casertano – in abbinamento birra artigianale Cubulteria del Birrificio Karma
    Sempre nel menù invernale presentato alla stampa troviamo Friariè, panino con friarielli vesuviani, hamburger di suino nero casertano, provola fresca, patate di Avezzano – in abbinamento birra artigianale Reale Ambrata del birrificio Birra del Borgo.

    Sciuè Il Panino Vesuviano è in via Giovanni Boccaccio 16/18 Pomigliano d’Arco (NA)
    Tel. 081 0480662 – mob. 333 3575339

    Baia e Latina, il 9 febbraio Gasthaus Alter Keller compie gli anni

    Pubblicato da aisnapoli il 5 - febbraio - 2018 Commenta

    thumbnail-22Baia e Latina, il 9 febbraio Gasthaus Alter Keller compie gli anni
    ed inaugura la Vineria e Salumeria Gourmet

    Il prossimo venerdì 9 febbraio Gasthaus Alter Keller, il ristorante, pizzeria, pub e birreria in stile bavarese con sede in via Roma a Baia e Latina, in provincia di Caserta, spegnerà 13 candeline con un evento che vuole percorrere la storia e gli anni trascorsi ed inaugurare un nuovo spazio: la Vineria e Salumeria Gourmet caratterizzato da ambiente rustico molto curato e un’offerta di etichette del panorama enologico italiano, con uno sguardo particolare rivolto alla Campania, salumi e formaggi ricercati che si sposano bene con la produzione propria di pane. Una nuova proposta che andrà ad ampliare l’offerta di questa affermata attività divenuta punto di riferimento per l’alto casertano che mette al centro del suo menù la qualità della materia prima.
    Alla serata-evento organizzata dalla proprietà, la famiglia Sollo, prenderanno parte alcuni dei produttori delle eccellenze che troviamo al nuovo corner del Gasthaus e nel menù pensato per l’occasione. Produttori che condivideranno il felice momento e racconteranno la loro personale esperienza. Il menù degustazione prevede un tagliere di salumi e formaggi composto da: prosciutto crudo ubriaco al Barolo “Renzini”, salsiccia e guanciale di maiale nero casertano “Mastro Enrico”, salame di cinta senese “Renzini”, mortadella Igp selezione Oro “Levoni”, conciato romano “Le Campestre”, formaggio al Barolo e alle foglie di castagno di “Beppino Occelli”, bocconcini di mozzarella di bufala campana Dop del caseificio “Il Casolare”, parmigiano reggiano Dop 30 mesi e il miele di cacia dell’azienda apistica “Landolfi”; a questo, seguirà il gulasch bavarese fedele allo stile del locale. Il tutto sarà accompagnato dai vini Chianti, Brunello di Montalcino e Dogajolo della “Casa Vinicola Carpineto”. Inoltre, ai commensali sarà offerto un “dolce” omaggio e bollicine per brindare al traguardo raggiunto.
    La storia del Gastahaus Alter Keller parte nel 2005, quando i coniugi Peppe e Carmela Sollo, dopo una lunga e provata esperienza con la gestione di un pub pizzeria a San Nicola la Strada (CE), decisero che la città gli stava stretta e si trasferirono in questa cittadina di 2000 abitanti, dove ritrovarono la serenità, qui misero in piedi un nuovo locale con un nuovo stile, quello bavarese tipico dell’Oktoberfest. Un’attività supportata dalle figlie che sono sempre state presenti nella conduzione del locale creando un ambiente cordiale e familiare.
    In completo stile bavarese, una struttura bellissima ricca di dettagli, Gasthaus Alter Keller fin dai suoi primi passi ha raccolto grande interesse nell’intera provincia che, da quel momento, ha potuto godere di un allegro e ospitale modello di ristorazione. Oltre l’arredo, di bavarese autentica troviamo la birra HB München, declinata negli stili Original, Weisse, Urbock e Strongbock; la capacità di saperla spinare e un impianto adeguato fanno dell’offerta birraria del locale un vero punto di riferimento di eccellenza del prodotto. Ma la passione partenopea in questo locale non manca e, infatti, in tutta la sua offerta compreso il rapporto umano, è rappresentata in un modello “fusion” fra ambiente bavarese e “calore” territoriale. Per quanto riguarda il food, a specchiarsi nelle radici della tradizioni di una cucina intramontabile per i clienti, ci pensa Carmela che innanzitutto propone le sue specialità attingendo ai sapori e prodotti di qualità del territorio, molti poi sono i piatti di ispirazione bavarese ma tutto viene “ripassato” all’interno di una proposta mediterranea, molto gradita e alternativa. La pizza di scuola napoletana, completa l’offerta e diventa base di altre proposte: dall’impasto a lunga lievitazione in ambiente naturale nascono le bruschette e persino i panini con il würstel tradizionalmente grigliato.
    Buon Compleanno Gasthaus e l’inaugurazione dello spazio Vineria e Salumeria Gourmet si terrà venerdì 9 febbraio alle ore 20:00, il costo della cena degustazione è di euro 22 a persona vini inclusi.
    Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 349. 3247940 – Gasthaus Alter Keller è a Baia e Latina (CE), in via Roma.

    9 Febbraio, A cena con il Produttore al Terrae Motus Agripub

    Pubblicato da aisnapoli il 5 - febbraio - 2018 Commenta

    a-cena-col-produttore-960pxTerrae Motus Agripub presenta “A Cena col Produttore”,
    percorso degustativo con i formaggi dell’Azienda Agricola Savoia

    Terrae Motus Agripub è il locale di Caiazzo (Ce) incentrato sul mondo agricolo. Un luogo di connessione tra produttori e consumatori; uno spazio dove la conoscenza del cibo e l’educazione al gusto sono le priorità assolute.
    Venerdì 9 febbraio, alle ore 20.30, presso la struttura caiatina andrà in scena l’evento speciale “A Cena col Produttore”, un avvincente percorso degustativo che vedrà come protagonisti i formaggi di Pezzata Rossa dell’Azienda Agricola Savoia di Roccabascerana (Av).
    Sarà il produttore Francesco Savoia, con la sua sapiente passione, a coinvolgere e guidare il pubblico alla scoperta delle caratteristiche della Pezzata Rossa Italiana, del suo latte e dei suoi prodotti caseari.
    Le birre del Birrificio Karma supporteranno i piatti appositamente studiati per l’occasione; il dessert sarà invece accompagnato da Luppolo Amaro, infuso di luppolo ideale come fine pasto.

    Menu

    Tagliere di formaggi di Pezzata Rossa (caciotta stracchinata, caciocavallo e ricotta infornata) accompagnato da Pane in carrozza farcito con papaccella napoletana e provolone di Pezzata Rossa
    In abbinamento birra Sumera Black Cherry (edizione limitata) – Birrificio Karma

    Marenna del Produttore: Pane cafone, salsiccia di maiale nero casertano, friarielli e lattica di Pezzata Rossa
    In abbinamento birra Cubulteria – Birrificio Karma

    Panino del Produttore: Lo Schietto (hamburger di podolica 170 g, insalata, pomodoro, ketchup di pomodoro giallo, pancetta arrotolata, caciotta stracchinata di Pezzata Rossa, maionese e cipolla alifana croccante)
    In abbinamento birra Centesimale – Birrificio Karma

    Torta al formaggio di Pezzata Rossa
    In abbinamento Luppolo Amaro – Birrificio Karma

    4 Febbraio, Cucinì a La Marchesella

    Pubblicato da aisnapoli il 3 - febbraio - 2018 Commenta

    22894254_132971944029538_8546683665857488621_n“Cucinì”, del regista Ciro Fabbrocino è stato selezionato per rappresentare l’Italia all’Italian Film Festival USA.

    Gena Iodice, protagonista del film insieme ad altri cuochi della tradizione napoletana, festeggerà domenica 4 febbraio alle ore 20,00 presso il suo Ristorante “La Marchesella” di Giugliano in Campania (NA).
    Alle 20.00 Gena Iodice e Tommaso Maglione vi invitano a gustare la proiezione di Cucinì, con la partecipazione dei cuochi protagonisti, del regista Ciro Fabbricino e del produttore Giosuè Rino Silvestro, Fiduciario di Slow Food Napoli.

    Seguiranno le “coccole gastronomiche” di Gena e Tommaso.

    OBBLIGATORIA la prenotazione (fino a esaurimento dei posti disponibili) contattando il
    ristorante La Marchesella” di Giugliano in Campania (NA) al numero 081 8945219