Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza
Gli eventi dell'AIS Napoli
    • Nessun evento da mostrare
  • Video

    Tags

    IASAexperience, un contest per omaggiare la cucina mediterranea

    Pubblicato da aisnapoli il 21 - luglio - 2018 Commenta

    iasa-i-fratelli-di-mauroIASAexperience

    Un contest per omaggiare la cucina mediterranea

    12/13 ottobre 2018

    Costa d’Amalfi (SA)

    Un appuntamento da segnare in agenda. Una due giorni in Costa d’Amalfi – il 12 e il 13 ottobre – per omaggiare la cucina mediterranea insieme ai migliori food blogger d’Italia.

    IASAexperience farà conoscere – attraverso la buona cucina – i prodotti enogastronomici del territorio salernitano e campano.

    IASA, leader nella conservazione e lavorazione dei tesori del mare, la prima al mondo ad offrire i filetti di tonno in vetro, accompagnerà 5 food blogger in due giornate ricche di appuntamenti ed incontri tra cui:

    · Una gara culinaria live

    · Visita di 3 aziende: IASA, Vigne di Raito e la Fabbrica della Pasta di Gragnano

    Una bella occasione per dar spazio ai piccoli tesori nascosti della Campania Felix.

    La partecipazione all’evento è rivolto a tutti i foodblogger d’Italia. All’indirizzo e-mail info@iasa.it dovrà essere indirizzata la richiesta del kit di prodotti entro e non oltre il 20 agosto, al fine di poter provare i piatti da proporre live all’evento. E’ invece stabilito al 10 settembre 2018 il termine ultimo per poter inviare le proprie ricette e le relative foto.

    Per poter accedere alla gara bisognerà presentare due ricette, nello specifico un primo piatto ed un piatto freddo (che dovranno contemplare almeno uno degli ingredienti del kit, in particolare tonno ed alici), e attendere i risultati della selezione affidata ad una giuria di esperti.

    Al vincitore sarà consegnato un piatto in ceramica realizzato in esclusiva per l’evento.

    L’azienda è stata fondata nel 1969 da una famiglia originaria di Cetara, piccolo borgo della Costiera Amalfitana, noto per la pesca e la lavorazione del tonno, delle acciughe e della tipica colatura di alici.

    Grazie al forte legame col territorio, IASA riesce a riportare su grande scala, prodotti di nicchia che conservano intatte antiche tradizioni come la le alici e la colatura, il tonno pescato lungo le coste del mediterraneo tipo la specie alalunga (tonno bianco), il tonnetto del mediterraneo (alletterato) e il pregiatissimo tonno rosso (blufin).

    La lavorazione artigianale, l’accurata selezione delle materie prime e la produzione italiana, sono i valori base della filosofia aziendale che guidano e rafforzano l’identità aziendale dando al prodotto un concreto valore aggiunto. Oltre 60 le referenze che permettono a questa realtà imprenditoriale di affrontare bene le sfide del mercato.

    24 Luglio, 50 TOP Pizza, Annunciazione!

    Pubblicato da aisnapoli il 20 - luglio - 2018 Commenta

    banner-50-toppizza-napoli-2018A NAPOLI, MARTEDÌ 24 LUGLIO, PRESSO IL TEATRO MERCADANTE

    50 TOP PIZZA:
    LA GRAN FINALE
    PER SCOPRIRE LA MIGLIORE PIZZERIA D’ITALIA E DEL MONDO DEL 2018

    Ultimo atto della più importante guida on-line di settore con la premiazione
    dei primi 50 locali classificati, la consegna di 20 premi speciali
    e di 8 riconoscimenti internazionali alle pizzerie di 5 diversi continenti

    Sale spasmodica l’attesa per scoprire la migliore pizzeria d’Italia e del mondo del 2018. Manca davvero poco infatti alla gran finale di 50 Top Pizza, in scena martedì 24 luglio presso il bellissimo Teatro Mercadante di Napoli (in Piazza Municipio, 46). Una serata davvero speciale per la pizza, durante la quale saranno svelati, e premiati, i primi 50 classificati della prima e più importante guida on-line di settore, il fortunato progetto editoriale che porta la firma di Barbara Guerra e Albert Sapere, curatori del congresso LSDM e del giornalista enogastronomico Luciano Pignataro.
    Una seconda edizione che, dopo il grande successo del 2017, ha visto salire a 1.000 il numero di pizzerie recensite, con l’introduzione della legenda dei forni, da 1 a 5 scalando la vetta della classifica. E a essere premiati in quel di Napoli saranno i locali “top” tra le posizioni 50 e 11, con 4 forni, e quelli nella top ten, ovvero il gotha della pizza mondiale, con 5 forni. Saranno inoltre consegnati 20 premi speciali nonché 8 riconoscimenti internazionali a pizzerie provenienti da 5 diversi continenti. Ad essere rappresentate nella top 50 saranno ben 13 regioni d’Italia, a dimostrazione di un movimento in netta crescita qualitativa sull’intero territorio nazionale.
    “Non mancheranno le sorprese – annunciano gli autori – tra new entry e locali che al contrario perderanno qualche posizione. Una serata che, sebbene il progetto sia giunto solo al secondo anno di vita, è già attesissima e per molti, pizzaioli, operatori del settore e appassionati, costituisce il momento clou dopo un anno di lavori. Noi vogliamo che sia la festa di un intero movimento e un giusto riconoscimento per chi opera con passione, studio, ricerca e voglia di migliorare di anno in anno. Se pensiamo che le pizzerie in Italia sono oltre 70.000, fino a 100.000 calcolando tutte le attività che servono pizza, essere tra le nostre 1.000 deve rappresentare un motivo di orgoglio; vedere poi la propria insegna tra le top 50 è quanto di meglio si possa desiderare. Ricordiamo che a essere valutato non è il solo prodotto, ma anche tutto ciò che gli gira attorno, dal servizio, alla carta dei vini e delle birre, passando per l’arredamento. A giudicare, nel rispetto dell’anonimato e pagando il conto, sono i nostri 100 ispettori, coadiuvati da quest’anno, per la stesura del ranking finale, da una giuria di qualità composta da 20 esperti nazionali.”
    L’ingresso alla serata del 24 luglio è consentito esclusivamente su invito. La stampa può richiedere accredito entro e non oltre sabato 21 luglio scrivendo a redazione@50toppizza.com
    50 Top Pizza, prima guida online delle migliori pizzerie d’Italia e del mondo, è un progetto sostenuto da Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop, Consorzio di Tutela del Prosecco Doc, Consorzio di Tutela del Provolone Valpadana Dop, Pastificio di Martino, Olitalia, D’Amico, De Nigris 1889, Birrificio Valsugana, Solania, Acqua Panna e S. Pellegrino.

    50 posti al Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche Mediterranee

    Pubblicato da aisnapoli il 20 - luglio - 2018 Commenta

    d778f762-ed3a-4d54-a3fe-8cda4e8e39b1È indetto, per l’a.a. 2018-2019, il concorso pubblico per l’ammissione al Corso di Laurea Triennale in Scienze Gastronomiche Mediterranee per i seguenti posti:
    numero 45 per cittadini comunitari e non comunitari regolarmente residenti in Italia;
    numero 5 posti riservati a cittadini non comunitari residenti all’estero.

    I posti riservati ai cittadini non comunitari residenti all’estero che non verranno coperti saranno assegnati ai candidati comunitari utilmente collocati in graduatoria (Vedi bando in allegato).

    La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere presentata dai cittadini comunitari e non comunitari residenti in Italia esclusivamente tramite procedura telematica, a partire dalla data di emanazione del presente bando ed entro e non oltre le ore 12.00 del 4 settembre 2018 (Vedi Art. 3 del Bando allegato).

    La prova di ammissione consiste nella soluzione di cinquanta quesiti (50) a risposta multipla, di cui una sola risposta esatta, su argomenti relativi a:
    - Logica: 10 quesiti;
    - Comprensione del testo: 15 quesiti;
    - Livello base di inglese: 10 quesiti;
    - Cultura generale in gastronomia: 15 quesiti.
    Per lo svolgimento della prova sarà assegnato un tempo di 100 minuti (vedi Art. 7 del Bando allegato).

    Convocazione dei candidati (Art. 8 del Bando allegato):
    I candidati sono convocati alle ore 08,00 del 14 settembre 2018 nei locali del Complesso Universitario di Monte S. Angelo (via Cinthia, Napoli).
    L’aula sarà resa pubblica, almeno 3 giorni prima dell’espletamento, esclusivamente mediante pubblicazione informatica all’Albo Ufficiale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II presente nel sito web di Ateneo www.unina.it (vedi Art. 6 del bando allegato).

    Valutazione della prova (Art. 11 del Bando allegato):
    1 punto per ogni risposta esatta;
    -0,25 punti per ogni risposta sbagliata;
    0 punti per ogni risposta non data.

    Per informazioni sul corso di laurea rivolgersi a: Patrizio Di Lorenzo (0812539145- Orientamento), Margherita Ascione (0812539316-Segreteria studenti).

    La stampa della domanda vale come conferma di avvenuta registrazione.
    Per problemi tecnici durante la registrazione su Segrepass per la presentazione della domanda, aprire un ticket inviando mail al seguente indirizzo: contactcenter@unina.it.

    23 Luglio, Brandini all’Enoteca Scagliola

    Pubblicato da aisnapoli il 20 - luglio - 2018 Commenta

    15492616_10209990619794337_3133969442394674916_nBrandini all’Enoteca Scagliola

    Fondata nel 1985, è oggi di proprietà di Piero Bagnasco, Oscar Farinetti e Joe Bastianich.
    Quindici ettari, tra La Morra e Serralunga d’Alba, destinati alla coltivazione delle principali uve piemontesi: nebbiolo, dolcetto, barbera e arneis; ai quali si aggiunge un ettaro circa di terra dedicata al viognier, vitigno internazionale a bacca bianca.
    In vigna si segue un rigoroso protocollo biologico certificato, senza utilizzare diserbanti, antiparassitari e concimi chimici. In cantina c’è la cura e le attenzione dell’esperto enologo Giuseppe Caviola.

    In degustazione:
    Alta Langa DOCG Brut
    Langhe Doc Viognier Rebelle
    Langhe Doc Arneis e Viognier le Coccinelle

    Con la presenza di Serena Bagnasco.

    Lunedi 23 Luglio ore 20.30

    Non è previsto nessun ticket di partecipazione ma la prenotazione è obbligatoria.

    Info e prenotazioni 081.459696

    Enoteca Scagliola, via San Pietro a Majella n.15

    0b2b37a2-edef-4266-8869-6c09c289e417

    26 Luglio, Sant’Anna…con vista all’Hotel Don Felipe

    Pubblicato da aisnapoli il 18 - luglio - 2018 Commenta

    37325960_1438547726291469_4724877953073152000_n

    locandina-tiberio-palaceIl 22 luglio Cene Capresi con Francesco De Simone e Eduardo Estatico
    Capri nel tempo ha saputo mantenere il suo appeal, quel fascino sospeso tra la bellezza naturale dell’isola e l’eleganza espressa secondo uno stile proprio, riconoscibile tra alberghi, ristoranti, negozi e la cura degli spazi comuni. In Italia la crisi economica è visibile un po’ ovunque, ma non a Capri dove già dal mese di aprile gli alberghi sono tutti pieni e gli ospiti arrivano da tutto il mondo. Una delle mete più richieste è il Tiberio Palace, esclusivo e raffinato hotel cinque stelle lusso, nel suo stile che ricorda gli anni guizzanti trai 50 e i 60, quando gran parte delle personalità del cinema e del jet set internazionale si davano appuntamento sull’isola azzurra. Attraversate le strette viuzze del centro, costellate dai bellissimi negozi, si arriva al Tiberio Palace di fronte al quale dà il benvenuto l’orto dello chef Francesco De Simone. Nella sua cucina i prodotti dell’orto che guarda il mare hanno un ruolo dominante, conducono il leitmotiv di ogni piatto. Verdure e ortaggi di stagione sono quindi colti e mangiati contribuendo a dare una spinta di sapore importante ai piatti e garantendo una cucina sana. Imperdibili il risotto al té verde con crudo di gamberi all’aglio nero o le linguine con zucchetta verde del proprio orto e canocchia grigliata. Francesco è di Castellammare di Stabia e la costa di Sorrento è famosa per aver formato tantissimi bravi chef che stanno contaminando le cucine di tutto il mondo. Tra le due coste, amalfitana e sorrentina, si conta la maggiore concentrazione di ristoranti stellati in Italia. E’ di forte impronta mediterranea la cucina del ristorante Terrazza Tiberio, solare, con frequenti richiami al territorio di Francesco. Anche la sala rievoca lo stile anni 50 – 60, ma in questa stagione gli ospiti scelgono di mangiare sull’incantevole terrazza con vista sul mare. La cucina mediterranea è affiancata da quella kosher, è questo l’unico ristorante a sud di Roma ad aver ottenuto la certificazione Orthdox Union: una cucina Kosher Glatt che garantisce la presenza del Mashghiah, il quale sovrintende a tutti i processi di preparazione, dalla selezione dei prodotti sino al piatto in tavola. Una scelta indovinata che ha dato ampio riscontro. Pochi ingredienti per le preparazioni sia dello chef De Simone che del ristorante Kosher, puntando fortemente sulla qualità delle materie prime selezionate con cura ed esaltate dalla professionalità di chi sta ai fornelli.
    Il 22 luglio alla Terrazza Tiberio ci sarà una cena evento a quattro mani: Francesco De Simone apre le porte della sua cucina allo chef Eduardo Estatico dell’hotel JK Place che dà il benvenuto a chi sbarca a Capri giù a Marina Grande. Cene Capresi è il nome scelto per il menù che vedrà una alternanza giocosa di piatti pensati tra orto e mare e la presentazione di una novità al momento del dessert. Lo chef Estatico presenta la sua ultima dolce creazione dedicata all’albicocca del Vesuvio presidio Slow Food. Lo ha chiamato Terra Mia in quanto rievoca il suo Vesuvio già dalla forma del piatto scelto e poi nel sapore unico e straordinario della crisommola, il frutto dorato che ormai è simbolo del territorio intorno al vulcano che affaccia sul golfo di Napoli. Il dessert di Francesco è invece dedicato al celebre orologio artistico del campanile della chiesa bizantina dedicata a Santa Sofia – oggi cattedrale di Santo Stefano in piazza Umberto I, la Piazzetta. La ritroviamo un po’ su tutte le cartoline di Capri, nelle foto ricordo, nei tanti film girati in questa isola magica ed ora grazie a Francesco diventa un dessert che richiama i suoi decori maiolicati in giallo e blu e il sapore dei limoni dell’isola.

    MENU’ CENE CAPRESI A TERRAZZA TIBERIO
    Amous bouche:
    Coulis di melone cantalupo, totanetto, caprino e maggiorana
    Patata croccante, olive nere, scuncigli e olio al peperoncino
    Francesco De Simone
    ……………………………………………………………….
    Indivia belga, burro e alici
    Babà caprese
    Eduardo Estatico
    …………………………………………………………………..
    ANTIPASTO
    Eduardo Estatico
    La scogliera in estate:
    emulsione di prezzemolo, colatura di alici, frutti di mare crudi e cotti
    PRIMO
    Francesco De Simone
    Spaghetti con crema di zucchetta verde, canocchia grigliata, olio alla bottarga e
    punte di timo limone
    SECONDO
    Eduardo Estatico
    Spigola di mare in guazzetto di yuzu, finocchi, ricci di mare e zafferano
    -DESSERT
    Mario Mandaro
    E’ l’ora della Caprese…
    Per informazioni e prenotazioni tel. 081 9787850
    info@tiberiopalace.com capritiberiopalace.it

    gruppo-don-alfonso-1Heathy Sandwich Don Alfonso è il nuovo panino d’autore di Sciuè firmato da Ernesto Iaccarino. Già nel nome rievoca i principi di una alimentazione sana, infatti Ernesto ha scelto prodotti che salvaguardano il benessere della persona. Per la famiglia Iaccarino è indissolubile il legame tra cibo e salute, da molti anni sono sostenitori e portavoce dei principi della Dieta Mediterranea, riconosciuta Bene Immateriale Culturale dall’UNESCO. Spesso Ernesto, chef due stelle Michelin, cita una celebre frase di Ippocrate, considerato il padre della medicina, sottolineando che avesse le idee chiare più di 2000 anni fa: “fai che il tuo cibo sia la tua medicina e che la tua medicina sia il tuo cibo”. Questa asserzione storica e celebre è divenuta un diktat al Don Alfonso dove è meticolosa la selezione delle materie prime, provenienti tutte da agricoltura sostenibile e nel rispetto della stagionalità dei prodotti.
    Su questa idea nasce Heathy Sandwich Don Alfonso, il panino sano che vuole la curcuma nella pasta del pane, spezia nota per i suoi effetti benefici, specie quelli antinfiammatori e depurativi. Difende il corpo dai radicali liberi, nota anche per i suoi effetti antitumorali, in particolare quelli anti leucemia. C’è poi tonno, sappiamo che il pesce azzurro è alla base di una alimentazione sana, così come il consumo frequente di frutta e verdura di stagione. Ci troviamo del fior di latte dei Monti Lattari, il territorio di Ernesto Iaccarino dal quale ricerca gran parte dei prodotti utilizzati nella sua cucina. Il peperone, ortaggio estivo ricco di magnesio e potassio, nonché di vitamina C e betacarotene, poi ancora il preziosissimo olio extravergine di oliva e l’avocado per la salsa guacamole. L’avocado è ritenuto un vero e proprio dono della natura per i suoi valori nutrizionali e i benefici che ne traiamo: ricco di vitamine del gruppo B, K, C, di potassio, di fibra, di grassi buoni, riduce il rischio di malattie cardiovascolari, restringe il giro vita e favorisce la fertilità sia nell’uomo che nella donna. Un vero toccasana. Tutti insieme questi elementi compongono un pasto unico, leggero, sano e soddisfacente sia in termini di gusto che di sazietà, che contribuisce a migliorare la qualità della vita. Il panino Heathy Sandwich Don Alfonso vuole sottolineare che anche in una paninoteca o hamburgeria tutto questo è possibile.
    Sciuè il panino Vesuviano è in via Giovanni Boccaccio 18 Pomigliano d’Arco (NA).
    Tel. 081 048 0662