Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

diapositiva1ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Parte il Corso di Sommelier N.146 di Primo Livello con l’Ais Napoli
18 Marzo 2019 ore 20.00
Renaissance Naples Hotel Mediterraneo
Via Nuova Ponte di Tappia n.25 Napoli

Parte a Napoli da LUNEDI 18 Marzo 2019 il CORSO SOMMELIER N.146 presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo in Via Nuova Ponte di Tappia n.25. IscrivendoVi avrete l’opportunità di vivere un’esperienza unica per imparare a conoscere l’Arte del bere giusto. Quindici lezioni per approfondire gli argomenti di viticoltura, enologia, tecnica della degustazione e del servizio, che rappresentano le basi della professionalità del Sommelier, a partire dalla corretta temperatura di servizio dei vini fino all’organizzazione e alla gestione della cantina. Tra gli argomenti trattati anche il mondo della birra, dei distillati e dei liquori, in modo da fornire agli aspiranti sommelier un completo bagaglio tecnico e professionale di base. E’ prevista anche la visita ad una azienda vitivinicola.
La quota di iscrizione è di 530 euro e comprende l’iscrizione obbligatoria all’Associazione Italiana Sommelier (450 + 80).

Per iscriversi è necessario seguire queste semplici indicazioni:
1. effettuare il bonifico di 530 euro a
ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA
IT 41 Z 05387 40260 000002464227
BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA – SORRENTO
CAUSALE: Corso n.146 Primo livello + Nominativo Iscritto
2. Scaricare qui il modulo di iscrizione aismod122_dic17, compilare e firmare tutte e cinque le pagine e poi inviarle (tranne quella con la dicitura “copia per l’iscritto” – pagina 5) alla sede regionale, insieme con copia del bonifico effettuato. È possibile a tal scopo utilizzare la mail all’indirizzo info@aiscampania.it (scelta consigliata), oppure il fax al numero 0823 345188.

INIZIO LUNEDI 18 MARZO 2019 ore 20.00
Scarica qui il calendario-primo-livello-n-146
INFO: Direttore di Corso Tommaso Luongo 335.6790897
Segreteria regionale 0823.345188 ore ufficio

Il costo di 450 euro comprende la quota di iscrizione corso, la valigetta con 4 bicchieri ISO Bormioli Rocco, il kit didattico (i libri “Il Mondo del Sommelier”, “La Degustazione”, Quaderno di degustazione e Statuto). L’iscrizione all’Ais Nazionale al costo di 80 euro dà diritto all’invio della tessera di Socio, dello scudetto per la divisa di rappresentanza, all’abbonamento annuale alla rivista trimestrale VITAE e alla Guida ai vini VITAE edizione 2020 dell’Associazione Italiana Sommelier. Possibilità di parcheggio solo per un numero limitato di autovetture nel garage dell’Hotel alla tariffa forfettaria di 3 euro (non c’è possibilità di prenotazione del posto). Inoltre, nelle immediate vicinanze dell’Hotel ci sono altri parcheggi custoditi da cui è facilmente raggiungibile la struttura.

ATTENZIONE: Si prega di indicare esattamente la causale così come descritto nel comunicato. La data di versamento del bonifico per l’iscrizione al corso, in considerazione dell’elevato numero di persone che si sono dichiarate interessate, costituirà titolo preferenziale per la partecipazione al corso e comunque le iscrizioni saranno possibili soltanto fino al raggiungimento del numero massimo (65 persone) previsto per la formazione di una classe. Nel momento in cui si dovesse raggiungere questo numero verranno immediatamente chiuse le iscrizioni e ciò verrà pubblicato tempestivamente sul sito dell’ AIS Napoli. Vi consigliamo pertanto di verificare questa condizione prima del pagamento. Coloro che si dovessero trovare nella spiacevole situazione, purtroppo non evitabile, di aver effettuato comunque il bonifico oltre la chiusura delle iscrizioni restando, pertanto, estromessi dal corso, potranno optare per l’inserimento nella prossima sessione di Settembre 2019 o per il rimborso della quota versata.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    diapositiva1ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    Enoteca Scagliola in collaborazione con Ais Napoli

    presenta

    Il vino del Cavalier Maga Lino

    Doppia degustazione 25 Febbraio e 5 Marzo

    25 Febbraio 2019 ore 20.30
    In degustazione
    Barbacarlo 2005 2002 1994
    Montebuono 1997 1986

    5 Marzo 2019 ore 20.30
    In degustazione
    Barbacarlo 2011 2005 2002 1994
    Montebuono 1986

    Wine Bar Scagliola Via San Pietro a Majella n.15
    Euro 65, Euro 60 soci Ais
    Info e prenotazioni: 081.459696 / 334.9698115

    Maga Lino classe 1931, con il cognome anteposto al nome, come è uso in campagna.
    Una vita dedicata al Barbacarlo, il vino più celebre dell’Oltrepò Pavese. Vino, vigna e collina; e finalmente anche un marchio commerciale, esclusivo della famiglia Maga, dopo una lunghissima battaglia legale, combattuta a colpi di perizie e scartoffie varie, condita da accese discussioni nelle aule di tribunale. Decenni di sacrifici economici e morali per non essere più confuso con una delle tre sottodenominazioni della DOC Oltrepò Pavese. Una storia che parte dal lontano 1884: quando un atto notarile certifica il passaggio del fondo agricolo Porei da Carlo ai nipoti; i quali decidono, in onore del generoso zio, di ribattezzare questa vigna “Barbacarlo” (barba vuol dire appunto zio in dialetto pavese) che così diventa il toponimo ufficiale nelle mappe catastali del comune di Broni.

    Il vino è il figlio dell’uvaggio sapiente di croatina, uva rara, vespolina, barbera, malvasia bianca e altri vitigni sconosciuti; con un protocollo di vinificazione sempre uguale a sé stesso, da una cinquantina d’anni a questa parte: macerazione di una settimana, seguita da una maturazione in botti di legno di rovere di Slavonia da venti ettolitri e dall’imbottigliamento senza utilizzo di solfiti, aspettando la luna calante tra la fine di aprile e la prima decade di maggio.

    E poi il Montebuono, che viene dalla collina giusto di fronte a quella del Barbacarlo: famoso per essere il vino di Napoleone, bevuto dal Primo console Bonaparte al ritorno dalla fortunata battaglia di Marengo. Magari non è vero ma resta un vino che si manifesta sempre con aristocratica bellezza.
    Degustazione guidata a cura di Tommaso Luongo, Delegato Ais Napoli.

    Scuola concorsi AIS Campania 2019, dal 19 Febbraio

    Pubblicato da aisnapoli il 16 - febbraio - 2019 Commenta

    scuolaconcorsi#AisCampania

    Parte la scuola concorsi 2019 targata Ais Campania!
    Sette assoluti protagonisti della sommellerie di scuola italiana mettono a disposizione la loro competenza ed esperienza per tutti i sommelier che intendono prepararsi ai concorsi Ais e per quelli che intendono ampliare le proprie conoscenze.
    Il tutto in preparazione del Concorso Miglior Sommelier della Campania che terremo in Maggio!
    Una incredibile carrellata di campioni con imperdibili vini, birre, te’ e cocktail in degustazione:
    Simone Loguercio, Miglior Sommelier d’Italia 2018;
    Valentino Tesi, Finalista Miglior Sommelier d’Italia 2018;
    Roberto Anesi, Miglior Sommelier d’Italia 2017;
    Maurizio Filippi, Miglior Sommelier d’Italia 2016;
    Andrea Balleri, Miglior Sommelier d’Italia 2013;
    Cristiano Cini, Responsabile Nazionale Area Concorsi;
    Maurizio Zanolla, Co-responsabile Nazionale Area Concorsi.
    Gli incontri si svolgeranno nella sede regionale dell’AIS Campania.
    La partecipazione alla palestra concorsi è riservata ai sommelier in regola con il pagamento della quota associativa per l’anno 2019 e avrà un costo di € 150,00 (comprensivo di tutte le degustazioni) che dovranno essere pagati a mezzo bonifico bancario sul conto dell’associazione:
    BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA – SORRENTO
    IBAN: IT 41 Z 05387 40260 000002464227
    CAUSALE: Palestra Concorsi + Nominativo
    PROGRAMMA SCUOLA CONCORSI AIS CAMPANIA

    Martedi 19 febbraio 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Cristiano Cini //
    Argomenti correlati allo studio per un concorso.
    Visione di test utilizzati.
    La struttura di un concorso e le sue prove.
    La Degustazione e i differenti linguaggi legati alla comunicazione.

    Martedi 26 febbraio 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Simone Loguercio e Valentino Tesi //
    Simulazione di un concorso.
    Svolgimento delle prove principali.
    Degustazione.

    Giovedi 7 marzo 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Maurizio Zanolla //
    Abbinamento cibo – vino.
    Abbinamenti teorici e pratici.
    Il servizio di una bollicina e decantazione.
    Degustazione.

    Martedi 12marzo 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Andrea Balleri //
    I miscelati.
    Degustazione.

    Martedi 19 marzo 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Maurizio Filippi //
    Birre, distillati, thè, acqua.
    Degustazione.

    Martedi 26 marzo 2019 – Dalle ore 15,00 alle 18,00
    // Roberto Anesi //
    La degustazione scritta e orale in lingua inglese
    Prove di abbinamento in lingua inglese.
    #UniversoDiValori

    Sold out per Ragu7su7 a Napoli!

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - febbraio - 2019 Commenta

    angelo-damico-vincitore-sondaggioSold out per Ragu7su7 a Napoli!

    Pronti per la terza edizione: dal 19 al 25 febbraio 2020!

    Una partecipazione convinta dei ristoranti e delle trattorie, decine di migliaia di ragù serviti a pranzo e cena sfidando il Festival di Sanremo. La seconda edizione si è chiusa ieri battendo ogni record.

    Napoli è una città che è orgogliosa della propria cucina – dicono gli organizzatori Luciano Pignataro e Francesca Marino – ma spesso dimentica di celebrarsi e celebrarla. Il bis di questa edizione ci ha convinto a spostare la terza edizione nella settimana di Carnevale, ogni giorno prevediamo un evento e cercheremo di coinvolgere la città e la Campania nella celebrazione del ragù napoletano“.

    Tre i momenti clou di questa edizione: la splendida presentazione nel ristorante Palazzo Petrucci dove Lino Scarallo si è esibito con i finger, e Giuseppe Pignalosa ha preparato le pizze al ragù.

    Poi lo show-cooking da Rossopomodoro a via Partenope, dove gli executive chef Antonio Sorrentino e Enzo De Angelis hanno spiegato come si fa la ricetta, mentre Teresa Iorio ha preparato le montanare al ragù e le sue famose frittate di pasta.

    Infine il gioco degli abbinamenti al Sea Front Pasta Bar Di Martino dove il delegato Ais Tommaso Luongo, assieme a Gabriele Pollio, ha illustrato le possibilità di incontro della ricetta, declinata in varie versioni dallo chef Pierpaolo Giorgio, con il vino e la birra.

    La seconda edizione di Ragù7su7 è stata ideata e promossa da LucianoPignataroWineblog e Mysocialrecipe di Francesca Marino, patrocinata dal Comune di Napoli e dalla Città Metropolitana.

    Ragù7su7 ha la media partnership de Il Mattino. Tra gli sponsor Solania per il pomodoro oltre a Pastificio Di Martino, Birra Antoniana distribuita da Castaldi Group e Santacosta. Tra i partner oltre a Like Italy per la carne anche il sito Labuonatavola.org e il gruppo Rossopomodoro. La kermesse, che ha ottenuto uno straordinario successo, si è conclusa ieri.

    A sbaragliare la concorrenza e conquistare tutti i palati vincendo così il Sondaggio per il migliore ragù è Angelo D’Amico di Locanda Radici a Melizzano con le sue “Candele spezzate con il ragù 4.0” .

    «La mia infanzia è stata accompagnata dal profumo del ragù che ogni domenica cuoceva lentamente in cucina e che saliva al piano notte. Da sempre in famiglia siamo appassionati della buona cucina casereccia in particolare di quei piatti gustosi carichi di ragù fatti con le nostre mani e con i pomodori prodotti dal nostro appezzamento di terreno.» Angelo appena quattordicenne, inizia la “gavetta” e si trasferisce prima a Roma all’Eden con Enrico Derflinger per circa due anni, poi a Palazzo Sasso di Ravello con Antonio Genovese per tre anni, quindi al Cracco Peck a Milano, poi un anno ad Oxford a Le Menoir di Raymond Blanc per poi lavorare per ben sei anni a Labico nel ristorante di Antonello Colonna.

    A questo link il video dell’evento: http://bit.ly/video-ragu7su7

    A questo link la ricetta vincitrice del sondaggio: https://bit.ly/2GjApj7

    25 Febbraio,“A tavola con l’Extravergine” al Ristorante Sartù

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - febbraio - 2019 Commenta

    thumbnail-71“A tavola con l’Extravergine”

    Tutti i giorni ci fa compagnia, ma quanto lo conosciamo? Come si consuma, Come si abbina e Come si conserva l’olio extravergine d’oliva?

    Il giorno 25 Febbraio presso il Ristorante Sartù, alle ore 19.30, ci troveremo in compagnia dell’olio extravergine d’oliva. Guidati da Nicolangelo Marsicani, professionista del settore e da assaggiatori professionisti, cercheremo di conoscere questo meraviglioso prodotto.

    A moderare l’incontro ci sarà Fosca Tortorelli, giornalista enogastronomica.

    Al termine della chiacchierata seguirà una cena dedicata e sarà possibile confrontarsi sui diversi abbinamenti e sulla personalità che ogni olio darà a ciascuna pietanza.

    Ristorante Sartù

    Via S. Gennaro Al Vomero, 9B, 80129 Napoli NA

    fabrizio-de-andre“Parlando di Faber”: una serata d’autore presso il Dolcenera Bistrot
    De Andrè à la carte: nel casertano un locale dedicato al famoso cantautore
    Il prossimo 18 febbraio, giorno del compleanno di Fabrizio, si terrà un evento per ricordarlo attraverso buoni piatti e ottima musica

    “Dolcenera” è uno dei testi più famosi e discussi del cantautore Fabrizio De Andrè, ma è anche il nome di un bistrot che si trova nel casertano – precisamente a Ruviano (in via Nazionale, 46) – e che, oltre ad essere un piccolo hub del gusto ove tutti i piatti in carta vantano ingredienti “made in Caserta” (ad es. olive nere caiazzane, carni ricavate al maialino nero casertano, cipolla di Alife, etc.), vuole essere anche un salotto culturale. L’idea innovativa che anima questo locale è dell’imprenditrice Mena Femiani, desiderosa di creare uno spazio – esperienza in cui si fondono territorio, musica, arte e convivialità. Tante le iniziative che ogni mese sono ivi proposte, la prossima cade nel giorno in cui Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto gli anni, ovvero il 18 febbraio: “Parlando di Faber”, una serata d’autore ove oltre a ripercorrere la storia musicale del cantautore (attraverso un duo composto da chitarra e voce) i commensali potranno interagire scambiando pensieri in merito a Faber e, ovviamente, in merito ai piatti che saranno serviti, quelli preferiti da Fabrizio (come i ravioli alla genovese oppure la torta sacripantina) e capolavori della cucina territoriale (comunque dedicati al cantautore) che hanno reso questo bistrot sempre più frequentato dai buongustai.

    Menù – De André a’ la carte

    - Via del campo
    Verdure grigliate, bruschetta con olive caiazzane, montanara, insalatina di fagioli, prosciutto, formaggio, terrina di pancotto
    - Bocca di rosa
    Ravioli alla genovese
    - Princesa
    Maialino al vino Casavecchia con patate al forno
    - Marinella
    Torta sacripantina

    ….e per finire

    “bevimm’ ò cafè e don Raffae’”

    Per info e prenotazioni: 3343698895

    Roma Whisky Festival Roma, 2 e 3 marzo 2019

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - febbraio - 2019 Commenta

    locandina-roma-whisky-festival-2019Roma Whisky Festival
    Roma, 2 e 3 marzo 2019
    c/o Salone delle Fontane all’Eur
    (Via Ciro il Grande, 10)

    Ottava edizione del Roma Whisky Festival, appuntamento per appassionati, neofiti e professionisti del whisky con eventi, degustazioni, masterclass, seminari sulla mixology, ospiti internazionali, quattro cocktail bar, area gourmet, stand dei migliori Cognac e Armagnac e una mostra dedicata al design e all’architettura di una distilleria scozzese

    Si tiene a Roma, sabato 2 e domenica 3 marzo 2019, presso il Salone delle Fontane all’Eur (via Ciro il Grande, 10) l’ottava edizione di Roma Whisky Festival, il più importante festival di settore italiano. Imperdibile appuntamento per tutti coloro che vivono il mondo del whisky, Roma Whisky Festival si conferma un evento ricco di degustazioni, masterclass, seminari sulla mixology, incontri e, per il secondo anno consecutivo, stand dei migliori cognac e armagnac, affidati a esperti del settore con l’obiettivo di creare appuntamenti ad alto contenuto di “spirito”. Ma anche, per la prima volta, una mostra dedicata al design e all’architettura di una distilleria in costruzione in Scozia. Il tutto con la direzione artistica di Andrea Fofi, affiancato dai whisky consultant, Pino Perrone, Andrea Franco e la scozzese Rachel Rennie. La passata edizione ha registrato un incremento di pubblico del 15% rispetto al 2017, con circa 4500 visitatori in due giorni, a fronte di 60 aziende di whisky e 10 di cognac e armagnac presenti, oltre alle 10 aziende extra-whisky (food, sodati, bar tools) e i 6 cocktail bar presenti. Oltre 70 i giornalisti accreditati e oltre 2000 le etichette rappresentate con whisky provenienti da: Scozia, Irlanda, Galles, Stati Uniti, Canada, Giappone, India, Francia, Italia, Islanda, Taiwan e Australia.

    L’ottava edizione presenterà masterclass di noti brand e ospiti internazionali del mondo della miscelazione, che terranno seminari e talk. Noti già alcuni speaker per i seminari mixology, figure di spicco del bartending internazionale, tra cui Leonardo Leuci del Jerry Thomas Speakeasy, Gabriele Manfredi ex Oriole Bar di Londra e Filippo Sisti della rivelazione milanese Talea. Inoltre, i mini-corsi da 25 minuti sull’ABC del whisky per i neofiti curata dalla Whisky Academy del festival nella figura della Brand Ambassador Chiara Marinelli. Confermata l’area Cognac e Armagnac, l’area Cocktail Bar rappresentata da 4 note realtà romane (Jerry Thomas Speakeasy, Drink Kong, Argot e Freni e Frizioni) e quella food. All’interno del salone, come di consueto, ampio spazio dedicato alle bottiglie vintage e rare, presenti quest’anno grazie alla nota casa d’aste online Katawiki. In occasione del Festival sarà anche presentato come ogni anno il nuovo imbottigliamento ufficiale in serie limitata di Roma Whisky Festival, che quest’anno vedrà il whisky scozzese Caol Ila protagonista. La manifestazione nasce nel 2012 grazie alla passione per gli eventi di uno dei due fondatori, Andrea Fofi e per quella del whisky da parte di Rachel Rennie, ma soprattutto per la mancanza a Roma di un evento sul mondo del distillato. La compagine si è allargata con l’arrivo di Pino Perrone, Emiliano Capobianco e Andrea Franco e la manifestazione è cresciuta in modo esponenziale, al punto tale da poter essere annoverata tra i Festival internazionali di maggior rilievo.

    L’ottava edizione – sottolinea Andrea Fofi -vuole essere l’edizione delle conferme nonché del preludio a futuri cambiamenti che apporteremo negli anni a venire per rafforzare il Brand RWF sul mercato. La crescita della manifestazione, considerata ormai tra le più importanti a livello internazionale, è evidente e ne siamo fieri e felicissimi. Non possiamo non riconoscere lo sforzo e la fiducia riconosciutaci dalle aziende partecipanti e dal pubblico numerassimo che ci segue durante tutto il corso dell’anno nei nostri eventi e attività di formazione. Fiducia che di anno in anno tentiamo di ripagare attraverso la proposizione di nuovi contenuti: quest’anno ad esempio vi sarà, la Bowmore Room Experience, una mostra dedicata all’architettura e al design nel mondo del whisky presentata dallo studio di architettura Threesixty Architecture di Glasgow, impegnato nella progettazione di una nuova distilleria a Edimburgo. Ma anche la presenza di nuovi ospiti internazionali, momenti di intrattenimento e attività promozionali e di comunicazione sempre più importanti“.

    Per informazioni:
    www.romawhiskyfestival.it
    info@romawhiskyfestival.it
    tel. 06 32650514
    Facebook: www.facebook.com/romawhiskyfestival/
    Instagram: www.instagram.com/romawhiskyfestival/
    Youtube: www.youtube.com/channel/UCdGmDG9ZykmouyUE3q0Q4bA

    19 Febbraio, Al via la V Edizione di “Un angelo fra le stelle”

    Pubblicato da aisnapoli il 13 - febbraio - 2019 Commenta

    Al via la V Edizione di “Un angelo fra le stelle”
    Sette stelle campane ai fornelli per il completamento della scuola intitolata ad Andrea Zanfagna in Tanzania

    Martedì 19 febbraio, ore 20.30
    Circolo Nautico Posillipo – Via Posillipo, n° 5 (Na)

    logo-associazione-progetto-abbracciSette stelle della ristorazione campana unite per una cena di solidarietà. Succede martedì 19 febbraio, alle ore 20.30, presso il Circolo Nautico Posillipo (Via Posillipo, n°5) che ospita la V Edizione di “Un angelo fra le stelle”: la charity dinner organizzata dall’Associazione Progetto Abbracci Onlus impegnata dal 2014 nel promuovere e realizzare importanti iniziative sociali a Napoli e in Africa.

    Ai fornelli quest’anno si alterneranno nomi che brillano nel firmamento della ristorazione campana, sette fuori classe che per l’occasione accoglieranno gli ospiti con degustazioni di piatti tipici della tradizione campana: la serata si apre con un entrée di pizze fritte opera del maestro pizzaiolo Enzo Piccirillo della pizzeria Masardona e con un antipasto firmato da Domenico Iavarone del Josè Restaurant di Torre del Greco. Pasquale Palamaro del ristorante Indaco presso l’hotel Regina Isabella di Lacco Ameno realizzerà invece una originale zuppa di zucca, mentre lo chef Peppe Aversa del Buco di Sorrento si cimenterà in un primo a base di pasta al fianco di Danilo Di Vuolo del ristorante La Caletta dello Scrajo di Vico Equense che preparerà un risotto ai calamari. La serata prosegue con un piatto delicato a base di baccalà al latte di Michele Deleo consulente degli hotel Four Seasons di Mosca e San Pietroburgo e, per finire in dolcezza, i dessert opera dello chef Angelo Gravina del ristorante Riccio’s di Pozzuoli. Nei calici i vini irpini dell’Azienda Agricola Fonzone.

    Una cena di solidarietà per 160 ospiti il cui il ricavato verrà interamente devoluto per sostenere il completamento della Scuola Andrea Zanfagna in Tanzania (località Lulamba, provincia Bukombe, regione GEITA): la struttura, attiva dal 2016 e intitolata al figlio di Claudio e Giovanna Zanfagna fondatori dell’Associazione Progetto Abbracci Onlus, accoglie ogni giorno numerosi bambini e ragazzi che, grazie a questo progetto, hanno l’opportunità di frequentare un percorso di studi equivalente alle classi italiane elementari e medie. Obiettivo della raccolta fondi è donare nuove aule alla scuola e dare vita in questo modo ad una struttura ricettiva in grado di ospitare fino a 650 bambini. Le lezioni, impartite da insegnanti scelti dal governo tanzaniano, permetteranno infatti ai giovani alunni di conseguire il diploma per l’accesso alle scuole superiori. Un obiettivo sociale lungimirante che mira a diminuire il gap d’istruzione delle regioni più povere dell’Africa con lo scopo di formare una generazione di giovani scolarizzati capaci di inserirsi nel mondo del lavoro.

    PROGETTO ABBRACCI ONLUS è l’associazione fondata da Claudio e Giovanna Zanfagna in seguito alla prematura scomparsa del figlio Andrea nel 2014. Da cinque anni opera a favore dei più deboli, di chi vive ai margini della società sia in Italia che in Africa sostenendo progetti concreti. “Io Claudio, Giovanna ed Adriano Zanfagna, e tutti i migliori amici di Andrea abbiamo fondato l’Associazione Progetto Abbracci, ispirandoci al nostro caro Andrea volato via ad Atene il 26 maggio del 2014 a seguito di un incidente stradale. La caratteristica fondamentale di tutte le nostre iniziative sarà l’immediatezza, la certezza dei beneficiari e la riscontrabilità oggettiva dei risultati”. In cinque anni Progetto Abbracci Onlus ha realizzato opere significative a Napoli e in Africa: Nel 2015 è stata inaugurata la medicheria al reparto di oncologia pediatrica del SUN; nel novembre 2016 è stata completata la Scuola elementare/media Andrea Zanfagna nel villaggio Lulamba in Tanzania, regione di Shenanigan Tanzania. Nel 2017 è stato ultimato l’allestimento di Liber – Aria di Lettura, il punto di lettura all’interno dell’Istituto Penale per i Minorenni di Nisida, accessibile a tutti i minori ospiti della struttura e alle loro famiglie in visita: non una semplice biblioteca ma un luogo di ritrovo dove trascorrere del tempo con le ragazze e i ragazzi dell’isola, dove poter ascoltare una storia letta dalla voce accogliente di una mamma o di uno zio e perdersi tra le pagine di un libro coltivando immaginazione e fantasia. Ad Aprile 2017 l’Associazione ha donato due nuovi portatili ai reparti di pediatria e cardiologia dell’ospedale Santobono di Napoli. Nel luglio 2017 Progetto Abbracci ha inoltre sostenuto “Dimora in poi” di Don Massimo Ghezzi donando una cucina e un refettorio con cui garantire pasti caldi e accoglienza ai senza fissa dimora inaugurato dal Cardinale Sepe. Recentemente è stata infine completata una nuova aula nella scuola Andrea Zanfagna nel villaggio di Lulamba in Tanzania e della realizzazione di un nuovo pozzo nel villaggio di Lushimba nella medesima regione.

    Si ringraziano per il supporto: Riso Acquerello, Plose Acqua Minerale Naturale, Pasta Di Martino, Vini Fonzone, Galleria L’Ariete, Circolo Nautico Posillipo.

    È possibile acquistare i biglietti presso:

    Il Circolo Nautico Posillipo – Via Posillipo 5 – Tel 0815751282

    Galleria l’Ariete – Via Manzoni 147 – Tel 7692706

    Per info: tel. 3358418096 / 3358416543

    www.progettoabbracci.org

    ALa Sfida con Ais NapoliSSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

    La Sfida n.1

    Alto Piemonte vs Sicilia

    Franco De Luca vs Tommaso Luongo

    Boca 2011 Le Piane
    Bramaterra 2011 La Prevostura
    Galizja Gattinara 2007 Il Chiosso

    Faro 2014 Bonavita
    Nero Ossidiana 2011 Tenuta di Castellaro
    Feudo di Mezzo Il Quadro delle Rose Etna Rosso 2012 Tenuta delle Terre Nere

    Venerdì 15 Febbraio ore 20.30

    Enopanetteria I Sapori della Tradizione

    Corso Europa n.125 Melito (Na)
    Euro 35. Info e prenotazioni: 081.7117410
    Prenotazione obbligatoria e impegnativa

    Una squadra di agguerriti degustatori ufficiali pronti a raccogliere il guanto di sfida fronteggiandosi uno contro l’altro a colpi di degustazioni.

    In ogni appuntamento un territorio da raccontare attraverso i suoi vini: un viaggio sensoriale che coinvolgerà la platea che poi dovrà decretare l’esito della sfida esprimendo il suo voto, coadiuvata da una giuria tecnica.

    Chiamatelo storytelling…la narrazione di un territorio attraverso immagini, storie ed emozioni nel bicchiere.

    Pronti per il primo appuntamento?

    Era nostra intenzione inaugurare questo ciclo con una gara amichevole ma visti gli sfidanti in gioco sappiamo che questo, di certo, non sarà lo spirito che animerà la serata ;-)

    Nessuno si “scanserà”…

    Da una parte, Franco De Luca, Referente didattica Ais Campania, che ci parlerà del suo amore viscerale per le terre sabaude con un approfondimento dedicato all’Alto Piemonte

    Sull’altro fronte, Tommaso Luongo, Delegato Ais Napoli, proverà a controbbattere confidando nella vulcanica mineralità dei vini della Sicilia.

    Chi vincerà?

    Intanto segnatevi la data, 15 Febbraio, e il luogo della sfida: Enopanetteria I Sapori della Tradizione.

    Non mancherà, naturalmente, il tradizionale buffet di pizze di Stefano Pagliuca e Raffella Verde ad allietare i partecipanti a questa avvincente sfida.