Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

tasteDi Karen Phillips

L’edizione 2013 Taurasi Vendemmia si è tenuta nei giorni 8-9 marzo a Serino (Av) come una parte di Campania Stories by Miriade & Partners . Questa è la prima parte del mio weekend dedicato al tasting Taurasi…
Secondo il serrato programma, noi “giornalista/blogger ecc. ecc.” saremmo dovuti arrivare al Grand Hotel Serino fra le 10.00 e le 16.00… Io sono arrivata alle 15.45(!) Abbastanza in tempo per fare il check-in, gettare-mettere il mio bagaglio nella mia camera, e via di corsa verso il registration desk per ricevere il mio kit Taurasi Vendemmia ovvero tessera, penna, libro con informazioni di base fondamentali. Quando, finalmente sono giunta in sala di degustazione, mi sono guardata intorno alla ricerca del posto perfetto per sedersi … per assorbire tutte le informazioni… e  naturalmente per degustare Taurasi. L’ho trovato. Un posto accanto a Roberto, Massimo, e Antonio …fra i top degli enologi campani che erano lì apposta per me nel caso in cui avessi avuto bisogno di fare una domanda o di scambiare un commento. Stavamo per assaggiare 14 Taurasi dell’ annata 2003. Ormai una tradizione che si ripete in ogni edizione: iniziare il fine settimana dando un’occhiata ai Taurasi a 10 anni dalla vendemmia. Quattordici vini, versati a cura dagli amici sommelier dell’AIS di Avellino. Come hanno completato il servizio della prima batteria, ho sfilato il libretto dal mio personale kit e mi sono rivolta a Roberto. Mi dici qualcosa dell’annata? Hot, fu la sua risposta. taste 010Ok … che significava una vendemmia anticipata. Il mio libretto annuì confermando l’indicazione di Roberto. In alcuni casi, fino a una settimana prima. Uva arrivata in cantina ben matura e zuccherina. Ancora d’accordo con il mio libretto … un bene, no, un’annata caratterizzata da un grande raccolto che ha prodotto alcuni dei migliori vini rossi del 2003. Guardai i primi cinque bicchieri colmi e ho subito immerso il naso forse solo un po’ troppo in fretta. Mi sono resa conto di dover uscire dalla mia “modalità corsa” e di aspettare i vini. Vini che erano stati imbottigliati da diversi anni. Hanno bisogno di tempo per respirare … il tempo necessario per aprirsi … il tempo di esprimere se stessi come solo un Aglianico  sa a fare …. Dopo la degustazione orizzontale di quattordici anni ho trovato un paio di bottiglie che non mi dispiacerebbe avere nella mia cantina personale …. qui non ci sono in nessun ordine particolare …

Macchia dei Goti 2003 Cantine Antonio Caggiano

Una delle miei primi visite in cantina che io abbia mai guidato è stato quello da Sig Caggiano a Taurasi. Una bocca bellisima … sapore ricco … un naso che contnua ad evolversi col passare del tempo … ciliegia matura … spezie leggeri ….

Campo Re 2003 Terredora Conosco Terredora … ma non Campo Re. Interessante fusione di ciliegia matura … sapori pieni. Subito la mia mente è andato a pensare del abbinamento-Fusilli Avellinese con una ricca salsa di ragù … o magari una bella bistecca …

Vigna Cinque Querce Riserva 2003 Salvatore Molettieri

Tutto lo stile di Montemarano in un bicchiere … uve raccolte dalla bella vigna Cinque Querce di Salvatore Molettieri. Un Taurasi affinato in botte grande …

Potente. Potente è una parola che potrei usare per anche descrivere Guastaferro, Di Meo, Pietracupa, Mastroberardino e Di Prisco.

Taurasi Vendemmia Edizione 2013 … fin qui tutto bene …

Versione in Inglese

Al via in Irpinia Taurasi Vendemmia edizione 2013

Pubblicato da aisnapoli il 8 - marzo - 2013Versione PDF

 

6-8 marzo 2013 – Aquapetra Resort & Spa – Telese Terme (BN)

8-11 marzo 2013 – Grand Hotel Serino – Serino (AV)

 

 

APPROFONDIMENTI, VISITE IN AZIENDE E TERRITORI,

TASTING E FOCUS SU ANNATE E DENOMINAZIONI:

PRIMO BILANCIO DI CAMPANIA STORIES – I VINI ROSSI

E DA DOMANI (8 marzo) AL VIA IN IRPINIA

“TAURASI VENDEMMIA – EDIZIONE 2013”

degustazione

  Approfondimenti, visite in aziende e territori, iniziative serali, focus su annate, denominazioni e produzioni, tasting di 51 campioni divisi in province, zone e millesimi: due giorni ricchi di iniziative per “Campania Stories – I vini rossi”, prima rassegna unitaria dedicata ai rossi campani, in programma presso “Aquapetra Resort & Spa” di Telese Terme (BN).   L’evento, riservato a stampa ed operatori, è promosso da Miriade & Partners S.r.l. e dalle aziende partecipanti, con la collaborazione di Grano Armando, HS Company, Aquapetra Resort & Spa, Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop, Grafica Metelliana, Sole Azzurro e Tommaselli Autoveicoli concessionaria Mercedes. La prima giornata si è aperta con la presentazione delle denominazioni protagoniste del tasting, con la collaborazione dei Consorzi e delle Associazioni di produttori operanti sul territorio, co-responsabili dei contenuti di approfondimento proposti. Dopo i saluti di Diana Cataldo e Massimo Iannaccone di Miriade & Partners S.r.l. e la presentazione degli sponsor della rassegna, spazio agli approfondimenti: “Le Dop in rosso della provincia di Benevento”, in collaborazione con il Consorzio di Tutela Sannio Dop, “Le Dop in rosso della provincia di Caserta”, in collaborazione con il Consorzio di Tutela VITICA, “Le Dop in rosso della provincia di Napoli” e “Le Dop in rosso della provincia di Salerno”, in collaborazione con Enoteca provinciale di Salerno.   La mattina successiva si è passati dalla teoria alla pratica, con 51 campioni chiamati a raccontare nel bicchiere le zone e le denominazioni protagoniste del tasting riservato alla stampa nazionale e internazionale. La provincia di Napoli ha schierato Penisola Sorrentina 2012, Piedirosso dei Campi Flegrei 2011, Piedirosso dei Campi Flegrei 2010, 2009 e 2008, Vesuvio e Pompeiano 2011, mentre Salerno si è sviluppata con Costa d’Amalfi e Colli di Salerno 2009 e 2008, Cilento e Paestum 2011 e 2006. La provincia di Caserta ha viaggiato con Terre del Volturno Casavecchia 2010 e 2009, Terre del Volturno Pallagrello Nero 2010 e 2009, Terre del Volturno Aglianico 2010 e 2007, Galluccio e Roccamonfina 2011 e 2008, Falerno del Massico Rosso 2009, 2008 e 2006, Falerno del Massico Primitivo 2010 e 2008. A Benevento il l’onore di chiudere gli assaggi con i Sannio (varie tipologie e sottozone 2011, 2010, 2008 e 2007) e gli Aglianico del Taburno 2009, 2008 e 2006.   Ma Campania Stories non finisce qui. Da domani (8 marzo) e fino all’11 marzo, presso il “Grand Hotel Serino”, si terrà la seconda tappa dedicata ai rossi campani con l’edizione 2013 di “Taurasi Vendemmia”, da oltre dieci anni spazio di promozione e approfondimento dedicato all’aglianico irpino e alla sua denominazione simbolo, unica Docg del centro-sud fino al 2003, con un format aggiornato per sottolineare in modo ancora più efficace gli obiettivi e le esigenze di focus rispetto alle classiche formule “da anteprima”.   La manifestazione  – promossa dalla Miriade & Partners S.r.l. e dalle 37 aziende partecipanti con la collaborazione di Grano Armando, HS Company, Ais – delegazione di Avellino, Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop, Grafica Metelliana, Grand Hotel Serino, Sole Azzurro e Tommaselli Autoveicoli concessionaria Mercedes – prenderà spunto come sempre dalla nuova annata commercializzabile secondo il disciplinare (e quindi la vendemmia 2009), ma offrirà uno spazio più ampio ai vini e alle annate che hanno potuto giovarsi di un periodo di affinamento adeguato per rossi di questa tempra, chiamati a viaggiare a lungo nel tempo.   Si comincia oggi (8 marzo) alle ore 16 presso il Grand Hotel Serino con la retrospettiva sull’annata 2003 riservata a giornalisti ed aziende partecipanti. Alle ore 16.30 il convegno di presentazione: dopo il saluto di Diana Cataldo e Massimo Iannaccone di Miriade & Partners S.r.l. e degli sponsor dell’evento, spazio agli approfondimenti a cura della Commissione Tecnica Territoriale con il racconto della vendemmia 2009 e l’approfondimento sul tema “Segni particolari: Aglianico d’Irpinia”: la prima parte sarà dedicata alle traiettorie storiche, la seconda si concentrerà su “Aglianico, sostantivo plurale” e la terza sull’Aglianico nel mondo.   Il mese di marzo a battezza dunque le prime di una lunga serie di iniziative legate al progetto “Campania Stories”, ideato da Miriade & Partners S.r.l. e finalizzato alla costruzione di uno spazio permanente di informazione sulle eccellenze agricole e culturali della regione (le storie della Campania, appunto, del vino e non solo). Uno spazio che verrà concretamente sviluppato attraverso un portale di servizi, comunicazione ed editoria specializzata – attivo dalla primavera 2013 – ma anche e soprattutto con una rete di eventi, un vero e proprio libro di storie ed assaggi che trova in “Campania Stories – I vini rossi” e in “Taurasi Vendemmia” il suo primo capitolo.

“CAMPANIA STORIES – I VINI ROSSI”

LE AZIENDE PARTECIPANTI

  PROVINCIA DI BENEVENTO   1       Cantina del Taburno – Foglianise (BN) 2       Fontanavecchia – Torrecuso (BN) 3       La Guardiense – Guardia Sanframondi (BN) 4       La Rivolta – Torrecuso (BN) 5       Mustilli        – Sant’Agata dei Goti (BN) 6       Nifo Sarrapochiello – Ponte (BN) 7       Torre a Oriente – Torrecuso (BN) 8       Venditti – Castelvenere (BN)   PROVINCIA DI CASERTA   9        Alois – Pontelatone (CE) 10     Castello Ducale – Castel Campagnano (CE) 11     Masseria Felicia – Sessa Aurunca (CE) 12     Nanni Copè – Vitulazio (CE) 13     Papa – Falciano del Massico (CE) 14     Selvanova – Castel Campagnano (CE) 15     Terre del Principe – Castel Campagnano (CE) 16     Trabucco – Carinola (CE) 17     Vestini Campagnano – Poderi Foglia – Caiazzo (CE) 18     Villa Matilde – Cellole (CE)   PROVINCIA DI NAPOLI   19     Astroni – Napoli 20     Contrada Salandra – Pozzuoli (NA) 21     Grotta del Sole – Quarto (NA) 22     La Sibilla – Bacoli (NA) 23     Sorrentino – Boscotrecase (NA)   PROVINCIA DI SALERNO   24     De Concillis – Prignano Cilento (SA) 25     Marisa Cuomo – Furore (SA) 26     San Francesco – Tramonti (SA) 27     Le Vigne di Raito – Raito (SA)

 

 

8-11 Marzo 2013, Grand Hotel Serino – Serino (AV)

TAURASI VENDEMMIA – EDIZIONE 2013

AZIENDE PARTECIPANTI

 

1        Amarano – Montemarano (AV) 2        Antico Castello – San Mango sul Calore (AV) 3        Antichi Coloni – Paternopoli (AV) 4        Bambinuto – Santa Paolina (AV) 5        Boccella – Castelfranci (AV) 6        Borgodangelo – Sant’Angelo all’Esca (AV) 7        Caggiano Antonio – Taurasi (AV) 8        Colli di Castelfranci – Castelfranci (AV) 9        Contrade di Taurasi – Taurasi (AV) 10     D’Antiche Terre – Manocalzati (AV) 11     Di Marzo – Tufo (AV) 12     Di Meo – Salza Irpina (AV) 13     Di Prisco – Fontanarosa (AV) 14     Donnachiara – Montefalcione (AV) 15     Feudi di San Gregorio – Sorbo Serpico (AV) 16     Fonzone Caccese – Paternopoli (AV) 17     Guastaferro – Taurasi (AV) 18     I Capitani – Torre le Nocelle (AV) 19     I Favati – Cesinali (AV) 20     Il Cancelliere – Montemarano (AV) 21     La Marca – Parolise (AV) 22     La Molara – Luogosano (AV) 23     Masseria Murata – Mercogliano (AV) 24     Mastroberardino – Atripalda (AV) 25     Molettieri Salvatore – Montemarano (AV) 26     Montesole – Montemiletto (AV) 27     Perillo – Castelfranci (AV) 28     Pietracupa – Montefredane (AV) 29     Rocca del Principe – Lapio (AV) 30     Sanpaolo – Tufo (AV) 31     Tecce – Paternopoli (AV) 32     Tenuta Cavalier  Pepe – Sant’Angelo all’Esca (AV) 33     Terredora – Montemiletto (AV) 34     Urciuolo – Forino (AV) 35     Villa Matilde – Tenute di Altavilla – Cellole (CE) 36     Villa Raiano – San Michele di Serino (AV) 37     Vinanda – Mirabella Eclano (AV)

 

  Per informazioni   MIRIADE & PARTNERS SRL Diana Cataldo – tel. 329.9606793 Massimo Iannaccone – tel. 392.9866587 E-mail: ufficiostampa@miriadeweb.it Siti internet: www.campaniastories.com Facebook: www.facebook.com/MiriadePartnersSrl Twitter: @miriadepartners – #campaniastories

8-11 Marzo Taurasi Vendemmia 2013 Grand Hotel Serino (Av)

Pubblicato da aisnapoli il 6 - marzo - 2013Versione PDF

8-11 marzo 2013 – Grand Hotel Serino – Serino (AV)

TAURASI VENDEMMIA – EDIZIONE 2013: DA VENERDI IN IRPINIA STAMPA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER LA DECIMA EDIZIONE DELL’EVENTO SULLE ULTIME ANNATE DEL GRANDE ROSSO IRPINO

logo Taurasi 2013Serino (Avellino) – Giornalisti da tutto il mondo in Irpinia per scoprire le ultime annate di Taurasi e Aglianico d’Irpinia. Dall’8 all’11 marzo, presso il “Grand Hotel Serino”, si terrà l’edizione 2013 di “Taurasi Vendemmia”, da oltre dieci anni spazio di promozione e approfondimento dedicato all’aglianico irpino e alla sua denominazione simbolo, unica Docg del centro-sud fino al 2003, con un format aggiornato per sottolineare in modo ancora più efficace gli obiettivi e le esigenze di focus rispetto alle classiche formule “da anteprima”. La manifestazione – promossa dalla Miriade & Partners S.r.l. e dalle 37 aziende partecipanti con la collaborazione di Grano Armando, HS Company, Ais – delegazione di Avellino, Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop, Grafica Metelliana, Grand Hotel Serino, Sole Azzurro e Tommaselli Autoveicoli concessionaria Mercedes – prenderà spunto come sempre dalla nuova annata commercializzabile secondo il disciplinare (e quindi la vendemmia 2009), ma offrirà uno spazio più ampio ai vini e alle annate che hanno potuto giovarsi di un periodo di affinamento adeguato per rossi di questa tempra, chiamati a viaggiare a lungo nel tempo. Sulla scia di quanto felicemente testato a BianchIrpinia, nell’edizione 2013 di Taurasi Vendemmia sarà fortemente limitato l’assaggio di campioni di botte o comunque di vini troppo giovani, privilegiando il test su etichette già in commercio o pronte per essere presentate a breve sul mercato. Particolare rilievo sarà dato alla sezione che consentirà una rilettura di Taurasi già proposti nelle ultime edizioni della rassegna, in particolare per quel che riguarda la vendemmia 2008, protagonista lo scorso gennaio. Gli eventi campani dedicati alla vitivinicoltura si indirizzano sempre di più, quindi, più verso un percorso fatto di approfondimento e ragionamento su quanto il territorio è in grado di offrire nelle sue finestre espressive più adeguate, fornendo alla stampa specializzata e agli operatori strumenti sempre più qualificati per interpretare le specificità produttive del distretto. “Taurasi Vendemmia – Edizione 2013” rientra nel primo appuntamento del 2013 targato Campania Stories, prima di una lunga serie di iniziative legate al progetto ideato da Miriade & Partners S.r.l. e finalizzato alla costruzione di uno spazio permanente di informazione sulle eccellenze agricole e culturali della regione (le storie della Campania, appunto, del vino e non solo). Uno spazio che verrà concretamente sviluppato attraverso un portale di servizi, comunicazione ed editoria specializzata – attivo dalla primavera 2013 – ma anche e soprattutto con una rete di eventi, un vero e proprio libro di storie ed assaggi che trova in “Campania Stories – I vini rossi” e in “Taurasi Vendemmia” il suo primo capitolo. “Campania Stories – I vini rossi”, prima rassegna unitaria dedicata ai rossi campani, è in programma nel Sannio, presso Aquapetra Resort & Spa di Telese Terme (BN), dal 6 all’8 Marzo 2013 (www.aquapetra.com). L’evento, riservato a stampa ed operatori, sarà strutturato in una tre giorni di degustazioni, focus e approfondimenti sulle ultime annate dei vini rossi prodotti nelle principali denominazioni campane, con particolare riferimento ai rossi delle province di Benevento, Caserta, Napoli e Salerno. 8-11 marzo 2013 Taurasi Vendemmia 2013

Il programma in sintesi Venerdì 8 marzo 2013 – Grand Hotel Serino

Ore 10:00/16:00 Arrivo in Irpinia dei giornalisti invitati Ore 16:00 Taurasi, dieci anni dopo: retrospettiva dell’annata 2003 Degustazione riservata a giornalisti e produttori accreditati Ore 17:00 Convegno inaugurale “Taurasi Vendemmia” – Incontro tra giornalisti e produttori Ore 18:00/23:30 Visite e cene dei giornalisti accreditati presso le aziende, scelte liberamente secondo disponibilità delle stesse

Sabato 9 marzo 2013 – Grand Hotel Serino

Ore 10:00/17:00 Sessione di assaggio riservata alla stampa specializzata Degustazione delle ultime annate di Taurasi e Taurasi Riserva Docg, Irpinia Campi Taurasini Doc, Irpinia Aglianico Doc e Campania Aglianico Igt Ore 18:00/23:30 Visite e cene dei giornalisti accreditati presso le aziende, scelte liberamente secondo disponibilità delle stesse Domenica 10 marzo 2013 Partenza Lunedì 11 marzo 2013 – Grand Hotel Serino Ore 15/17 Sessioni riservate agli operatori (solo su prenotazione*) Ore 18/20

N.B.: il programma potrà subire variazioni per esigenze organizzative.

8-11 Marzo 2013, Grand Hotel Serino – Serino (AV) TAURASI VENDEMMIA – EDIZIONE 2013

AZIENDE PARTECIPANTI 1) Amarano – Montemarano (AV) 2) Antico Castello – San Mango sul Calore (AV) 3) Antichi Coloni – Paternopoli (AV) 4) Bambinuto – Santa Paolina (AV) 5) Boccella – Castelfranci (AV) 6) Borgodangelo – Sant’Angelo all’Esca (AV) 7) Caggiano Antonio – Taurasi (AV) 8) Colli di Castelfranci – Castelfranci (AV) 9) Contrade di Taurasi – Taurasi (AV) 10) D’Antiche Terre – Manocalzati (AV) 11) Di Marzo – Tufo (AV) 12) Di Meo – Salza Irpina (AV) 13) Di Prisco – Fontanarosa (AV) 14) Donnachiara – Montefalcione (AV) 15) Feudi di San Gregorio – Sorbo Serpico (AV) 16) Fonzone Caccese – Paternopoli (AV) 17) Guastaferro – Taurasi (AV) 18) I Capitani – Torre le Nocelle (AV) 19) I Favati – Cesinali (AV) 20) Il Cancelliere – Montemarano (AV) 21) La Marca – Parolise (AV) 22) La Molara – Luogosano (AV) 23) Masseria Murata – Mercogliano (AV) 24) Mastroberardino – Atripalda (AV) 25) Molettieri Salvatore – Montemarano (AV) 26) Montesole – Montemiletto (AV) 27) Perillo – Castelfranci (AV) 28) Pietracupa – Montefredane (AV) 29) Rocca del Principe – Lapio (AV) 30) Sanpaolo – Tufo (AV) 31) Tecce – Paternopoli (AV) 32) Tenuta Cavalier Pepe – Sant’Angelo all’Esca (AV) 33) Terredora – Montemiletto (AV) 34) Urciuolo – Forino (AV) 35) Villa Matilde – Tenute di Altavilla – Cellole (CE) 36) Villa Raiano – San Michele di Serino (AV) 37) Vinanda – Mirabella Eclano (AV)

Per informazioni* MIRIADE & PARTNERS SRL Diana Cataldo – tel. 329.9606793 Massimo Iannaccone – tel. 392.9866587 E-mail: ufficiostampa@miriadeweb.it Siti internet: www.taurasivendemmia.it www.campaniastories.com Facebook: www.facebook.com/Miriade&Partners Twitter: @miriadepartners #campaniastories #taurasivendemmia

6-10 Marzo Campania Stories I Vini Rossi Edizione 2013

Pubblicato da aisnapoli il 18 - febbraio - 2013Versione PDF

6-10 marzo 2013

CAMPANIA STORIES – I VINI ROSSI TAURASI VENDEMMIA EDIZIONE 2013: GLI EVENTI DI MARZO 2013

Campania StoriesTutto pronto per la prima tappa di “Campania Stories”: si comincia nel Sannio con la presentazione delle ultime annate dei vini rossi prodotti nelle principali denominazioni campane. Poi ci si sposterà in Irpinia per Taurasi Vendemmia, decima edizione dell’evento dedicato al principe dei rossi irpini

Prima tappa del 2013 per “Campania Stories”: come annunciato nelle scorse settimane, nel mese di marzo si terrà il primo di una lunga serie di eventi sotto il marchio “Campania Stories”, progetto ideato da Miriade & Partners S.r.l. finalizzato alla costruzione di uno spazio permanente di informazione sulle eccellenze agricole e culturali della regione (le storie della Campania, appunto, del vino e non solo). Uno spazio che verrà concretamente sviluppato attraverso un portale di servizi, comunicazione ed editoria specializzata – attivo dalla primavera 2013 – ma anche e soprattutto con una rete di eventi, un vero e proprio libro di storie ed assaggi che trova in “Campania Stories – I vini rossi” e in “Taurasi Vendemmia” il suo primo capitolo.

Si comincia dunque con “Campania Stories – I vini rossi”, prima rassegna unitaria dedicata ai rossi campani, in programma nel Sannio dal 6 all’8 Marzo 2013. L’evento, riservato a stampa ed operatori, sarà strutturato in una tre giorni di degustazioni, focus e approfondimenti sulle ultime annate dei vini rossi prodotti nelle principali denominazioni campane, con particolare riferimento ai rossi delle province di Benevento, Caserta, Napoli e Salerno. Per quanto riguarda le annate da presentare in degustazione, l’edizione 2013 di Campania Stories – I Vini Rossi non prende a riferimento singole vendemmie, lasciando ampi margini in ciascuna denominazione e privilegiando il test su etichette già in commercio o pronte per essere presentate a breve sul mercato, in modo da favorire una lettura chiara da parte della stampa.

I giornalisti nazionali ed internazionali accreditati avranno a disposizione tutta la giornata di giovedì 7 marzo 2013 per il tasting e a tutti verranno fornite dettagliate informazioni su vigneti di provenienza, vinificazioni, affinamenti, dati analitici e prezzo di vendita, contenute in un’apposita pubblicazione.

Verranno strutturate parallelamente anche una serie di sezioni collaterali, grazie alle quali i giornalisti accreditati avranno la possibilità di effettuare degli approfondimenti attraverso seminari e visite, sfruttando eventualmente anche con veri e propri eventi nell’evento, magari proposti da più cantine insieme.

Nel pomeriggio inaugurale della rassegna, inoltre, ampio spazio verrà riservato alla presentazione delle denominazioni protagoniste del tasting, con la collaborazione dei Consorzi e delle Associazioni di produttori operanti sul territorio, co-responsabili dei contenuti di approfondimento proposti.

Per l’elevato numero di vini e di aziende partecipanti, la provincia di Avellino avrà una sua tappa distinta, ma contigua e organizzata col medesimo format, in programma dall’8 all’11 Marzo 2013. L’8 marzo, nel pomeriggio, ci si sposterà quindi in Irpinia per l’edizione 2013 di “Taurasi Vendemmia”, da oltre dieci anni spazio di promozione e approfondimento dedicato all’aglianico irpino e alla sua denominazione simbolo, unica Docg del centro-sud fino al 2003, con un format aggiornato per sottolineare in modo ancora più efficace gli obiettivi e le esigenze di focus rispetto alle classiche formule “da anteprima”. La manifestazione prenderà spunto come sempre dalla nuova annata commercializzabile secondo il disciplinare (e quindi la vendemmia 2009), ma offrirà uno spazio più ampio ai vini e alle annate che hanno potuto giovarsi di un periodo di affinamento adeguato per rossi di questa tempra, chiamati a viaggiare a lungo nel tempo.

Sulla scia di quanto felicemente testato a BianchIrpinia, nell’edizione 2013 di Taurasi Vendemmia sarà fortemente limitato l’assaggio di campioni di botte o comunque di vini troppo giovani, privilegiando il test su etichette già in commercio o pronte per essere presentate a breve sul mercato. Particolare rilievo sarà dato alla sezione che consentirà una rilettura di Taurasi già proposti nelle ultime edizioni della rassegna, in particolare per quel che riguarda la vendemmia 2008, protagonista lo scorso gennaio.

Gli eventi irpini dedicati alla vitivinicoltura si indirizzano sempre di più, dunque, più verso un percorso fatto di approfondimento e ragionamento su quanto il territorio è in grado di offrire nelle sue finestre espressive più adeguate, fornendo alla stampa specializzata e agli operatori strumenti sempre più qualificati per interpretare le specificità produttive del distretto.

Se il fulcro del tasting si ruoterà attorno ai millesimi 2008 e ai 2009, le aziende partecipanti potranno come sempre proporre in degustazione anche i loro Taurasi Riserva nonché cru e selezioni di altre annate che si avvalgono di affinamenti prolungati, senza trascurare la possibilità di assaggiare campioni di Irpinia Campi Taurasini Doc, Irpinia Aglianico Doc e Campania Aglianico Igt, anche e soprattutto di quelle aziende che non hanno (o non hanno ancora) un Taurasi nella loro gamma.

Si confermano anche le sezioni serali, grazie alle quali i giornalisti accreditati avranno la possibilità di effettuare delle visite presso le aziende partecipanti alla rassegna che avranno espresso disponibilità ad accoglierli, con veri e propri eventi nell’evento, spesso proposti da più cantine insieme. Allo stesso modo si proseguirà nel lavoro della Commissione Tecnica Territoriale, formata da produttori, agronomi ed enologi operanti in provincia di Avellino, per discutere della nuova annata e delle macro-aree del Taurasi.

6-10 marzo 2013 Campania Stories I Vini Rossi Taurasi Vendemmia 2013 Mercoledì 6 marzo 2013 – Sannio Ore 10:00/16:00 Arrivo nel Sannio dei giornalisti invitati Ore 16:00 Convegno inaugurale “Campania Stories – I vini rossi” – Incontro tra giornalisti e produttori Approfondimenti sulle denominazioni protagoniste del tasting Ore 20:00 Cena di Gala Giovedì 7 marzo 2013 – Sannio Ore 9:00/16:00 Sessione di assaggio riservata alla stampa specializzata Degustazione dei vini partecipanti alla rassegna Ore 17:00 Seminari di approfondimento Ore 19:30/23:30 Visite e cene dei giornalisti accreditati presso le aziende, scelte liberamente secondo disponibilità delle stesse Venerdì 8 marzo 2013 – Sannio/Irpinia Ore 9:00/14:00 Visite presso le aziende e i territori riservate alla stampa specializzata Ore 10:00/16:00 Arrivo in Irpinia dei giornalisti invitati Ore 16:00 Convegno inaugurale “Taurasi Vendemmia” – Incontro tra giornalisti e produttori Taurasi, dieci anni dopo: retrospettiva dell’annata 2003 Degustazione riservata a giornalisti e produttori accreditati Ore 18:00/23:30 Visite e cene dei giornalisti accreditati presso le aziende, scelte liberamente secondo disponibilità delle stesse Sabato 9 marzo 2013 – Irpinia Ore 10:00/17:00 Sessione di assaggio riservata alla stampa specializzata Degustazione delle ultime annate di Taurasi e Taurasi Riserva Docg, Irpinia Campi Taurasini Doc, Irpinia Aglianico Doc e Campania Aglianico Igt Ore 18:00/23:30 Visite e cene dei giornalisti accreditati presso le aziende, scelte liberamente secondo disponibilità delle stesse Domenica 10 marzo 2013 Partenza N.B.: il programma potrà subire variazioni per esigenze organizzative. Per informazioni MIRIADE & PARTNERS SRL Diana Cataldo – tel. 329.9606793 Massimo Iannaccone – tel. 392.9866587 E-mail: segreteria@miriadeweb.it Siti internet: www.taurasivendemmia.it (coming soon) www.bianchirpinia.it www.campaniastories.com (coming soon)

Taurasi, tredicesima fiera enologica. Dall’11 al 15 Agosto

Pubblicato da aisnapoli il 12 - agosto - 2012Versione PDF

tutti i giorni

ore 20.30 – 00.30 / Cortile Castello
Enoteca Irpini: banco d’assaggio con degustazione di piatti perduti della Biodiversità Irpina

ore 21.00 e ore 23.00 / Castello
TAU – Percorso guidato Sensoriale alla scoperta delle tre DOCG e dell’Enoteca Regionale dei Vini d’Irpinia
> Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

ore 20.30 – 00.30 / Castello, sala Maria Davalos
Enoteca MondoAglianico
Apertura del Banco d’assaggio a cura di Slow Food.
Taburno, Vulture e Ufita-Taurasi

SABATO 11 AGOSTO

ore 21.30 / Castello, Sala Carlo Gesualdo
MondoAglianico e Formaggi di Altura
Tre territori a confronto tra Campania e Basilicata.
Degustazione guidata di 3 formaggi e di 6 vini a base di aglianico.
Taurasi DOCG Bosco Faiano 2004 I Capitani / Taurasi DOCG Poliphemo 2007 Luigi Tecce / Aglianico del Taburno DOC Bue Apis 2004 Cantina del Taburno / Aglianico del Taburno DOC 2007 Il Poggio / Aglianico del Vulture DOC 2004 Eleano / Aglianico del Vulture, Nocte 2007 Terra dei Re.
Con: Oto Tortorella e Pasquale Carlo Gruppo Slow Wine Campania, Maurizio De Simone enologo, Franco Archidiacono, fiduciario Slow Food Irpinia Colline Ufita-Taurasi, Gaetano Palumbo fiduciario Slow Food Taburno, Paride Leone fiduciario Slow Food Vulture
> Max 40 persone. Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

DOMENICA 12 AGOSTO

ore 21.30 /Sala Carlo Gesualdo
La magnifica annata, retrospettiva Taurasi 1999
Antonio Caggiano / Contrade di Taurasi / Di Meo / Feudi di San Gregorio Mastroberardino / Terredora / I Capitani / GMG
Con: Luciano Pignataro, responsabile regionale Slow Wine
Oto Tortorella, gruppo Slow Wine
Franco Archidiacono, fiduciario Condotta Slow Food “Irpinia Colline Ufita-Taurasi”
Finale con i fusilli al ragù preparati a cura della Comunità del Cibo della Condotta Slow Food “Irpinia Colline dell’Ufita e Taurasi”
> Max 40 persone. Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

LUNEDÌ 13 AGOSTO

ore 21.30 / Castello, Sala Carlo Gesualdo
Taurasi beve Coda di Volpe. Cena Degustazione
Di Meo / Donnachiara / Perillo / Cantina Giardino / Tenute del Cavalier Pepe / Terredora
Con: Marina Alaimo, gruppo Slow Wine, Maura Sarno, presidente associazione Diversi Vignaioli, Luciano Pignataro, responsabile regionale Slow Wine, Mirko Balzano – Chef a Villa Assunta Mirabella Eclano, Christian Torsiello – Chef a Arbustico Valva
Francesco Spagnuolo – Chef a Morabianca Mirabella Eclano, Arcangelo Gargano – Chef a La Locanda Sant’Angelo dei Lombardi
> Max 40 persone. Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

MARTEDÌ 14 AGOSTO

ore 21.30 fino a sfinimento / Castello, Sala Carlo Gesualdo
Aglianico Low Cost: Campi Taurasini, Irpinia e Campania igt
Antica Irpinia, Antico Borgo, Antico Castello, Antichi Coloni, Antonio Caggiano, Barrasso, Boccella, Borgo dÕAngelo, Casparriello, Dedim, Di Meo, Di Prisco, Donnachiara, Elmi, Famiglietti, Feudi San Gregorio, Filadoro, Guerriero, GMG, Guastaferro, I Capitani, Le Masciare, Manimurci, Mastroberardino, Giovanni Molettieri, Mier Vini, Michele Perillo, Russo, Terradora, Tenuta Cavalier Pepe, Vigna Villae.
In abbinamento i migliori salumi e formaggi d’Irpina e i piatti preparati dalla Comunità del Cibo della Condotta Slow Food “Irpinia Colline dell’Ufita e Taurasi”
> Max 60 persone. Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

MERCOLEDÌ 15 AGOSTO

ore 21.30 / Castello, Sala Carlo Gesualdo
Laboratorio del gusto Slow Food:
“L’agnello”dal crudo al cotto percorrendo le tradizioni irpine
In abbinamento i migliori vini del territorio.
Mario Carrabs macellaio e sommelier in Gesualdo (Av)
Alessandro Barletta gruppo Slow Wine
> Max 40 persone. Prenotazione obbligatoria al n. 338.5234241

Tasting Taurasi… Vendemmia 2008

Pubblicato da aisnapoli il 27 - gennaio - 2012Versione PDF

Di Karen Phillips

Per degustare Taurasi dovete capire Taurasi. Almeno questo è quello che credo. Quando degusto un vino, voglio capire il suo carattere. Da dove viene, il territorio. Voglio capire il percorso che questo vitigno, Aglianico, coltivato, vinificato e imbottigliato in una dei 17 comuni ricompresi nell’areale delimitato dalla DOCG. Come ha bisogno di maturare per almeno 3 anni (quattro per essere conosciuta come una Riserva), con uno di quegli anni in botte di legno (18 mesi per la Riserva). In altre parole, per degustare, è necessario comprendere.
Quindi, quando sono stato invitata a partecipare ad un weekend a Montemiletto (Av) per provare la nuova annata di Taurasi 2008, mi sembrava  l’occasione perfetta per assorbire quanto più potevo di questo interessante ed intenso rosso DOCG della Campania.Venerdì 20 gennaio. La sera prima che  il primo bicchiere del 2008 venisse versato, ho partecipato a una conferenza presentata da sei grandi enologi: Roberto Di Meo, Michele D’Argenio, Gennaro Reale, Fortunato Sebastiano, Massimo Di Renzo e Vincenzo Mercurio. Il loro compito è stato diviso in due parti. Prima hanno presentato informazioni sull’annata 2008. La vita in vigna rispetto alle condizioni climatiche, alle precipitazioni ed alle temperature, etc. Dettagli come questi hanno un evidente impatto sulla vita di una vite, su di un acino d’uva e, ovviamente, un impatto determinante su quello che analizzeremo più avanti nel nostro bicchiere. E per quanto riguarda l’annata 2008? Classificata come una annata calda…hot. La giusta quantità di pioggia, temperature ideali per l’Aglianico. Uva arrivata in cantina nella maggior parte dei casi perfettamente sana ed a completa maturità fenolica.  I mosti con una buona gradazione zuccherina (circa 14 gradi Babo) e  un’acidità spiccata. Successivamente, il territorio Taurasi DOCG è stato presentato per noi in quattro zone ben distinte, quattro macroaree. Ogni area è stata esaminata a fondo in modo da poter conoscere alcuni dettagli quali il profilo del terreno, l’altitudine e l’esposizione al sole. Ho ascoltato attentamente questa parte della lezione ben sapendo che sarebbero state informazioni assai utili durante il blind tastino previsto per il giorno successivo. Perché? Perché, per la prima volta nei 10 anni di questo evento, gli organizzatori della Miriade & Partners hanno deciso di presentare i vini in gruppi sulla base di queste quattro zone con una quinta categoria di vini ottenuti con uve provenienti da 2 o più macroaree diverse. Anche loro credevano che fosse importante capire…

Sabato 21 gennaio. Ore 09.50, ho preso il mio posto a un tavolo nel castello di Montemiletto, nel cuore del centro storico e mi preparavo a degustare. Trentasei le cantine erano indicate sul programma per un totale di 60 vini. Taurasi 2008, 2007, 2006 e 2005 5 e Irpinia Campi Taurasini Doc, Irpinia Aglianico Doc e Campania Aglianico IGT 2010-2007 erano disponibili per essere valutati. Io volevo degustare i Taurasi 2008.

Il Territorio di Taurasi

Volevo degustare i vini provenienti da Quadrante Nord-Riva Sinistra. Venticano, Pietradefusi e Torre le Nocelle sono i comuni qui.Questa zona è solitamente più calda delle altre zone, il terreno è argilloso per la maggior parte anche se alcuni settori hanno quote significative di calcare e di sabbia. I vigneti sono distribuiti ad un’altezza tra i 300e i 400 metri sul livello del mare a sud. Il tempo di raccolta inizia da metà ottobre. Vini che si caratterizzano per un profilo sensoriale di tabacco dolce. Volevo sperimentare i profumi ed esplorare i vini di aziende vinicole come Pietracupa, Donnachiara, Colli di Lapio, e I Favati.

 

Pietracupa

Volevo degustare i vini della Valle Centrale-Riva Destra. Vini prodotti nei comuni di Taurasi, Mirabella Eclano, Luogosano, Bonito, Sant’Angelo all’Esca e Fontanarosa. I vigneti qui sono in una zona che è più fresca rispetto alla parte sinistra del fiume e sono collocati ad quota tra i 400-450 metri di altezza. Mi è stato detto che a causa del terreno in questa zona, i vini qui sarebbe stati generalmente più eleganti e saporiti. Qui ho provato i vini dei Feudi di San Gregorio, Ponte Terra, Vigna Villae, Guastaferro, La Molara, Sella delle Spine, e Tenuta Cavalier Pepe.

 

Tenuta Cavalier Pepe

Poi ho voluto degustare i vini del Versante Ovest-Le Terre del Fiano. Questa zona  aveva suscitato la mia curiosità. Questa è una zona conosciuta per il Fiano di Avelllino, ma storicamente invece era un territorio dove si trovavno vigneti di Aglianico. I vigneti qui sono distribuiti tra i comuni di Montemiletto, Montefalcione, Lapio e San Mango sul Calore con un terreno che è sostanzialmente argilloso. Una zona in cui sono stata numerose volte alla ricerca del perfetto Fiano. Dovrei trovare differenze notevoli nei vini presentati? Due le cantine di questa zona; Antico Castello e Benito Ferrara.

 

Ferrara Benito


Ero pronta per degustare i vini provenienti dal Versante Sud-Alta Valle. Ovvero i comuni di Castelvetere sul Calore, Montemarano, Castelfranci e Paternopoli. Aree in cui ho trascorso molto tempo negli ultimi due anni. Vigneti con una’altitudine tra i 450 ed i 700 metri sul livello del mare. Quasi in montagna. Questa zona ha diversi tipi di terreno, ma il dato su cui mi sono soffermata di più è stato che qui le uve hanno più tempo per maturare lentamente e spesso il raccolto viene completato nel mese di novembre. Materie prime ricche di alcool, tannini e acidità. I vini che hanno anche bisogno di un invecchiamento più lungo. Ho provato nove vini di questa zona: Di Prisco, Amarano, Villa Raiano, San Paolo, Tecce, Colli di Castelfranci, Urciuolo, Il Cancelliere, e Contrada Vini.

 

Amarano

Poi… la possibilità di vedere ciò che accade nel mio bicchiere, quando c’è è un mix … un assemblaggio da 2 o più macroaree. Mastroberardino con uve dei loro vigneti di Montemarano e di Mirabella Eclano, mentre Rocca del Principe  utilizzate da uve provenienti da Taurasi e da Montemarano.

 

Rocca del Principe

E così ho assaggiato 24 Taurasi. Ho esaminato quel colore rubino scuro, immerso il naso in un ampio ventaglio di profumi che vanno dalla cenere, alle spezie come pepe ed a una profonda ciliegia matura. Ho assaggiato tannini grezzi, in alcuni casi, lievi in altri, ma raramente travolgenti. Ho trovato un paio di favoriti e qualche sorprese. Alcuni vini erano campioni di botte il che significa che li abbiamo assaggiati mentre è ancora in corso il processo di invecchiamento. In altre parole, l’azienda ritiene che essi non sono ancora pronto per la commercializzazione. Hanno bisogno di tempo.
E va bene così. Perché anche questi vini, all’assaggio, mi ha aiutato a capire un po’ di più sull’ Aglianico, un po’ di più sul territorio, un po’ più di Taurasi … Non voglio paragonare una zona all’altra in termini di qualità. Non é bello quel che é bello, ma é bello quel che piace. Ogni azienda ha la propria interpretazione del Taurasi. Naturalmente ho delle preferenze ma rispetto e so  apprezzare le loro differenze.

Perché per degustare Taurasi dovete capire Taurasi.

Almeno questo è quello che credo …
Versione in Inglese

22 Gennnaio,Taurasi Vendemmia 2008 a Montemiletto (Av)

Pubblicato da aisnapoli il 12 - gennaio - 2012Versione PDF

Presentazione delle nuove annate di Taurasi e Taurasi Riserva

L’edizione 2012 si focalizza sulla vendemmia 2008, annata che si preannuncia particolarmente interessante per qualità media e punte di eccellenza. Le aziende partecipanti potranno proporre in degustazione anche i loro Taurasi Riserva nonché cru e selezioni di altre annate che si avvalgono di affinamenti prolungati, senza trascurare la possibilità di assaggiare i primi campioni di Irpinia Campi Taurasini Doc, Irpinia Aglianico Doc e Campania Aglianico Igt della vendemmia 2010.

Le Sessioni di degustazione

Taurasi vndemmia 2008 è una rassegna riservata al pubblico di giornalisti ed operatori, e sarà possibile parteciparvi esclusivamente su invito, previa prenotazione e fino

ad esaurimento posti. A differenza di precedenti iniziative, infatti, non vi saranno banchi d’assaggio aperti al pubblico e gli operatori accreditati avranno a disposizione una postazione dove assaggiare seduti e con calma i vini in degustazione, con il servizio assicurato dall’Associazione Italiana Sommelier – Delegazione di Avellino.

A tal fine saranno programmate due ampie sessioni di assaggio: i giornalisti nazionali ed internazionali accreditati avranno a disposizione tutta la giornata di sabato 21 gennaio, mentre la giornata di domenica 22 gennaio sarà riservata al pubblico di ristoratori, enotecari, operatori, media locali e membri delle principali associazioni enogastronomiche, con un sistema di prenotazioni e servizio articolato in due fasce orarie, dalle ore 15:30 alle ore 18:30, e dalle ore 19:00 alle ore 22:00.

Sempre domenica 22 gennaio, alle ore 21, si terrà la degustazione guidata a cura dell’Ais – Delegazione di Avellino, “Un passo indietro: i Taurasi 2007”

(prenotazione obbligatoria, fino ad esaurimento posti).

Le Aziende partecipanti ( clicca qui per Taurasi 08 – Aziende Partecipanti)

Per informazioni e prenotazioni:

Miriade & Partners Srl Diana Cataldo – tel. +39 320.4332561 Massimo Iannaccone – tel. +39 392.9866587
E-mail: segreteria@miriadeweb.it Sito Internet: www.taurasivendemmia.miriadeweb.it (in costruzione

Di Anna Ruggiero , Fabiola Maresca e  Daniela Prisco

Una domenica per le valli del Taurasi, tra laboratori, visite in cantina, balli e assaggi.

E’ una calda domenica d’estate e le Charlie’s Angels sono in viaggio per la nuova missione: Rosso Taurasi. Conoscere vini, terre, vigneti e qualche produttore!

L’occasione del viaggio è la manifestazione organizzata dalla condotta SlowFood di Irpinia Colline dell’Ufita e Taurasi e le attività ed gli eventi organizzati per  far conoscere il territorio del Taurasi.

Partiamo di prima mattina perché abbiamo prenotato il laboratorio del gusto delle ore 12.

Il navigatore ci indica la strada e cominciamo a confrontarci su cosa fare. Il programma è fitto. E’ possibile visitare le cantine ma anche partecipare a una visita guidata con un percorso sensoriale del centro antico di Taurasi. Nel borgo sono stati allestiti punti di promozione sia dei produttori di vino sia delle altre produzioni della Comunità Contadine della Biodiversità. La locandina è davvero chiara. Sono elencate le aziende aderenti alla manifestazione, divise per territorio, con i recapiti e le coordinate da utilizzare con il navigatore satellitare. Ben fatto. Mi sarà utile per la prossima occasione a Taurasi.

Arriviamo in orario. Il paesaggio è davvero bello e ci dirigiamo verso il Castello Marchionale di Taurasi. Lo conosciamo già. Ci siamo state in occasione della presentazione della guida Slow Wine 2011. Il borgo medievale ci accoglie con i suoi preparativi. E’ caldo, ma le persone ci ricevono con un sorriso, pronti a fornirci mille spiegazioni. Li salutiamo precisando che visiteremo il borgo nel pomeriggio e andiamo ad accreditarci. Ci accoglie Alessandro Barletta sommelier e referente della condotta SlowFood. Prendiamo il nostro bicchiere e con l’addetta del servizio The Wine Bus ci accordiamo per le visite in cantina che faremo dopo il laboratorio. L’inizio del laboratorio è posticipato alle tredici e scegliamo di visitare il borgo. Passeggiamo tra le vie strette per arrivare all’altra estremità del borgo e godere dello splendido panorama. Risalendo Daniela ed io non possiamo non fermarci ad assaggiare la frittura di verdure che una delle signore ci propone. Ritornate al Castello giriamo per le sale ammirando la bellezza degli arredi ed i diversi vini esposti nell’Enoteca Regionale dei Vini d’Irpinia.

Alle 13,20 ha inizio “Il laboratorio del gusto” con degustazione dei vini in abbinamento una pasta al ragù con prodotti delle Comunità Contadine locali.

Le aziende vitivinicole ospiti sono “Boccella” di CastelFranci, “Il Cancelliere” di Montemarano e “Antico Borgo” di Taurasi. Partecipano al laboratorio Raffaele Boccella con la moglie, dell’azienda “Boccella”, Nadia Romano dell’azienda “Il Cancelliere” e Raffaele Inglese di cantine “Antico Borgo”,  insieme ai responsabili della condotta Slow Food. Sono proposti nell’ordine: Boccella 2006, Il Cancelliere NeroNè 2006, Antico Borgo 2005.

Il Taurasi è un vino prodotto da uve di Aglianico che richiede 3 anni di invecchiamento obbligatorio, di cui uno almeno in botti di legno. Geograficamente è un territorio con forti differenze pedoclimatiche ed elevate altitudini. Emerge dall’intervento dei produttori come queste differenze siano decisive nella produzione. La scelta di presentare l’annata 2005 di Antico Borgo non è casuale. Il 2006 è stata un annata infelice per lui. La diversa esposizione dei vigneti, rispetto alle altre aziende, lo ha penalizzato tanto da scegliere di non produrre quell’annata a causa di un forte temporale. Entrambi le aziende sono di piccole dimensione ed a conduzione familiare. Adottano tecniche di produzioni naturali e vanno verso il biologico.

Nello stesso tempo sono esempi di Taurasi di diversa personalità sia nelle profumazioni sia al gusto.

Antico Borgo 2005 presentava una leggera prevalenza delle durezze, in particolare dell’acidità e ciò lo rendeva estremamente “giovane” all’assaggio. Molto equilibrato invece il “2000″ che abbiamo assaggiato in conclusione del laboratorio, con un bel corpo, un ricco bagaglio di profumi che spaziavano dalle note di amarena e marasca ai sentori di pepe nero. E’ vero il Taurasi è come l’amore ha bisogno di tempo per diventare importante. Morbido e ben svolto il tannino. Le altre due bottiglie di Boccella e di Il Cancelliere, sono state una bella sorpresa, non avendo mai prima d’ora assaggiato le due aziende. Entrambe una sintesi molto ben svolta del concetto del Taurasi e dell’impronta del frutto che si armonizza e viene esaltato dal passaggio in botte piccola e grande

Arriva la pasta al ragù di panzetta di agnello, con pecorino e cacio di ricotta. Può sembrare un piatto molto strutturato, per non dire pesante, alle 13 di una calda domenica di luglio. Invece no. La semola si amalgamava benissimo con il sugo che non era olioso né speziato in modo predominante su un gusto piuttosto che su un altro. C’erano equilibrio e armonia tra i sapori. Per obbligo di studio ho assaggiato la pasta. La tenerezza della carne è stata apprezzata dalle mie colleghe. Interessante anche l’intervento del referente delle Comunità contadine che ha preparato il piatto. Sono stati utilizzati prodotti del territorio di antica tradizione. La panzetta di agnello è un ripieno con uova, formaggi, soffritti al sugo e frattaglie utilizzato per la preparazione del ragù.  Il cacio di ricotta è un formaggio locale molto speziato. Il Taurasi è un vino del piacere, della meditazione, da bere anche con abbinamenti nuovi come legumi e verdure.

Il laboratorio termina piacevolmente e, noi, agenti in missione, scappiamo alla volta del Wine Bus che ci porterà in giro. Sono le 14.30 circa, il sole arde, ma Gaetano, nostro conducente, ci accoglie nel fresco del suo pulmino per portarci alla prima tenuta. Scegliamo di visitare le cantine di Luigi Tecce a Paternopoli.

Luigi Tecce è un personaggio da mille e una notte. Arriva con un cappello di paglia. Si è appena svegliato. Stava riposando. La sua personalità emerge subito. “La mia è una piccola masseria ancora in ristrutturazione, con angoli sconnessi” ci dice. Ci dedicata due ore senza mai fermarsi. Ha un’energia di un grillo e mi compisce il piglio deciso delle sue parole. Ha scelto di diventare viticoltore dopo la morte del padre. Ci racconta che non ha studi in materia né si è dato pena di farli. Lui studia quotidianamente la vite. Alle spalle le conoscenze tramandate dalla famiglia che da quattro generazioni produce vino. Non usa macchinari, non si avvale di enologi e fa scelte azzardate. Quest’anno ad esempio ha ritardato di due settimane la vendemmia perché la stagione era più calda, lasciando alle piante tempo di maturare. Produce Poliphemo dal 2005, prima annata di uscita, vino che si è imposto per qualità e originalità. Prima era prodotto anche Satyricon Irpinia IGT. Ci porta in cantina e ci lascia assaggiare il 2007. Ci racconta che questa è la cantina dei suoi nonni e che il vino è realizzato solo con lieviti autoctoni, sempre nello stesso luogo. E’ un vino con sentori di mora, di spezie e cioccolato. In bocca è come un caldo abbraccio, senti la sua forza ma anche il suo equilibrio. Le sorprese però non sono finite. Nella sala antistante troviamo, interrate, in una vasca con reperti archeologici, delle terrecotte con il vino. Sembra di essere tornati all’epoca dei romani. Sta sperimentando la produzione dell’Aglianico in terracotta e ci lascia assaggiare il vino. Appena versato, l’odore è molto intenso. Poi il vino si apre e lascia emergere tutte le note della frutta rossa. Al gusto è una piacevole sorpresa.  Continuiamo a visitare la tenuta e andiamo ai vigneti. Un prato verde al sole che ci emoziona. Che dire ci siamo prenotati per partecipare alla prossima vendemmia a novembre per vedere da vicino come nasce questo vino. Certo sarà duro, la racconta è rigorosamente a mano, con selezione dei grappoli migliori su piante che hanno dai trenta agli ottanta anni.

Siamo state davvero bene e salutiamo Luigi per dirigerci da Nadia Romano del “Il Cancelliere” che abbiamo incontrato al laboratorio. Ci accoglie con dolcezza ma la sua sapienza e voglia di dare mi colpisce. Ci porta tra i vigneti e ci racconta di come abbiano scelto di disporre le nuove viti. Siamo a oltre 500 metri di altitudine, sono vigne giovani, di appena dodici anni. La sua famiglia è molto attenta a produrre uve di ottima qualità, controllando con attenzione le vigne. La produzione è prevalentemente biologica. Ci racconta degli interventi alla vite e delle malattie che possono danneggiarla con un’esauriente spiegazione sulle problematiche causate da oidio e peronospora. Più della metà della produzione è venduta a terzi.

Passiamo in cantina e Nadia ci lascia assaggiare le diverse produzioni e annate che racconteremo poi. Producono Taurasi doc base e riserva, Irpinia Aglianico doc e due esperimenti in corso, un Ripasso di Aglianico e un Passito di Aglianico, destinati ancora solo agli amici.

Restiamo fino alle 18 al fresco della cantina a confrontare le annate. La visita è stata davvero esaustiva e vi consigliamo, se andate in quei territori di andar a visitarli. Gaetano, in nostro driver, deve rientrate a Taurasi. Salutiamo Nadia e la famiglia Romano e torniamo a Taurasi, non prima però di una sosta alle vigne dei Feudi di San Gregorio. Gaetano ci racconta nel corso del viaggio degli altri produttori e dei diversi eventi che saranno organizzati nelle prossime settimane. E’ un fiume d’informazioni, attento conoscitore del territorio e dei vignaioli.

La missione Taurasi non è terminata. Al borgo ci intratteniamo per le degustazioni degli altri vini del Il CancelliereAntico Borgo. Rivedo con vero piacere Antonella Lonardo e Flavio Castaldo di “Cantine Lonardo”. Flavio è intento a ballare la tarantella che è iniziata in piazza.  Antonella ci porta in una piccola casa nei pressi della piazza, dove assaggiamo il Grecomusc igt Campania, lasciandoci raccontare il territorio. I Lonardo producono anche Taurasi doc versione base e riserva e Aglianico IGT. Ci lasciamo coccolare dal loro bianco e approfittiamo per riposarci un po’, prima di riprendere il nostro giro. C’è ancora tanto da scoprire per le Wine Charlie’s Angels! La nostra missione ora sono formaggi e prodotti locali. Andiamo al banco di degustazione del Caseificio Buccino Pasquale. Le signore addette alla vendita ci lasciano assaggiare di tutto. Ricottine speziate, Caciotte, Formaggio al tartufo. Comincia la nostra spesa e tempestiamo di domande le signore che contente si lasciano anche fotografare.

Passiamo ai banchi di frutta e ortaggi. Ci colpiscono i peperoncini verdi che Fabiola acquista insieme con altre verdure. Ci sono poi miele, spezie e altri formaggi. Finito lo shopping di prodotti e vini, ci riposiamo nella piazzetta antistante, ammirando i ballerini della La Tarantella Montemaranese. Ultimi assaggi salsicce alla brace per le mie colleghe e formaggio fuso per tutte. Sazie, contente beviamo l’ultimo bicchiere di Taurasi fumando un buon sigaro toscano, mentre la luna si fa alta.

Torneremo presto in missione a Taurasi, per visitare le altre cantine e per confrontare le diverse annate…tanto ora abbiamo anche le coordinate satellitari.

www.condottaufitataurasi.it

www.cantineanticoborgo.com

www.boccellavini.it

www.ilcancelliere.it

www.contradeditaurasi.it

www.thewinebus.it

www.enotecataurasi.it

www.comune.taurasi.av.it

www.slowine.it

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 26 mar 2019 al 27 mar 2019 alle ore:20:30

      26 Marzo, Roberto Anesi racconta il Pinot Nero dell'Alto Adige

      Mancano: 03:02 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 07 mag 2019 al 07 mag 2019 alle ore:20:00

      Corso Sommelier della Birra n.10, in partenza il primo livello da Babette dal 7 Maggio

      Mancano: 42 giorni e 02:32 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags