Associazione Italiana Sommeliers

AIS – delegazione di Napoli

...corsi sommelier in partenza

Corso sommelier Ais NapoliASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER Delegazione di Napoli

Parte il Corso di Sommelier N.105 di Primo Livello con l’Ais Napoli

27 Febbraio 2017 ore 20.00

Renaissance Naples Hotel Mediterraneo

Via Nuova Ponte di Tappia n.25 Napoli

Parte a Napoli da LUNEDI 27 Febbraio 2017 il CORSO SOMMELIER N.105 presso il Renaissance Naples Hotel Mediterraneo in Via Nuova Ponte di Tappia n.25. IscrivendoVi avrete l’opportunità di vivere un’esperienza unica per imparare a conoscere l’Arte del bere giusto. Quindici lezioni per approfondire gli argomenti di viticoltura, enologia, tecnica della degustazione e del servizio, che rappresentano le basi della professionalità del Sommelier, a partire dalla corretta temperatura di servizio dei vini fino all’organizzazione e alla gestione della cantina. Tra gli argomenti trattati anche il mondo della birra, dei distillati e dei liquori, in modo da fornire agli aspiranti sommelier un completo bagaglio tecnico e professionale di base. E’ prevista anche la visita ad una azienda vitivinicola. La comunicazione sul vino, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante e l’Associazione Italiana Sommelier, a pieno titolo, ha contribuito e contribuisce a far crescere il movimento intorno al vino con la sua fondamentale opera di divulgazione. In oltre cinquant’anni di storia e di attività nel mondo enogastronomico l’Ais ha qualificato il vino nella ristorazione italiana, puntando decisamente all’innalzamento del livello generale di competenza degli addetti ai lavori, ed ha diffuso, con costante impegno ed entusiasmo, la cultura del vino e del cibo per tutti gli appassionati.

Tommaso Luongo

Delegato Ais Napoli

www.aisnapoli.it

cell. 335.6790897

INIZIO LUNEDI 27 Febbraio 2017 ore 20.00

QUOTA CORSO + ISCRIZIONE 2017 AIS NAZIONALE: EURO 530 (450+80)

INFO: info@aisnapoli.it – oppure 349.2876717 ore ufficio

La quota di iscrizione al corso è da versare con bonifico bancario alla sede regionale dell’Ais Campania:

ASSOCIAZIONE SOMMELIER CAMPANIA

IT 41 Z 05387 40260 000002464227

BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA – SORRENTO

CAUSALE: Corso n.105 Primo livello e Nominativo Iscritto

Scarica qui il Corso n.105 Primo Livello_2017_napoli

Il costo di 450 euro comprende la quota di iscrizione corso, la valigetta con 4 bicchieri ISO Bormioli Rocco, il kit didattico (i libri “Il Mondo del Sommelier”, “La Degustazione”, Quaderno di degustazione e Statuto). L’iscrizione all’Ais Nazionale al costo di 80 euro dà diritto all’invio della tessera di Socio, dello scudetto per la divisa di rappresentanza, all’abbonamento annuale alla rivista trimestrale VITAE e alla Guida ai vini VITAE edizione 2018 dell’Associazione Italiana Sommelier. Possibilità di parcheggio solo per un numero limitato di autovetture nel garage dell’Hotel alla tariffa forfettaria di 3 euro. Inoltre, nelle immediate vicinanze dell’Hotel ci sono altri parcheggi custoditi da cui è facilmente raggiungibile la struttura.

ATTENZIONE: Si prega di indicare esattamente la causale così come descritto nel comunicato. La data di versamento del bonifico per l’iscrizione al corso, in considerazione dell’elevato numero di persone che si sono dichiarate interessate, costituirà titolo preferenziale per la partecipazione al corso e comunque le iscrizioni saranno possibili soltanto fino al raggiungimento del numero massimo (65 persone) previsto per la formazione di una classe. Nel momento in cui si dovesse raggiungere questo numero verranno immediatamente chiuse le iscrizioni e ciò verrà pubblicato tempestivamente sul sito dell’ AIS Napoli. Vi consigliamo pertanto di verificare questa condizione prima del pagamento. Coloro che si dovessero trovare nella spiacevole situazione, purtroppo non evitabile, di aver effettuato comunque il bonifico oltre la chiusura delle iscrizioni restando, pertanto, estromessi dal corso, potranno optare per l’inserimento nella prossima sessione (che ci impegniamo ad organizzare nel più breve tempo possibile al fine di ridurre ogni possibile disagio) o per il rimborso della quota versata.

Gli eventi dell'AIS Napoli
    • dal 28 gen 2017 al 29 gen 2017 alle ore:09:00

      #INVIAGGIODATEO, Ais Napoli in tour: week end da Baladin

      Mancano: 3 giorni e 08:45 ore.
      Leggi maggiori dettagli »
  • Video

    Tags

    Letticino Parisio SpositoL’atmosfera è quella di un ristorante internazionale, esclusivo, ma non impettito. Nel Palazzo liberty che ospita su tre piani il nuovo ristorante Sancta Sanctorum i napoletani e i turisti devono sentirsi a casa. La pensano così il ristoratore Stefano Parisio, l’imprenditore Anteo Letticino e lo Chef due stelle Michelin Francesco Sposito, che giovedì 26 gennaio alle 17 hanno organizzato un aperitivo con degustazione nel crudo bar, per raccontare la loro storia, come è nato il progetto del concept restaurant e presentare le iniziative in programma, come il “secret chef” e le cene con l’ostricaro. Partecipano anche l’Assessore alle politiche giovanili Alessandra Clemente e l’attrice Cristina Donadio. “Il nostro progetto, come la nostra amicizia – sottolinea Letticino – ha basi solidissime. Tutto è nato in pochi giorni, un caso di serendipity: io avevo il posto, Stefano l’esperienza e Francesco i suoi incredibili piatti. Ci siamo uniti e l’avventura ha avuto inizio”. Tre luoghi suggestivi in uno, tre diverse esperienze che ciascuno può vivere singolarmente o in sequenza. “Il nostro è altresì uno young restaurant – commenta Parisio – dalle 19 e il sabato anche a pranzo tutti possono venire a prendere un drink, gustare crudo di mare e di terra, chiacchierare in giardino, salire a bere champagne in terrazza, fermarsi a pranzare, cenare o provare i menu degustazione”. Grande ricerca e grande tecnica nella cucina. “I piatti hanno trovato subito la loro identità, cosa che non succede nell’immediato in un grande ristorante – spiega Francesco Sposito – identità che affonda le radici nella tradizione italiana e partenopea con incursioni nella cucina francese e in quella orientale. Le materie prime sono freschissime, a volte anche rare e acquistate ogni giorni al mercato. Ci sono inoltre diversi prodotti esclusivi come le rare ostriche irlandesi che a Napoli si trovano solo da Sancta Sanctorum e sono in programma serate con un vero ostricaro che guiderà all’assaggio di otto diversi tipi di ostriche. Altra novità il “secret chef”: a sorpresa nelle cucine del ristorante si alterneranno allo Chef Sposito e al suo pupillo Raffaele Dell’Aria noti colleghi blasonati, cuochi emergenti e starà agli avventori indovinare chi si nasconde dietro i piatti stellati. Spazio anche all’arte e alla moda, le divise sartoriali del team sono state realizzate da Alessandro Ferrante e sulle pareti del ristorante sono affisse le fotografie dell’artista italo-persiano Arash Radpour. Tra queste l’opera in forma di Cenacolo realizzata su commissione per il Sancta Sanctorum, una lastra fotografica dal titolo l’Azzardo.

    Four Pizza. Quattro giovani insieme per farsi conoscere

    Pubblicato da aisnapoli il 24 - gennaio - 2017 Commenta

    FOUR-PIZZA-EVENTOFour Pizza
    parte il ciclo di incontri dalla pizzeria “Da Nino Pannella” di Acerra

    Four Pizza: cos’è? Una serie di eventi nato da un incontro casuale di quattro giovani pizzaioli.
    Quattro pizzerie, quattro realtà, otto mani sapienti nonostante la giovane età dei protagonisti.
    Esperienze diverse ma tante cose in comune.
    La pizza napoletana, ad esempio, quella vera, verace, immortale.
    E’ nell’intento di salvaguardarla che Nino Pannella, Pasquale Serra, Michele Castaldo e Antonio Esposito si sono riuniti per questo ciclo di quattro serate-evento.
    Il 25 gennaio 2017, ore 20, si parte con la prima tappa alla pizzeria “Da Nino Pannella” ad Acerra.
    I menù variano ogni volta, mentre lo schema ed il prezzo della serata è sempre fisso e con beverage incluso. Si parte con un fritto misto, segue una degustazione di due pizze e si chiude con una pizza dolce.
    Il pizzaiolo resident esegue sempre una pizza classica.

    Nel caso del 25 Gennaio, Nino Pannella realizzerà la Marinara con la quale si è aggiudicato il primo posto come “miglior pizza tradizionale” al Pizza Expo di Las Vegas.

    Ad aprire la serata ci penserà Antonio Esposito della pizzeria Lazzari Felici di S. Giorgio a Cremano.
    Antonio è stato il triste protagonista, purtroppo, di un brutto episodio di cronaca. La sua pizzeria, infatti, è stata vittima di un incendio doloso. Questo non è bastato a fermarlo e il 25 gennaio ad Acerra esporterà per l’occasione i suoi famosi fritti.

    Pasquale Serra, della pizzeria Est Ovest di Orta di Atella, proporrà per la serata una pizza innovativa, la “Salsiccia e coste” con bietola a coste, salsiccia di nero casertano, mozzarella di bufala affumicata e crosta di Parmigiano Reggiano.

    Infine il dolce, affidato al giovanissimo Michele Castaldo, 18 anni, della pizzeria “’O Gemell” di Casalnuovo di Napoli. Il giovane pizzaiolo proporrà una degustazione di “Montabianche”, montanarine dolci di sua ideazione e ormai marchio registrato, con tre farciture differenti e golose.

    Per scelta voluta dal quartetto di amici, il prezzo della serata, beverage incluso, è di soli 20 euro a persona.

    Per info e prenotazioni: Pizzeria “Da Nino Pannella” – tel: 081.19551304

    15977910_1202214963200039_6666086308930418347_nDomenica 22 gennaio partecipa al cambiamento che parte dal basso.

    Ore 18:30 Basilica S. Maria della Sanità, Rione Sanità

    La Fondazione di Comunità San Gennaro incontra la città in una serata di festa e musica, per condividere e partecipare alle scelte di soluzioni di arredo urbano relative all’adozione di due piazze (Piazzetta San Severo e Largo Vita), di un luogo simbolo del propprio territorio (l’angolo dell’edificio in cui nacque Totò in via S. M. Antesaecula), oltre che della proposta per una porta di luce dedicata a Totò all’ingresso del borgo dei Vergini.

    La musica della giovane orchestra Scarlatti Junior diretta dal M° Gaetano Russo verrà intervallata da brevi presentazioni di immagini relative alle proposte elaborate dal Dipartimento di Architettura dell’Università Federico II (DiARC) con la collaborazione del gruppo di ricerca Mobiliarch e con la consulenza di Fiorenza Asta e Francesco Romano.
    Sarà anche l’occasione per scoprire gli oggetti sperimentali di arredo urbano relizzati e donati al Rione Sanità dall’azienda ReLEGNO su progetto degli studenti del Master DBE del DiARC.

    Gli oggetti verranno presentati dai alcuni giovani del Rione Sanità che, vestiti dalla stilista napoletana Susanna Bertolotti e da ReLEGNO fashion e teatralizzeranno la presentazione.

    Interventi di:

    Fulvio Bonavitacola – Assessore Regione Campania

    Mario Calabrese – Assessore Comune di Napoli

    Carmine Piscopo – Assessore Comune di Napoli

    Enrico Panini – Assessore Comune di Napoli

    Ciro Borriello – Assessore Comune di Napoli

    Ivo Poggiani – Presidente 3a Municipalità Comune di Napoli

    Mario Losasso – Direttore DiARC

    Pasquale Calemme – Presidente Fondazione di Comunità San Gennaro

    30 Gennaio, Pummarola Day con l’AVPN

    Pubblicato da aisnapoli il 19 - gennaio - 2017 Commenta

    PUMMAROLA DAY

    30 gennaio Via Capodimonte 16/a Napoli presso AVPN

    Appuntamento da AVPN con SLOW FOOD, Pummarola Tour di
    GUGLIELMO VUOLO, SOMMELIER DEL POMODORO© e la testimonianza della campagna

    Un evento per pizzaioli, addetti al settore e appassionati

    b1Fc-vFMCome il Panettone ad agosto, anche il Pomodoro reclama la sua attenzione fuori stagione. E lo fa nel cuore dell’inverno. L’occasione è unica: un vero Pummarola Day per approfondire, assaggiare e discutere.
    L’iniziativa è promossa dal pizzaiolo Guglielmo Vuolo, le condotte Slow Food Napoli e Vesuvio e la più antica delle Associazione di categoria del mondo della pizza:l’AVPN.

    Il 30 gennaio (dalle 16,00) presso la nuovissima sede della Associazione (Via Capodimonte 16/a Napoli) il primo work shop dell’anno è dedicato all’oro rosso campano e alla pizza degli artigiani pizzaioli napoletani con esso.

    Mentre Guglielmo Vuolo, pizzaiolo ideatore della prima Carta dei Pomodori italiana, presenterà “Pummarola Tour”, il documentario sul pomodoro campano in tre tappe “San Marzano, Corbara e Piennolo del Vesuvio”- si avvierà l’approfondimento tecnico con la dottoressa ricercatrice Patrizia Spigno, responsabile di numerosi progetti di recupero e valorizzazione del genomaorticolo campano e specializzata nel pomodoro.

    Sul fronte della degustazione, invece, un doppio momento; quello tecnico affidato alla giornalista enogastronomica Monica Piscitelli e al sommelier Tommaso Luongo – ideatori del percorso “Sommelier del pomodoro©” – e quello invece affidato ai pizzaioli della Associazione, artigiani espressione della più squisita veracità, da sempre utilizzatori del rosso campano.

    Dalle 18,30 in poi, infatti, saranno loro i protagonisti delle degustazioni a base delle diverse varietà di pomodoro annoverate tra i produttori aderenti ai progetti di difesa della biodiversità di Slow Food che saranno presenti con i loro prodotti.

    La giornata punta a far conoscere agli operatori del settore, e in particolar modo ai pizzaioli che li adottano per i propri prodotti, l’ampiezza delle varietà già in campo o in conserva e quelle in corso di valorizzazione, oltre tutti gli aspetti gustativi e organolettici di quello che indiscutibilmente l’oro rosso campano.
    Ma non solo.
    Ci sarà anche un momento di riflessione dedicato agli aspetti di cocente attualità e meno dorati rispetto alle realtà di eccellenza comunemente legata alla ricerca sugli ingredienti praticata dai migliori artigiani pizzaioli: quelli che si consumano nelle campagne e negli opifici ogni stagione.

    Cosa sarebbe la cucina campana, pizza inclusa, per non dire quella italiana che la vede in innumerevoli pietanze, senza il pomodoro? Per rispondere a questa domanda, con il Pummarola Day, si esploreranno la storia e le frontiere del pomodoro campano a tavola. Tra varietà, equità, degustazione e farciture.

    IL PROGRAMMA

    Ore 16,00

    Saluti
    Antonio Pace, Presidente di AVPN

    Il Laboratorio del Gusto
    con Patrizia Spigno, dottoressa ricercatrice e fiduciaria della Condotta Slow Food Vesuvio
    con Rino Silvestro, fiduciario della Condotta Slow Food Napoli

    Pummarola Tour. La comunicazione della pizza nell’era di Pizza Mania
    Guglielmo Vuolo, maestro pizzaiolo napoletano

    Sommelier del Pomodoro. La degustazione del rosso campano
    con Monica Piscitelli, giornalista enogastronomica
    con Tommaso Luongo, sommelier delegato dell’Ais Napoli

    Non solo Funk. Il pomodoro ingiusto
    con Anselmo Botte, CGIL Salerno e autore
    con Samir Harchich, raccoglitore di pomodori

    Modera Antonio Puzzi, project manager Slow Food Campania

    ore 18,30
    Degustazione di pizza all’oro rosso campano. Con il Maestro Guglielmo Vuolo e i pizzaioli AVPN e i pomodori dei produttori.

    Work shop sul pomodoro e evento degustazione a posti limitati. Con priorità per i soci AVPN e SLOW FOOD. Prenotazione Work shop entro 27 gennaio 2017 a marketing@pizzanapoletana.org – m.piscitelli@yahoo.com. Evento degustazione e accrediti stampa: m.piscitelli@yahoo.com – 3480063619 (anche whatsapp) e info@slowfoodcampania.it.

    Un vicino di casa speciale

    Pubblicato da aisnapoli il 19 - gennaio - 2017 Commenta

    IMG_5930Di Marco Tramontano

    A volte, passeggiando tra i vicoli e le strade di una città infinitamente grande e variegata come Napoli, capita di incontrare le persone più strane, le situazioni più incredibili, i personaggi più iconici del nostro folklore.
    E poi, a volte, ma raramente, capita di incontrare folletti del nord Europa, pronti ad accoglierci e a condividere la loro vita e le loro idee.
    E questo è davvero successo sabato, tra le case dell’entroterra napoletano, all’ombra, ma non troppo, di un Vesuvio silenzioso ed osservatore.
    Beh, non è accaduto per caso, a dirla tutta. In fondo la gita mattutina, come se ne dovrebbero fare di più nel mondo dell’enogastronomia, ha portato un infreddolito gruppo di futuri sommelier della birra, nel microbirrificio Okorei, cooperativa di produzione e lavoro di Marigliano, come tappa del percorso di formazione organizzato dall’AIS Napoli.
    Ad accoglierci, oltre ad un energico ed emozionato Alberto Mochetti, uno dei soci dell’azienda, c’erano piante di luppolo a fare da cornice all’insegna del Birrificio, un gatto con enormi occhi che… ma questa storia ve la racconto dopo.
    Una volta entrati la curiosità di vedere una simile realtà è stata sostituita dalla voglia di saperne il più possibile sulla produzione della birra.
    IMG_5956Ed è lì che tra magici e tecnologici strumenti moderni i nostri birrai hanno speso più di mille parole per raccontare come possano malto e acqua essere trasformati dal lievito in una delle bevande più amate del mondo. A volte, ma non sempre, in compagnia del verde luppolo.
    Ed è andata così la mattinata, tra chiacchiere ed argomentazioni scientifiche, tra taralli e degustazioni informali che il nostro piccolo gruppo ha potuto saperne ancora di più su cosa voglia dire produrre la birra, con emozione e con passione, con forza e coscienza dei rischi sempre dietro l’angolo, tra temperature imprevedibili e lieviti capricciosi.
    Ah il gatto, vero… so che non mi crederete, che darete la colpa agli effetti della bianca Beermana, della scozzese Tramalti, dell’Amarilla che strizza un occhio alle Ipa e della “biondissima” Nunenapils, ma io, nel frattempo, tra una foto e l’altra ho avuto la netta sensazione di scorgere un dispettoso diavoletto che provava a rubare le birre. Ed un gatto che, sornione e nero, la proteggeva per noi.
    Ora, che sia vero o no ciò che vi ho detto, penso davvero che nel nostro territorio ci sia bisogno di più folletti che, certo, possono anche sbagliare talvolta, ma che provino a rischiare molto per portare sommessamente un po’ di coraggio e di orgoglio lì dove si è già detto molto ma fatto ancora troppo poco.

    TIMELINE CENA 2“Un angelo tra le stelle 3”

    Giovedì 26 gennaio ore 20.30
    Circolo Nautico Posillipo/ Via Posillipo, 5 (Na)

    Giovedì 26 gennaio, alle ore 20.30, il Circolo Nautico Posillipo ospita la terza edizione di “Un angelo tra le stelle” la cena solidale organizzata dall’Associazione Progetto Abbracci Onlus insieme a Nati per Leggere Campania e alla Fondazione Pol.i.s a sostegno del progetto socio-culturale Liber – Aria di Lettura presso L’Istituto Penale Minorile di Nisida.
    Le stelle protagoniste della serata sono Peppe Aversa del Ristorante il Buco di Sorrento, Paolo Barrale del Ristorante Marennà Feudi di San Gregorio, Michele Deleo del Ristorante Rossellinis di Palazzo Avino Ravello, Danilo Di Vuolo del Ristorante La Caletta dello Scrajo di Vico Equense, Peppe Guida dell’Antica Osteria Nonna Rosa di Vico Equense e Enzo Piccirillo de La Masardona di Napoli, sei grandi maestri che si cimenteranno in una esclusiva performance gastronomica di solidarietà.
    Una cena per 160 ospiti, il cui ricavato sarà impiegato integralmente per l’allestimento di Liber – Aria di Lettura un punto di lettura all’interno dell’Istituto penale per i minorenni di Nisida, accessibile a tutti i minori ospiti della struttura e alle loro famiglie in visita: non una semplice biblioteca ma un luogo di ritrovo dove trascorrere del tempo con le ragazze e i ragazzi dell’isola, dove poter ascoltare una storia letta dalla voce accogliente di una mamma o di uno zio e perdersi tra le pagine di un libro coltivando immaginazione e fantasia.
    Alla sua terza edizione, “Un angelo tra le stelle” si prende cura dei ragazzi di Nisida, l’isola che non c’è per tanti napoletani, luogo di recupero e non di mera detenzione, luogo dove coltivare progetti e speranze per un futuro possibile. <L’idea di poter sostenere con i ricavati della nostra cena la realizzazione di un punto accogliente di libera lettura all’interno del carcere di Nisida ci piace molto perché con Liber getteremo semi di conoscenza, di bellezza, di curiosità e di emozione, semi che un giorno daranno i loro frutti, in un futuro vicino o lontano che sia>, spiega Claudio Zanfagna presidente di Progetto Abbracci Onlus.

    Liber – Aria di Lettura, realizzato da Nati Per Leggere Campania e Fondazione Pol.i.s., è un progetto di grande impatto educativo pensato per avvicinare genitori e ragazzi attraverso una lettura di relazione: gli effetti positivi (migliore sviluppo dal punto di vista cognitivo, emotivo e sociale, educazione alla socialità, dell’ascolto e del dialogo) ricadono infatti anche sui giovani detenuti, spesso già genitori, che imparano in questo modo a sviluppare relazioni solide e durature attraverso il linguaggio delle emozioni e dei sentimenti mediati dal libro. Un progetto sociale che mira a risanare il gap sociale garantendo a tutti i bambini, figli di detenuti, le stesse opportunità di sviluppo e di educazione.

    PROGETTO ABBRACCI ONLUS

    In tre anni Progetto Abbracci Onlus ha realizzato opere importanti a Napoli e in Africa: nel novembre 2016 è stata completata la Scuola elementare/media Andrea Zanfagna nel villaggio Lulamba in Tanzania, regione di Shenanigan Tanzania.

    Si ringraziano per il supporto: Galleria d’Arte l’Ariete; Plose Acqua Minerale Naturale; Gran Caffè la Caffettiera; Marotta & Marotta Editori, Circolo Nautico Posillipo.

    Ufficio stampa Dipunto studio tel. 081 681505 www.dipuntostudio.it

    Un 2017 ricco di novità per la pizzeria 10 di Diego Vitagliano

    Pubblicato da aisnapoli il 19 - gennaio - 2017 Commenta

    orto a km 0 Un 2017 ricco di novità per la pizzeria 10 di Diego Vitagliano

    Nel menù “Sapori d’Inverno”: le pizze dell’orto a KM 0, I Fritti del Re, i dolci di Casa Infante ed il Prodry, vino frizzante alla spina.

    Da Martedì 17 Gennaio nuovo menu ricco di novità sul lungomare di Pozzuoli alla pizzeria 10 di Diego Vitagliano. Si procede seguendo la stessa filosofia che fino ad ora ha caratterizzato il percorso gastronomico della pizzeria: la valorizzazione dei prodotti del territorio flegreo nello specifico e campano in genere.

    Si comincia dalle verdure e dai frutti di stagione coltivati nell’orto che Diego Vitagliano ha realizzato grazie alla preziosa collaborazione dei fratelli Colandrea, titolari dell’azienda agricola KM0 Flegreo di Monte di Procida.
    Da questa unione, nata lo scorso settembre, nascono le nuove pizze legate al territorio: la Torzella che farà scoprire i sapori di una antica verdura campana, la Maritata che rivisita in chiave moderna la minestra delle feste napoletane e la 3 Agrumi che mette insieme la pizza con gli agrumi dei Campi Flegrei.

    Un’altra novità riguarda la scelta di legare in esclusiva la pizzeria all’ultimo Monzù Gerardo Modugno proponendo un ricercato fuori menù, “I Fritti del Re”, una selezione di quattro pezzi di frittura legati alla cucina aristocratica del ‘700 napoletano.
    Tra le specialità che verranno proposte da 10 pizzeria ci saranno: l’uovo alla monachina e la crostatina di tagliolini alla finanziera, fritture che per la loro unicità vale la pena di assaggiare. Saranno disponibili da febbraio.

    Infine i dolci, che nel nuovo menù vengono affidati alle sapienti mani di Marco Infante che con il brand “Casa Infante” ha saputo rendere giovane e gustoso il mondo dei gelati e della pasticceria in Campania. 10 pizzeria proporrà ai suoi clienti i rinomati buccaccielli che tanto successo hanno riscosso tra i giovani, grazie alle gustosissime creme al pistacchio, alle nocciole e alle mandorle e le torte Toledo con pan di Spagna al cioccolato farcito con crema di latte e crema alle nocciole e uno dei must della pasticceria, la Crostata di fragoline.

    Anche nella sezione bibite ci saranno buone nuove: Prodry, un vino frizzante a fermentazione naturale metodo Charmat, dalle caratteristiche aromatiche tipiche del territorio. Il vino viene fatto rifermentare in autoclave dopo l’aggiunta di lieviti selezionati. Ottenuta la pressione desiderata, il vino viene refrigerato, centrifugato e messo nei fusti. Di colore giallo paglierino, ha un profumo fruttato e delicato, leggermente aromatico. Ha un’acidità gradevole, è brioso e sapido. Ottimo come aperitivo, è indicato come vino da tutto pasto, specialmente con fritture miste di pesce o di verdura.

    10 Pizzeria
    Corso Umberto I, 167/169 (lungomare di Pozzuoli)
    Pozzuoli
    Telefono: 08119369713
    Aperto tutti i giorni a cena

    18 Gennaio, Pacapè si presenta ad Aversa

    Pubblicato da aisnapoli il 17 - gennaio - 2017 Commenta

    15941153_10211767892581993_1652405824267128155_nIl 18 Gennaio, un evento a inviti per presentare al pubblico e alla stampa il Pacapè: acronimo di pasta, carne e pesce. Una struttura che si candida a diventare polo di riferimento della ristorazione normanna e non solo. Un progetto fortemente voluto dallo chef Nino Cannavale, che unisce l’attenzione alla biodiversità e alle eccellenze del territorio con la formazione di tanti giovani che vogliono avvicinarsi al mondo dei fornelli.