Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Il Moscato di Scanzo conquista il Veritas

Pubblicato da aisnapoli il 5 - marzo - 2017Versione PDF

16865131_1558681674143806_9126546311260748177_nDi Stefano Berzi

Un bergamasco a Napoli, potrebbe essere il titolo di un cortometraggio, ma in questo caso si tratta di una serata a tema, anche se si può dire che comunque lo spettacolo c’è stato.

Parliamo dell’evento “A Tavola con…” organizzato lo scorso 21 febbraio al ristorante stellato Veritas, che ha visto protagonista Manuele Biava con i suoi vini, il tutto coadiuvato dalla degustatrice ufficiale Ais Napoli Fosca Tortorelli.

Fulcro della serata è stato il Moscato di Scanzo, un passito rosso che è la più piccola DOCG italiana e che può essere considerato a tutti gli effetti una delle peculiarità del panorama viticolo nazionale, di cui l’azienda Biava rappresenta da anni l’eccellenza. La serata è stata all’insegna della convivialità, merito anche del tavolo imperiale e della degustatrice che ha saputo coinvolgere il pubblico con simpatia e abilità.

16864771_1558681724143801_8740019594741916406_nDopo una presentazione dell’azienda, si sono aperte le danze con lo stuzzico di benvenuto composto da  uno spicchio di carciofo con baccalà mantecato; a seguire il Sautè di frutti di mare con “pizza e menesta” crostacei e funghi pioppini, entrambe le portare sono state abbinate al Ghibellino 2009, il rosso base dell’azienda, prodotto con il 60% di uve Merlot e il 40% Cabernet franc.

Il vino, che possiamo definire delicato e sottile, ha dimostrato di avere una bella beva, l’acidità si è ben bilanciata con la tendenza dolce del pesce, i sentori di sottobosco hanno richiamato i funghi pioppini e la persistenza similare ne hanno decretato un abbinamento più che riuscito.

In seguito sono state servite le Linguine con seppia, indivia belga, pomodorini del piennolo e pinoli, a cui è stato abbinato il Guelfo 2011, il rosso di punta, frutto di un blend tra Cabernet Franc in prevalenza e Merlot.

In questo caso, ci siamo trovati di fronte ad un prodotto con complessità e struttura, ma sempre dotato di una bella freschezza che gli ha donato una buona e scorrevole beva; in questo caso il piatto proposto ha saputo esaltare il vino, fondendosi in un’armonia di sapori.

É poi arrivato il turno dell’atteso Moscato di Scanzo annata 2012, di cui sono state prodotte solo 1.200 bottiglie nelle ultime tre vendemmie, abbinato coraggiosamente a una Scaloppa di foie gras con misticanza e frutta secca.

16864122_1558681734143800_1894291680374511752_n-2Manuele aveva accennato come il Moscato di Scanzo fosse un prodotto di difficile abbinamento, tendenzialmente accostato a cioccolato fondente e pasticceria secca, è stata quindi una piacevolissima sorpresa costatare come l’abbinamento fosse tanto azzardato quanto riuscito, suscitando consensi da parte di tutti gli ospiti.

Peculiarità del Moscato di Biava è il richiamo olfattivo a sentori di incenso e legni aromatici, quasi un rimando “ecclesiastico”, che ritorna anche al palato, con una setosità che potremmo definire austera.

La portata, raffinata ma allo stesso tempo di carattere, ben si è accostata al nostro Scanzo, con la frutta secca che ha fatto da trait d’union con il vino e l’alternarsi di sapori e sensazioni hanno reso unica l’esperienza. Questa è stata forse la portata maggiormente apprezzata della serata.

Gli ospiti hanno avuto modo di degustare anche un altro prodotto di eccellenza bergamasco, lo Strachitunt, “stracchino tondo” traslitterato dal dialetto, formaggio tipico della Valtaleggio, del casaro Guglielmo Locatelli, che potremmo definire il padre di esso, e la sua recente scomparsa, hanno reso l’assaggio un momento emozionante e irripetibile.

Un formaggio quindi caratterizzato dalla grande componente aromatica, con richiami di sottobosco, e un palato intenso e leggermente tartufato. Prodotto con solo latte vaccino crudo intero con l’antica tecnica delle due paste, che consiste nell’unione della cagliata della sera con la cagliata della mattina, con una stagionatura di dieci mesi.

In abbinamento sempre il Moscato di Scanzo, questa volta dell’annata 2000; in questo caso i sentori di 16865012_1558681720810468_5204742997505912208_nsacrestia si sono resi ancora più evidenti, con un sorso più etereo e gentile e una lunga persistenza al palato. Come conclusione della serata si è infine degustato il Giallo, un passito a base di moscato bianco e giallo, nato dall’esigenza di dare alla curia di Bergamo un vino con cui potessero officiare alla Santa Messa, ma che non andasse a macchiare gli ornamenti come invece faceva il Moscato di Scanzo. Dotato di maggior dolcezza e morbidezza, con un registro più classico alla parte olfattiva, che spaziava dalla frutta secca a quella sciroppata, con richiami di albicocca disidratata e uvetta sultanina. A questo passito è stata abbinata la Pera ripiena di ricotta al pepe rosa, molto piacevole per la presenza del pepe rosa richiamava la parte speziata del passito, ma con un eccesso di dolcezza.

Tutta la degustazione è stata raccontata attraverso interventi del produttore e di Fosca Tortorelli, che l’hanno resa goliardica ma allo stesso tempo istruttiva, facendo divertire i commensali con gli abbinamenti presentati. I partecipanti non hanno esitato a porre domande, sia durante l’evento che alla fine dello stesso, dimostrando curiosità e fasci noda quanto proposto. Una serata dunque delicata, elegante e divertente allo stesso tempo, come la cucina proposta, con abbinamenti azzardati, ma perfettamente riusciti. Citando Kierkegaard potremmo dire che “non osare è perdere momentaneamente l’equilibrio. Non osare è perdersi”. Ebbene, in questo caso non si è mai perso l’equilibrio, ma non è mai stato cosi bello perdersi nel piacere.

Letticino Parisio SpositoL’atmosfera è quella di un ristorante internazionale, esclusivo, ma non impettito. Nel Palazzo liberty che ospita su tre piani il nuovo ristorante Sancta Sanctorum i napoletani e i turisti devono sentirsi a casa. La pensano così il ristoratore Stefano Parisio, l’imprenditore Anteo Letticino e lo Chef due stelle Michelin Francesco Sposito, che giovedì 26 gennaio alle 17 hanno organizzato un aperitivo con degustazione nel crudo bar, per raccontare la loro storia, come è nato il progetto del concept restaurant e presentare le iniziative in programma, come il “secret chef” e le cene con l’ostricaro. Partecipano anche l’Assessore alle politiche giovanili Alessandra Clemente e l’attrice Cristina Donadio. “Il nostro progetto, come la nostra amicizia – sottolinea Letticino – ha basi solidissime. Tutto è nato in pochi giorni, un caso di serendipity: io avevo il posto, Stefano l’esperienza e Francesco i suoi incredibili piatti. Ci siamo uniti e l’avventura ha avuto inizio”. Tre luoghi suggestivi in uno, tre diverse esperienze che ciascuno può vivere singolarmente o in sequenza. “Il nostro è altresì uno young restaurant – commenta Parisio – dalle 19 e il sabato anche a pranzo tutti possono venire a prendere un drink, gustare crudo di mare e di terra, chiacchierare in giardino, salire a bere champagne in terrazza, fermarsi a pranzare, cenare o provare i menu degustazione”. Grande ricerca e grande tecnica nella cucina. “I piatti hanno trovato subito la loro identità, cosa che non succede nell’immediato in un grande ristorante – spiega Francesco Sposito – identità che affonda le radici nella tradizione italiana e partenopea con incursioni nella cucina francese e in quella orientale. Le materie prime sono freschissime, a volte anche rare e acquistate ogni giorni al mercato. Ci sono inoltre diversi prodotti esclusivi come le rare ostriche irlandesi che a Napoli si trovano solo da Sancta Sanctorum e sono in programma serate con un vero ostricaro che guiderà all’assaggio di otto diversi tipi di ostriche. Altra novità il “secret chef”: a sorpresa nelle cucine del ristorante si alterneranno allo Chef Sposito e al suo pupillo Raffaele Dell’Aria noti colleghi blasonati, cuochi emergenti e starà agli avventori indovinare chi si nasconde dietro i piatti stellati. Spazio anche all’arte e alla moda, le divise sartoriali del team sono state realizzate da Alessandro Ferrante e sulle pareti del ristorante sono affisse le fotografie dell’artista italo-persiano Arash Radpour. Tra queste l’opera in forma di Cenacolo realizzata su commissione per il Sancta Sanctorum, una lastra fotografica dal titolo l’Azzardo.

Corso sommelier Ais NapoliASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Parte il Corso di Sommelier N.105 di Primo Livello con l’Ais Napoli

27 Febbraio 2017 ore 20.00

Renaissance Naples Hotel Mediterraneo

Via Nuova Ponte di Tappia n.25 Napoli

Parte a Napoli da LUNEDI 27 Febbraio 2017 il CORSO SOMMELIER N.105 presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo in Via Nuova Ponte di Tappia n.25. IscrivendoVi avrete l’opportunità di vivere un’esperienza unica per imparare a conoscere l’Arte del bere giusto. Quindici lezioni per approfondire gli argomenti di viticoltura, enologia, tecnica della degustazione e del servizio, che rappresentano le basi della professionalità del Sommelier, a partire dalla corretta temperatura di servizio dei vini fino all’organizzazione e alla gestione della cantina. Tra gli argomenti trattati anche il mondo della birra, dei distillati e dei liquori, in modo da fornire agli aspiranti sommelier un completo bagaglio tecnico e professionale di base. E’ prevista anche la visita ad una azienda vitivinicola. La comunicazione sul vino, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante e l’Associazione Italiana Sommelier, a pieno titolo, ha contribuito e contribuisce a far crescere il movimento intorno al vino con la sua fondamentale opera di divulgazione. In oltre cinquant’anni di storia e di attività nel mondo enogastronomico l’Ais ha qualificato il vino nella ristorazione italiana, puntando decisamente all’innalzamento del livello generale di competenza degli addetti ai lavori, ed ha diffuso, con costante impegno ed entusiasmo, la cultura del vino e del cibo per tutti gli appassionati.

Tommaso Luongo

Delegato Ais Napoli

www.aisnapoli.it

cell. 335.6790897

INIZIO LUNEDI 27 Febbraio 2017 ore 20.00

QUOTA CORSO + ISCRIZIONE 2017 AIS NAZIONALE: EURO 530 (450+80)

INFO: info@aisnapoli.it – oppure 349.2876717 ore ufficio

La quota di iscrizione al corso è da versare con bonifico bancario alla sede regionale dell’Ais Campania:

ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA

IT 41 Z 05387 40260 000002464227

BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA – SORRENTO

CAUSALE: Corso n.105 Primo livello e Nominativo Iscritto

Scarica qui il Corso n.105 Primo Livello_2017_napoli

Il costo di 450 euro comprende la quota di iscrizione corso, la valigetta con 4 bicchieri ISO Bormioli Rocco, il kit didattico (i libri “Il Mondo del Sommelier”, “La Degustazione”, Quaderno di degustazione e Statuto). L’iscrizione all’Ais Nazionale al costo di 80 euro dà diritto all’invio della tessera di Socio, dello scudetto per la divisa di rappresentanza, all’abbonamento annuale alla rivista trimestrale VITAE e alla Guida ai vini VITAE edizione 2018 dell’Associazione Italiana Sommelier. Possibilità di parcheggio solo per un numero limitato di autovetture nel garage dell’Hotel alla tariffa forfettaria di 3 euro. Inoltre, nelle immediate vicinanze dell’Hotel ci sono altri parcheggi custoditi da cui è facilmente raggiungibile la struttura.

ATTENZIONE: Si prega di indicare esattamente la causale così come descritto nel comunicato. La data di versamento del bonifico per l’iscrizione al corso, in considerazione dell’elevato numero di persone che si sono dichiarate interessate, costituirà titolo preferenziale per la partecipazione al corso e comunque le iscrizioni saranno possibili soltanto fino al raggiungimento del numero massimo (65 persone) previsto per la formazione di una classe. Nel momento in cui si dovesse raggiungere questo numero verranno immediatamente chiuse le iscrizioni e ciò verrà pubblicato tempestivamente sul sito dell’ AIS Napoli. Vi consigliamo pertanto di verificare questa condizione prima del pagamento. Coloro che si dovessero trovare nella spiacevole situazione, purtroppo non evitabile, di aver effettuato comunque il bonifico oltre la chiusura delle iscrizioni restando, pertanto, estromessi dal corso, potranno optare per l’inserimento nella prossima sessione (che ci impegniamo ad organizzare nel più breve tempo possibile al fine di ridurre ogni possibile disagio) o per il rimborso della quota versata.

19 Dicembre, A Napoli con la birra Arka per il Centro Italia

Pubblicato da aisnapoli il 13 - dicembre - 2016Versione PDF

una birra al centroMurphy’s Law e Giuseppe Schisano
presentano
Una birra al Centro, evento dedicato alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto.

Per tutta la serata, e fino ad esaurimento fusti, spilleremo la Arka 8.16, birra brassata da 31 Birrifici italiani con luppolo italiano fresco. Il ricavato della vendita di ogni bicchiere di Arka 8.16 sarà interamente devoluto in beneficenza alle popolazioni colpite dal Terremoto. Il menu sarà a base di prodotti tipici del Centro Italia. Il costo del menù è di 18 €, la birra Arka 8.16 costerà 4,5 € ogni bicchiere 0,40.
Prenotate il vostro tavolo al 3392003355. Non mancate!

Menu

- Tagliere di Prosciutto di Norcia IGP, Mortadella di Campotosto, Pecorino di Norcia, Caciotta di Norcia . Salsa tartufata e Miele d’abbruzzo

- Arrosticini abruzzesi con bruschetta e olio abruzzese al peperoncino

- Panino all’amatriciana
Crema di Pecorino, Pomodori grigliati, Guanciale e Peperoncino

- Circerchiata Abruzzese

Murphy’s Law Birreria Artigianale

Via G. Merliani 160, 80128 Napoli

Lunedì 19 Dicembre ore 20.45

soldout1-5-2Chiuse le iscrizioni!
Abbiamo raggiunto il numero massimo di partecipanti al Corso N.89 di Primo Livello di qualificazione professionale per sommelier organizzato dall’Associazione Italiana Sommelier Napoli che inizierà il 23 Novembre all’hotel Reinassance Mediterraneo.
Ci dispiace per tutte le persone interessate che stavolta non siamo riusciti ad accontentare e che dovranno aspettare il prossimo corso che partirà tra Febbraio e Marzo.
A breve pubblicheremo la lista definitiva degli iscritti al corso di Primo Livello N.89.

Tommaso Luongo
Delegato Ais Napoli

image003-3LUNEDI  17 OTTOBRE  ORE 18.00  

GRAN CAFFE’ GAMBRINUS – PIAZZA TRIESTE E TRENTO – NAPOLI 

ROGIOSI EDITORE // PRESENTA  

NEAPOLITAN EXPRESS

Tradizioni e riti partenopei in formato tascabile 

CON L’EDITORE ROSARIO BIANCO

INTERVERRANNO GLI AUTORI:

Marco Perillo, Carmine Aymone, Giuseppe Pesce ed Eloisa Crocco. 

Lunedi  17 ottobre al Gran Caffè Gambrinus in Piazza Trieste e Trento a Napoli, alle ore 18,  Rogiosi Editore presenta Neapolitan Express, tradizioni e riti partenopei in formato tascabile . La collana Neapolitan Express  esordisce raccogliendo in sei piccoli volumi la Napoli di ieri e oggi, quella che più attrae, che fa sognare italiani e non. Dorate “pillole” di sapere - con testi in italiano ed inglese - che attraverso splendide fotografie a colori e aneddoti ricchi di spirito e sentimento, vanno dritte al cuore del lettore, stimolandone con piacere la fantasia. Tra le strade, nelle piazze, nei vicoli di Napoli, dove il giallo del tufo e il grigio del piperno raccontano secoli di storia, profumi, aromi, sapori inconfondibili si mescolano alle note di antiche e nuove canzoni, agli oggetti sacri e a quelli profani, a superstizioni e leggende.

I sei volumetti (Il caffè, I dolci, Pizza e cibi di strada, Il presepe, La musica, Usi, costumi e curiosità)  conducono il lettore in un affascinante viaggio alla scoperta di questo variegato universo.  Per coloro i quali ritengono che il viaggio  tra le ricchezze di Napoli non si ferma alla pura immaginazione, ma si traduce in una manciata di giorni alla scoperta della città e della sua cultura, nulla sarà più utile del formato compatto di questi vademecum un po’ sui generis, compatti e comodi da consultare e portare con sé.

Alla presentazione, insieme all’Editore Rosario Bianco, interverranno gli  autori: Marco Perillo, Carmine Aymone, Giuseppe Pesce ed Eloisa Crocco

Ufficio Stampa Rogiosi

Simonetta de Chiara Ruffo                                             

Cell. 3343195127                                                          

simonettadechiara@gmail.com

 

Leggi tutto »

Giallo come il liquore che “Strega” le parole

Pubblicato da aisnapoli il 15 - ottobre - 2016Versione PDF

IMG_5200Di Marta CattaneoGiallo come il liquore che Strega le parole” canta Vinicio Capossela. Strega Alberti, storica azienda dolciaria di Benevento, non solo strega le parole, ma è pronta a conquistare i palati napoletani con il suo flagship inaugurato ieri nel cuore di Napoli, in via Benedetto Croce. Uno store monomarca pensato come luogo di ritrovo per cultori del buongusto e per tutti coloro che desiderano scoprire il mondo Strega Alberti. Due piani in cui, sugli scaffali realizzati con rovere delle antiche botti di Benevento, sono esposti non solo le bottiglie di Liquore Strega, prodotto di punta nato nel 1860, ma anche i dolci, tra cui il rinomato torrone Strega, il pan di Torrone, il torrone al limone, alla mandorla, al cioccolato e i torroncini e le scatole dal sapore vintage che raccontano la storia del marchio, impresa ultracentenaria nata a Benevento nel 1860 che, tra le altre cose, ha legato il suo nome anche alla cultura visto che dal 1946 patrocina insieme alla fondazione Bellonci il più prestigioso premio letterario italiano: il Premio Strega, appunto. Con oltre 150 anni di storia, quindi, Strega Alberti è oggi un’azienda familiare alla sua sesta generazione ed è un marchio tra i più diffusi ed apprezzati sul mercato italiano ed estero. Nel mondo è presente in 40 Paesi, in testa gli Stati Uniti. IMG_5203Stiamo puntando molto sul concetto di retail – spiega Giuseppe D’Avino, Presidente e Amministratore delegato di Strega Alberti – perché riteniamo di avere caratteristiche e valori che possono essere condivisi e apprezzati dal pubblico. Abbiamo costituito una società, la Strega Retail, e stiamo battendo tutte le strade principali: il travel retail, con punti vendita all’interno delle stazioni; il downtown e questo è il primo punto vendita downtown importante che inauguriamo e, successivamente, pensiamo anche ai centri commerciali. D’altra parte, la nostra gamma dolciaria così ampia si presta bene a un negozio monomarca e al concetto di assortimento”. Tradizione sì, ma non solo. Nel corso della serata, infatti, grazie ai barman di Mixer Lab, è stato proposto al pubblico un cocktail a base di Liquore Strega. Un twist sul Moscow Mule dove, al posto della vodka è stato utilizzato lo storico prodotto di casa Alberti usato insieme al lime e all ginger beer. “Un abbinamento particolare – spiega Alessandro Tambaro di Mixer Lab – che si presta molto bene a diverse combinazioni, soprattutto come aperitivo”. “Questa sera si incrociano due strade parallele – aggiunge D’Avino – Noi abbiamo la nostra campagna di promozione del liquore nell’ambito della miscelazione e poi la gestione dei negozi. In questa occasione le abbiamo intersecate, ma abbiamo un intenso programma di promozione e collaborazione per spiegare e condividere questo utilizzo moderno del liquore Strega”. “Un liquore che si associa particolarmente bene alla miscelazione proprio per il suo aspetto speziato, ma che, in fondo, è sempre stato presente in molti dolci, soprattutto del sud Italia” conclude. Un marchio della tradizione che, pur restando fedele alle proprie origini, guarda al futuro con innovazione e modernità.

20 Maggio, Napoli…a tutto DUBL da Calici e…

Pubblicato da aisnapoli il 17 - maggio - 2016Versione PDF

LOCANDINA-CALICI E-20-5-2016-2

DUBL NO STOP da Calici…e

Una serata in compagnia di DUBL nelle versioni DUBL+, Rosato e Brut .

Dalle 21 in compagnia di finger food, salumi e formaggi.

Euro 15. Necessaria la prenotazione 348.2597055 cirasichenz@gmail.com

CALICI E…

Via Morosini nn.30-32

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 31 mar 2017 al 31 mar 2017 alle ore:20:00

      31 Marzo, ASTORIA si presenta: 30 anni, 40 ettari e 9 vini

      Mancano: 1 giorno e 18:18 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 06 apr 2017 al 06 apr 2017 alle ore:20:00

      6 Aprile, Trappist-10, 10 birre per 10 birrifici trappisti all’Hotel Renaissance

      Mancano: 7 giorni e 18:18 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags