Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

31 Luglio, Festa della cozza puteolana

Pubblicato da aisnapoli il 28 - luglio - 2017Versione PDF

20187828_1560650590624458_1230781762_nLunedì 31 Luglio 2017, ore 21:00, intorno al Tempio di Serapide si scambiano Sesterzi con Cozze!

Mitilo antico, la cui presenza nei Campi Flegrei è documentata da una raffigurazione presente su una moneta risalente al V secolo a.C. e ritrovata a Cuma, culla della civiltà flegrea. La Pro Loco Pozzuoli ha pensato di celebrarla cucinata da 7 ristoratori in modo gratuito e diverso, accompagnando il piatto con un buon bicchiere di vino, seduti intorno al suggestivo Macellum o anche detto Tempio di Serapide, simbolo del bradisismo flegreo.
Ticket di partecipazione 5euro. Comprende un piatto a scelta tra quelli proposti in locandina, cucinati in maniera gratuita da uno dei ristoratori, un bicchiere di vino e la possibilità di sedersi ad uno dei tavolini, ascoltando buona musica. I tickets di partecipazione saranno in vendita fino ad esaurimento degli stessi. Si tratta di una festa e non di una sagra.
Per informazioni e prevendita, ci si può rivolgere alla Pro Loco Pozzuoli 0813032275.
Ecco i piatti proposti, con i rispettivi ristoratori:
Antimo e Diletta− Spaghetti con le cozze
Il Capitello− Impepata di cozze
Bianco Baccalà− Mezzemaniche con cozze e baccalà
Il Tempio− Pasta con fagioli e cozze
Macellum− Pasta patate e cozze
Skizzi di Mare− Risotto alle cozze
Scapricciatiello- Gnocchi con cozze e melanzane
Acquistate piatti di Cozze, vi daremo Sesterzi!

Quartum Store: La Cozza diventa GRANDE..

Pubblicato da aisnapoli il 8 - marzo - 2013Versione PDF

DSC_0005Di Mauro Illiano

E dicon che la Terra sia dominata dall’uomo, dimenticando dei domini e del suo dominatore il mare. Eppure tutti o quasi non possiamo che ammirare questa distesa di acqua salsa che bagna e riempie la massima parte della terra. No, non siamo qui a parlare del comando del mondo, ma piuttosto del gioco del ben mangiare. Così, per diletto o per scienza, ci interroghiamo sull’oceanico leader, scrutando la fauna fino a giungere alla regina delle conchifere. Ebbene se al gastronomo è offerto un ruolo, e io ben lo spero, questo è senza dubbio il compito di accordar cultura al cibo, ponendosi domande le cui risposte esistono solo nell’atto di tramutar teorie in gusto. A tale scopo esploratori del buono, appassionati dei sensi, scrittori, giornalisti e uomini curiosi si son riuniti Mercoledì 6 Marzo 2013 in una roccaforte del buon vivere, qual è il Quartum Store, sito in una segnata via cittadina del comune di Quarto di Napoli.

Oggetto dello studio il Mitilo, meglio conosciuto come Cozza, nero rifugio di carnosi molluschi salini, frutto della mano divina quanto delle spumose acqueDSC_0003 terrestri, mediterraneo vanto ed ingrediente segreto di miriadi di chefs al mondo. Ma quanti possono davvero dire di conoscere questa meraviglia della natura? Pochi deve aver pensato Laura Gambacorta, elogiabile scopritrice di tesori culinari nonché organizzatrice della degustazione in terra flegrea denominata “Il Mercoledì del… mitile ignoto”. Accanto ad ella la voce grave di Giustino Catalano, vero Cicerone di serata, a far da narratore dei pregi della bellissima gemma nera. Segreti e storie, aneddoti e leggi son giunte alle orecchie dei presenti grazie alla presenza di Fabio Postiglione, presidente dell’IRSVEM di Baia (Bacoli), nonché di Franco Scamardella, biologo dell’omonima struttura. Ma come pocanzi enunciato, nessuna teoria è meritevole di tutela se non seguita dall’adeguata dose di pratica. E allora si pensò anche a questo. Scuro in viso, occhi accesi di furbizia, una chioma litigiosa a far da ombra alle lucenti idee. Tale la foto di Michele Grande, già Chef del ristorante La Bifora di Bacoli, nonché alchimista (insieme all’amata mamma) per una sera al servizio dei tanti amanti del mare giunti a Quarto. Mitili ma non solo nelle sue creazioni: cocenti molluschi stretti in nodi di verdura, inaudite DSC_0058interpretazioni di pane adagiate su preparazioni dal sapore orientale, e paste divise tra molluschi e legumi, per poi arrivare a un carosello di frutti di mare servito su croccanti sponde di fresella… il tutto nobilitato dalla regina di serata, la dama col mantello nero, in grado di donare unicità in ogni versione. Finanche il dolce ebbe a donare lustro al mare, se è vero che la sua ideatrice, Chef patissier Carmen Vecchione, decise di chiamare “Fondo marino al cioccolato” l’ultima leccornia di serata, autentica orazione a tema cioccolatoso. Imprescindibili, in tutto e per tutto, i vini e i distillati delle Cantine Di Criscio, ovvero l’Asprinio Spumante Brut, la Falanghina Campi Flegrei doc e la Grappa da monovitigno di Falanghina, tre interpretazioni della terra e dell’uva, perfetti compagni del meraviglioso viaggio per mare alla scoperta del… mitilo ignoto. Sul finire, se narrare significa anche consentire l’emersione di chi vale, m’è d’obbligo menzionare la caparbia e la finezza di una delle ali di serata, la signorina Federica Simonetti, che nel servir signore e signori trovò l’istante per ipotecare la sua erudizione. Ammirevole senz’altro. Durante la serata ho avuto la possibilità di intervistare il simpaticissimo, oltre che virtuoso, Chef Michele Grande.

Ecco a voi il resoconto:

- Che cosa significa mangiare bene?

A mio avviso il mangiar bene non può prescindere da una selezione seria ed oculata della materia prima. Inoltre, ritengo che l’essere umano tende a collegare la sensazione di benessere ad una pluralità di fattori, tra cui figurano anche l’ambiente in cui ci si trova e le capacità umane di chi interagisce con noi, di assoluto rilievo risulta essere l’approccio al cliente. In buona sostanza, oltre ad una buona cucina, se si desidera il benessere della clientela, occorre accontentarla anche sotto il profilo umano.

- Come si distingue alla vista e/o al tatto una cozza buona da una cattiva?

Innanzitutto per essere sicuri della qualità della cozza bisogna aprirla. Ovviamente anche l’aspetto olfattivo ha un peso importante; lì dove si sentono strani odori è altamente probabile che la qualità sia alterata. Quanto all’aspetto estetico, invece, ti posso assicurare che esso non conta molto. Spesso le cozze più buone risultano essere quelle meno belle in apparenza. Poco male però, poiché in definitiva bisogna mangiarle non osservarle…

- A quale piatto della tradizione flegrea ti senti più legato? Personalmente, pur non contrariando le moderne abitudini in cucina, che tendono sempre più spesso a nobilitare i piatti mediante l’introduzione di ingredienti più rari, mi sento molto legato al Ragout di Cozze. Si tratta di un piatto che mi ricorda l’infanzia, quando non c’era la disponibilità dei pomodorini di Pachino tutto l’anno, e si tendeva ad usare le conserve di pomodoro per cucinare un gran bel piatto di pasta con le cozze.

Solo a pensarci mi viene l’acquolina…

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 02 set 2017 al 02 set 2017 alle ore:17:30

      2 Settembre, Il Piede Franco, l’importanza delle radici per Malazè 2017

      Mancano: 12 giorni e 04:26 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 03 set 2017 al 03 set 2017 alle ore:10:30

      3 Settembre, Campi Flegrei, Ischia e Capri: I Bianchi 2016 per Malazè 2017

      Mancano: 12 giorni e 21:26 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 03 set 2017 al 03 set 2017 alle ore:18:30

      3 Settembre, Sulphur & Wine. Vulcano dentro, dentro al Vulcano per Malazè 2017

      Mancano: 13 giorni e 05:26 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 11 set 2017 al 11 set 2017 alle ore:20:30

      11 Settembre, Mini corso di avvicinamento al vino da Calici e…

      Mancano: 21 giorni e 07:26 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags