Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 21 nov 2018 al 21 nov 2018 alle ore:20:30

      21 Novembre, Le annate storiche di Terlano all’Enoteca Scagliola

      Mancano: 2 giorni e 05:48 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
    • dal 30 nov 2018 al 30 nov 2018 alle ore:20:00

      30 Novembre, Umani Ronchi e i vini della Costa Adriatica all’Hotel Renaissance con Ais Napoli

      Mancano: 11 giorni e 05:18 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    diapositiva1ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    Umani Ronchi, I vini della Costa Adriatica

    Hotel Mediterraneo Renaissance

    30 Novembre ore 20

    Ingresso riservato ai soci Ais: 15 Euro

    Prenotazione obbligatoria e impegnativa

    Info e prenotazione: 

    info@aiscampania.it

    Umani Ronchi, Produttori di Vino in Marche e Abruzzo. La storia di Umani Ronchi è una storia di vite, viti, terre e valori. Di stagioni che si rinnovano, di vendemmie che ogni anno regalano frutti diversi e unici, di vini che nascono e viaggiano nel mondo. Una storia che inizia più di cinquanta anni fa, a Cupramontana, dove pulsa il cuore del Verdicchio classico… e si declina nei vini della costa adriatica.

    In degustazione

    La Hoz Rosè – Metodo Classico a base di uve Montepulciano della zona del Conero

    Plenio – Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG Classico

    Vecchie Vigne – Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico Superiore

    Centovie – Colli Aprutini IGT Pecorino – Biologico

    Cumaro – Conero Riserva DOCG

    Pelago – Marche Rosso IGT

    Campo San Giorgio – Conero Riserva DOCG

    Maximo – Marche IGT Muffato

    Degustazione a cura di Tommaso Luongo e Franco De Luca, Ais Napoli.

     

    20 Novembre, La Cena del Professore da Cisterna Bistrot

    Pubblicato da aisnapoli il 17 - novembre - 2018 Commenta

    46101419_915116782211090_3988020057962708992_nMartedi 20 novembre alle 20.30, Cisterna bistrot in collaborazione con Il JerryThomas Project di Roma presentano “La Cena del Professore”, una cena degustazione con abbinamento il Gin del Professore.
    Ospiteremo per l’ occasione LEONARDO LEUCI, Jerry Thomas Speakeasy’s owner , Brand owner & Global Brand Ambassador Vermouth del Professore.

    Un menù  degustazione di quattro portate con  l’abbinamento di quattro cocktail a base Gin.

    Per partecipare all’ evento è necessaria la prenotazione
    Info :081 185 90 609

    Cisterna Bistrot

    Via Cisterna dell’olio n.6 a

    20 Novembre ore 20.30

    18 Novembre, Degustazione@BandaLarga da Calici e…

    Pubblicato da aisnapoli il 17 - novembre - 2018 Commenta

    46438331_10156272508119221_6293416811484413952_n

    Vino pazzo che suole spingere anche l’uomo molto saggio a intonare una canzone,
    e a ridere di gusto, e lo manda su a danzare,
    e lascia sfuggire qualche parola che era meglio tacere.”
    (Omero)

    Pazzia, canzoni, amici e risate non ci mancano ma tuttavia perché rinunciare a un buon bicchiere di vino o a una bottiglia da condividere?

    La SesSioneRicreAttiva, investita di ispirazione eno – artistica, propone questa volta una bella jam in enoteca!

    Non mancheranno sommelier in grado di interpretare e suggerire nuove esperienze vinose

    Per chi va dritto al fondo (del bicchiere).

    Calici e…
    Via Morosini nn.30-32
    18 Novembre, dalle 19.
    Non è necessaria la prenotazione.
    FORMULA 3 calici 10€

    rml_4226Un’altra stella michelin brilla nei Campi Flegrei. Ad aggiudicarsela Angelo Carannante Chef del ristorante Caracòl di Bacoli degli imprenditori Roberto Laringe e Alfredo Gisonno. E per festeggiare Scampi al latte di mandorla. “Una delle più grandi emozioni della mia vita – ha commentato da Parma Carannante – ho realizzato non un sogno, ma il sogno, a soli diciotto mesi dall’apertura del Caracòl. Lo dedico in primis a Roberto Laringe e Alfredo Gisonno, che hanno sempre creduto in me, lasciandomi esprimere con la massima libertà e senza mai condizionarmi, alla mia famiglia e soprattutto ai Campi Flegrei, che vogliamo continuare a far crescere”.
    Siamo felicissimi ed emozionati per questo ambito riconoscimento – hanno commentato emozionati e orgogliosi Laringe e Gisonno – siamo altresì fieri di averlo ottenuto in terra flegrea e con uno chef flegreo. Valorizzare il nostro territorio è da sempre la nostra mission per amore, per senso di appartenenza e per rendere allo stesso a questi luoghi quanto ci hanno donato in termini di straordinarie bellezze. Spero che altri nei Campi Flegrei seguiranno lo stesso percorso. Intanto è un riconoscimento che ci spinge a fare sempre meglio e sempre di più. Essere pionieri in una zona famosa per la ristorazione è per noi qualcosa di grandioso e che vogliamo condividere con tutti. L’obiettivo è sempre quello di far conoscere e veder migliorare i Campi Flegrei”. Dalla rivisitazione di queste tradizioni in chiave moderna è nato il piatto di punta del Caracòl, particolarmente apprezzato dai critici gastronomici italiani: le candele alla genovese, con tonno crudo, limone, cacao e fondo d’arrosto. Ci si abbandona alla piacevolezza del mare e alla bellezza del design in uno dei migliori e più esclusivi ristoranti gourmet della Campania, dove si gustano piatti di straordinaria fattura: Caracòl. La sua terrazza è la più bella ed elegante dei Campi Flegrei. A picco sul mare, circondata dalla scogliera con la torre moresca e le isole del Golfo Capri, Ischia e Procida. Si trova in un angolo di paradiso immerso nel verde, nel noto complesso alberghiero Cala Moresca di Bacoli, accanto al faro di Capo Miseno.

    Napoletano classe 1979 ha frequentato l’Istituto Alberghiero di Pozzuoli, si è poi trasferito nella capitale dove ha lavorato presso Antonello Colonna (1* Michelin) e il Ristorante del RADISSON BLU ES ROME – Design & SPA Hotel 5*. Ha perfezionato la sua tecnica frequentando corsi di cucina creativa con i F.lli Cerea (2* Michelin) e Vincenzo Camerucci (1* Michelin), ritornato in Campania, collaborando con Giuseppe D’Addio della scuola “Dolce e Salato”. Nel 2011 è approdato al Ristorante Marennà (1* Michelin) lavorando come souschef sotto la direzione di Paolo Barrale, ma è in Costiera Sorrentina che ha avuto modo di trarre maggiore ispirazione per la definizione dell’identità mediterranea della sua attuale cucina; ha infatti ricoperto il ruolo di Executive souchef del Ristorante Terrazza Bosquet dell’intramontabile Grand Hotel Excelsior Vittoria di Sorrento, acquisendo nel 2013 con Luigi Tramontano 1* Michelin. Nel 2016 è ritornato nei Campi Flegrei, sua terra di origine, per dirigere la cucina del CARACOL, in un progetto ambizioso che gli darà modo di esprimere al meglio le competenze e conoscenze acquisite in anni di esperienza in contesti di eccellenza.

    Genovese 7su7, Napoli celebra il piatto più amato

    Pubblicato da aisnapoli il 16 - novembre - 2018 Commenta

    Genovese 7su7

    Napoli celebra il piatto più amato dal 19 al 25 novembre in oltre 50 locali

     thumbnail-4

    Genovese time! Celebriamo il piatto più amato dai napoletani, meno conosciuto fuori regione, ma non per questo meno importante: la genovese.

    Per sette giorni, da lunedì 19 alla domenica 25 Novembre, 55 locali napoletani, dagli stellati alle trattorie tradizionali, avranno in carta questo piatto con le sue varianti, a pranzo e a cena.

    L’iniziativa del LUCIANOPIGNATARO WINEBLOG e di MYSOCIALRECIPE.COM, presentata a Napoli dai giornalisti Luciano Pignataro, Santa Di Salvo e Francesca Marino, CEO di MySocialRecipe, nella splendida cornice dell’Eurostars Hotel Excelsior sul lungomare partenopeo, punta a valorizzare un piatto che stava scomparendo e che per fortuna è tornato a essere una bandiera della gastronomia anche nelle sue varianti di tonno, di pollo, di polpo, di cinghiale, di agnello.

    La ricetta principe è invece con la carne di vitello, la colarda che deve consumarsi in un mare di cipolle per molte ore.

    Una ricetta mediterranea, che si trova in molti paesi e che alcuni confondono con lo spezzatino. Ma a Napoli è qualcosa di più: è la perfetta fusione tra cipolle, carne e pasta, preferibilmente mezzanelli, mezzani e ziti spezzati a mano, ma anche formati grossi a piacere.

    “Le origini del nome – dice Luciano Pignataro – sono misteriose. Forse un monzù di Ginevra (Geneve) ebbe l’idea di proporla per prima, o forse si cucinava in una trattoria di genovesi al porto. Sia come sia, se il ragù è la salsa rossa, questa è la principale salsa bianca ma entrambe, se ben eseguite, si avvicinando al marroncino”

    Per l’occasione lo chef Ciro Salatiello, Executive Chef ha creato i suoi “Elementi di Genovese” declinando la classica ricetta a 360 gradi mentre Franco Gallifuoco ha sedotto tutti i presenti con la sua Parigina alla Genovese.

    Ma c’è una novità: “Per decidere quale sarà la genovese più amata dal popolo del web – spiega Francesca Marino – MySocialRecipe lancia il primo SONDAGGIO attraverso cui appassionati, buongustai e gourmet potranno finalmente dire la loro sulla ricetta che preferiscono. La nostra piattaforma è a disposizione per valorizzare la tradizioni napoletane che sono il simbolo della nostra città”.

    Un’iniziativa che è stata accolta con grande entusiasmato non solo dai cittadini partenopei ed i ristoratori dei locali napoletani, ma ha perfino varcato l’oceano e così dal celebre ristorante Ribalta, nel cuore di New York, è arrivata la ricetta dei “Paccheri alla Genovese” a testimoniare un gemellaggio tra le due città, e non solo, perché il profumo di genovese si diffonderà anche in Australia, dalla cucina del ristorante italiano Scugnizzo di Melbourne .

    Si terranno inoltre due masterclass, solo su invito, una il 21 novembre al ristorante Veritas dedicata al Consorzio Tutela Vini del Vesuvio, l’altra il 22 novembre, al Sea Front Di Martino Pasta Bar sui formati di pasta da utilizzare in abbinamento alla genovese. La settimana della Genovese organizzata con il contributo del Consorzio Tutela Vini del Vesuvio, Pastificio Di Martino, Tenuta Celentano, MFC carni e Calviati, è patrocinata da Comune di Napoli, Camera di Commercio, Si Impresa.

    Si ringrazia per la collaborazione La buona tavola.org

    Questo l’elenco dei ristoranti e trattorie che aderiscono alla manifestazione:

    1) A taverna do’ re, 081 5522424, Piazza Municipio Fondo Supportico di Separazione, 2-3
    2) Alba 081-5787800, Piazza Immacolata, 14
    3) Bellini Ristorante Pizzeria, 081 459774, Via Costantinopoli 79/80
    4) Carmnella, 0815537425, Via Cristoforo Colombo 22-23
    5) Casa a tre pizzi, 081 7614251, Via Mergellina 1 A
    6) Ciro a Santa Brigida, 081 552 4072, Via Santa Brigida, 71-73
    7) Da Donato, 081 287828, Via Silvio Spaventa, 41
    8) Da Ettore 081 764 0498, Via Santa Lucia 18
    9) Gorizia 1916, 081 5782248, Via Gianlorenzo Bernini 29-31
    10) Gourmeet, 0817944131, Via Alabardieri 8
    11) Hostaria dalle Sorelle 1910, 081 454757, Via Benedetto Cairoli 1
    12) Hostaria La Campanella, 081 0480578, Via Lanzieri 39
    13) Hostaria La Campanella, 081 3412524, Via Marchese Campodisola 18-20
    14) Hosteria Toledo, 081421257, Vico Giardinetto 78
    15) Ieri, Oggi, Domani 081206717, Via Nazionale, 6
    16) Il Comandante, 081 6041580, Via Cristoforo Colombo, 45
    17) Il Macello, 08119101542, Via Vittoria Colonna, 10
    18) Il Ristorantino dell’Avvocato, 0810320047, Via Santa Lucia 115
    19) L’Altro Loco, 081 7641722, Vicolo Santa Maria Cappella Vecchia, 5
    20) L’ebbrezza di Noè, 081 400104, Vico Vetriera Chiaia 8b-9
    21) L’Europeo di Mattozzi, 0815521323, Via Marchese Campodisola, 4
    22) La Cantina dei Mille, 081 283448, Piazza Giuseppe Garibaldi, 126
    23) La Cantina di Triunfo, 081 682354, Via Riviera di Chiaia 64
    24) La Cantina di via Sapienza, 081 459078, Via Sapienza, 40
    25) La Casa di Ninetta, 081 7647573, Via Tommaseo 11-12
    26) La Stanza del Gusto, 081 401578, Via Costantinopoli, 100
    27) La Taverna a Santa Chiara, 081 0484908, Via Santa Chiara, 6
    28) La Taverna del Buongustaio, 081 551 2626, Via Basilio Puoti, 8
    29) La Taverna dell’Arte, 081 552 7558, Rampe S. Giovanni Maggiore, 1a
    30) La Tavernetta, 081 204435, Via Loggia Di Genova 13-15
    31) Le due palme, 081 570 6040 Via Agnano Astroni, 30,
    32) Le Figlie di Iorio, 081 552 0490, Via Conte Olivares, 73
    33) Leon D’oro, 081 549 9404, Piazza Dante, 48
    34) Locanda ‘Ntretella, 081 427783, Salita S. Anna Di Palazzo, 25
    35) Locanda del Cerriglio, 081 552 6406, Via Del Cerriglio, 3
    36) Mimì alla ferrovia, 081 553 8525, Via Alfonso D’aragona, 19-21
    37) Novenoveuno 991, 081 19566081, Via Aniello Falcone, 1
    38) Osteria da Tonino, 081 421533, Via S. Teresa A Chiaia, 47
    39) Osteria La Chitarra, 081 552 9103, Rampe S. Giovanni Maggiore, 1
    40) Osteria Partenope, 0815584006, Via Cimarosa, 56 Bis
    41) Palazzo Petrucci, 081 5757538, Via Posillipo, 16
    42) Restaqmme, 08119525949, Via Lucilio, 11
    43) Ribalta, 48 E 12th St,New York, NY 10003, USA
    44) Ristorante al 53, 081 549 9372, Piazza Dante 53
    45) Ristorante Pizzeria Da Franco, 081 1913 8170 Corso Arnaldo Lucci 195/197
    46) Rossopomodoro Partenope, 081 7646012, Via Partenope 11
    47) Sartù, 3318810666, Via San Gennaro Al Vomero, 13
    48) Totò Sapore, 0817618123, Via Gramsci 18/b
    49) Trattoria a Chiaia, 081417588, Via Vetriera 13
    50) Trattoria Pizzeria O’ Curniciello, 08119259357, Calata Ponte di Casanova 19/21
    51) Trattoria San Ferdinando, 081421964, Via Nardones,115
    52) Tripparia Osteria, 081 07330, Via Francesco Fracanzano, 9b
    53) Umberto, 081 418555, Via Alabardieri, 30
    54) Veritas, 081 660585, Corso Vittorio Emanuele, 141
    55) Zi’ Teresa, 081 7642565, Borgo Marinaro, 1

     

    Link alla pagina del sito http://www.mysocialrecipe.com/contest/genovese-7su7/

    Per info info@mysocialrecipe.com

    ops-mi-e-cascato-il-calamaroRigorosamente fatti a mano, prevalentemente al vapore, con nomi creativi e afrodisiaci. Da Wapo Natural Food ecco serviti: Tagliatelle purple con melanzane, Gamberi In sauna di agrumi cotti al vapore di limone e serviti con maionese fresca al wasabi, Cannelloni nemici-amici con tartufo di mare e tartufo di terra; Gnocchi di ricotta katsuobushi dance con pancia di tonno.
    Martedì 20 novembre alle 20 la presentazione alla stampa del nuovo menù, che vede protagonista la pasta fresca senza glutine insieme ad altri piatti “etici” frutto di una continua ricerca, che parte dalla tradizione mediterranea e si fonde con quella asiatica, salutari, gustosi, per tutti i palati. In tavola oltre a più di sessanta etichette di vini campani, l’acqua di Telese, dalle proprietà benefiche e curative.
    Un tour “vaporoso”, sostenuto da un team di soci appassionati: Mario Rubino, ideatore del progetto, Paola Gravina, Ciro Cacciola, Simone Cavallo e Alessandro Castellano, l’architetto autore anche dell’originale design del locale. Un’oasi di comfort costruita impiegando tredici legni diversi tutti naturali, dove le sedute realizzate da Vincenzo Pappalardo sono ergonomiche e dove si può piacevolmente chiacchierare perché l’intero locale è insonorizzato.
    Ho ideato insieme ai miei soci un ristorante che offre una cucina gourmet e senza glutine – spiega Rubino – con prodotti a Km zero eliquore-masticabile materie prime selezionate, ma soprattutto gustosa, condita di sapori mediterranei e orientali e tanto divertimento”.
    Nella cucina a vista, che si estende intorno a due enormi vaporiere, Chef Giovanni Gentile, ercolanense, formatosi nella grande scuola di Vico Equense, vulcanico come la sua terra d’origine, realizza piatti handmade: pasta fresca, grissini, pane tutti gluten free, senza interventi chimici e industriali. Carne, pesce, crudo, crostacei, verdure cotti anche al forno e a bassa temperatura. Si evitano i grassi superflui e nasce una cucina adatta anche agli sportivi-buongustai e c’è grande attenzione per i vegetariani, che possono trovare una vasta scelta di piatti come lo Yes smoking, un sigaro vegetale ripieno di parmigiana di zucchine, in acqua di pomodoro e Non ci resta che piangere: zuppa di cipolle appassite al vapore, in crosta di provolone del Monaco stagionato 12 mesi. Spazio anche ai dolci della casa, tra cui il Cioccolato blues e poi ancora una novità: il liquore masticabile. Dal 21 novembre Wapo allarga la sua proposta con due new entry: il Take Away, con alcuni piatti freschi preparati ad hoc e disponibili solo presso il dirimpettaio Bar Centrale 4.0. di Piazza Fuga, per venire incontro alle richieste di una clientela più veloce; e il WAPranzo, un piatto unico al prezzo speciale di 13 euro per gustare zuppe cucinate con prodotti di stagione, polpette di carne (o vegetariane) e una grande varietà di contorni.

    Wapo Natural Food
    Piazza Ferdinando Fuga, 9. Napoli. www.waponaturalfood.com
    Aperti dal martedì alla domenica a pranzo e a cena, il martedì e la domenica solo per il pranzo

    thumbnail-50Continuano senza sosta i riconoscimenti, le menzioni e i premi per la “Sal De Riso Costa d’Amalfi”. Se recentemente è stata insignita come miglior pasticceria d’Italia, in occasione del “Food and Travel Italia Awards 2018”, che si è svolto presso il Forte Village di Santa Margherita di Pula a Cagliari, è di ieri il prestigioso riconoscimento assegnato dal Gambero Rosso nella guida “Pasticceri&Pasticcerie 2019”, che gli è valso le Tre Torte, con il punteggio di 92/100. Questa valutazione pone Sal De Riso tra i 5 migliori maestri pasticceri italiani.

    Un palmarès ricchissimo quello di De Riso: titoli e riconoscimenti che lui condivide con tutta la sua squadra e con la moglie, Anna Di Nunzio, e che lo stimolano a continuare nel suo percorso di ricerca, sia nella tecnica che nell’utilizzo di nuovi prodotti, con lo scopo di mettere in evidenza le enormi potenzialità del suo territorio. In questo periodo, nel laboratorio di Tramonti sono tutti a lavoro per realizzare panettoni d’eccellenza. Tanto che, quasi simultaneamente alla encomiabile valutazione del Gambero Rosso, De Riso ha ottenuto il primo posto per il miglior panettone salato, “Il Contadino innamorato”, realizzato esclusivamente con materie prime campane, e premiato in occasione della seconda edizione del Premio Solco Maggiore, svolto a Paestum.

    degustazione sigari e champagne