Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

“ Falerno in Arte”
il pulcinella di Antonio Nocera per i vini di Villa Matilde

27545428_10215684658530712_5336455355866546053_n

Si chiama Falerno in Arte il nuovo progetto dell’azienda vinicola Villa Matilde che coniuga cultura del vino ed arte e che ieri è stato presentato a Palazzo Petrucci da Mauro Giancaspro, Maria Ida Avallone e da Antonio Nocera, l’artista che ha firmato le etichette speciali per il Falerno, vino di punta dell’azienda di Cellole.

Antonio Nocera, napoletano di Caivano, classe 1949, noto in Italia e in Europa per le sue originali interpretazioni del Pulcinella, ha realizzato per Villa Matilde un’etichetta gioiosa, dall’anima schiettamente partenopea, vagamente sospesa tra il sacro e il profano: un Pulcinella evanescente su campo azzurro con scarpe e tiara rossa, chiaro rimando all’iconografia di San Gennaro, il santo patrono di Napoli. Solo 1500 etichette per altrettante bottiglie presentate in 500 confezioni che combinano con eleganza arte e buon vino. La confezione, in tiratura limitata e numerata, prevede tre bottiglie: due di Falerno del Massico rosso annata 2012 e una di Falerno del Massico bianco annata 2016. Due vini di spiccata personalità come il Falerno del Massico bianco, da uve Falanghina, e il Falerno del Massico rosso, da uve Aglianico e Piedirosso raccolte dopo accurata selezione nei vigneti collinari della tenuta di San Castrese, alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina.
Non casuale la sede della presentazione: il ristorante di Palazzo Petrucci a Posillipo che già accoglie alcune opere dell’artista, due sculture e la grande tela il Bosco incantato (tecnica mista su tela).
Giancaspro, curatore del libro ” Pulcinella Maschere e Buffoni della Commedia Italiana” (di Maurice Sand) ha illustrato il percorso artistico di Nocera ricordandone l’approccio onirico e la passione per l’immagine di Pulcinella a cui ha dedicato gran parte della sua ricerca con mostre a Parigi e Bruxelles e il volume doppio a tiratura limitata “The Adventures of Pinocchio” – presentato a Londra nel 2015 – sotto il patrocinio della Fondazione Nazionale Carlo Collodi e insieme alle Editions Redberry Art London.

L’ARTISTA
Antonio Nocera è nato a Caivano (NA) nel 1949, ha studiato presso l’Istituto d’Arte e l’Accademia di Belle Arti di Napoli, frequentando i corsi di pittura, scenografia e scultura, inoltre si è interessato alla lavorazione del cuoio, della ceramica e di tutte le tecniche di stampa.
Nel 1970 si trasferisce a Milano e presso la Galleria la Ripa tiene una delle sue prime mostre. Espone quindi in Francia, Svizzera e Inghilterra consolidando il filone di «Pulcinella». Nel 1988 si trasferisce a Roma collaborando con la Zecca dello Stato e le Istituzioni Parlamentari. Nel 1989 viene invitato dal comitato per le celebrazioni del Bicentenario della Rivoluzione Francese per una mostra al Parlamento Europeo a Strasburgo e poi a Roma con il patrocinio dell’Ambasciata di Francia. Si susseguono numerose personali e committenze internazionali. Ad Aprile ’98 viene presentato un suo bassorilievo al Santo Padre Giovanni Paolo II sul tema «Anno 2000». Nel 2001 propone in anteprima la collezione di sculture gioiello «La Luna e lo Zodiaco» ed il ciclo «Pinocchio e la Luna» che poi è stato esposto dal 2002 – 2003 seguendo un itinerario internazionale. Espone i suoi Pinocchio a Parigi e a Bruxelles. Nel 2011 è presente alla 54a Biennale di Venezia (Corderia dell’Arsenale, Tesa delle Vergini) con un’installazione in ferro, vetro di Murano, corda e bronzo. Nel 2013 è alla 55a Biennale di Venezia con una propria personale. Nel 2015 presenta a Londra il nuovo volume doppio a tiratura limitata “The Adventures of Pinocchio” sotto il patrocinio della Fondazione Nazionale Carlo Collodi e insieme alle Editions Redberry Art London. www.antonionocera.com

Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 Cellole (CE) www.villamatilde.it

3523315_1422_fa-jpg-pagespeed-ce-hiv56gugm

“ Falerno in Arte”
le etichette d’artista di Antonio Nocera per il Falerno del Massico di Villa Matilde

Presentazione Mercoledì 7 febbraio alle 17.30 a Palazzo Petrucci

Mercoledì 7 febbraio, alle 17.30, sarà presentato a Palazzo Petrucci (via Posillipo, 16) il progetto Falerno in arte: le etichette d’artista di Antonio Nocera per il Falerno del Massico Dop di Villa Matilde. Con l’artista interverranno Maria Ida e Salvatore Avallone di Villa Matilde e Mauro Giancaspro curatore del libro ” Pulcinella Maschere e Buffoni della Commedia Italiana” (di Maurice Sand).

Antonio Nocera, noto in Italia e in Europa per le sue originali interpretazioni del Pulcinella, ha disegnato per Villa Matilde un’etichetta gioiosa, dall’anima schiettamente partenopea, vagamente sospesa tra il sacro e il profano: un Pulcinella evanescente su campo azzurro con scarpe e tiara rossa, chiaro rimando all’iconografia di San Gennaro, il santo patrono di Napoli. Solo 1500 etichette per altrettante bottiglie presentate in 500 confezioni che combinano con eleganza arte e buon vino. La confezione, in tiratura limitata, prevede tre bottiglie: due di Falerno del Massico rosso annata 2012 e una di Falerno del Massico bianco annata 2016. Due vini di spiccata personalità che ben si accompagnano ad abbinamenti diversi: il Falerno del Massico bianco, da uve Falanghina, vinificato in purezza, di colore giallo paglierino e profumo profondo ed elegante, con sentori di frutta matura, fiori di ginestra e rosa, delicate note di salvia e vaniglia, dal sapore ricco e persistente; il Falerno del Massico rosso, da uve Aglianico e Piedirosso raccolte dopo accurata selezione nei vigneti collinari della tenuta di San Castrese, alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina, ha profumo intenso e complesso di viola, frutti neri, ciliegia, more e lamponi; sapore pieno, elegante ed armonico. Si sposa con primi piatti saporiti di carne, arrosti e brasati.

Il progetto Falerno in arte viene presentato presso il ristorante di Palazzo Petrucci a Posillipo che già accoglie alcune opere dell’artista: il primo piano del ristorante, infatti, da poco rinnovato, presenta una grande tela di Nocera – che nelle tonalità del blu sembra richiamare il mare che prorompe dalle finestre – e due sculture, due busti di donna che evocano leggerezza e sensualità. Alla presentazione segue l’aperitivo curato dallo chef Lino Scarallo Una stella Michelin, resident di Palazzo Petrucci, in abbinamento ai vini di Villa Matilde: piccoli assaggi in punta di dita, sintesi di alta cucina e ricerca estetica.

L’ARTISTA
Antonio Nocera è nato a Caivano (NA) nel 1949, ha studiato presso l’Istituto d’Arte e l’Accademia di Belle Arti di Napoli, frequentando i corsi di pittura, scenografia e scultura, inoltre si è interessato alla lavorazione del cuoio, della ceramica e di tutte le tecniche di stampa.
Nel 1970 si trasferisce a Milano e presso la Galleria la Ripa tiene una delle sue prime mostre. Espone quindi in Francia, Svizzera e Inghilterra consolidando il filone di «Pulcinella». Nel 1988 si trasferisce a Roma collaborando con la Zecca dello Stato e le Istituzioni Parlamentari. Nel 1989 viene invitato dal comitato per le celebrazioni del Bicentenario della Rivoluzione Francese per una mostra al Parlamento Europeo a Strasburgo e poi a Roma con il patrocinio dell’Ambasciata di Francia. Si susseguono numerose personali e committenze internazionali. Ad Aprile ’98 viene presentato un suo bassorilievo al Santo Padre Giovanni Paolo II sul tema «Anno 2000». Nel 2001 propone in anteprima la collezione di sculture gioiello «La Luna e lo Zodiaco» ed il ciclo «Pinocchio e la Luna» che poi è stato esposto dal 2002 – 2003 seguendo un itinerario internazionale. Espone i suoi Pinocchio a Parigi e a Bruxelles. Nel 2011 è presente alla 54a Biennale di Venezia (Corderia dell’Arsenale, Tesa delle Vergini) con un’installazione in ferro, vetro di Murano, corda e bronzo. Nel 2013 è alla 55a Biennale di Venezia con una propria personale. Nel 2015 presenta a Londra il nuovo volume doppio a tiratura limitata “The Adventures of Pinocchio” sotto il patrocinio della Fondazione Nazionale Carlo Collodi e insieme alle Editions Redberry Art London. www.antonionocera.com

Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 Cellole (CE) www.villamatilde.it

Vernissage su Invito: 7 febbraio Palazzo Petrucci 17.30 > 19.30 a Palazzo Petrucci ( Via Posillipo, 16- Napoli) per info DIPUNTO STUDIO www.dipuntostudio.it

30 Gennaio, WINE&FLIGHT di Villa Matilde con Carlo Olivari

Pubblicato da aisnapoli il 26 - gennaio - 2017Versione PDF

wine & flightLUNEDI 30 GENNAIO DALLE 19,00

Lo chef Carlo Olivari per WINE&FLIGHT di Villa Matilde 

al Tradizione Italiana Cocktail Bar dell’Aeroporto Internazionale di Napoli 

Lo chef Carlo Olivari è il protagonista del terzo e ultimo appuntamento di Wine&Flight di Villa Matilde al Tradizione Italiana Cocktail Bar dell’Aeroporto Internazionale di Napoli.

Lunedì 30 gennaio, dalle ore 19, Olivari, chef itinerante per scelta e vocazione, si esibirà in una originale performance gastronomica: “Spume di vino, l’aperitivo è servito”.

Negli spazi del Cocktail Bar di Tradizione Italiana, allestiti per l’occasione con botti e bottiglie in uno special set progettato da Valentina Pisani Architetto, Olivari condurrà una vera e propria lezione di cucina con dimostrazione live: tema della lezione è come realizzare un aperitivo in modo facile e gourmet con spume e crostini. La morbidezza delle spume incontra pani e cialde croccanti in un mix di leggerezza e gusto. In abbinamento i vini di Villa Matilde, dagli spumanti da Falanghina e Aglianico al Falerno Rosso e Bianco, emblema dell’azienda guidata dai fratelli Salvatore e Mariaida Avallone.  A seguire serata danzate a ritmo di Swing.

L’iniziativa rientra nella programmazione di eventi promossi da Italian Food Tradition e Gesac Aeroporto di Napoli nel Tradizione Italiana Cocktail Bar, il bar inaugurato un anno fa nel ground floor dell’Aeroporto dove sono protagoniste alcune delle più importanti aziende campane riunite nel consorzio Tradizione Italiana.

Wine&Flight è aperto a tutti – passeggeri in transito, turisti, ma anche residenti – e nasce da un’idea di Villa Matilde, per far conoscere la storia dell’azienda e del vino Falerno riscoperto proprio grazie alla dedizione agli studi e alla ricerca di Francesco Paolo Avallone, fondatore di Villa Matilde.

LO CHEF

Con la sua Cooking Division, Olivari cucina in luoghi sempre diversi e spesso non convenzionali: dalle boutique di lusso alle chiese sconsacrate, passando per musei e spazi privati. Cuoco e designer, è talento eclettico e nomade.

In occasione di “Wine&Flight di Villa Matilde” tutti gli ospiti potranno usufruire del parcheggio multipiano dell’Aeroporto alla speciale tariffa unica di 2 euro.

Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 – 81030 Cellole (CE)//tel. +39 0823.932088//www.villamatilde. it

ufficio stampa dipunto studio  081 681505 www.dipuntostudio.it

16 Gennaio, Wine&Flight Il vino è storia con Villa Matilde

Pubblicato da aisnapoli il 15 - gennaio - 2017Versione PDF

Wine & FlightLunedì 16 gennaio dalle ore 19.00 Il vino è storia
Il Falerno decantato da Plinio, Ovidio e Marziale. Lettura performativa a cura di Marialuisa Firpo e accompagnamento musicale (arpa) e degustazione commentata con il Falerno di Villa Matilde.

villa-matilde-veduta-vigneti-logoWine&Flight VILLA MATILDE ALL’AEROPORTO INTERNAZIONALE DI NAPOLI
UN MESE DI DEGUSTAZIONI ED EVENTI SULLA CULTURA DEL VINO

Per l’intero mese di Gennaio 2017 il Falerno del Massico di Villa Matilde sarà il grande protagonista di “Tradizione Italiana Cocktail Bar” all’Aeroporto Internazionale di Napoli.
Wine&Flight è un mese per celebrare il vino più antico della Campania e d’Italia, elogiato dai più importanti critici internazionali, tra degustazioni guidate, reading e performance culinarie. L’iniziativa rientra nella programmazione di eventi promossi da Italian Food Tradition e Gesac – Aeroporto di Napoli nel Tradizione Italiana Cocktail Bar, il bar inaugurato un anno fa nel ground floor dell’Aeroporto dove sono protagoniste alcune delle più importanti aziende campane riunite nel consorzio Tradizione Italiana.
Wine&Flight è aperto a tutti – passeggeri in transito, turisti, ma anche residenti – e nasce da un’idea di Villa Matilde Azienda, per far conoscere la storia dell’azienda e del vino Falerno riscoperto proprio grazie alla dedizione agli studi e alla ricerca di Francesco Paolo Avallone, fondatore di Villa Matilde.

Il 9, il 16 e il 30 gennaio il Falerno del Massico sarà al centro di tre eventi speciali con altrettanti prestigiosi ospiti. Ma non solo. Per tutto il mese dalle ore 11.30 alle ore 15.00 si potrà approfondire conoscenza e tecniche di degustazione delle migliori selezioni di vini di Villa Matilde che raccontano l’identità forte della Campania Felix, dall’Ager Falernus, un’area della provincia di Caserta, sino alle province di Benevento e Avellino. Si avrà anche la possibilità di scoprire i vini della Tenuta Rocca dei Leoni, nel cuore del Sannio beneventano e Tenuta d’Altavilla, nel distretto delle Docg irpine, in provincia di Avellino con la guida di un Sommelier.
Si inizia lunedì 9 gennaio alle ore 19.00 con la speciale performance culinaria dello chef neo stella Michelin Gianluca D’Agostino del ristorante Veritas di Napoli. In esclusiva per Villa Matilde, D’Agostino proporrà alcuni piatti in abbinamento al Falerno sia bianco che rosso, accompagnato da sonorità jazz live.

Si prosegue lunedì 16 gennaio alle ore 19.00 con il reading sulle origini del Falerno a cura di Maria Luisa Firpo. Il Falerno decantato da Plinio, Ovidio e Marziale, tra storia e letteratura.
Maria Luisa Firpo dal 2002 ha frequentato il corso quadriennale per attore e conduttore di gruppi del Teatro dell’Anima diretto da Dario Aquilina. Un’arpa farà da sottofondo musicale.

Infine lunedì 30 gennaio dalle ore 19.00 alle 20.30 ci sarà la speciale performance gastronomica “Spume di vino, l’aperitivo è servito” con lo chef Carlo Olivari. Chef itinerante per scelta e vocazione, con la sua Cooking Division Olivari cucina in luoghi sempre diversi e alternativi. Per Wine&Flight condurrà una vera e propria lezione di cucina con dimostrazione live: tema della lezione è come realizzare un aperitivo in modo facile e gourmet con spume e crostini e tutti i vini “giusti” da abbinare.

Per l’occasione, per tutto il mese di Gennaio, il “Tradizione Italiana Cocktail Bar” si veste dei colori del vino in un allestimento speciale di botti e bottiglie progettato dallo studio Pisani Morace : tutti i giorni della settimana dalle ore 11.30 alle ore 15.00 un sommelier di Villa Matilde sarà a disposizione per rispondere a quesiti e curiosità, per mostrare i giusti abbinamenti.

Programma:

Lunedì 9 gennaio dalle ore 19.00 Il vino è piacere del palato
Performance culinaria e degustazione a cura di Gianluca D’Agostino, Stella Michelin del Veritas Restaurant di Napoli. Accompagnamento musicale jazz in abbinamento al Falerno di Villa Matilde.

Lunedì 16 gennaio dalle ore 19.00 Il vino è storia
Il Falerno decantato da Plinio, Ovidio e Marziale. Lettura performativa a cura di Maria Luisa Firpo e accompagnamento musicale (arpa) e degustazione commentata con il Falerno di Villa Matilde.

Lunedì 30 gennaio dalle ore 19.00 Spume di vino
Performance culinaria dello chef Carlo Olivari. Spume e crostini con la sac à poche: l’aperitivo è servito. Come preparare un aperitivo in modo facile e gourmand e quali vini abbinare. Accompagnamento musicale jazz e degustazione del Falerno di Villa Matilde.

In occasione di “Wine&Flight di Villa Matilde” tutti gli ospiti potranno usufruire del parcheggio multipiano dell’Aeroporto alla speciale tariffa unica di 2 euro per tutta la durata di ciascuno degli eventi in programma.
—————————————————————————————————————————–

Il Falerno è la storia di Villa Matilde

Alla fine degli anni Cinquanta, Francesco Paolo Avallone, avvocato e appassionato cultore di vini antichi, incuriosito dai racconti di Plinio, dai versi di Virgilio, di Marziale e di Orazio, tutti intorno al vinum falernum, inizia la ricerca di antichi ceppi di vite nella zona del Massico. Dopo anni di studi e letture, coadiuvato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Agraria, Avallone ha trovato pochi ceppi sopravvissuti miracolosamente alla devastazione della filossera di fine Ottocento riportando in produzione il pregiato vino con l’etichetta Villa Matilde, in omaggio alla moglie.
Oggi l’azienda, con sede a Cellole nell’antico Ager Falernum, è affidata ai figli Maria Ida e Salvatore che con dedizione esclusiva proseguono il sogno e il progetto del padre raccogliendone l’importante eredità e guardando ancora oltre: dal territorio del Massico si sono spinti sino alle province di Benevento e Avellino con nuove vigne, nuovi progetti e vini che raccontano l’identità forte della Campania Felix.

Villa Matilde – S.S. Domitiana, 18 – 81030 Cellole (CE)
tel. +39 0823.932 088
www.villamatilde.it

ufficio stampa dipunto studio 081 681505 www.dipuntostudio.it

13413729_10206663684333102_1622094983094509653_n-2

image003-2

Proiezione del film “Che ora è” del 1989 interpretato da Massimo Troisi e Marcello Mastroianni.
Seguirà cena cinegustologica con piatti abbinati ai vini di Villa Matilde commentata da Marco Lombardi.

Prenotazioni e informazioni 0823.932088 info@villamatilde.it

22 Maggio, Fattore C con Villa Matilde da Gourmeet

Pubblicato da aisnapoli il 22 - maggio - 2015Versione PDF

villa-matilde-veduta-vigneti-logoCONAD
in collaborazione con
Associazione Italiana Sommelier Napoli
Gourmeet e Villa Matilde

presentano

Fattore “C” day
Caracci Cecubo Camarato
in degustazione NO stop

In omaggio ogni due bottiglie una confettura di gelatina d’uva

22 Maggio 2015

Gourmeet Via Alabardieri, 8/11 – Napoli tel. 081/ 400302 www.gourmeet.it

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 18 ott 2018 al 18 ott 2018 alle ore:20:30

      18 Ottobre all’Enopanetteria, #Bevolution: lunga vita ai bianchi all’Enopanetteria

      Mancano: 1 giorno e 23:05 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags