Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

7 Ottobre,”Robbaseria” a La Grotta Hostaria con Ais Napoli

Pubblicato da aisnapoli il 29 - settembre - 2016Versione PDF

RobbaseriaASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

“Robbaseria” a La Grotta Hostaria

Venerdì  7  Ottobre 2016, ore 21.00

Ticket di partecipazione € 30.00 a.p.

In collaborazione con l’A.I.S. Associazione Italiana Sommelier, Delegazione di Napoli

Presentazione dei vini a cura di Gianmario Giuliano Sommelier A.I.S.
In abbinamento ai vini le preparazione dello Chef Antonio Esposito

I piatti

Conetti di crudo della Valtellina e stracciatella di mozzarella di bufala

Barchetta di melanzane al forno su pesto di pomodoro alla vaniglia

Spaghettoni al ragù di “Salamina Ferrarese”

Bocconcini di maialino in crosta di nocciole con porcini e rosmarino

Castelmagno D.O.P con pere e miele di castagno

I vini

Tener Vino spumante Brut (Sauvignon e Chardonnay), Banfi– Montalcino

Il rosso dei Vespa Salento I.G.T.Primitivo 2014, Agricola Futura, di Bruno Vespa & figli

Taurasi D.O.C.G. 2011, Az.Villa Raiano

Amarone della Valpolicella D.O.C.G. 2011 Az. Agr. Viviani

.

È gradita la prenotazione e la massima puntualità.
Per info e prenotazioni: La Grotta Vineria Grapperia e Hostaria, C.so Umberto I° N. 174 Casalnuovo di Napoli
Tel. 0815224718 Cell.3890039354

Le Vigne Metropolitane, Tavola rotonda alla Selva Lacandona

Pubblicato da aisnapoli il 25 - settembre - 2016Versione PDF

selvaDi Marta Cattaneo

Un marchio dedicato ai vini delle vigne metropolitane di Napoli”, con questa proposta Tommaso Luongo, delegato dell’Ais Napoli ha aperto ieri la prima edizione del Festival delle Vigne Metropolitane. “Si tratta di vini inconfondibili - spiega – prodotti da vigneron che difendono un territorio unico al mondo. Vini per i quali chiediamo il marchio DON, ossia a Denominazione di Origine Napoletana. Un marchio originale per difendere un prodotto che connota una identità forte che va oltre le classiche logiche di mercato”.
Ieri, a Selva Lacandona, presso il fondo rustico Amato Lamberti di Chiaiano, bene sottratto alla malavita organizzata ed assegnato alla cooperativa sociale (R)Esistenza, si è parlato proprio di viticoltura cittadina mettendo a confronto le esperienze della vigna storica di San Martino, del vigneto di Salita Scudillo e di quello di Selva Lacandona.
Selva Lacandona è la casa di tutti i napoletani - ha dichiarato Ciro Corona, presidente dell’associazione (R)Esistenza - i nostri cancelli sono sempre aperti, qui camorra e malapolitica hanno perso. Da oggi inizia una rete a Napoli che sposa i prodotti dei beni confiscati. Qui noi offriamo opportunità e riscatto e lo facciamo attraverso la terra e i suoi prodotti”.
Questo tipo di iniziative ha successo nella misura in cui non rimanga un annuncio episodico, ma diventi strutturalmente un valore aggiunto per la città”, spiega Raffaele Beato dell’Università degli Studi di Salerno.
Io credo – aggiunge – che il Comune di Napoli, che ha dimostrato particolare attenzione al progetto, abbia il dovere di spalleggiare e seguire l’Associazione Italiana Sommelier nel percorso virtuoso di valorizzazione di questo immenso patrimonio”.
I numeri, d’altronde, parlano chiaro. “Stiamo parlando di 262mila bottiglie prodotte e 27 aziende di cui 26 iscritte all’albo dei produttori italiani. Non è, quindi, una passeggiata turistica per le campagne di Napoli, ma è un elemento di interesse storico, di interesse culturale e di grande suscettibilità di crescita da un punto di vista economico”, ha poi concluso Beato.
Parla di realtà in crescita anche Marina Alaimo, che ha moderato il dibattito.
I vignaioli di Napoli sono vignaioli di resistenza – spiega – perché le difficoltà di praticare agricoltura in un contesto urbano sono molteplici, vanno aiutati, anche se questa realtà ha registrato un incremento del 4% negli ultimi 6 anni, soprattutto nell’area degli Astroni. Erano anni che si parlava di un festival delle vigne metropolitane, ci voleva una organizzazione consolidata per valorizzare questa risorsa unica in città”. “D’altra parte – ha aggiunto – Napoli sa essere unica in tutti i suoi aspetti. Mi ha fatto piacere anche che si partisse da Selva Lacandona, dove il bene ha vinto sul male e lo ha fatto attraverso la viticoltura”.
L’auspicio è quello di stappare sempre più bottiglie che vengano dalle vigne cittadine, ossia falanghina e piedirosso, e che i cittadini acquisiscano consapevolezza di questo valore e di questa realtà unica”, conclude la Alaimo.
Parla di “esperienza e di educazione alla terraVincenzo Dina dell’Associazione Piedi per la Terra e rappresentante di Vigna San Martino di Peppe Morra. Una delle vigne più suggestive di Napoli, visibile da tutta la città. Una vigna dove è possibile “sperimentare la conoscenza in ambito agricolo e nell’ambito delle tradizioni culturali che legano l’uomo alla terra” spiega Dima. “Esperienze – aggiunge – che servono a rispolverare il legame tra uomo e terra, dove entrare in contatto con il ciclo della terra attraverso la vendemmia e attraverso il valore storico, scientifico, culturale e simbolico del vino”.
Singolare l’esperienza del vigneto dello Scudillo, realizzato su terreni dell’azienda Acqua Bene Comune.
L’azienda Abc – spiega Davide Romanelli – aveva una esigenza molto tecnica e molto specifica ossia salvaguardare i terreni che si trovavano sopra tre serbatoi cittadini: quello dello Scudillo, quello del Vomero e quello di Chiaiano. Lo ha fatto grazie ad una convenzione di ricerca sperimentale con la facoltà di Agraria della Federico II abbiamo progettato due vigneti al di sopra dello Scudillo e del Vomero e un frutteto nella zona di Chiaiano“.
Questo è un chiaro esempio di come a Napoli si trasforma l’acqua in vino”, ha dichiarato Enrico Panini, assessore al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Napoli che ha poi assicurato che il Comune di Napoli sarà partner di altre iniziative a tutela del patrimonio enologico cittadino. “State certi che il progetto andrà avanti e che il Comune sarà in prima linea in tutte le iniziative da mettere in campo per la tutela e la promozione delle nostre vigne. Non vi libererete di me”, ha scherzato.

Festival delle Vigne MetropolitaneASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Napoli città del vino e le sue vigne
Dal 23 al 25 settembre c’è il “Festival delle Vigne Metropolitane”
Visite guidate, convegni, spettacoli e degustazioni a Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano

L’ingresso agli eventi dei giorni 24 e 25 settembre è con prenotazione obbligatoria: 3207275544 – info@ravellosrl.com

Napoli celebra il vino e le sue vigne con il Festival delle Vigne Metropolitane. Tre giorni di appuntamenti diffusi sul territorio per conoscere un patrimonio unico. Da venerdì 23 a domenica 25 i napoletani e i tanti visitatori, italiani e stranieri, avranno la possibilità di scoprire tutti gli aspetti di questa realtà, a molti sconosciuta, attraverso visite guidate, workshop, spettacoli e degustazioni in vari punti della città, come Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano.

Domenica 25 settembre il Festival delle Vigne Metropolitane alle Terme di Agnano

Ore 10: seminario “Le vigne metropolitane, opportunità e sviluppo”.

Panoramica sulle vigne metropolitane europee: “La vigna della Regina a Torino” con intervento di Luca Balbiano;

La Fête des vendanges de Montmartre” (la Festa della Vendemmia di Montmartre, giunta nel 2016 all’83° edizione) e “ I vigneti di Grinzing della città di Vienna” (la tradizione della giornata escursionistica del vino con il sentiero del vino e la festa negli heuriger, le osterie tipiche).

Interventi dei produttori delle vigne metropolitane: Salvatore Varriale, Azienda Varriale (vigneti di Posillipo); Raffaele Moccia di Agnanum ( vigneti degli Astroni); Gerardo Vernazzaro delle Cantine Astroni (vigneti degli Astroni e dei Camaldoli); Luca Palumbo delle Cantine Federiciane Monteleone ( vigneti dei Camaldoli e di Chiaiano); Aniello Quaranta, Le Vigne di Parthenope ( vigneti dei Camaldoli).

Modera Gerardo Ausiello, giornalista de Il Mattino.

Dalle 12 una delegazione di Poste Italiane sarà a disposizione dei partecipanti per uno speciale annullo filatelico che celebra  il primo Festival delle Vigne Metropolitane.

Segue: eno-trekking alle Cantine degli Astroni con degustazione guidata.Prenotazione obbligatoria.

Dalle 17 alle 21 c’è il primo Salone dei vini da vigne metropolitane alle Terme di Agnano.

Degustazione a banchi d’assaggio con le aziende del territorio: Agnanum, Cantine Federiciane Monteleone, Cantine Astroni, azienda agricola Varriale e Le Vigne di Parthenope.

All’interno del Salone (ore 18): Seminario “Il Piede Franco”.

Temi trattati: “La fillossera, tra innesto e piede franco”, a cura di Associazione Italiana Sommelier Napoli;

In degustazione i vini delle sabbie con l’azienda ferrarese MattarelliBosco Eliceo Fortana DOC

Wine of Chile, alla ricerca del vino perduto”;

Quinta do Noval”, una delle più antiche case produttrici di Porto, prospettive di valorizzazione del piede franco;

Le vigne metropolitane e la viticoltura a piede franco come attrattori turistici”, l’esperienza di Wine&Thecity con Donatella Bernabò Silorata, giornalista e ideatrice Wine&Thecity.

L’ingresso agli eventi è con prenotazione obbligatoria: 3207275544 – info@ravellosrl.com

La manifestazione è finanziata dall’Assessorato al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Napoli, nell’ambito della programmazione “Napoli expost” promossa da Sviluppo Campania e Regione Campania. Si ringraziano: Polo Museale della Campania, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli, Nuove Terme di Agnano srl.

Il progetto è curato della Ravello Creative L.a.b. srl in collaborazione con l’Associazione Campi Flegrei a Tavola, ideatrice di Malazè con il contributo scientifico dell’Associazione Italiana Sommelier Napoli.

Ideazione: Rosario Mattera e Paolo Varriale.
Organizzazione: Ravello Creative L.a.b. srl.
Direzione scientifica: Tommaso Luongo, delegato Ais Napoli.

Contatti: 3207275544

info@ravellosrl.com

FB: Festival delle Vigne Metropolitane

Siti:
www.ravellosrl.com
www.festivalvignemetropolitane.it
www.malaze.it
www.aisnapoli.it

14322513_1855949727966295_8028821459354910724_n-2ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Napoli città del vino e le sue vigne
Dal 23 al 25 settembre c’è il “Festival delle Vigne Metropolitane”
Visite guidate, convegni, spettacoli e degustazioni a Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano

L’ingresso agli eventi dei giorni 24 e 25 settembre è con prenotazione obbligatoria: 3207275544 – info@ravellosrl.com

Napoli celebra il vino e le sue vigne con il Festival delle Vigne Metropolitane. Tre giorni di appuntamenti diffusi sul territorio per conoscere un patrimonio unico. Da venerdì 23 a domenica 25 i napoletani e i tanti visitatori, italiani e stranieri, avranno la possibilità di scoprire tutti gli aspetti di questa realtà, a molti sconosciuta, attraverso visite guidate, workshop, spettacoli e degustazioni in vari punti della città, come Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano.

Sabato 24 settembre è la volta delle colline di Napoli: Vomero e Posillipo.

Ore 10: trekking per i sentieri della Vigna di San Martino e nell’antica campagna della Certosa: narrazioni teatralizzate e semina nei campi per cogliere la magia della creatività della natura. A seguire Aperiagricolo, degustazione e assaggi dei prodotti della terra con l’associazione Piedi per la Terra. Prenotazione obbligatoria.

Ore 11.30: visita guidata ai Sotterranei Gotici della Certosa di San Martino e ai giardini. Prenotazione obbligatoria.

Ore 16: Wine and VespaPosillipo e i vigneti di Santo Strato” da un’idea di Wine&Thecity in collaborazione con Napolinvespa Tour;
Partiremo da Piazza Trieste e Trento e, dopo aver percorso il lungomare a bordo di affascinanti Vespe d’epoca con driver dedicato, ci attenderà un calice di Flegreo, spumante da vigne metropolitane delle Cantine Federiciane Monteleone per poi trasferirci sulla collina di Posillipo dove, di fronte Capri, c’è il celebre ristorante Rosiello, dal 1933 gestito con competenza e passione dalla famiglia Varriale. Passeggeremo nei quattro ettari di vigneto dell’Azienda agricola Varriale per scoprire una delle vigne più antiche e panoramiche della città di Napoli. Segue degustazione. Prenotazione obbligatoria. Euro 35

Ore 16.30: visita guidata del Parco Archeologico del Pausilypon in collaborazione con Csi Gaiola e degustazione a cura di Associazione Italiana Sommelier Napoli dei vini dell’Azienda agricola Varriale con la partecipazione di Enopanetteria I Sapori della Tradizione di Stefano Pagliuca; al termine Recital teatralizzato Elementare, con Francesco Di Bella, Gianni Valentino, Angelo Petrella e Dario Sansone. Ingresso da via Coroglio; il pubblico sarà suddiviso in gruppi di 50 persone, con partenze ogni 15 minuti, che saranno accompagnati nella visita e alla degustazione al termine del proprio turno. Prenotazione obbligatoria.

Ore 17.30: visita a piedi dei vigneti di Santo Strato: trekking lungo i quattro ettari del vigneto dell’Azienda agricola Varriale per scoprire la vigna, una delle più antiche e panoramiche della città. Segue degustazione. Prenotazione obbligatoria.

Le vigne metropolitane di Napoli sono un tesoro da scoprire e valorizzare. È questo il motivo che ha spinto l’Ais Napoli a aderire al festival che, a partire da domani, animerà la città con spettacoli, degustazioni, convegni e visite guidate alla scoperta di vigneti suggestivi, che si intersecano con il tessuto urbano e cittadino”, così Tommaso Luongo, delegato dell’Ais Napoli (Associazione Italiana Sommelier) e direttore scientifico della manifestazione.
Da San Martino alla Selva Lacandona di Chiaiano passando per la vigna di Salita Scudillo fino ai vigneti di Santo Strato a Posillipo e a quelli di Agnano e dei Camaldoli, Napoli è la seconda città d’Europa per superficie di territori coltivati a vite.
L’Associazione Italiana Sommelier - aggiunge il delegato dell’Ais Napoli – è da sempre ambasciatrice della cultura del vino e non poteva mancare il nostro contributo ad una manifestazione che hai protagonisti del Festival delle vigne metropolitane come obiettivo principale quello di fare scoprire ai napoletani insospettabili scenari, vigneti metropolitani che nascondono storia, cultura e tradizioni. Per l’occasione, inoltre, domenica prossima, sarà presentato un annullo filatelico realizzato in collaborazione con Poste Italiane che sarà dedicato proprio alle vigne metropolitane della nostra città”.
Napoli, grazie alla natura sabbiosa del terreno, è una delle poche aree al mondo in cui è ancora possibile trovare vigneti coltivati a piede franco che hanno resistito all’attacco della fillossera, mentre la viticoltura mondiale è quasi interamente innestata su piede americano.
“Stiamo parlando di vigneti antichi da cui si producono vini dal carattere inconfondibile, che hanno tra i filari una storia che noi siamo pronti a raccontare. Proprio per consentire ai tanti appassionati di scoprire questo inestimabile tesoro, sarà anche on line a breve una mappa virtuale dei vigneti metropolitani di Napoli. Un portale con geolocalizzazioni e schede tecniche dei singoli vigneti che abbiamo intenzione di trasformare in una applicazione mobile. Uno strumento indispensabile per scoprire e valorizzare un patrimonio che, così come accaduto a Torino, Parigi e Vienna, dovrebbe e potrebbe diventare un punto di forza di una città che fa del turismo uno dei suoi capisaldi”, conclude Luongo.

Festival delle Vigne MetropolitaneInvito Conferenza Stampa

Napoli città del vino e le sue vigne
Dal 23 al 25 settembre c’è il “Festival delle Vigne Metropolitane”
Visite guidate, convegni, spettacoli e degustazioni
a Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano

Invito alla Conferenza Stampa che si terrà giovedì 22 settembre – ore 12 – nella Sala Giunta del Comune di Napoli a Palazzo San Giacomo.

Partecipano: Enrico Panini, Assessore al lavoro e alle attività produttive del Comune di Napoli; Giuliana D’Avino, Dirigente scolastico dell’Istituto Professionale per i Servizi Enogastronomici e l’Ospitalità Alberghiera “G. Rossini”; Tommaso Luongo, Associazione Italiana Sommelier; Rosario Mattera, Associazione Campi Flegrei a Tavola; Paolo Varriale, Ravello Creative L.A.B. Srl.

Con il Festival delle Vigne Metropolitane Napoli celebra il vino e le sue vigne. Tre giorni di appuntamenti sul territorio per conoscere un patrimonio unico. Nel corso della conferenza stampa sarà presentato il programma delle iniziative che si terranno da venerdì 23 a domenica 25. I napoletani e i tanti visitatori, italiani e stranieri, avranno la possibilità di scoprire tutti gli aspetti della realtà della viticoltura locale, a molti sconosciuta, attraverso visite guidate, workshop, spettacoli e degustazioni in vari punti della città come Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano.

Il Festival nasce dalle sinergie di soggetti che hanno maturato consolidate esperienze nel campo degli eventi: la società organizzatrice, la Ravello Creative L.a.b. srl, l’Associazione Italiana Sommelier Napoli, e l’associazione Campi Flegrei a Tavola, organizzatrice dell’evento – progetto “Malazè”. Partecipano cantine, produttori, imprese, associazioni, enti e istituzioni.

La manifestazione è promossa dall’Assessorato al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Napoli, nell’ambito della programmazione “Napoli expost” finanziata da Sviluppo Campania e Regione Campania.

Il Comune di Napoli, infatti, dopo il grande successo di “NAPOLIperEXPO”, il ricco programma di conferenze, fiere e spettacoli che hanno animato lo scorso anno la nostra città in contemporanea all’Esposizione Universale di Milano, replica la formula del palinsensto di eventi enogastronomici anche per l’anno 2016.
Il programmma, sostenuto dall’Assessossore alle Attività Produttive Enrico Panini, prende il titolo di “Napoli Expost”, una crasi tra ‘Expo’ e ‘Post’, letteramente ‘Napoli dopo Expo’, con l’obiettivo di promuovere al meglio le eccellenze agroalimentari e le filiere produttive del territorio campano e made in naples attraverso una serie di manifestazioni tematiche sul cibo e sull’alimentazione, con particolare riferimento al tema della Dieta Mediterranea, che si alterneranno dal mese di Settembre al prossimo mese di Dicembre.

Napoli, 20 settembre 2016
Ufficio Stampa:
3935861941
ufficiostampa@malaze.it

13938546_1837746136453321_7705763843427661717_n

ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Napoli città del vino e le sue vigne
Dal 23 al 25 settembre c’è il “Festival delle Vigne Metropolitane”
Visite guidate, convegni, spettacoli e degustazioni a Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano

L’ingresso agli eventi dei giorni 24 e 25 settembre è con prenotazione obbligatoria: 3207275544 – info@ravellosrl.com


Napoli celebra il vino e le sue vigne con il Festival delle Vigne Metropolitane. Tre giorni di appuntamenti diffusi sul territorio per conoscere un patrimonio unico. Da venerdì 23 a domenica 25 i napoletani e i tanti visitatori, italiani e stranieri, avranno la possibilità di scoprire tutti gli aspetti di questa realtà, a molti sconosciuta, attraverso visite guidate, workshop, spettacoli e degustazioni in vari punti della città, come Chiaiano, San Martino, Posillipo e Agnano.

Si parte venerdì 23 settembre alle ore 17,30 a Chiaiano.

Presentazione a Selva Lacandona – Fondo “Amato Lamberti”, con la tavola rotonda

Esperienze a confronto: vigna storica San Martino, vigna di Salita Scudillo, vigna Selva Lacandona”. Ingresso libero.

Partecipano: Enrico Panini, assessore al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Napoli;

Raffaele Beato, Università degli Studi di Salerno;

Davide Romanelli, Acqua Bene Comune Napoli – vigna di Salita Scudillo;

Vincenzo Dina, Associazione Piedi per la Terra;

Peppe Morra, vigna San Martino;

Ciro Corona, Cooperativa Sociale (R)esistenza – vigna Selva Lacandona.

Modera la giornalista Marina Alaimo.

Segue alle ore 18,30 la visita al vigneto Selva Lacandona e degustazione a cura di Associazione Italiana Sommelier Napoli in collaborazione con Cooperativa Sociale ®esistenza. Ingresso libero.

Ore 19.30: spettacolo musicale Black in the Selva con Geco mc, DjUncino Galleon + Donix & La Pankina Krew, Ciccio Merolla live set + OLuWong, Valerio Jovine on The Riddim. È uno spettacolo di musica rap e hip hop napoletana, una serata che parla di rinascita e riappropriazione dell’identità e del futuro in un luogo solo recentemente sottratto alla camorra e restituito alla città. Ingresso libero.

Sabato 24 settembre è la volta delle colline di Napoli: Vomero e Posillipo.

Ore 10: trekking per i sentieri della Vigna di San Martino e nell’antica campagna della Certosa: narrazioni teatralizzate e semina nei campi per cogliere la magia della creatività della natura. A seguire Aperiagricolo, degustazione e assaggi dei prodotti della terra con l’associazione Piedi per la Terra. Ore 11.30: visita guidata ai Sotterranei Gotici della Certosa di San Martino e ai giardini. Prenotazione obbligatoria.

Ore 16: Wine and Vespa “Posillipo e i vigneti di Santo Strato” da un’idea di Wine&Thecity in collaborazione con Napolinvespa Tour; partenza da piazza Trieste e Trento e assaggio di spumante delle Cantine Federiciane Monteleone, tappa a Posillipo al ristorante Rosiello dal 1933 gestito dalla famiglia Varriale. Prenotazione obbligatoria. Euro 35

Ore 16.30: visita guidata del Parco Archeologico del Pausilypon in collaborazione con Csi Gaiola e degustazione a cura di Associazione Italiana Sommelier Napoli con la partecipazione di Enopanetteria I Sapori della Tradizione di Stefano Pagliuca; al termine Recital teatralizzato Elementare, con Francesco Di Bella, Gianni Valentino, Angelo Petrella e Dario Sansone. Ingresso da via Coroglio; il pubblico sarà suddiviso in gruppi di 50 persone, con partenze ogni 15 minuti, che saranno accompagnati nella visita e alla degustazione al termine del proprio turno. Prenotazione obbligatoria.

Ore 17.30: visita ai vigneti di Santo Strato: trekking lungo i quattro ettari del vigneto dell’Azienda agricola Varriale per scoprire la vigna, una delle più antiche e panoramiche della città. Prenotazione obbligatoria.

Domenica 25 settembre il Festival delle Vigne Metropolitane si conclude alle Terme di Agnano. 

Ore 10: seminario “Le vigne metropolitane, opportunità e sviluppo”.

Panoramica sulle vigne metropolitane europee: “La vigna della Regina a Torino” con intervento di Luca Balbiano;

La Fête des vendanges de Montmartre” (la Festa della Vendemmia di Montmartre, giunta nel 2016 all’83° edizione) e “ I vigneti di Grinzing della città di Vienna” (la tradizione della giornata escursionistica del vino con il sentiero del vino e la festa negli heuriger, le osterie tipiche).

Interventi dei produttori delle vigne metropolitane: Salvatore Varriale, Azienda Varriale (vigneti di Posillipo); Raffaele Moccia di Agnanum ( vigneti degli Astroni); Gerardo Vernazzaro delle Cantine Astroni (vigneti degli Astroni e dei Camaldoli); Luca Palumbo delle Cantine Federiciane Monteleone ( vigneti dei Camaldoli e di Chiaiano); Aniello Quaranta, Le Vigne di Parthenope ( vigneti dei Camaldoli).

Modera Luciano Pignataro, giornalista de Il Mattino.

Segue: eno-trekking alle Cantine degli Astroni con degustazione guidata. Dalle 17 alle 21 c’è il primo Salone dei vini da vigne metropolitane.

Degustazione a banchi d’assaggio con le aziende del territorio: Agnanum, Cantine Federiciane Monteleone, Cantine Astroni, azienda agricola Varriale e Le Vigne di Parthenope.

All’interno del Salone (ore 18): Seminario “Il Piede Franco”.

Temi trattati: “La fillossera, tra innesto e piede franco”, a cura di Associazione Italiana Sommelier Napoli;

Wine of Chile, alla ricerca del vino perduto”;

Quinta do Noval”, una delle più antiche case produttrici di Porto, prospettive di valorizzazione del piede franco;

Le vigne metropolitane e la viticoltura a piede franco come attrattori turistici”, l’esperienza di Wine&Thecity con Donatella Bernabò Silorata, giornalista e ideatrice Wine&Thecity.

L’ingresso agli eventi è con prenotazione obbligatoria: 3207275544 – info@ravellosrl.com

La manifestazione è finanziata dall’Assessorato al Lavoro e alle Attività Produttive del Comune di Napoli, nell’ambito della programmazione “Napoli expost” promossa da Sviluppo Campania e Regione Campania. Si ringraziano: Polo Museale della Campania, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli, Nuove Terme di Agnano srl.

Il progetto è curato della Ravello Creative L.a.b. srl, attiva da oltre 20 anni nella realizzazione di azioni di marketing territoriale, soprattutto (ma non esclusivamente) in Campania, in collaborazione con l’Associazione Campi Flegrei a Tavola, ideatrice di Malazè e che da 10 anni rappresenta un format di grande successo per la promozione e la valorizzazione delle produzioni enogastronomiche locali e del territorio; e con il prezioso contributo scientifico e di esperienza dell’Associazione Italiana Sommelier Napoli.

Ideazione: Rosario Mattera e Paolo Varriale.

Organizzazione: Ravello Creative L.a.b. srl.

Direzione scientifica: Tommaso Luongo, delegato Ais Napoli.

Contatti:

3207275544

info@ravellosrl.com

FB: Festival delle Vigne Metropolitane

Siti:

www.ravellosrl.com

www.festivalvignemetropolitane.it

www.malaze.it

www.aisnapoli.it

kuaska-640x360-2‘t KI

BRASSIN PUBLIC CANTILLON CON KUASKA

11 – 14 Novembre 2016

Organizzazione a cura di ‘t Kuaska Instituut nelle persone di Lorenzo Dabove e Anna Borrelli.

Per informazioni kuaskainstituut@gmail.com o 3356562989

Programma del viaggio

1. Venerdì 11/11 arrivo a Bruxelles

• I vari partecipanti si recheranno direttamente in hotel dove verranno assegnate le camere a partire dalle ore 15:00, chi dovesse arrivare prima può comunque lasciare i bagagli;

• Alle ore 17:30, per coloro che sono già arrivati, appuntamento nella hall dell’hotel per partire con un Pub crawl in città (a seconda dei vari arrivi si raggiungerà Kuaska e il gruppo nei vari locali dell’itinerario

che sarà comunicato);

• Alle ore 20:00 appuntamento per tutti nella hall dell’hotel per recarsi a cena al ristorante Restobières, 9 rue des Renards 1000 Bruxelles (http://www.restobieres.eu), dal mitico chef Alain Fayt per menu di

vera cucina bruxellese (opzione menu di carne e di pesce) e birre ad hoc in abbinamento.

2. Sabato 12/11 Brassin Public Cantillon

• Kuaska guiderà tre visite in italiano alle 9:30, alle 11:30 e alle 14:30. Si consiglia per chi opterà per la prima visita, di fare colazione in hotel verso le 08:00-08.30 mentre chi opterà per la seconda e la terza di presentarsi da Cantillon, rue Gheude 56, almeno 15 minuti prima. (http://www.cantillon.be).

• Serata libera per tutti Kuaska fornirà ogni sorta di indicazione in merito a locali da non perdere.

3. Domenica 13/11 Westvleteren e De Dolle

• Dopo colazione alle ore 08:30 appuntamento nella hall per partire in autobus per raggiungere il caffè In De Vrede a Westvleteren dove consumeremo un light lunch per poi proseguire verso Esen dove alle 14:00 entreremo nell’universo di De Dolle Browers.

4. Lunedì 14/11 Rientro

• Dopo colazione e check-out in hotel, alle ore 09:30 appuntamento nella hall per la visita a Brasserie De La Senne, 565 Chausse de Gand Bruxelles. Al termine tutti liberi per un ultimo giro in città e rientrare in Italia nelle varie destinazioni.

Per informazioni chiamare il numero 3356562989 (Anna Borrelli) oppure inviare una mail a

borrelli.anna@gmail.com.

‘t KI

BRASSIN PUBLIC CANTILLON

CON KUASKA

11 – 14 Novembre 2016

Organizzazione a cura di ‘t Kuaska Instituut nelle persone di Lorenzo Dabove e Anna Borrelli. Per informazioni

kuaskainstituut@gmail.com o 3356562989

COSTI E CONDIZIONI

Costo del pacchetto HOTEL INCLUSO: Euro 430,00

Supplemento per singola Euro 135,00 (sono disponibili 4 camere per i primi 4 ospiti che eventualmente le richiederanno)

(Euro 230,00 al momento dell’iscrizione entro il 12 Settembre 2016 e saldo di Euro 200,00 tassativamente entro il 10 Ottobre 2016)

La quota comprende:

• Pernottamento 3 notti in doppia con colazione americana a buffet in albergo,

Bedford Hotel & Congress Centre ***, 135-

137 Rue du Midi B-1000 Brussels

(http://www.hotelbedford.be).

• La cena di venerdì 11/11 e il pranzo di domenica 13/11

• Autobus gran turismo per la giornata di domenica 13/11

• Ingressi da Cantillon, De Dolle e Brasserie De La Senne

• La guida ed i preziosi consigli di Kuaska.

La quota non comprende:

• Il viaggio in aereo A/R fino a Bruxelles, da un qualsiasi aeroporto.

• Il trasferimento da e per l’aeroporto di Bruxelles.

• L’assicurazione viaggio ed eventuale assicurazione medica.

• Tutto quanto non espressamente specificato

nella quota comprende.

Costo del pacchetto HOTEL ESCLUSO: Euro 240,00

Da versare in unica soluzione al momento dell’iscrizione entro il 10 Ottobre 2016

La quota comprende:

• La cena di venerdì 11/11 e il pranzo di domenica 13/11

• Autobus gran turismo per la giornata di domenica 13/11

• Ingressi da Cantillon, De Dolle e Brasserie De La Senne

• La guida ed i preziosi consigli di Kuaska.

La quota non comprende:

• Il viaggio in aereo A/R fino a Bruxelles, da un qualsiasi aeroporto.

• Il pernottamento in hotel

• Il trasferimento da e per l’aeroporto di Bruxelles.

• L’assicurazione viaggio ed eventuale assicurazione medica.

• Tutto quanto non espressamente specificato nella quota comprende

‘t KI

BRASSIN PUBLIC CANTILLON

CON KUASKA

11 – 14 Novembre 2016

Organizzazione a cura di ‘t Kuaska Instituut nelle persone di Lorenzo Dabove e Anna Borrelli. Per informazioni

kuaskainstituut@gmail.com o 3356562989

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags