Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Vineyard Hopping – Cesinali (Av) – Cantina Del Barone

Pubblicato da aisnapoli il 26 - maggio - 2011 Versione PDF

Di Karen Phillips

Primavera a Cesinali (Av). Ho seguito l’enologo Luigi Sarno in una passeggiata attraverso i vigneti di famiglia. Cantina del Barone. Era tardo pomeriggio… non era ancora vicino il momento del tramonto. Il sole brillava leggermente e giocosamente. Non troppo luminoso, così ho potuto guardare da vicino la vigna  in questo momento particolare del suo ciclo biologico…la fioritura. Il periodo in cui si evidenzia un bel contrasto tra il marrone dei tralci e le giovani foglie verdi con i grappoli di uva ancora molto piccoli. Mi sono fermata vicino ad una vite  in particolare. Una che sembrava svettare come una torre sopra il resto. Sembrava più un albero di  vite. Quello? Oltre un centinaio di anni, Luigi ha affermato.

Wow .. la mia risposta in silenzio …

Abbiamo continuato a camminare, abbiamo visto il pavone ed  il pollaio, lungo il sentiero che porta vicino a casa di Luigi. Un percorso che divide praticamente il vigneto di Sarno  in due sezioni. Da una parte, i vigneti che sono stati piantati nel 1987. Quasi 2 ettari di vigneti piantati in filari di 2m x 2 m con esposizione est / ovest. Con queste uve, facciamo il nostro Fiano di Avellino DOCG, Sarno mi ha spiegato. Un vino che la famiglia produce dal 1998.

Ma qui, qui è una storia diversa …
Qui era un pezzo di proprietà del Sarno noto come Particella 928. Un pezzo di territorio dalla forma di un poligono a cinque lati che occupa circa mezzo ettaro. In questa parte del vigneto Luigi ha piantato nel 2001. Ma Luigi ha voluto provare qualcosa di diverso. Ha modificato la posizione delle viti. I filari sono orientati a nord / sud per ottenere di più dal sole che irradia Cesinali durante il giorno. Luigi ha sottolineato la leggera differenza nelle dimensioni delle foglie di questi ceppi rispetto a quelle che avevo visto in precedenza. Poi, un altro punto chiave … Per ottenere il massimo dalle sue vigne, ha disposto la vigna con i filari ad una  distanza di 2 metri e mezzo e solo 1 ½ m tra ogni ceppo. Un’ultima cosa, Karen … Luigi punta verso il basso in modo che possa vedere la parte basale della vite. La parte dove la vite colpisce la terra. E ‘stato qui che ho potuto vedere che la terra intorno alla vite era stata rimossa, esponendo le radici. Perché? … Perchè queste radici sarebbero state tagliate. In questo modo, le radici più vecchie, quelli più profonde avrebbero continuato a scavare nel sottosuolo in cerca di umidità … alla ricerca di minerali dentro una terra argillosa e piena di ciottoli.

A questo punto, Angelo Muto ci ha raggiunto. Era tempo di andare alla cantina e vedere lì cosa stava succedendo e  gustare un paio di vini. Anche se la nostra giornata è stata dedicata al Fiano, Cantina del Barone, in passato ha vinificato Aglianico, Taurasi e anche Greco di Tufo.

Ci siamo diretti verso la prima vasca. La vasca che conteneva  la Particella 928 del 2010. Vino prodotto dal piccolo vigneto che avevo visto appena poco prima. Noi tre abbiamo esaminato un vino che era in maturazione sulle fecce. Sarno ha sottolineato la presenza della carbonica come fondamentale per proteggere in questa fase il vino dall’ossidazione. Ancora qualche settimana e il vino sarà travasato, filtrato ed imbottigliato. 5.000 bottiglie di Particella 928 DOCG. Luigi mi ha fatto vedere due versioni dell’ ettichetta … ognuna con un disegno del vigneto a forma di poligono a cinque lati.

Nella vasca successiva riposava il Fiano base. Questo vino era già stato sottoposto a  filtrazione e non maturava sulle fecce come il vino precedente. Ed era per questo che il naso era più ‘pulito’. Già aromi di frutta cominciavano lentamente ad insinuarsi… un tocco leggero di nocciola. Quasi pronto, ha detto Luigi ad Angelo ed a me.. e credo anche a se stesso .

Si è fatto tardi, dovevo ormai tornare a casa un lungo tragitto mi aspettava. Luigi ha chiuso la cantina e ha notato il mio sguardo su di una vite che stava crescendo attraverso un foro in una parete di cemento nelle vicinanze.

Karen, questo è una vite di Sciascinoso. L’aveva notata qualche anno fa crescere attraverso questo muro e gli ha dato una direzione, ogni tanto la guida verso l’alto fino a quando non ha  finalmente trovato la sua strada ed è fiorita per conto proprio.

Mi chiedo se Luigi ha notato la similitudine tra questa vite e la sua cantina. La sua cantina, che nel corso degli anni, è stata guidata e diretta da lui verso l’alto. Per finalmente fiorire negli occhi della stampa e degli appassionati di vino.

Probabilmente no …

Versione in Inglese

Cantina del Barone
Via Nocelleto, 21
Cesinali (Av)

Commenta

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): aisnapoli.it nel rispetto della legge italiana n. 196/2003 per la tutela della privacy ti informa che i dati personali che desideri comunicare al sito tramite gli appositi moduli (non obbligatori) saranno utilizzati unicamente per rispondere alle domande ed alle richieste inviate nonché per la normale gestione del forum e della newsletter. aisnapoli.it è il titolare della gestione di tali dati che non verranno ceduti a terzi, tuttavia potrebbero essere utilizzati da aisnapoli.it per future comunicazioni, anche a scopo promozionale di servizi esterni a aisnapoli.it. Inviando i tuoi dati, insieme alle richieste, all'iscrizione al forum ed alla newsletter, autorizzi aisnapoli.it ad utilizzarli come appena descritto. Tutti i dati personali disponibili a aisnapoli.it sono quindi raccolti direttamente online, all'atto della registrazione ad un servizio (a titolo di esempio: sito, newsletter, forum) e solo previa presa visione dell'informativa. Il conferimento di tali dati personali non ha carattere obbligatorio, ma l'eventuale rifiuto a fornirli impedisce, in relazione al rapporto tra il dato ed i servizi richiesti, l'esecuzione del servizio. Qualora deciderai di fornire i tuoi dati personali per utilizzare i servizi del sito, come espresso in questa pagina, dichiari di accettare e fornire il consenso al trattamento con l'atto dell'invio. Come richiesto dalla legge sulla privacy hai sempre diritto di ottenere da aisnapoli.it la conferma dell'esistenza o meno dei tuoi dati personali negli archivi di aisnapoli.it e la loro messa a disposizione in forma intellegibile, inoltre puoi richiedere di conoscere l'origine dei dati (aisnapoli.it registra l'indirizzo IP, la data e l'ora di ogni invio di dati), nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento. Puoi sempre richiedere ed ottenere la cancellazione dei tuoi dati personali, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Puoi infine opporti, per motivi legittimi, al trattamento stesso il che avvierà la procedura di cancellazione dei tuoi dati dai sistemi di aisnapoli.it.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 23 feb 2018 al 23 feb 2018 alle ore:20:00

      23 Febbraio, Metti un Carema a Cena…all’Enopanetteria con Ais Napoli

      Mancano: 3 giorni e 21:11 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags